Il vento che pulisce il cielo e annulla le ordinanze

| Con la revoca del blocco del traffico, a Torino torna la libertà di circolazione: ma è solo una pausa, nuovi blocchi si annunciano

+ Miei preferiti
Torino respira, gli automobilisti anche. Il vento di domenica, oltre a riportare l'azzurro prendendosi in cambio la cappa grigio-arancione, ha convinto l'amministrazione comunale a revocare il blocco del traffico, a poche ore dall'inasprimento che aveva messo le ganasce comunali anche ai diesel Euro 5.

Nessuno si illuda, mentre fra Palazzo Civico e Regione si rimbalzano battute al vetriolo sull'invito a tenere chiuse le finestre e respirare a fasi alterne, per i torinesi il supplizio è solo rinviato. Perché l'amministrazione comunale fa sapere di essere "costantemente vigile", eufemismo che messo giù in altre parole significa aver stampato e firmato il prossimo fermi tutti, a cui mancano solo data e protocollo.

E la Sindaca Appendino approfitta della calma apparente donata dai 50 microgrammi di PM10 nell'aria, per rivendicare l'utilità dei blocchi, confidando che "nei torinesi si sta consolidando la consapevolezza che l'aria è un bene prezioso".

In realtà, forse con qualche piccola eccezione, i torinesi, gli italiani e perfino tutti gli inquilini del pianeta hanno a cuore la qualità dell'aria, ma in cambio avrebbero piacere di ricevere soluzioni che non ricadano sempre e solo su di loro, colpevoli di possedere un'auto. La dimostrazione arriva dagli esperti e dalle rilevazioni, che nei giorni di blocco ammettevano con qualche imbarazzo che la qualità dell'aria non migliorava affatto, anche spegnendo Minipimer e Nintendo.

La tregua, secondo i bene informati, potrebbe scadere domenica, quando dopo qualche giorno di via libera, dai cassetti di piazza Palazzo di Città sarebbe pronto il nuovo A4 prestampato, il secondo di questo autunno appena iniziato. E già lungo da digerire.

Cronaca
L'orribile morte di Stefania, bruciata viva
L
Gli ultimi risultati delle perizie non lasciano dubbi. Stefania Crotti era solo stordita dalle martellate inferte da Chiara Alessandri quando l'assassina le diede fuoco dopo averla irrorata di benzina. Ergastolo alla porte
Hooligans arrestati a Torino
Hooligans arrestati a Torino
In occasione della partita fra Juventus e Ajax, una sessantina di persone sono state denunciate dalla Polizia, e 54 tifosi olandesi allontanati dall’Italia
Pitbull attacca due bambini
Pitbull attacca due bambini
A Limbiate, nel milanese, un pitbull di un anno e mezzo si è avventato contro due cuginetti che giocavano in cortile. A salvarli alcuni condomini che hanno assistito alla scena
Sparatoria nel foggiano
muore un carabiniere
Sparatoria nel foggiano<br>muore un carabiniere
Un uomo avrebbe aperto il fuoco contro la pattuglia durante un normale controllo nella piazza principale di Cagnano Varano. Il vice comandante della stazione è morto in ospedale, la reazione dei vertici dello Stato
Sfruttamento della prostituzione, arrestata Kyra Kole
Sfruttamento della prostituzione, arrestata Kyra Kole
La soubrette, nota per aver partecipato al programma “Ciao Darwin”, sarebbe stata la capofila di un finto centro massaggi in Brianza
Azouz Marzouk: Rosa e Olindo sono innocenti
Azouz Marzouk: Rosa e Olindo sono innocenti
Il padre e marito di due delle vittime della strage di Erba firma un sollecito per la riapertura del processo e assicura di conoscere il nome del vero assassino della sua famiglia
Tenta il suicidio in un centro commerciale
Tenta il suicidio in un centro commerciale
È accaduto alle Gru di Grugliasco, alle porte di Torino: gli agenti di un istituto di vigilanza sono riusciti a bloccarla prima che si lanciasse nel vuoto
Giovane inglese muore in un gioco erotico
Giovane inglese muore in un gioco erotico
È quanto dichiara il fidanzato di Anna Florence Reed, una 22enne trovata morta in una vasca da bagno di un hotel sul Lago Maggiore. La polizia però non esclude alcuna ipotesi
Le buste che inquietano Torino
Le buste che inquietano Torino
Dopo quella esplosiva alla sindaca Appendino, un esponente della Lega ne riceva una uguale, ma nelle stesse ore arriva una minaccia alla Lavazza, la Vergnano e la Ferrero: pagate o avveleniamo i vostri prodotti
"Ho gettato la testa di Christina nel fiume"
"Ho gettato la testa di Christina nel fiume"
Nel '93, Jason Massey aveva ucciso e smembrato i corpi di due adolescenti. Nel 2001, già nella camera della morte, aveva rivelato ai familiari dove aveva nascosto i resti