I diari del mostro pedofilo scuotono la Francia

| Un medico 66enne, con precedenti per pedofilia, viene arrestato nel 2017. La polizia scopre sotto un pavimento della sua casa i diari con 200 nomi di bimbi abusati, disegni, foto, vestitini, video, sextoys. Lui: "Abusi ma non stupri"

+ Miei preferiti

Un caso di pedofilia scuote la Francia. Joël Le Scouarnec, un medico di 66 anni che lavora come chirurgo all'ospedale Jonzac, già condannato nel 2005 a Vannes (Morbihan) a quattro mesi di reclusione sospesa per possesso di immagini pedopornografiche, è ora al centro di una vicenda inquietante e orribile. Imprigionato dal maggio 2017,  il medico è stato rimandato in tribunale nel marzo scorso per aggressioni sessuali e stupri commessi contro quattro bambine tra il 1989 e il 2017. Il suo processo è previsto per l'inizio del 2020. Ma un'altra indagine contro di lui, aperta in parallelo nel 2018 e affidata alla sezione di ricerca della gendarmeria di Poitiers (Vienna), continua.

Si basa su taccuini scoperti nella sua casa durante una ricerca, dove compaiono più di 200 nomi, come rivela La Charente Libre. "Decine di potenziali vittime sono state identificate e ascoltate, a volte per fatti molto vecchi", dice una fonte vicina all'indagine. Con questa difficoltà: "Non tutti ricordano quello che hanno passato, e alcuni non hanno ancora presentato una denuncia”.

Tornato a Jonzac due anni fa e ora in custodia della polizia, Joël Le Scouarnec - che nega qualsiasi stupro - ammette la sua attrazione per i minori, spiega la sua prima condanna ma nega lo stupro di una bimba di 6 anni, figlia del suo vicino di casa, penetrata attraverso la rete di recinzione. Ma una perizia conferma il racconto della vittima.

Nella casa del mostro immagini e video pedopornografici, ma anche bambole, nascoste sotto un pavimento, sextoy vestiti di bambinis. E i quaderni, dove scrive e disegna, i cui titoli evocano chiaramente storie pedofile: "Con le mie ballerine, le mie lettere pedofile, la mia bambina precoce, le bambine dell'isola di Ré".

Durante un interrogatorio, il medico confessò altre aggressioni sessuali, in particolare durante il periodo in cui praticava a Loches, in Touraine. Alcune di esse riguardano le sue nipoti e una vicina di casa, altre i bambini ricoverati nel suo reparto e scene di questo tipo compaiono nei suoi quaderni. Sei vittime, nate tra il 1977 e il 1990, sono state identificate e localizzate. Le ragazze avevano tra i 4 e i 10 anni al momento degli abusi.

Di fronte alle loro testimonianze, anche con le fotografie che ha scattato, Joël Le Scouarnec riconosce le aggressioni sessuali, non le penetrazioni. Una posizione che intende difendere al processo, sostiene il suo avvocato, Thibaut Kurzawa: "Non contesta il carattere deviante del suo comportamento. Si assume le sue responsabilità e cerca di capire le sue azioni e di guarire se stesso in prigione dalle sue ossessioni”. 

Per il momento, nell'ambito della formazione iniziale, Joël Le Scouarnec è stato ascoltato solo brevemente sui suoi taccuini. "Egli sostiene che questi sono romanzi scritti dalle sue fantasie, per quanto nauseanti possano essere", riferisce il legale. L'ubicazione delle persone in esso elencate rimane la prima sfida per gli investigatori di Poitiers.

Convinta dell'esistenza di altre vittime, Francesca Satta, avvocato della famiglia della ragazza di Jonzac, sottolinea anche che "i fatti vanno indietro nel tempo" e che "a volte è complicato voler entrare nel processo giudiziario”. I genitori di ua bimba che ha avuto il coraggio di raccontare tutto sono "orgogliosi": "Che sia riuscita a parlare, a denunciare, è un’impresa. Senza lei  quest'uomo sarebbe ancora in libertà. »

Cronaca
Muore il padre di Meredith Kercher
Muore il padre di Meredith Kercher
Il papà della studentessa uccisa a Perugia coinvolto forse in un tentativo di scippo o l’investimento di un pirata della strada. Ricoverato in ospedale, è morto pochi giorni dopo
Tre morti e due bambini scomparsi: il giallo che inquieta l’America
Tre morti e due bambini scomparsi: il giallo che inquieta l’America
Lori Vallow, moglie e sorella di due uomini uccisi in circostanze strane, è fuggita con il nuovo marito, la cui ex moglie è morta poco dopo. Ma dei due figli della donna non c’è più traccia da settembre
Hackerate le email di Ghislaine Maxwell
Hackerate le email di Ghislaine Maxwell
Il timore è che numerose email scambiate fra la reclutatrice di minorenni per conto di Jeffrey Epstein e personaggi in vista siano resi noti dai media, scatenando un vero cataclisma di proporzioni mondiali
L’incredibile caso dei pedofili di Rotherham
L’incredibile caso dei pedofili di Rotherham
Per decenni, gang di pakistani hanno sequestrato e violentato minorenni, ma la polizia non è mai intervenuta per evitare tensioni razziali. È l’allucinante conclusione di un’inchiesta conclusa in questi giorni
UK: picchiata perché lesbica
UK: picchiata perché lesbica
Dopo la quinta aggressione, una ventenne inglese ha deciso di divulgare le foto delle sue ferite: “Ormai ho paura di uscire di casa, ma voglio che la gente sappia”
Dublino: ucciso e decapitato nella guerra fra gang
Dublino: ucciso e decapitato nella guerra fra gang
I resti di Keane Mulready-Woods, 17 anni, sono stati trovati a km di distanza all’interno di una borsa e di un’auto data alle fiamme. La polizia sulle tracce del probabile assassino, un 35enne considerato un potenziale serial killer
Sicilia, il mistero dei sub restituiti dal mare
Sicilia, il mistero dei sub restituiti dal mare
Un terzo corpo è riemerso ieri a Termini Imerese: sul mistero indagano cinque procure, e al momento non si esclude alcuna pista. L’incidente durante una battuta di pesca o durante la consegna di una partita di droga
L’ex parroco confessa: “Molestavo 4 o 5 bimbi ogni settimana”
L’ex parroco confessa: “Molestavo 4 o 5 bimbi ogni settimana”
Bernard Preynat, ex parroco della chiesa di Sainte-Foy-Les Lyon, ammette le sue responsabilità alle prime battute del processo: “Non mi rendevo conto di fare del male, provavo piacere”
I nuovi misteri del furto del secolo
I nuovi misteri del furto del secolo
Due episodi si aggiungono al clamoroso furto di gioielli dello scorso novembre al castello di Dresda. Qualcuno avrebbe offerto due dei preziosi ad una società, chiedendo anche di indagare sulle misure di sicurezza del museo
Modella inglese muore precipitando da una scogliera
Modella inglese muore precipitando da una scogliera
Madalyn Davis, che da poche settimane si era trasferita in Australia, è caduta da una pericolosa scogliera nella costa di Sydney