I diari del mostro pedofilo scuotono la Francia

| Un medico 66enne, con precedenti per pedofilia, viene arrestato nel 2017. La polizia scopre sotto un pavimento della sua casa i diari con 200 nomi di bimbi abusati, disegni, foto, vestitini, video, sextoys. Lui: "Abusi ma non stupri"

+ Miei preferiti

Un caso di pedofilia scuote la Francia. Joël Le Scouarnec, un medico di 66 anni che lavora come chirurgo all'ospedale Jonzac, già condannato nel 2005 a Vannes (Morbihan) a quattro mesi di reclusione sospesa per possesso di immagini pedopornografiche, è ora al centro di una vicenda inquietante e orribile. Imprigionato dal maggio 2017,  il medico è stato rimandato in tribunale nel marzo scorso per aggressioni sessuali e stupri commessi contro quattro bambine tra il 1989 e il 2017. Il suo processo è previsto per l'inizio del 2020. Ma un'altra indagine contro di lui, aperta in parallelo nel 2018 e affidata alla sezione di ricerca della gendarmeria di Poitiers (Vienna), continua.

Si basa su taccuini scoperti nella sua casa durante una ricerca, dove compaiono più di 200 nomi, come rivela La Charente Libre. "Decine di potenziali vittime sono state identificate e ascoltate, a volte per fatti molto vecchi", dice una fonte vicina all'indagine. Con questa difficoltà: "Non tutti ricordano quello che hanno passato, e alcuni non hanno ancora presentato una denuncia”.

Tornato a Jonzac due anni fa e ora in custodia della polizia, Joël Le Scouarnec - che nega qualsiasi stupro - ammette la sua attrazione per i minori, spiega la sua prima condanna ma nega lo stupro di una bimba di 6 anni, figlia del suo vicino di casa, penetrata attraverso la rete di recinzione. Ma una perizia conferma il racconto della vittima.

Nella casa del mostro immagini e video pedopornografici, ma anche bambole, nascoste sotto un pavimento, sextoy vestiti di bambinis. E i quaderni, dove scrive e disegna, i cui titoli evocano chiaramente storie pedofile: "Con le mie ballerine, le mie lettere pedofile, la mia bambina precoce, le bambine dell'isola di Ré".

Durante un interrogatorio, il medico confessò altre aggressioni sessuali, in particolare durante il periodo in cui praticava a Loches, in Touraine. Alcune di esse riguardano le sue nipoti e una vicina di casa, altre i bambini ricoverati nel suo reparto e scene di questo tipo compaiono nei suoi quaderni. Sei vittime, nate tra il 1977 e il 1990, sono state identificate e localizzate. Le ragazze avevano tra i 4 e i 10 anni al momento degli abusi.

Di fronte alle loro testimonianze, anche con le fotografie che ha scattato, Joël Le Scouarnec riconosce le aggressioni sessuali, non le penetrazioni. Una posizione che intende difendere al processo, sostiene il suo avvocato, Thibaut Kurzawa: "Non contesta il carattere deviante del suo comportamento. Si assume le sue responsabilità e cerca di capire le sue azioni e di guarire se stesso in prigione dalle sue ossessioni”. 

Per il momento, nell'ambito della formazione iniziale, Joël Le Scouarnec è stato ascoltato solo brevemente sui suoi taccuini. "Egli sostiene che questi sono romanzi scritti dalle sue fantasie, per quanto nauseanti possano essere", riferisce il legale. L'ubicazione delle persone in esso elencate rimane la prima sfida per gli investigatori di Poitiers.

Convinta dell'esistenza di altre vittime, Francesca Satta, avvocato della famiglia della ragazza di Jonzac, sottolinea anche che "i fatti vanno indietro nel tempo" e che "a volte è complicato voler entrare nel processo giudiziario”. I genitori di ua bimba che ha avuto il coraggio di raccontare tutto sono "orgogliosi": "Che sia riuscita a parlare, a denunciare, è un’impresa. Senza lei  quest'uomo sarebbe ancora in libertà. »

Cronaca
Influencer uccide la madre e le strappa il cuore
Influencer uccide la madre e le strappa il cuore
Anna Leikovic, 21 anni, ha assassinato la donna con un coltello da cucina strappandole diversi organi. La donna aveva scoperto che in sua assenza la figlia era diventata tossicodipendente
Il mistero dei Pirenei: travel blogger scompare nel nulla
Il mistero dei Pirenei: travel blogger scompare nel nulla
Esther Dingley manca all’appello ormai da più di 10 giorni: la polizia valuta l’ipotesi dell’incontro con un malintenzionato, ma anche la foto dell’impronta di un grosso orso inviata dalla donna poco prima di scomparire
Il mistero dell’influencer trovata morta
Il mistero dell’influencer trovata morta
Alexis Leigh Sharkley, 26 anni, era scomparsa venerdì a Houston senza lasciare traccia: il corpo nudo è stato visto da un operaio. È mistero fitto sulla morte: il corpo non presenta ferite
Dal reparto psichiatrico alla carriera da modella
Dal reparto psichiatrico alla carriera da modella
L’incredibile storia di Lucy May Dawson, una giovane inglese che viene ricoverata e curata per un forte esaurimento nervoso. Sembrava che per lei non ci fosse altro da fare, fin quando è arrivata la diagnosi corretta
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Eloisa Pinto Fontes, 26 anni, era scomparsa senza lasciare traccia un anno fa a New York. È stata ritrovata in una favela di Rio mentre vagava in stato confusionale
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
Sarebbe morta nel sonno a soli 24 anni: dopo una carriera fulminea nel mondo dell’hard aveva scelto di tornare dalla famiglia in Texas e contava di sposarsi a breve
Notte di sangue a Birmingham
Notte di sangue a Birmingham
Una non meglio precisata “serie di accoltellamenti” che avrebbero coinvolto diverse persone, avvenuti nella zona della movida e del quartiere LGBT. La polizia non si sbilancia sulla matrice dell’episodio
Rock and Virus
Rock and Virus
Il concerto degli “Smash Mount” durante il motoraduno di Sturgis, si sta trasformando in un focolaio che fa il pieno di contagi e vittime. L’ira dei social verso la band, accusata di fomentare la folla urlando che il Covid non esiste
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
I cadaveri di Henriett Szcus e Mihrican Mustafa ritrovati casualmente dalla polizia un anno fa nell’appartamento di Zahid Younis, 36 anni, condannato all’ergastolo
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
L’allarme è scattato dopo i primi svenimenti per la presenza di monossido di carbonio. Nessuna vittima ma tanta paura per circa 200 giovani che avevano scelto una caverna per una notte di eccessi