Il cancro dell'ndrangheta nel cuore del Canada

| La collaborazione tra la polizia italiana e canadese ha messo in luco il legame tra i racket calabresi e quello radicato a Toronto. Il boss partito dalla Calabria ammoniva i compari: "Attenti alle intercettazioni", ma l'intercettato era lui

+ Miei preferiti
Di Michael O'Brien

Nn boss mafioso in visita in Canada dall'Italia aveva un trojan nello smartphone inoculato dalla polizia italiana. Il bello è che questo signore, ascoltato 24ore su 24, avvertiva i suoi interlocutori di non usare il telefono “perchè intercettato”. E così la Polizia di Stato italiana ha emesso 16 nuovi mandati d'arresto in aggiunta ai 12 già provenienti dal viaggio nella zona di Toronto - e la metà di quelli nominati attualmente vivono in Canada o sono nati qui. I riassunti dell'indagine della polizia, compresi gli estratti delle intercettazioni registrate a Toronto e dintorni, sono stati recentemente depositati in tribunale in Italia per sostenere i mandati d'arresto e non sono ancora stati testati in un processo.

I documenti aggiungono ulteriori prove a quello che le autorità italiane chiamano un "cordone ombelicale indistruttibile" tra i due paesi. Gli ultimi arresti in Italia sono stati denominati in codice "Operazione Canadian 'Ndrangheta Connection 2", usando il nome proprio della mafia che si è formata in Calabria, nel sud dell’Italia. Vincenzo Muià, che era tra gli arrestati in Italia, era arrivato all'aeroporto internazionale Pearson di Toronto il 31 marzo, insieme al cugino Giuseppe Gregoraci, anch'egli arrestato. Ognuno di loro ha viaggiato con un figlio, nessuno dei quali è stato accusato.

I visitatori sono stati prelevati all'aeroporto, secondo i documenti preparati dagli investigatori in Italia e depositati in tribunale, da Luigi Vescio e caricati in due veicoli, entrambi registrati presso la Fratelli Vescio Funeral Homes di Vaughan, Ont. Vescio è elencato come committente delle pompe funebri di proprietà della famiglia.

La polizia ha seguito i loro movimenti, un compito reso più facile dalla dal fatto che, mentre la polizia italiana era interessata a Muià, la polizia regionale di York era nel bel mezzo di un'ambiziosa indagine sui presunti boss mafiosi canadesi che Muià ha incontrato. Durante le sue discussioni, Muià ha avvertito della necessità di essere cauti su ciò che hanno detto, non solo nelle loro case ma anche per strada, perché la polizia può utilizzare microfoni direzionali che registrano le conversazioni indicando solo i bersagli.

"Anche fuori ti sentono", ha detto Muià. "Metti il direzionale e ascolti quello che dici…A mio parere, quella casa è piena di insetti… Dice di no.... Se vogliono sentirti, ti sentono”. Un uomo con cui parlava ha detto che le persone qui sono attente a quello che dicono; parlano di "quello che dicono gli avvocati", aggiungendo: "Siamo sempre attenti a non dire altro," secondo una trascrizione tradotta dall’italiano. "Sì, va bene, se parli di queste cose non è un problema", disse Muià. “Altrimenti, ti fottono".

Il detective Sgt. Carl Mattinen, dei servizi di intelligence e criminalità organizzata della regione di York, passa davanti alle immagini di coloro che sono stati arrestati prima di parlare con i membri dei media presso la sede della polizia regionale di York in Aurora, giovedì 18 luglio 2019. Muià aveva ragione, le loro conversazioni venivano ascoltate e registrate dalla polizia, ma non sempre a causa delle intercettazioni della polizia canadese (anche se alcune erano in funzione all’epoca), raccolte e trasmesse attraverso il cellulare che Muià ha portato alle sue riunioni, secondo gli atti giudiziari.

La polizia di York e la Polizia di Stato hanno avuto una "collaborazione diretta", sia con l'osservazione che con l'ascolto di vari sospetti, secondo i documenti.

Muià ha detto di essere venuto in Canada per una sola cosa, per incontrare Angelo e Cosimo Figliomeni, due presunti leader della 'Ndrangheta che hanno lasciato Siderno, una città calabrese, per il Canada quando hanno affrontato le accuse di associazione mafiosa. In questo caso, sostengono le autorità, la loro influenza nel mondo sotterraneo è considerevole. Muià cercava risposte a una domanda precisa: chi aveva teso un'imboscata e ucciso suo fratello, Carmelo Muià, detto "Mino", ucciso a Siderno il 18 gennaio 2018? Un'indagine italiana rivela come la "catena di blocco criminale" dia ai mafiosi dell'area di Toronto un'autorità internazionale. Dopo l'incontro con Angelo e Cosimo Figliomeni, secondo le accuse della polizia italiana, Muià era pronto a tornare a casa, pensando di aver saputo tutto quello che poteva qui. Aveva prenotato, però, una visita di due settimane. Insomma, si era annoiato.

Cronaca
«Epstein si è ucciso, ne sono convinto»
«Epstein si è ucciso, ne sono convinto»
Per la prima volta, parla un detenuto che ha incontrato più volte il finanziere pedofilo, entrato nel programma di prevenzione dei suicidi. «Sapeva che il suo mondo era finito»
Addio a John Peter Sloan
Addio a John Peter Sloan
Il più simpatico e irriverente degli insegnanti di lingua inglese mai apparsi in Italia si è spento all’improvviso in Sicilia, dove aveva scelto di trasferirsi da qualche anno
Malaga, la Fase 2 è quella delle risse
Malaga, la Fase 2 è quella delle risse
A meno di due giorni dalla riapertura dei locali, il noto centro turistico andaluso epicentro di risse e accoltellamenti
GB: identificata la ragazza fatta a pezzi in due valigie
GB: identificata la ragazza fatta a pezzi in due valigie
Si chiamava Phoenix Netts, 28 anni: viveva in un centro di accoglienza per donne dopo un passato come senzatetto e tossicodipendente
Arrestata la squadra che ha fatto fuggire Ghosn
Arrestata la squadra che ha fatto fuggire Ghosn
Un ex militare delle forze speciali americane, vero professionista dei blitz di salvataggio, suo figlio e un terzo uomo. Sono il team che ha pianificato in ogni dettaglio la rocambolesca fuga dal Giappone dell’ex ad di Nissan
La testa nella valigia che sconvolge la Svezia
La testa nella valigia che sconvolge la Svezia
È l’unica parte del corpo ritrovato della 17enne Wilma Andersson, probabilmente uccisa e decapitata dall’ex fidanzato. A poche ore dall’inizio del processo, la famiglia insiste: “Ridateci quel che resta di nostra figlia”
Turchia, uccide il figlio malato di Covid-19
Turchia, uccide il figlio malato di Covid-19
Un calciatore turco ha confessato di aver soffocato il figlio nel letto dell’ospedale facendo credere ai medici che era in preda ad una crisi respiratoria. La verità pochi giorni dopo: “Non lo sopportavo”
GB: le sputa addosso un malato di coronavirus, muore dopo 2 settimane
GB: le sputa addosso un malato di coronavirus, muore dopo 2 settimane
Belly Mujinga, bigliettaia alla Victoria Station, era stata affrontata da un uomo che diceva di essere infetto: è morta due settimane dopo in ospedale
Il magnate Tom Hagen accusato di aver ucciso la moglie
Il magnate Tom Hagen accusato di aver ucciso la moglie
Alla scomparsa della donna, nel 2018, era seguita una richiesta di riscatto. Ma per la polizia si trattava soltanto di un depistaggio. Il ricco imprenditore nel settore dell’energia arrestato a casa
La polizia fa irruzione mentre tenta di fare a pezzi il corpo della moglie
La polizia fa irruzione mentre tenta di fare a pezzi il corpo della moglie
La famiglia di Amber Ryan aveva chiesto l’intervento delle forze dell’ordine perché da diversi giorni aveva perso sue notizie: gli agenti hanno trovato il marito intento a smembrarne il corpo. La coppia era segnalata per violenze familiari