Jesse, tradita da ChildLine

| Una sedicenne aveva confidato all’equivalente inglese del Telefono Azzurro i pensieri suicidi. L’operatore ha avvisato la polizia e lei, sentendosi tradita, si è tolta la vita

+ Miei preferiti
L’adolescente, che al telefono si era descritta come “un’anima bella”, aveva contattato “ChildLine”, l’equivalente del Telefono Arruzzo inglese, per confidarsi. Nel chiuso della sua cameretta, circondata da peluche e poster di cantanti, aveva confessato ad una voce gentile di essere depressa e che da tempo aveva pensieri ricorrenti sul suicidio.

L’operatore ChildLine sapeva solo che si chiamava Jesse e viveva con la famiglia a Scarborough, nel North Yorkshire. Ma quando la linea è caduta, interrompendo bruscamente la conversazione, l’operatrice era così preoccupata che dopo essersi consultata con i superiori ha deciso di contattare la “National Crime Agency”, chiedendo loro di rintracciare l’indirizzo IP del suo computer e inviando loro anche una trascrizione della conversazione con Jesse, trasmessa per conoscenza ad un operatore della zona, specializzato nel supporto psicologico adolescenziale.

All’1:30 del mattino, James Dunn, agente della North Yorkshire Police, bussa alla porta di casa Walker e chiede di Jesse: la madre gli risponde che sta dormendo. Un rapido controllo di persona, per capire che la ragazza non fosse in pericolo, e l’ufficiale se n’è andato: “La mamma sapeva che Jesse era stata su internet, ma a lei sembrava che fosse tutto a posto”.

Il mattino dopo, al risveglio, quando Jesse scopre che ChildLine aveva trasmesso i dettagli delle sue confidenze con la polizia, appare subito fortemente devastata: la madre Heather ricorda che “era arrabbiata perché la sua fiducia era stata tradita e presto tutti i suoi amici avrebbero saputo di quella telefonata. Poi ha aggiunto che era stanca ed è tornata in camera sua chiedendo di poter saltare la scuola”.

Jesse quel giorno resta a casa, passa la giornata ascoltando musica e guardando la TV. Quella sera, sua mamma è uscita con un’amica, e solo al ritorno, salendo al piano superiore per darle la buonanotte, la macabra scoperta: Jesse si era impiccata.

Insieme al patrigno, la mamma riesce a tirarla via il cappio dal collo, e l’intervento tempestivo di un’ambulanza sembra poter fare il miracolo, ma Jesse non ha mai ripreso conoscenza ed è morta poche ore dopo, il 23 gennaio di quest’anno.

L’inchiesta ha ricostruito per intero la vicenda, appurando che l’adolescente aveva una storia di autolesionismo ed era piuttosto stressata dai ritmi imposti dallo “Scarborough Sixth Form College”. Durante il processo, Heather, la mamma, ha avuto parole dure per tutti: nessuno le aveva detto che sua figlia era a rischio suicidio. “È stata vittima di un impressionante catalogo di errori da parte di coloro che avrebbero dovuto aiutarla e sostenerla. E invece l’hanno condannata”.

Cronaca
Francia, 800 kg di cocaina riconsegnati dal mare
Francia, 800 kg di cocaina riconsegnati dal mare
Dal 18 ottobre scorso, su un lungo tratto della costa atlantica francese si susseguono i ritrovamenti di panetti di cocaina purissima. L’inchiesta della procura per adesso si limita a supposizioni
Lo scontro di due aerei militari causato da un selfie
Lo scontro di due aerei militari causato da un selfie
È accaduto nel dicembre dello scorso anno al largo delle coste giapponesi: l’inchiesta ha accertato che un pilota si stava scattando dei selfie, mentre l’altro leggeva un libro
Trovato morto il fondatore dei White Helmets
Trovato morto il fondatore dei White Helmets
Ex agente segreto britannico, Jack Le Mesurier aveva creato una ong che agisce nei teatri di guerra siriani. Pochi giorni fa la Russia l’aveva accusato di terrorismo
Nuovi guai per Roman Polanski
Nuovi guai per Roman Polanski
Nel 1975, la giovane Valentine Monnier fu violentata senza pietà dal regista in uno chalet di Gstaad: 44 anni ha raccontato tutto, spinta proprio dall’ultimo film di Polanski
La coppia diabolica che sognava sesso e sangue
La coppia diabolica che sognava sesso e sangue
Paul e Angela, due amanti inglesi, hanno eliminato il ricco marito di lei per poter vivere insieme. A loro carico una serie di messaggi agghiaccianti in cui sognavano di fare sesso nel sangue del marito
Germania, finta dottoressa arrestata per quattro morti
Germania, finta dottoressa arrestata per quattro morti
Ha lavorato per quattro anni in ospedale, dove aveva presentato una documentazione falsa: è accusata di quattro decessi e otto persone ferite in modo grave
Ucciso l’hair stylist di CR7
Ucciso l’hair stylist di CR7
Il corpo di Ricardo Marques Ferreira trovato nel letto di un hotel di Zurigo in un lago di sangue. La polizia ha fermato un uomo di 39 anni
Storie di morte dal tir degli orrori
Storie di morte dal tir degli orrori
I messaggi di addio alla famiglia di Pham Thi Tra My, una ragazza vietnamita di 26 anni. Le indagini della polizia sulle spietate bande di trafficanti di esseri umani che dominano le tratte internazionali
Rinviato il processo ai rapitori di Silvia Romano
Rinviato il processo ai rapitori di Silvia Romano
“Nuovi e fondamentali elementi” hanno convinto i giudici keniani a far slittare il processo a carico di tre dei presunti sequestratori della giovane milanese
Londra: nel tir l’ennesima
strage dei migranti
Londra: nel tir l’ennesima<br>strage dei migranti
È il sospetto della polizia, che ammette le difficoltà di dare un nome ai 39 cadaveri ritrovati all'interno di un container. Non si tratta di un caso isolato: numerosi i precedenti