Piange la killer di Gorlago: 'Voglio tornare a casa'

| Il 26 giugno la Cassazione deciderà sulla sua richiesta di scarcerazione dopo il No del Riesame. "E' incensurata, ha tre figli, non costituisce un pericolo", motiva il suo avvocato. Ha ucciso la rivale e poi l'ha bruciata ancora in vita

+ Miei preferiti

E così Chiara Alessandri, la 44enne di Gorlago che ha assassinato Stefania Crotti, 42, e che ne ha incendiato il corpo quando la vittima era ancora viva, ci riprova. Chiede la scarcerzione, di tornare libera, o ai domiciliari, in attesa del processo, per potersi ricongiungersi “con i suoi tre figlli. Dopo il no del Riesame a sarà ora la Cassazione a decidere sulla custodia in carcere di Chiara Alessandria  dal 19 gennaio dal 19 gennaio scorso in una cella Brescia-Verziano. S decide il 26 giugno. 

Nelle dieci pagine il Tribunale del Riesame di Brescia aveva motivato la decisione di respingere la richiesta dell’avvocato Gianfranco Ceci di concedere i domiciliari a Chiara Alessandri, "al fine di poter seguire i tre figli piccoli". La donna, catechista e rappresentate dei genitori nella scuola locale, sposata e separata, ha colpito per quattro volte Stefania alla testa, con un martello, ma quando ha appiccato il fuoco in una radura, scelta per cura per liberarsi del cadavere e depistare le indagini, Stefania Crotti era ancora viva. Ha respirato fumo, lo dimostra una traccia di carbossiemoglobina (monossido di carbonio ed emoglobina all’interno dei globuli rossi) del 15 per cento. Movente: aveva avuto una breve relazione con il marito della vittima, madre di una bimba di 7 annii, il quale l'aveva abbandonata per tornare in famiglia. Il Tribunale aveva poi esaminato le dichiarazioni di Angelo Pezzotta, l’ex dell’assassina che si era prestato a prelevare Stefania all’uscita dal lavoro per accompagnarla a una “festa con sorpresa” a cui doveva esserci anche il marito con cui s’era rappacificata. l’uomo, secondo i giudici, era “ in assoluta buona fede, acconsenti alla richiesta di Chiara Alessandri di prelevare Stefania sul luogo di lavoro e accompagnarla a casa dell’Alessandri, in via San Rocco a Gorlago”. Nel primo interrogatorio dopo il fermo, i carabinieri aveva registrato, in una stanza della caserma, un colloquio con Pezzotto, solo teste, in cui emergerebbe l’innocenza dell’artigiano bergamasco. Quindi le tracce di sangue nel garage dove Stefania fu colpita con feroce violenza e la ricostruzione del percorso compiuto dalla sua Mercedes subito dopo l’aggressione. Alle 18.24 l’auto di Chiara è localizzata nella radura di  Adro. Sei minuti per scaricare scarica il corpo, da bagaglio, avvolto dalle coperte,  a appiccare il fuoco dopo averlo irrorato di benzina.L’ora della morte, le 18.30, la racconta l’orologio di Stefania, fermo per sempre inquell’ora. Secondo il difensore, Alessandri che è incensurata, madre di 3 bambini, non potrebbe più alterare le prove o costituire un pericolo per gli altri, ma i giudici la ritengono invece “pericolosa, per la sua indole”, incapace di frenare le sue “pulsioni criminali”. E dunque è prevalente l’interesse di “tutelare la collettività”, mentre i tre figli sono stati affidati ai familiari. “È anche una donna segnata dalla sfortuna, che ha perso il padre in giovane età, esattamente come il fratello”, scrive il legale ma questo non “giustifica il delitto”.. Secondo i giudici del Riesame ha una “indole estremamente pericolosa”. Il ruolo sociale “non ha frenato le sue pulsioni criminose”. La cura dei bambini è assicurata dai familiari ed è  più importante la “tutela della collettività”.

 
Cronaca
Assalto al cantiere Tav: 20 denunciati
Assalto al cantiere Tav: 20 denunciati
Una notte di tensione a Chiomonte: 200 attivisti hanno tentato di avvicinarsi al cantiere dell’Alta Velocità. Dopo un lancio di sassi e razzi, domato un pericoloso principio d’incendio
McDonald's, dipendenti abusati e costretti al silenzio
McDonald
Drammatico report dei sindacati britannici, molto spesso le vittime sono pagate per tacere. Denuncianti oltre 1000 casi di donne molestate. I "predatori" spesso vengono solo trasferiti. La complicità dei manager
Assassina contro assassina
Assassina contro assassina
Le pluri-omicide Rose West e Joanna Dennehy si sono ritrovate nello stesso carcere. Rose è stata trasferita, l'altra aveva promesso: "La ucciderò, la odio"
Messaggio nella bottiglia, ritrovato l'autore
Messaggio nella bottiglia, ritrovato l
L'aveva lanciata nei mari dell'Australia appena 13enne, la lettera ritrovata da 2 pescatori australiani pochi giorni fa su una spiaggia del Sud
Vuole divorziare e affida il suo patrimonio a un amico: sparito
Vuole divorziare e affida il suo patrimonio a un amico: sparito
"'L'amico" ("era un investimento") non vuole restituirli, lei nel frattempo s'è riconciliata con il consorte. Un Tribunale le ha dato ragione
Caso Orlandi, 24 sacchi di ossa umane
Caso Orlandi, 24 sacchi di ossa umane
Aperti gli ossari, recuperate dai periti del pm decine di resti umani che saranno ora esaminati. I media Uk intervistano il fratello di Emanuela, scomparsa a 15 anni
Eredità, i figli di Liz Hurley battono il nonno diabolico
Eredità, i figli di Liz Hurley battono il nonno diabolico
Damian e Kira, nati dalla relazione con il magnate Stephen Bing erano stati estromessi dal nonno da un'eredità da 380 milioni di sterline. "non li considero miei nipoti, mai visti". Ma i giudici gli hanno dato torto
Truffò George Cloney, estradata in Italia
Truffò George Cloney, estradata in Italia
Con il complice Francesco Galdelli aveva prodotto un marchio di moda con il nome dell'attore USA. Presi in Thailandia, lui è ancora in carcere. Decine di colpi
Uccisa perché troppo bella
Uccisa perché troppo bella
La tragica fine di una 17enne russa, punita dalle sue migliori amiche perché più appariscente e desiderata: un delitto che ha sconvolto anche la polizia per la ferocia
Marocco, a morte gli assassini delle due ragazze
Marocco, a morte gli assassini delle due ragazze
Si è concluso dopo poco più di due mesi il processo per l’omicidio di Louisa e Maren, violentate a decapitate lo scorso dicembre. Durissima la decisione della corte