Jesse, tradita da ChildLine

| Una sedicenne aveva confidato all’equivalente inglese del Telefono Azzurro i pensieri suicidi. L’operatore ha avvisato la polizia e lei, sentendosi tradita, si è tolta la vita

+ Miei preferiti
L’adolescente, che al telefono si era descritta come “un’anima bella”, aveva contattato “ChildLine”, l’equivalente del Telefono Arruzzo inglese, per confidarsi. Nel chiuso della sua cameretta, circondata da peluche e poster di cantanti, aveva confessato ad una voce gentile di essere depressa e che da tempo aveva pensieri ricorrenti sul suicidio.

L’operatore ChildLine sapeva solo che si chiamava Jesse e viveva con la famiglia a Scarborough, nel North Yorkshire. Ma quando la linea è caduta, interrompendo bruscamente la conversazione, l’operatrice era così preoccupata che dopo essersi consultata con i superiori ha deciso di contattare la “National Crime Agency”, chiedendo loro di rintracciare l’indirizzo IP del suo computer e inviando loro anche una trascrizione della conversazione con Jesse, trasmessa per conoscenza ad un operatore della zona, specializzato nel supporto psicologico adolescenziale.

All’1:30 del mattino, James Dunn, agente della North Yorkshire Police, bussa alla porta di casa Walker e chiede di Jesse: la madre gli risponde che sta dormendo. Un rapido controllo di persona, per capire che la ragazza non fosse in pericolo, e l’ufficiale se n’è andato: “La mamma sapeva che Jesse era stata su internet, ma a lei sembrava che fosse tutto a posto”.

Il mattino dopo, al risveglio, quando Jesse scopre che ChildLine aveva trasmesso i dettagli delle sue confidenze con la polizia, appare subito fortemente devastata: la madre Heather ricorda che “era arrabbiata perché la sua fiducia era stata tradita e presto tutti i suoi amici avrebbero saputo di quella telefonata. Poi ha aggiunto che era stanca ed è tornata in camera sua chiedendo di poter saltare la scuola”.

Jesse quel giorno resta a casa, passa la giornata ascoltando musica e guardando la TV. Quella sera, sua mamma è uscita con un’amica, e solo al ritorno, salendo al piano superiore per darle la buonanotte, la macabra scoperta: Jesse si era impiccata.

Insieme al patrigno, la mamma riesce a tirarla via il cappio dal collo, e l’intervento tempestivo di un’ambulanza sembra poter fare il miracolo, ma Jesse non ha mai ripreso conoscenza ed è morta poche ore dopo, il 23 gennaio di quest’anno.

L’inchiesta ha ricostruito per intero la vicenda, appurando che l’adolescente aveva una storia di autolesionismo ed era piuttosto stressata dai ritmi imposti dallo “Scarborough Sixth Form College”. Durante il processo, Heather, la mamma, ha avuto parole dure per tutti: nessuno le aveva detto che sua figlia era a rischio suicidio. “È stata vittima di un impressionante catalogo di errori da parte di coloro che avrebbero dovuto aiutarla e sostenerla. E invece l’hanno condannata”.

Cronaca
Hackerate le email di Ghislaine Maxwell
Hackerate le email di Ghislaine Maxwell
Il timore è che numerose email scambiate fra la reclutatrice di minorenni per conto di Jeffrey Epstein e personaggi in vista siano resi noti dai media, scatenando un vero cataclisma di proporzioni mondiali
L’incredibile caso dei pedofili di Rotherham
L’incredibile caso dei pedofili di Rotherham
Per decenni, gang di pakistani hanno sequestrato e violentato minorenni, ma la polizia non è mai intervenuta per evitare tensioni razziali. È l’allucinante conclusione di un’inchiesta conclusa in questi giorni
UK: picchiata perché lesbica
UK: picchiata perché lesbica
Dopo la quinta aggressione, una ventenne inglese ha deciso di divulgare le foto delle sue ferite: “Ormai ho paura di uscire di casa, ma voglio che la gente sappia”
Dublino: ucciso e decapitato nella guerra fra gang
Dublino: ucciso e decapitato nella guerra fra gang
I resti di Keane Mulready-Woods, 17 anni, sono stati trovati a km di distanza all’interno di una borsa e di un’auto data alle fiamme. La polizia sulle tracce del probabile assassino, un 35enne considerato un potenziale serial killer
Sicilia, il mistero dei sub restituiti dal mare
Sicilia, il mistero dei sub restituiti dal mare
Un terzo corpo è riemerso ieri a Termini Imerese: sul mistero indagano cinque procure, e al momento non si esclude alcuna pista. L’incidente durante una battuta di pesca o durante la consegna di una partita di droga
L’ex parroco confessa: “Molestavo 4 o 5 bimbi ogni settimana”
L’ex parroco confessa: “Molestavo 4 o 5 bimbi ogni settimana”
Bernard Preynat, ex parroco della chiesa di Sainte-Foy-Les Lyon, ammette le sue responsabilità alle prime battute del processo: “Non mi rendevo conto di fare del male, provavo piacere”
I nuovi misteri del furto del secolo
I nuovi misteri del furto del secolo
Due episodi si aggiungono al clamoroso furto di gioielli dello scorso novembre al castello di Dresda. Qualcuno avrebbe offerto due dei preziosi ad una società, chiedendo anche di indagare sulle misure di sicurezza del museo
Modella inglese muore precipitando da una scogliera
Modella inglese muore precipitando da una scogliera
Madalyn Davis, che da poche settimane si era trasferita in Australia, è caduta da una pericolosa scogliera nella costa di Sydney
Bimbo di 10 anni trovato morto nel carrello di un aereo
Bimbo di 10 anni trovato morto nel carrello di un aereo
Il piccolo sarebbe riuscito a intrufolarsi nel vano del carrello di un aereo diretto a Parigi superando la sorveglianza di un aeroporto della Costa d’Avorio. Le basse temperature non gli hanno lasciato scampo
Ergastolo allo stupratore seriale di Manchester
Ergastolo allo stupratore seriale di Manchester
In 12 anni avrebbe abusato di centinaia di giovani eterosessuali di cui conquistava la fiducia, per poi violentarli nel suo appartamento dopo averli drogati. È stato condannato per 159 capi d’accusa, con 136 stupri