Il pasticciaccio brutto del Museo del Cinema

| Incuria e abbandono nella gestione di un vanto museale torinese, a cui si aggiunge un disavanzo dovuto a spese finite sotto la lente della Procura

+ Miei preferiti
Ha chiuso il 2016 con un lusinghiero +8% rispetto all'anno precedente, forte di 690.000 presenze e 3 milioni e 389 mila euro di incassi che lo proclamano il secondo museo torinese più visitato dopo l'Egizio, ed il terzo se il calcolo si allarga al circondario, con la Reggia di Venaria. Conti che da anni raccontano la realtà felice del Museo Nazionale del Cinema, una delle raccolte più importanti al mondo, ospitata all'interno del simbolo stesso di Torino, la Mole Antonelliana.

Eppure, in quello che all'apparenza sembrava un quadretto idilliaco, qualcosa non tornava da un po': se ne sono accorti anche in Procura, dove alla fine di maggio è stato aperto un fascicolo che per adesso si limita all'acquisizione delle relazioni del presidente Damilano, dei revisori dei conti e soprattutto i rendiconti del 2015 e 2016, i due anni in cui qualcosa è cambiato nella gestione del denaro, causando un buco nell'ultimo bilancio, chiuso con un passivo di 181 mila euro.

L'inchiesta e le reazioni

Anche se è prematuro tentare di individuare il "buco", i primi sospetti sembrano concentrarsi su alcune spese gestionali, messe a bilancio per quasi un milione di euro, che comprendono anche straordinari e acquisti di materiale. Comunque indizi di una sorta di abbandono e incuria gestionale che hanno un precedente: nel 2014, l'allora presidente Ugo Nespolo, in aperto contrasto con il direttore Barbera, si era fatto portavoce di una protesta rimandata al mittente dal sindaco Fassino, per la verità seguita dalla richiesta di dotare il museo di una gestione dei conti fatta da diverse parti politiche, compresa proprio quella dell'ex sindaco Fassino.

E mentre Paolo Damilano, presidente del Museo dal 2015, si dichiara felice di confrontarsi sul proprio operato, malgrado un mandato in scadenza per l'arrivo di Laura Milani (direttore e CEO dello IAAD), a prendere le distanze è anche l'assessore alla cultura della Regione Antonella Parigi, che chiede "La maggiore attenzione possibile, qualsiasi sia il futuro organigramma del museo". Silenzio per l'assessore comunale Francesca Leo e per l'ex direttore Alberto Barbera, mentre Ugo Nespolo ricorda di aver accettato l'incarico per amore verso il cinema: "Ho messo il mio tempo a disposizione per quattro anni, ho cercato di fare il bene del Museo, di realizzare qualcosa che fosse di livello alto: non ho potuto. Era evidente che sarebbe andata così, l'avevamo detto mille volte. Se ce ne siamo andati in quattro ci sarà un motivo, no?".

Cronaca
Ceren Ozdemir, la 390esima donna uccisa in Turchia
Ceren Ozdemir, la 390esima donna uccisa in Turchia
Il triste primato dalla fine di una giovane ballerina appena 20enne uccisa sulla porta di casa. Cresce in modo preoccupante il numero dei casi, denunciano le associazioni in difesa delle donne
Suicida dopo la condanna a 30 anni per femminicidio
Suicida dopo la condanna a 30 anni per femminicidio
Francesco Mazzega ha scelto di farla finita dopo la conferma della condanna a 30 anni per l’omicidio della sua fidanzata Nadia Orlando, che aveva ucciso due anni fa
Bomba a Parigi, scatta l’allarme
Bomba a Parigi, scatta l’allarme
Era una granata inerte custodita da un militare fuori servizio: un falso allarme che ha fatto scattare la massima allerta nella capitale francese
Italiana uccisa a Capo Verde
Italiana uccisa a Capo Verde
Il corpo di Marilena Corrò trovato senza vita nel serbatoio dell’acqua del suo B&B di Boavista. Fermato un altro italiano che gestiva la struttura, sospettato dell’omicidio
Spagna: sequestrato minisommergibile dei narcos
Spagna: sequestrato minisommergibile dei narcos
Fermato al largo delle coste della Galizia, trasportava tre tonnellate di cocaina. Un metodo di consegna e spostamento sempre più utilizzato dai cartelli della droga
Italia: allarme Fentanyl
Italia: allarme Fentanyl
Il potentissimo oppioide, insieme a migliaia di altre varianti sintetiche, inizia a fare le prime vittime anche nel nostro Paese. I pericoli delle nuove droghe, che negli Stati Uniti hanno causato una vera strage
Il Regno Unito commosso per la storia di Chloe e Adam
Il Regno Unito commosso per la storia di Chloe e Adam
Erano fidanzati da meno di un anno: lei si è uccisa impiccandosi senza lasciare un biglietto che spiegasse il gesto. Sei giorni dopo lui l’ha seguita gettandosi sotto un treno
Arrestato il mandante dell’omicidio
di Daphne Caruana Galizia
Arrestato il mandante dell’omicidio<br>di Daphne Caruana Galizia
Si tratta di Yorgen Fenech, spregiudicato proprietario di casinò e a capo di una cordata che si è aggiudicata un appalto miliardario, ma soprattutto collettore di tangenti che spartiva con alcuni ministri maltesi
Francia: il più grande caso di pedofilia
Francia: il più grande caso di pedofilia
Joël Le Scouarnec, chirurgo pediatrico, avrebbe abusato di oltre 250 bambini in quasi vent’anni di attività, malgrado una denuncia per possesso di materiale pedopornografico
Arrestato il fondatore del Cirque du Soleil
Arrestato il fondatore del Cirque du Soleil
Guy Laliberté sarebbe trattenuto dalla polizia a Tahiti: nel suo atollo privato è stata rinvenuta una grande piantagione di cannabis. La vita esagerata di un eccentrico ex artista di strada diventato miliardario