Il silenzio degli assenti Venaria ghost city

| La città della Reggia è immobile, totalmente arresa di fronte ad una cintura fortificata e invalicabile. Ma mentre il G7 entra nel vivo, preparandosi ad accogliere i ministri del lavoro, tutto sembra passare in secondo piano

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

Da una parte l'imponente apparato di sicurezza messo in piedi per il G7, dall'altro le inquietanti promesse tuonate dai manifestanti. In mezzo, a far da rete nel delicato ping-pong dei sei giorni della tappa piemontese del G7, gli abitanti di Venaria. Un tranquillo comune di 34 mila anime o poco più, a metà fra la campagna e la città, uno dei due posti in Italia a poter vantare l'appellativo di "Reale".

Via Andrea Mensa, la lunga strada pedonale del centro storico intitolata ad un partigiano fucilato nel 1945, è sotto assedio. Difficile incrociare qualcuno che passi per caso: pochi i curiosi che giusto per capire cosa succede si spingono fino alla barriera formata da polizia e carabinieri che presidiano l'ingresso principale della Reggia. E ancora meno sono le signore con le borse della spesa in giro per le botteghe che, invece di puntare su sconti e promozioni, preferiscono scrivere a chiare lettere "Siamo aperti", nel caso qualcuno avesse il dubbio.

Il resto semplicemente, non c'è: ogni stradina è disseminata di camionette, pantere, gazzelle, blindati e agenti in divisa antisommossa che parlottano tra loro, tra il fresco della mattina e il caldo che sale insieme alle ore della giornata.

Basta entrare in qualche negozio e buttare lì l'amo, perché inizi una sequela di lamentele: invece di incrementare il giro d'affari, il G7 ha fatto scappare i pochi clienti. "Dovevano farlo a Torino e lasciare la Reggia ai turisti: per sei giorni è tutto chiuso, ce l'hanno requisita".

In giro non c'è quasi nessuno e i locali intorno alla Reggia, se tutto l'anno ringraziano il cielo per la posizione, nei sei giorni del G7 pagano lo scotto di un inevitabile processo di desertificazione.

È come se per la città fosse circolato un passaparola: stiamo lontani da lì e mettiamoci pazienza, che sei giorni passano in fretta. Un effetto comprensibile: ogni volta che i ministri scelgono di ritrovarsi e chiacchierare un po', scoppia qualche casino. E beccarsi una manganellata è una causa/effetto da evitare con grande cura.

In realtà, a meno di tre giorni dalla fine, anche se è difficile tirare già le prime somme, sembra quasi che il G7 di Venaria stia passando in un silenzio imbarazzante. I telegiornali tendono a relegare la notizia al fondo, poco prima di Baglioni che dirige Sanremo, e se proprio devono parlarne è per qualche parola un po' più forte scappata ad un ministro. Perfino la cena per la stampa organizzata dall'Unione Industriale è saltata miseramente: giornalisti stranieri da queste parti neanche uno. E presentare le specialità piemontesi ad una stampa che conosce tutto a menadito sembrava più uno scherzo.

Cronaca
"Torturato in cella solo perché cattolico"
"Torturato in cella solo perché cattolico"
La terribile disavventura dell'imprenditore italiano Massimo Sacco, arrestato pnegli Emirati Arabi per traffico di droga, in carcere per oltre un anno: "Accusa falsa, in carcere mi hanno picchiato e seviziato, odiano i cristiani"
Ana Bettz, la cantante accusata di riciclaggio
Ana Bettz, la cantante accusata di riciclaggio
Vedova del petroliere Sergio Di Cesare, aveva tentato la carriera artistica senza grande successo. È stata bloccata al confine di Ventimiglia con 300mila euro in contanti, e la Finanza sospetta sia frutto di riciclaggio
Il mostro di Torrazzo vuole sposarsi
Il mostro di Torrazzo vuole sposarsi
Gianfranco Stevanin, il serial killer veronese accusato di omicidio, violenza e occultamento di cadavere, conta di uscire per sposarsi e rifarsi una vita
Nessun colpevole per la strage Erasmus
Nessun colpevole per la strage Erasmus
Per le famiglie delle 13 ragazze che nel 2016 morirono a bordo di un autobus in Spagna, l’ennesimo schiaffo della giustizia spagnola: nessun colpevole. Già annunciato un nuovo appello
Filippine, ucciso manager italiano
Filippine, ucciso manager italiano
Si allunga la lista dei connazionali assassinati o spariti all'estero. I casi di Colombia e Costarica. Gli otto desaparecidos
Il tennista Seppi truffato dal falso broker
Il tennista Seppi truffato dal falso broker
Fabio Gaiatto, definito il Madoff del Veneto, a processo per una 2catena di Sant'Antonio" finita in tragedia per centinaia di risparmiatori che gli avevano affidato i loro denari. La moglie patteggia, prime condanne
Pedofilia, in cella docente modello
Pedofilia, in cella docente modello
Scandalo all'università di Auburn, Alabama. noto professore arrestato in Virginia, era in possesso di di un intento numero di video-pedopronografici forse autoprodotte. Stupore di colleghi e studenti
Tre nomi eccellenti
in un traffico di cannabis
Tre nomi eccellenti<br>in un traffico di cannabis
Alkiviades David, erede della Coca Cola Hellenis e l’attore Jonathan Rhys Meyers, insieme a un loro socio, trasportavano 5000 piantine di cannabis su un aereo privato
Assassina il marito con il Viagra
Assassina il marito con il Viagra
Arrestata la moglie: con l'aiuto del giovane amante una 46enne egiziana ha ucciso il marito sbriciolando 12 pillole blu nel cibo. Ora rischiano la pena di morte
Apre gli occhi prima dell'espianto
Apre gli occhi prima dell
Incredibile risveglio di un 17enne in coma profondo dopo un incidente stradale. I genitori avevano dato l'autorizzazione all'espianto degli organi. Medici increduli. Lorenzo è tornato a scuola