Inseguito e accoltellato poi video sui social

| Incredibile espiodio di violenza a Londra, dove i morti pugnalati da gennaio sono già 51. Assassini incappucciati inseguono la vittima e la riducono in fin di vita, tra insulti e risate. Poi il video con le scene più efferate

+ Miei preferiti

Se la morte diventa spettacolo. Uno spettacolo compiuciuto, da diffondere sui social. Accade in quella che viene ormai definita Una banda di assassini armati di coltello si sono video-filmati mentre inseguivano e pugnalavano una vittima terrorizzata in pieno giorno. Alla vita il 20eenne è a terra, vicino una macchia di sangue si allarga dalle ferite. Poi insulti e risate con lui in agonia sul terreno. Uno urla: "Ti hanno fregato".

E’ l’ennesimo episodio di una violenta epidemia di criminalità nella capitale che solo quest'anno ha visto almeno 51 persone uccise nella Londra dove la legge non c’è più. Il giovane morto è stata poi trovato nei pressi della Willesden Magistrates' Court di Brent, Londra, poco prima delle 15:30.

Era stato pugnalato più volte nel brutale attacco - che ha avuto luogo in pieno giorno - ricoverato in ospedale sta combattendo per soravvivere, ma da allora le sue condizioni sono migliorate. Il filmato è stato da allora condiviso sui social media dagli aggressori. Uno si vanta di aver inflitto le ferite in zone vitali. L’avevano seguito incappucciati e poi a piedi e in bicicletta. Un complice che li segue in macchina filma l'attacco quando la gang raggiunge la vittima designata. Picchiano, calpestano e pugnalano il malcapitato, che giace indifeso a terra. Una seconda clip mostra la vittima a faccia in giù sul marciapiede. La polizia lancia un appello per avere informazioni sui killer incappucciati.

 
Cronaca
Condanna record per l’orco di Harrow
Condanna record per l’orco di Harrow
Definito psicopatico e violento, secondo la polizia “uno dei peggiori maniaci sessuali nella storia del Regno Unito”, è stato condannato ad una pena infinita dall’Old Bailey. Nell’arco di due settimane aveva aggredito 11 persone
Ceren Ozdemir, la 390esima donna uccisa in Turchia
Ceren Ozdemir, la 390esima donna uccisa in Turchia
Il triste primato dalla fine di una giovane ballerina appena 20enne uccisa sulla porta di casa. Cresce in modo preoccupante il numero dei casi, denunciano le associazioni in difesa delle donne
Suicida dopo la condanna a 30 anni per femminicidio
Suicida dopo la condanna a 30 anni per femminicidio
Francesco Mazzega ha scelto di farla finita dopo la conferma della condanna a 30 anni per l’omicidio della sua fidanzata Nadia Orlando, che aveva ucciso due anni fa
Bomba a Parigi, scatta l’allarme
Bomba a Parigi, scatta l’allarme
Era una granata inerte custodita da un militare fuori servizio: un falso allarme che ha fatto scattare la massima allerta nella capitale francese
Italiana uccisa a Capo Verde
Italiana uccisa a Capo Verde
Il corpo di Marilena Corrò trovato senza vita nel serbatoio dell’acqua del suo B&B di Boavista. Fermato un altro italiano che gestiva la struttura, sospettato dell’omicidio
Spagna: sequestrato minisommergibile dei narcos
Spagna: sequestrato minisommergibile dei narcos
Fermato al largo delle coste della Galizia, trasportava tre tonnellate di cocaina. Un metodo di consegna e spostamento sempre più utilizzato dai cartelli della droga
Italia: allarme Fentanyl
Italia: allarme Fentanyl
Il potentissimo oppioide, insieme a migliaia di altre varianti sintetiche, inizia a fare le prime vittime anche nel nostro Paese. I pericoli delle nuove droghe, che negli Stati Uniti hanno causato una vera strage
Il Regno Unito commosso per la storia di Chloe e Adam
Il Regno Unito commosso per la storia di Chloe e Adam
Erano fidanzati da meno di un anno: lei si è uccisa impiccandosi senza lasciare un biglietto che spiegasse il gesto. Sei giorni dopo lui l’ha seguita gettandosi sotto un treno
Arrestato il mandante dell’omicidio
di Daphne Caruana Galizia
Arrestato il mandante dell’omicidio<br>di Daphne Caruana Galizia
Si tratta di Yorgen Fenech, spregiudicato proprietario di casinò e a capo di una cordata che si è aggiudicata un appalto miliardario, ma soprattutto collettore di tangenti che spartiva con alcuni ministri maltesi
Francia: il più grande caso di pedofilia
Francia: il più grande caso di pedofilia
Joël Le Scouarnec, chirurgo pediatrico, avrebbe abusato di oltre 250 bambini in quasi vent’anni di attività, malgrado una denuncia per possesso di materiale pedopornografico