Il caso di Ilaria Alpi verso l’archiviazione

| Per la seconda volta, la procura di Roma ha richiesto al gip l’archiviazione dell’inchiesta per mancanza di nuovi elementi. Di tutt’altro parere gli avvocati della famiglia Alpi

+ Miei preferiti
Si avvia verso l’archiviazione l’indagine che tenta di fare luce sulla morte della giornalista del TG3 Ilaria Alpi e dell’operatore Miran Hrovatin, uccisi a Mogadiscio, in Somalia, il 20 marzo di 25 anni fa. Secondo la Procura di Roma, non sono emersi nuovi elementi sufficienti per non procedere all’archiviazione definitiva. In pratica, la fonte confidenziale dei servizi segreti del Sisde che nel 1997 aveva riferito di collegamenti fra la morte dei due giornalisti e il traffico di armi e di rifiuti in Somalia, è irreperibile. La decisione spetta al gip Andrea Fanelli, al termine di una camera di consiglio che sarà fissata prima della pausa estiva.

“Ancora una volta, non si può fare a meno di constatare che si sono rilevati privi di consistenza quegli elementi che non apparivano idonei, se non all’identificazione degli autori materiali, ovvero dei mandanti dell’omicidio, almeno ad avvalorare la tesi più accreditata del movente che ha portato al gesto efferato o ad esplorare l’ipotesi del depistaggio”, così affermano il procuratore Giuseppe Pignatone il pm Elisabetta Ceniccola nella richiesta di archiviazione, già presentata una prima volta nel giugno del 2018 e respinta dal gip.

Carlo Palermo e Giovanni D’Amati, avvocati di Annamaria Riccardi, la zia di Ilaria, promettono battaglia nel tentativo di convincere il giudice a rigettare nuovamente la richiesta e proseguire nelle indagini. Nell’atto in cui si oppongono alla richiesta, indicano come nuovi spunti alcuni documenti fra cui la sentenza di primo grado per l’omicidio di Mario Rostagno, il verbale dell’audizione in commissione parlamentare del generale Mario Mori, la sentenza sulla trattativa Stato-Mafia, gli atti desecretati dalla Camera nel 2014 e gli appunti di Ilaria Alpi. Per i legali, sarebbe entrate numerose nuove risultante, “incredibilmente non esaminate dal pm”. Contro la richiesta di archiviazione anche le altre parti offese: FNSI, Ordine dei Giornalisti e USIGRAI. Pienamente d’accordo anche Omar Hashi Hassan, somalo che ha scontato 17 anni di galera e assolto al termine di un processo di revisione “per non aver commesso il fatto”. “La famiglia di Ilaria Alpi chiese subito la mia scarcerazione, perché era convinta della mia innocenza, e mi è stata vicina fino all’assoluzione”.

La vicenda di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin si trascina ormai da 25 anni. La giornalista e l’operatore furono inviati in Somalia nel dicembre del 1992: le loro inchieste si concentrano su un presunto traffico di armi e rifiuti tossici che poteva contare sulla complicità dei servizi segreti e delle alte istituzioni italiane. La Alpi e Hrovatin furono trovati cadaveri a poca distanza dall’ambasciata italiana di Mogadiscio. La mamma di Ilaria, Luciana Ricciardi Alpi, inizia una lunga battaglia alla ricerca della verità che andrà avanti senza soste fino al 12 dicembre 2018, quando muore senza riuscire a sapere chi e perché ha ucciso sua figlia.

Cronaca
L'orribile morte di Stefania, bruciata viva
L
Gli ultimi risultati delle perizie non lasciano dubbi. Stefania Crotti era solo stordita dalle martellate inferte da Chiara Alessandri quando l'assassina le diede fuoco dopo averla irrorata di benzina. Ergastolo alla porte
Hooligans arrestati a Torino
Hooligans arrestati a Torino
In occasione della partita fra Juventus e Ajax, una sessantina di persone sono state denunciate dalla Polizia, e 54 tifosi olandesi allontanati dall’Italia
Pitbull attacca due bambini
Pitbull attacca due bambini
A Limbiate, nel milanese, un pitbull di un anno e mezzo si è avventato contro due cuginetti che giocavano in cortile. A salvarli alcuni condomini che hanno assistito alla scena
Sparatoria nel foggiano
muore un carabiniere
Sparatoria nel foggiano<br>muore un carabiniere
Un uomo avrebbe aperto il fuoco contro la pattuglia durante un normale controllo nella piazza principale di Cagnano Varano. Il vice comandante della stazione è morto in ospedale, la reazione dei vertici dello Stato
Sfruttamento della prostituzione, arrestata Kyra Kole
Sfruttamento della prostituzione, arrestata Kyra Kole
La soubrette, nota per aver partecipato al programma “Ciao Darwin”, sarebbe stata la capofila di un finto centro massaggi in Brianza
Azouz Marzouk: Rosa e Olindo sono innocenti
Azouz Marzouk: Rosa e Olindo sono innocenti
Il padre e marito di due delle vittime della strage di Erba firma un sollecito per la riapertura del processo e assicura di conoscere il nome del vero assassino della sua famiglia
Tenta il suicidio in un centro commerciale
Tenta il suicidio in un centro commerciale
È accaduto alle Gru di Grugliasco, alle porte di Torino: gli agenti di un istituto di vigilanza sono riusciti a bloccarla prima che si lanciasse nel vuoto
Giovane inglese muore in un gioco erotico
Giovane inglese muore in un gioco erotico
È quanto dichiara il fidanzato di Anna Florence Reed, una 22enne trovata morta in una vasca da bagno di un hotel sul Lago Maggiore. La polizia però non esclude alcuna ipotesi
Le buste che inquietano Torino
Le buste che inquietano Torino
Dopo quella esplosiva alla sindaca Appendino, un esponente della Lega ne riceva una uguale, ma nelle stesse ore arriva una minaccia alla Lavazza, la Vergnano e la Ferrero: pagate o avveleniamo i vostri prodotti
"Ho gettato la testa di Christina nel fiume"
"Ho gettato la testa di Christina nel fiume"
Nel '93, Jason Massey aveva ucciso e smembrato i corpi di due adolescenti. Nel 2001, già nella camera della morte, aveva rivelato ai familiari dove aveva nascosto i resti