Jesse, tradita da ChildLine

| Una sedicenne aveva confidato all’equivalente inglese del Telefono Azzurro i pensieri suicidi. L’operatore ha avvisato la polizia e lei, sentendosi tradita, si è tolta la vita

+ Miei preferiti
L’adolescente, che al telefono si era descritta come “un’anima bella”, aveva contattato “ChildLine”, l’equivalente del Telefono Arruzzo inglese, per confidarsi. Nel chiuso della sua cameretta, circondata da peluche e poster di cantanti, aveva confessato ad una voce gentile di essere depressa e che da tempo aveva pensieri ricorrenti sul suicidio.

L’operatore ChildLine sapeva solo che si chiamava Jesse e viveva con la famiglia a Scarborough, nel North Yorkshire. Ma quando la linea è caduta, interrompendo bruscamente la conversazione, l’operatrice era così preoccupata che dopo essersi consultata con i superiori ha deciso di contattare la “National Crime Agency”, chiedendo loro di rintracciare l’indirizzo IP del suo computer e inviando loro anche una trascrizione della conversazione con Jesse, trasmessa per conoscenza ad un operatore della zona, specializzato nel supporto psicologico adolescenziale.

All’1:30 del mattino, James Dunn, agente della North Yorkshire Police, bussa alla porta di casa Walker e chiede di Jesse: la madre gli risponde che sta dormendo. Un rapido controllo di persona, per capire che la ragazza non fosse in pericolo, e l’ufficiale se n’è andato: “La mamma sapeva che Jesse era stata su internet, ma a lei sembrava che fosse tutto a posto”.

Il mattino dopo, al risveglio, quando Jesse scopre che ChildLine aveva trasmesso i dettagli delle sue confidenze con la polizia, appare subito fortemente devastata: la madre Heather ricorda che “era arrabbiata perché la sua fiducia era stata tradita e presto tutti i suoi amici avrebbero saputo di quella telefonata. Poi ha aggiunto che era stanca ed è tornata in camera sua chiedendo di poter saltare la scuola”.

Jesse quel giorno resta a casa, passa la giornata ascoltando musica e guardando la TV. Quella sera, sua mamma è uscita con un’amica, e solo al ritorno, salendo al piano superiore per darle la buonanotte, la macabra scoperta: Jesse si era impiccata.

Insieme al patrigno, la mamma riesce a tirarla via il cappio dal collo, e l’intervento tempestivo di un’ambulanza sembra poter fare il miracolo, ma Jesse non ha mai ripreso conoscenza ed è morta poche ore dopo, il 23 gennaio di quest’anno.

L’inchiesta ha ricostruito per intero la vicenda, appurando che l’adolescente aveva una storia di autolesionismo ed era piuttosto stressata dai ritmi imposti dallo “Scarborough Sixth Form College”. Durante il processo, Heather, la mamma, ha avuto parole dure per tutti: nessuno le aveva detto che sua figlia era a rischio suicidio. “È stata vittima di un impressionante catalogo di errori da parte di coloro che avrebbero dovuto aiutarla e sostenerla. E invece l’hanno condannata”.

Cronaca
Violentata e uccisa a 8 anni da una coppia
Violentata e uccisa a 8 anni da una coppia
Vika si era allontana da casa dopo aver litigato con i genitori: è diventata la vittima di una coppia che l’ha violentata e soffocata. La donna si è presentata alla polizia per raccontare l’accaduto: “Ho tentato di fermarlo”
Naya Rivera, mistero fitto sulla scomparsa
Naya Rivera, mistero fitto sulla scomparsa
Ancora nessuna traccia del corpo della star di “Glee”, scomparsa nel lago Piru, in California. Secondo alcuni potrebbe essere un caso di suicidio
Coppia di fidanzati fatti a pezzi in un trolley
Coppia di fidanzati fatti a pezzi in un trolley
La valigia, ritrovata su una scogliera da un gruppo di ragazzini, conteneva i resti smembrati di Jessica Lewis e Austin Wenner, di cui non si sapeva nulla da giorni
Il blitz della cattura di Ghislaine Maxwell
Il blitz della cattura di Ghislaine Maxwell
L’FBI ha confermato che era sulle tracce della complice di Epstein da un anno: era stata individuata due volte, ed è sempre riuscita a sfuggire. Ora inizia la battaglia del suo agguerrito team legale
Lo sfacciato immobiliarista che riciclava denaro sporco
Lo sfacciato immobiliarista che riciclava denaro sporco
Oltre a decine di furti e frodi, Ramon Olorunwa Abbas era un esperto nel “ripulire” grosse somme di denaro frutto di traffici illeciti. Fra le vittime anche un club della Premier League inglese
Il Golden State Killer
si dichiara colpevole
Il Golden State Killer<br>si dichiara colpevole
Ha ammesso stupri e omicidi che per 40 anni hanno tolto il sonno a due contee californiane, in cambio della vita: non salirà sul patibolo, ma sconterà almeno 11 ergastoli dietro le sbarre
Londra: condannato il giovane della Tate Modern
Londra: condannato il giovane della Tate Modern
Il 18enne che un anno fa spinse dal balcone un bimbo di sei anni condannato dalla giustizia inglese per omicidio volontario
Justin Bieber cita due donne che lo accusano di stupro
Justin Bieber cita due donne che lo accusano di stupro
Danielle e Kadi hanno raccontato sui social di essere state violentate in albergo ad un anno di distanza una dall’altra. L’artista canadese nega dicendo di avere le prove che in quei giorni si trovava da altre parti, e parte al contrattacco
Suicida una giovanissima star di «TikTok»
Suicida una giovanissima star di «TikTok»
A 16 anni, Siya Kakkar era seguita da milioni di follower in tutto il mondo. Inspiegabili i motivi del gesto: aveva numerosi progetti futuri
Scarcerata la giovane che ha ucciso il suo violentatore
Scarcerata la giovane che ha ucciso il suo violentatore
Dopo due anni di abusi, nel 2018 Chrystul Kizer aveva ucciso l’uomo che la violentava e vendeva ad altri. Al suo fianco si è schierata un’imponente campagna mediatica e di supporto economico