Il caso di Ilaria Alpi verso l’archiviazione

| Per la seconda volta, la procura di Roma ha richiesto al gip l’archiviazione dell’inchiesta per mancanza di nuovi elementi. Di tutt’altro parere gli avvocati della famiglia Alpi

+ Miei preferiti
Si avvia verso l’archiviazione l’indagine che tenta di fare luce sulla morte della giornalista del TG3 Ilaria Alpi e dell’operatore Miran Hrovatin, uccisi a Mogadiscio, in Somalia, il 20 marzo di 25 anni fa. Secondo la Procura di Roma, non sono emersi nuovi elementi sufficienti per non procedere all’archiviazione definitiva. In pratica, la fonte confidenziale dei servizi segreti del Sisde che nel 1997 aveva riferito di collegamenti fra la morte dei due giornalisti e il traffico di armi e di rifiuti in Somalia, è irreperibile. La decisione spetta al gip Andrea Fanelli, al termine di una camera di consiglio che sarà fissata prima della pausa estiva.

“Ancora una volta, non si può fare a meno di constatare che si sono rilevati privi di consistenza quegli elementi che non apparivano idonei, se non all’identificazione degli autori materiali, ovvero dei mandanti dell’omicidio, almeno ad avvalorare la tesi più accreditata del movente che ha portato al gesto efferato o ad esplorare l’ipotesi del depistaggio”, così affermano il procuratore Giuseppe Pignatone il pm Elisabetta Ceniccola nella richiesta di archiviazione, già presentata una prima volta nel giugno del 2018 e respinta dal gip.

Carlo Palermo e Giovanni D’Amati, avvocati di Annamaria Riccardi, la zia di Ilaria, promettono battaglia nel tentativo di convincere il giudice a rigettare nuovamente la richiesta e proseguire nelle indagini. Nell’atto in cui si oppongono alla richiesta, indicano come nuovi spunti alcuni documenti fra cui la sentenza di primo grado per l’omicidio di Mario Rostagno, il verbale dell’audizione in commissione parlamentare del generale Mario Mori, la sentenza sulla trattativa Stato-Mafia, gli atti desecretati dalla Camera nel 2014 e gli appunti di Ilaria Alpi. Per i legali, sarebbe entrate numerose nuove risultante, “incredibilmente non esaminate dal pm”. Contro la richiesta di archiviazione anche le altre parti offese: FNSI, Ordine dei Giornalisti e USIGRAI. Pienamente d’accordo anche Omar Hashi Hassan, somalo che ha scontato 17 anni di galera e assolto al termine di un processo di revisione “per non aver commesso il fatto”. “La famiglia di Ilaria Alpi chiese subito la mia scarcerazione, perché era convinta della mia innocenza, e mi è stata vicina fino all’assoluzione”.

La vicenda di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin si trascina ormai da 25 anni. La giornalista e l’operatore furono inviati in Somalia nel dicembre del 1992: le loro inchieste si concentrano su un presunto traffico di armi e rifiuti tossici che poteva contare sulla complicità dei servizi segreti e delle alte istituzioni italiane. La Alpi e Hrovatin furono trovati cadaveri a poca distanza dall’ambasciata italiana di Mogadiscio. La mamma di Ilaria, Luciana Ricciardi Alpi, inizia una lunga battaglia alla ricerca della verità che andrà avanti senza soste fino al 12 dicembre 2018, quando muore senza riuscire a sapere chi e perché ha ucciso sua figlia.

Cronaca
«Epstein si è ucciso, ne sono convinto»
«Epstein si è ucciso, ne sono convinto»
Per la prima volta, parla un detenuto che ha incontrato più volte il finanziere pedofilo, entrato nel programma di prevenzione dei suicidi. «Sapeva che il suo mondo era finito»
Addio a John Peter Sloan
Addio a John Peter Sloan
Il più simpatico e irriverente degli insegnanti di lingua inglese mai apparsi in Italia si è spento all’improvviso in Sicilia, dove aveva scelto di trasferirsi da qualche anno
Malaga, la Fase 2 è quella delle risse
Malaga, la Fase 2 è quella delle risse
A meno di due giorni dalla riapertura dei locali, il noto centro turistico andaluso epicentro di risse e accoltellamenti
GB: identificata la ragazza fatta a pezzi in due valigie
GB: identificata la ragazza fatta a pezzi in due valigie
Si chiamava Phoenix Netts, 28 anni: viveva in un centro di accoglienza per donne dopo un passato come senzatetto e tossicodipendente
Arrestata la squadra che ha fatto fuggire Ghosn
Arrestata la squadra che ha fatto fuggire Ghosn
Un ex militare delle forze speciali americane, vero professionista dei blitz di salvataggio, suo figlio e un terzo uomo. Sono il team che ha pianificato in ogni dettaglio la rocambolesca fuga dal Giappone dell’ex ad di Nissan
La testa nella valigia che sconvolge la Svezia
La testa nella valigia che sconvolge la Svezia
È l’unica parte del corpo ritrovato della 17enne Wilma Andersson, probabilmente uccisa e decapitata dall’ex fidanzato. A poche ore dall’inizio del processo, la famiglia insiste: “Ridateci quel che resta di nostra figlia”
Turchia, uccide il figlio malato di Covid-19
Turchia, uccide il figlio malato di Covid-19
Un calciatore turco ha confessato di aver soffocato il figlio nel letto dell’ospedale facendo credere ai medici che era in preda ad una crisi respiratoria. La verità pochi giorni dopo: “Non lo sopportavo”
GB: le sputa addosso un malato di coronavirus, muore dopo 2 settimane
GB: le sputa addosso un malato di coronavirus, muore dopo 2 settimane
Belly Mujinga, bigliettaia alla Victoria Station, era stata affrontata da un uomo che diceva di essere infetto: è morta due settimane dopo in ospedale
Il magnate Tom Hagen accusato di aver ucciso la moglie
Il magnate Tom Hagen accusato di aver ucciso la moglie
Alla scomparsa della donna, nel 2018, era seguita una richiesta di riscatto. Ma per la polizia si trattava soltanto di un depistaggio. Il ricco imprenditore nel settore dell’energia arrestato a casa
La polizia fa irruzione mentre tenta di fare a pezzi il corpo della moglie
La polizia fa irruzione mentre tenta di fare a pezzi il corpo della moglie
La famiglia di Amber Ryan aveva chiesto l’intervento delle forze dell’ordine perché da diversi giorni aveva perso sue notizie: gli agenti hanno trovato il marito intento a smembrarne il corpo. La coppia era segnalata per violenze familiari