I diari del mostro pedofilo scuotono la Francia

| Un medico 66enne, con precedenti per pedofilia, viene arrestato nel 2017. La polizia scopre sotto un pavimento della sua casa i diari con 200 nomi di bimbi abusati, disegni, foto, vestitini, video, sextoys. Lui: "Abusi ma non stupri"

+ Miei preferiti

Un caso di pedofilia scuote la Francia. Joël Le Scouarnec, un medico di 66 anni che lavora come chirurgo all'ospedale Jonzac, già condannato nel 2005 a Vannes (Morbihan) a quattro mesi di reclusione sospesa per possesso di immagini pedopornografiche, è ora al centro di una vicenda inquietante e orribile. Imprigionato dal maggio 2017,  il medico è stato rimandato in tribunale nel marzo scorso per aggressioni sessuali e stupri commessi contro quattro bambine tra il 1989 e il 2017. Il suo processo è previsto per l'inizio del 2020. Ma un'altra indagine contro di lui, aperta in parallelo nel 2018 e affidata alla sezione di ricerca della gendarmeria di Poitiers (Vienna), continua.

Si basa su taccuini scoperti nella sua casa durante una ricerca, dove compaiono più di 200 nomi, come rivela La Charente Libre. "Decine di potenziali vittime sono state identificate e ascoltate, a volte per fatti molto vecchi", dice una fonte vicina all'indagine. Con questa difficoltà: "Non tutti ricordano quello che hanno passato, e alcuni non hanno ancora presentato una denuncia”.

Tornato a Jonzac due anni fa e ora in custodia della polizia, Joël Le Scouarnec - che nega qualsiasi stupro - ammette la sua attrazione per i minori, spiega la sua prima condanna ma nega lo stupro di una bimba di 6 anni, figlia del suo vicino di casa, penetrata attraverso la rete di recinzione. Ma una perizia conferma il racconto della vittima.

Nella casa del mostro immagini e video pedopornografici, ma anche bambole, nascoste sotto un pavimento, sextoy vestiti di bambinis. E i quaderni, dove scrive e disegna, i cui titoli evocano chiaramente storie pedofile: "Con le mie ballerine, le mie lettere pedofile, la mia bambina precoce, le bambine dell'isola di Ré".

Durante un interrogatorio, il medico confessò altre aggressioni sessuali, in particolare durante il periodo in cui praticava a Loches, in Touraine. Alcune di esse riguardano le sue nipoti e una vicina di casa, altre i bambini ricoverati nel suo reparto e scene di questo tipo compaiono nei suoi quaderni. Sei vittime, nate tra il 1977 e il 1990, sono state identificate e localizzate. Le ragazze avevano tra i 4 e i 10 anni al momento degli abusi.

Di fronte alle loro testimonianze, anche con le fotografie che ha scattato, Joël Le Scouarnec riconosce le aggressioni sessuali, non le penetrazioni. Una posizione che intende difendere al processo, sostiene il suo avvocato, Thibaut Kurzawa: "Non contesta il carattere deviante del suo comportamento. Si assume le sue responsabilità e cerca di capire le sue azioni e di guarire se stesso in prigione dalle sue ossessioni”. 

Per il momento, nell'ambito della formazione iniziale, Joël Le Scouarnec è stato ascoltato solo brevemente sui suoi taccuini. "Egli sostiene che questi sono romanzi scritti dalle sue fantasie, per quanto nauseanti possano essere", riferisce il legale. L'ubicazione delle persone in esso elencate rimane la prima sfida per gli investigatori di Poitiers.

Convinta dell'esistenza di altre vittime, Francesca Satta, avvocato della famiglia della ragazza di Jonzac, sottolinea anche che "i fatti vanno indietro nel tempo" e che "a volte è complicato voler entrare nel processo giudiziario”. I genitori di ua bimba che ha avuto il coraggio di raccontare tutto sono "orgogliosi": "Che sia riuscita a parlare, a denunciare, è un’impresa. Senza lei  quest'uomo sarebbe ancora in libertà. »

Cronaca
Malaga, la Fase 2 è quella delle risse
Malaga, la Fase 2 è quella delle risse
A meno di due giorni dalla riapertura dei locali, il noto centro turistico andaluso epicentro di risse e accoltellamenti
GB: identificata la ragazza fatta a pezzi in due valigie
GB: identificata la ragazza fatta a pezzi in due valigie
Si chiamava Phoenix Netts, 28 anni: viveva in un centro di accoglienza per donne dopo un passato come senzatetto e tossicodipendente
Arrestata la squadra che ha fatto fuggire Ghosn
Arrestata la squadra che ha fatto fuggire Ghosn
Un ex militare delle forze speciali americane, vero professionista dei blitz di salvataggio, suo figlio e un terzo uomo. Sono il team che ha pianificato in ogni dettaglio la rocambolesca fuga dal Giappone dell’ex ad di Nissan
La testa nella valigia che sconvolge la Svezia
La testa nella valigia che sconvolge la Svezia
È l’unica parte del corpo ritrovato della 17enne Wilma Andersson, probabilmente uccisa e decapitata dall’ex fidanzato. A poche ore dall’inizio del processo, la famiglia insiste: “Ridateci quel che resta di nostra figlia”
Turchia, uccide il figlio malato di Covid-19
Turchia, uccide il figlio malato di Covid-19
Un calciatore turco ha confessato di aver soffocato il figlio nel letto dell’ospedale facendo credere ai medici che era in preda ad una crisi respiratoria. La verità pochi giorni dopo: “Non lo sopportavo”
GB: le sputa addosso un malato di coronavirus, muore dopo 2 settimane
GB: le sputa addosso un malato di coronavirus, muore dopo 2 settimane
Belly Mujinga, bigliettaia alla Victoria Station, era stata affrontata da un uomo che diceva di essere infetto: è morta due settimane dopo in ospedale
Il magnate Tom Hagen accusato di aver ucciso la moglie
Il magnate Tom Hagen accusato di aver ucciso la moglie
Alla scomparsa della donna, nel 2018, era seguita una richiesta di riscatto. Ma per la polizia si trattava soltanto di un depistaggio. Il ricco imprenditore nel settore dell’energia arrestato a casa
La polizia fa irruzione mentre tenta di fare a pezzi il corpo della moglie
La polizia fa irruzione mentre tenta di fare a pezzi il corpo della moglie
La famiglia di Amber Ryan aveva chiesto l’intervento delle forze dell’ordine perché da diversi giorni aveva perso sue notizie: gli agenti hanno trovato il marito intento a smembrarne il corpo. La coppia era segnalata per violenze familiari
Canada, vestito da poliziotto uccide 16 persone
Canada, vestito da poliziotto uccide 16 persone
L’inspiegabile notte di follia di un dentista, che ha seminato morte in più punti di un tranquillo paesino della Nuova Scozia. È stato ucciso in un conflitto a fuoco dopo una notte di frenetica caccia all’uomo
L’autista del Tir della morte si dichiara colpevole
L’autista del Tir della morte si dichiara colpevole
Maurice Robinson ha ammesso di aver ucciso volontariamente i 39 migranti che trasportava sul retro del suo Tir. Insieme a lui arrestati altri quattro uomini, tutti di origine rumena