Il cancro dell'ndrangheta nel cuore del Canada

| La collaborazione tra la polizia italiana e canadese ha messo in luco il legame tra i racket calabresi e quello radicato a Toronto. Il boss partito dalla Calabria ammoniva i compari: "Attenti alle intercettazioni", ma l'intercettato era lui

+ Miei preferiti
Di Michael O'Brien

Nn boss mafioso in visita in Canada dall'Italia aveva un trojan nello smartphone inoculato dalla polizia italiana. Il bello è che questo signore, ascoltato 24ore su 24, avvertiva i suoi interlocutori di non usare il telefono “perchè intercettato”. E così la Polizia di Stato italiana ha emesso 16 nuovi mandati d'arresto in aggiunta ai 12 già provenienti dal viaggio nella zona di Toronto - e la metà di quelli nominati attualmente vivono in Canada o sono nati qui. I riassunti dell'indagine della polizia, compresi gli estratti delle intercettazioni registrate a Toronto e dintorni, sono stati recentemente depositati in tribunale in Italia per sostenere i mandati d'arresto e non sono ancora stati testati in un processo.

I documenti aggiungono ulteriori prove a quello che le autorità italiane chiamano un "cordone ombelicale indistruttibile" tra i due paesi. Gli ultimi arresti in Italia sono stati denominati in codice "Operazione Canadian 'Ndrangheta Connection 2", usando il nome proprio della mafia che si è formata in Calabria, nel sud dell’Italia. Vincenzo Muià, che era tra gli arrestati in Italia, era arrivato all'aeroporto internazionale Pearson di Toronto il 31 marzo, insieme al cugino Giuseppe Gregoraci, anch'egli arrestato. Ognuno di loro ha viaggiato con un figlio, nessuno dei quali è stato accusato.

I visitatori sono stati prelevati all'aeroporto, secondo i documenti preparati dagli investigatori in Italia e depositati in tribunale, da Luigi Vescio e caricati in due veicoli, entrambi registrati presso la Fratelli Vescio Funeral Homes di Vaughan, Ont. Vescio è elencato come committente delle pompe funebri di proprietà della famiglia.

La polizia ha seguito i loro movimenti, un compito reso più facile dalla dal fatto che, mentre la polizia italiana era interessata a Muià, la polizia regionale di York era nel bel mezzo di un'ambiziosa indagine sui presunti boss mafiosi canadesi che Muià ha incontrato. Durante le sue discussioni, Muià ha avvertito della necessità di essere cauti su ciò che hanno detto, non solo nelle loro case ma anche per strada, perché la polizia può utilizzare microfoni direzionali che registrano le conversazioni indicando solo i bersagli.

"Anche fuori ti sentono", ha detto Muià. "Metti il direzionale e ascolti quello che dici…A mio parere, quella casa è piena di insetti… Dice di no.... Se vogliono sentirti, ti sentono”. Un uomo con cui parlava ha detto che le persone qui sono attente a quello che dicono; parlano di "quello che dicono gli avvocati", aggiungendo: "Siamo sempre attenti a non dire altro," secondo una trascrizione tradotta dall’italiano. "Sì, va bene, se parli di queste cose non è un problema", disse Muià. “Altrimenti, ti fottono".

Il detective Sgt. Carl Mattinen, dei servizi di intelligence e criminalità organizzata della regione di York, passa davanti alle immagini di coloro che sono stati arrestati prima di parlare con i membri dei media presso la sede della polizia regionale di York in Aurora, giovedì 18 luglio 2019. Muià aveva ragione, le loro conversazioni venivano ascoltate e registrate dalla polizia, ma non sempre a causa delle intercettazioni della polizia canadese (anche se alcune erano in funzione all’epoca), raccolte e trasmesse attraverso il cellulare che Muià ha portato alle sue riunioni, secondo gli atti giudiziari.

La polizia di York e la Polizia di Stato hanno avuto una "collaborazione diretta", sia con l'osservazione che con l'ascolto di vari sospetti, secondo i documenti.

Muià ha detto di essere venuto in Canada per una sola cosa, per incontrare Angelo e Cosimo Figliomeni, due presunti leader della 'Ndrangheta che hanno lasciato Siderno, una città calabrese, per il Canada quando hanno affrontato le accuse di associazione mafiosa. In questo caso, sostengono le autorità, la loro influenza nel mondo sotterraneo è considerevole. Muià cercava risposte a una domanda precisa: chi aveva teso un'imboscata e ucciso suo fratello, Carmelo Muià, detto "Mino", ucciso a Siderno il 18 gennaio 2018? Un'indagine italiana rivela come la "catena di blocco criminale" dia ai mafiosi dell'area di Toronto un'autorità internazionale. Dopo l'incontro con Angelo e Cosimo Figliomeni, secondo le accuse della polizia italiana, Muià era pronto a tornare a casa, pensando di aver saputo tutto quello che poteva qui. Aveva prenotato, però, una visita di due settimane. Insomma, si era annoiato.

Cronaca
Il giallo dei cani di Lady Gaga
Il giallo dei cani di Lady Gaga
Impegnata a Roma sul set di “Gucci”, in cui interpreta Patrizia Reggiani, l’artista è stata raggiunta dalla notizia del sequestro di due dei suoi tre amatissimi french bulldog. Il dog-sitter di fiducia ferito con 4 colpi di pistola
Influencer uccide la madre e le strappa il cuore
Influencer uccide la madre e le strappa il cuore
Anna Leikovic, 21 anni, ha assassinato la donna con un coltello da cucina strappandole diversi organi. La donna aveva scoperto che in sua assenza la figlia era diventata tossicodipendente
Il mistero dei Pirenei: travel blogger scompare nel nulla
Il mistero dei Pirenei: travel blogger scompare nel nulla
Esther Dingley manca all’appello ormai da più di 10 giorni: la polizia valuta l’ipotesi dell’incontro con un malintenzionato, ma anche la foto dell’impronta di un grosso orso inviata dalla donna poco prima di scomparire
Il mistero dell’influencer trovata morta
Il mistero dell’influencer trovata morta
Alexis Leigh Sharkley, 26 anni, era scomparsa venerdì a Houston senza lasciare traccia: il corpo nudo è stato visto da un operaio. È mistero fitto sulla morte: il corpo non presenta ferite
Dal reparto psichiatrico alla carriera da modella
Dal reparto psichiatrico alla carriera da modella
L’incredibile storia di Lucy May Dawson, una giovane inglese che viene ricoverata e curata per un forte esaurimento nervoso. Sembrava che per lei non ci fosse altro da fare, fin quando è arrivata la diagnosi corretta
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Eloisa Pinto Fontes, 26 anni, era scomparsa senza lasciare traccia un anno fa a New York. È stata ritrovata in una favela di Rio mentre vagava in stato confusionale
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
Sarebbe morta nel sonno a soli 24 anni: dopo una carriera fulminea nel mondo dell’hard aveva scelto di tornare dalla famiglia in Texas e contava di sposarsi a breve
Notte di sangue a Birmingham
Notte di sangue a Birmingham
Una non meglio precisata “serie di accoltellamenti” che avrebbero coinvolto diverse persone, avvenuti nella zona della movida e del quartiere LGBT. La polizia non si sbilancia sulla matrice dell’episodio
Rock and Virus
Rock and Virus
Il concerto degli “Smash Mount” durante il motoraduno di Sturgis, si sta trasformando in un focolaio che fa il pieno di contagi e vittime. L’ira dei social verso la band, accusata di fomentare la folla urlando che il Covid non esiste
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
I cadaveri di Henriett Szcus e Mihrican Mustafa ritrovati casualmente dalla polizia un anno fa nell’appartamento di Zahid Younis, 36 anni, condannato all’ergastolo