In manette Marcello De Vito il grillino contro la corruzione

| Il presidente del Consiglio Comunale di Roma Capitale è stato arrestato insieme all’avvocato Mazzacapo: avrebbero favorito i progetti del costruttore Parnasi. Indagati altri imprenditori

+ Miei preferiti
Nel 2016, quando Marcello De Vito - presidente del consiglio comunale di Roma Capitale arrestato all’alba di questa mattina - era candidato M5S alle Comunarie di Roma, aveva fatto della corruzione il cavallo di battaglia della sua campagna elettorale: “Andiamo a colpire la corruzione con cui i partiti hanno campato per anni”. Il 4 febbraio scorso, in un’intercettazione telefonica, l’avvocato Camillo Mezzacapo si rivolgeva a lui con toni ben diversi: “Questa congiunzione astrale, tipo la cometa di Halley, è difficile che si verifichi: Marcè, dobbiamo sfruttarla”. Secondo il gip di Roma la prova che l’avvocato sarebbe stato il tramite per De Vito per “Mettere a disposizione la sua pubblica funzione di presidente del Consiglio comunale per assecondare, violando i principi di imparzialità e correttezza, interessi di natura privatistica facenti capo al gruppo Parnasi”.

Risultato, ai polsi dell’esponente di punta del M5S e dell’avvocato Mazzacapo sono scattate la manette dl comando provincia dei carabinieri, nell’ambito dell’inchiesta della Procura sul nuovo stadio della Roma, sulla costruzione di un nuovo albergo presso l’ex stazione ferroviaria di Roma Trastevere e sulla riqualificazione dell’area degli ex mercati generali di Roma Ostiense. L’indagine avrebbe permesso di fare luce su una rete di corruzione creata da imprenditori attraverso l’intermediazione di un avvocato e un affarista che avevano il compito di raccordo con De Vito, a cui spettava il compito di agevolare gli appalti di diversi progetti immobiliari. De Vito e Mezzacapo avrebbero intascato 110mila euro dagli imprenditori Carlo e Pierluigi Toti, oltre ad una tranche precedente di 48mila, per un loro interessamento per il progetto di riqualificazione degli ex marcati generali di Ostiense.

Al momento sarebbero in corso perquisizioni in Campidoglio, negli uffici dell’Italpol e della “Silvano Toti Holding SpA”. Oltre a De Vito, i carabinieri avrebbero arrestato altre tre persone e consegnato a due imprenditori una misura interdittiva temporanea di esercitare attività imprenditoriale. Fra gli indagati  a piede libero Pierluigi e Claudio Toti (quest’ultimo presidente della squadra di basket “Virtus Roma”), titolari della “Lamaro Appalti” e della “Silvano Toti Holdin SpA”, l’architetto Fortunato Pititto e Gianluca Bardelli, l’avvocato Virginia Vecchiarelli, l’amministratore della società “MDL srl” Sara Scarpari e l’immobiliarista Giuseppe Statuto, a capo dell’omonimo gruppo imprenditoriale. I reati ipotizzati, a vario titolo, sono corruzione, traffico di influenze illecite, evasioni di imposte e false fatturazioni.

Il 10 dicembre scorso, in un altro filone dell’inchiesta che aveva portato all’arresto del costruttore Parnasi, considerato il “capo e l’organizzatore”, era finito anche l’avvocato genovese Luca Lanzalone, voluto ai vertici dell’Acea dal M5S.

Avvocato, 45 anni, Marcello De Vito è stato il primo candidato grillino alla poltrona di Sindaco. Vicino all’alata più ortodossa del movimento alla capogruppo in Regione Roberta Lombardi, alle comunali del 2016 si era guadagnato il titolo di “Mister Preferenze” con 6.500 voti a favore, risultando secondo dopo Virginia Raggi. Da qui la conquista della presidenza dell’assemblea capitolina. Nei post del suo blog si legge “#RomaTagliaGliSprechi: nel primo anno di consiliatura M5S tagliate le spese e ridotti gli sprechi di denaro pubblico dell’Assmblea Capitolina”. E ancora: “Ho una splendida figlia, ed è soprattutto per lei che ho scelto di entrare nel Movimento. Questi tutto quello che sono lo devo ai miei genitori, all’educazione che mi hanno impartito, a quanto mi hanno consentito di fare”.

Immediata la reazione del M5S, a cominciare dal vicepremier Di Maio, che attraverso i social annuncia: “Marcello de Vito è fuori dal Movimento. Mi assumo la responsabilità di questa decisione come capo politico”. “Nessuno sconto a chi ha sbagliato”, replica la sindaca Raggi, “Gravissime le accuse che hanno portato all’arresto di De Vito. Massima fiducia nel lavoro della magistratura con l’auspicio di fare chiarezza al più presto in questa vicenda”, ha aggiunto Roberta Lombardi.

Più caustico l’ex Federico Pizzarotti: “Mi auguro che la vicenda possa chiarirsi, perché Roma e i romani si meritano un’amministrazione e una politica che possano valorizzarli e valorizzare le straordinarie qualità della nostra capitale. Ma per la Giunta Raggi oggi è il tempo della riflessione sul proprio futuro, perché non è da escludere un passo indietro”.

Video
Galleria fotografica
In manette Marcello De Vito il grillino contro la corruzione - immagine 1
Cronaca
Il Golden State Killer
si dichiara colpevole
Il Golden State Killer<br>si dichiara colpevole
Ha ammesso stupri e omicidi che per 40 anni hanno tolto il sonno a due contee californiane, in cambio della vita: non salirà sul patibolo, ma sconterà almeno 11 ergastoli dietro le sbarre
Londra: condannato il giovane della Tate Modern
Londra: condannato il giovane della Tate Modern
Il 18enne che un anno fa spinse dal balcone un bimbo di sei anni condannato dalla giustizia inglese per omicidio volontario
Justin Bieber cita due donne che lo accusano di stupro
Justin Bieber cita due donne che lo accusano di stupro
Danielle e Kadi hanno raccontato sui social di essere state violentate in albergo ad un anno di distanza una dall’altra. L’artista canadese nega dicendo di avere le prove che in quei giorni si trovava da altre parti, e parte al contrattacco
Suicida una giovanissima star di «TikTok»
Suicida una giovanissima star di «TikTok»
A 16 anni, Siya Kakkar era seguita da milioni di follower in tutto il mondo. Inspiegabili i motivi del gesto: aveva numerosi progetti futuri
Scarcerata la giovane che ha ucciso il suo violentatore
Scarcerata la giovane che ha ucciso il suo violentatore
Dopo due anni di abusi, nel 2018 Chrystul Kizer aveva ucciso l’uomo che la violentava e vendeva ad altri. Al suo fianco si è schierata un’imponente campagna mediatica e di supporto economico
NY, cameriera 18enne molestata da clienti e proprietari
NY, cameriera 18enne molestata da clienti e proprietari
Brenna Gonzales, cameriera di una celebre steak-house frequentata dal jet-set newyorkese, ha sporto querela per molestie sessuali ripetute
Zanardi stabile ma ancora grave
Zanardi stabile ma ancora grave
I medici non azzardano supposizioni: il quadro generale parla di “danni importanti” che potrebbero avere conseguenze neurologiche e di vista. Nei prossimi giorni la riduzione della sedazione e le prime valutazioni
L’Italia in ansia per Alex Zanardi
L’Italia in ansia per Alex Zanardi
Stabile nella notte ma ancora in condizioni gravissime. Attesa per il prossimo bollettino medico. La procura indaga per ricostruire l’accaduto
Zanardi in coma farmacologico
Zanardi in coma farmacologico
Il campione bolognese ricoverato in terapia intensiva: non è in pericolo di vita, ma il danno neurologico potrebbe essere molto grave
Mistero sulla morte di una pool dancer inglese
Mistero sulla morte di una pool dancer inglese
Jess Leanne Norris, 27 anni, star della pool dance, è stata trovata senza vita nel suo appartamento. Pochi giorni prima l’ultimo post in cui parlava di depressione per la solitudine del lockdown