Piange la killer di Gorlago: 'Voglio tornare a casa'

| Il 26 giugno la Cassazione deciderà sulla sua richiesta di scarcerazione dopo il No del Riesame. "E' incensurata, ha tre figli, non costituisce un pericolo", motiva il suo avvocato. Ha ucciso la rivale e poi l'ha bruciata ancora in vita

+ Miei preferiti

E così Chiara Alessandri, la 44enne di Gorlago che ha assassinato Stefania Crotti, 42, e che ne ha incendiato il corpo quando la vittima era ancora viva, ci riprova. Chiede la scarcerzione, di tornare libera, o ai domiciliari, in attesa del processo, per potersi ricongiungersi “con i suoi tre figlli. Dopo il no del Riesame a sarà ora la Cassazione a decidere sulla custodia in carcere di Chiara Alessandria  dal 19 gennaio dal 19 gennaio scorso in una cella Brescia-Verziano. S decide il 26 giugno. 

Nelle dieci pagine il Tribunale del Riesame di Brescia aveva motivato la decisione di respingere la richiesta dell’avvocato Gianfranco Ceci di concedere i domiciliari a Chiara Alessandri, "al fine di poter seguire i tre figli piccoli". La donna, catechista e rappresentate dei genitori nella scuola locale, sposata e separata, ha colpito per quattro volte Stefania alla testa, con un martello, ma quando ha appiccato il fuoco in una radura, scelta per cura per liberarsi del cadavere e depistare le indagini, Stefania Crotti era ancora viva. Ha respirato fumo, lo dimostra una traccia di carbossiemoglobina (monossido di carbonio ed emoglobina all’interno dei globuli rossi) del 15 per cento. Movente: aveva avuto una breve relazione con il marito della vittima, madre di una bimba di 7 annii, il quale l'aveva abbandonata per tornare in famiglia. Il Tribunale aveva poi esaminato le dichiarazioni di Angelo Pezzotta, l’ex dell’assassina che si era prestato a prelevare Stefania all’uscita dal lavoro per accompagnarla a una “festa con sorpresa” a cui doveva esserci anche il marito con cui s’era rappacificata. l’uomo, secondo i giudici, era “ in assoluta buona fede, acconsenti alla richiesta di Chiara Alessandri di prelevare Stefania sul luogo di lavoro e accompagnarla a casa dell’Alessandri, in via San Rocco a Gorlago”. Nel primo interrogatorio dopo il fermo, i carabinieri aveva registrato, in una stanza della caserma, un colloquio con Pezzotto, solo teste, in cui emergerebbe l’innocenza dell’artigiano bergamasco. Quindi le tracce di sangue nel garage dove Stefania fu colpita con feroce violenza e la ricostruzione del percorso compiuto dalla sua Mercedes subito dopo l’aggressione. Alle 18.24 l’auto di Chiara è localizzata nella radura di  Adro. Sei minuti per scaricare scarica il corpo, da bagaglio, avvolto dalle coperte,  a appiccare il fuoco dopo averlo irrorato di benzina.L’ora della morte, le 18.30, la racconta l’orologio di Stefania, fermo per sempre inquell’ora. Secondo il difensore, Alessandri che è incensurata, madre di 3 bambini, non potrebbe più alterare le prove o costituire un pericolo per gli altri, ma i giudici la ritengono invece “pericolosa, per la sua indole”, incapace di frenare le sue “pulsioni criminali”. E dunque è prevalente l’interesse di “tutelare la collettività”, mentre i tre figli sono stati affidati ai familiari. “È anche una donna segnata dalla sfortuna, che ha perso il padre in giovane età, esattamente come il fratello”, scrive il legale ma questo non “giustifica il delitto”.. Secondo i giudici del Riesame ha una “indole estremamente pericolosa”. Il ruolo sociale “non ha frenato le sue pulsioni criminose”. La cura dei bambini è assicurata dai familiari ed è  più importante la “tutela della collettività”.

 
Cronaca
Arrestato il fondatore del Cirque du Soleil
Arrestato il fondatore del Cirque du Soleil
Guy Laliberté sarebbe trattenuto dalla polizia a Tahiti: nel suo atollo privato è stata rinvenuta una grande piantagione di cannabis. La vita esagerata di un eccentrico ex artista di strada diventato miliardario
Francia, 800 kg di cocaina riconsegnati dal mare
Francia, 800 kg di cocaina riconsegnati dal mare
Dal 18 ottobre scorso, su un lungo tratto della costa atlantica francese si susseguono i ritrovamenti di panetti di cocaina purissima. L’inchiesta della procura per adesso si limita a supposizioni
Lo scontro di due aerei militari causato da un selfie
Lo scontro di due aerei militari causato da un selfie
È accaduto nel dicembre dello scorso anno al largo delle coste giapponesi: l’inchiesta ha accertato che un pilota si stava scattando dei selfie, mentre l’altro leggeva un libro
Trovato morto il fondatore dei White Helmets
Trovato morto il fondatore dei White Helmets
Ex agente segreto britannico, Jack Le Mesurier aveva creato una ong che agisce nei teatri di guerra siriani. Pochi giorni fa la Russia l’aveva accusato di terrorismo
Nuovi guai per Roman Polanski
Nuovi guai per Roman Polanski
Nel 1975, la giovane Valentine Monnier fu violentata senza pietà dal regista in uno chalet di Gstaad: 44 anni ha raccontato tutto, spinta proprio dall’ultimo film di Polanski
La coppia diabolica che sognava sesso e sangue
La coppia diabolica che sognava sesso e sangue
Paul e Angela, due amanti inglesi, hanno eliminato il ricco marito di lei per poter vivere insieme. A loro carico una serie di messaggi agghiaccianti in cui sognavano di fare sesso nel sangue del marito
Germania, finta dottoressa arrestata per quattro morti
Germania, finta dottoressa arrestata per quattro morti
Ha lavorato per quattro anni in ospedale, dove aveva presentato una documentazione falsa: è accusata di quattro decessi e otto persone ferite in modo grave
Ucciso l’hair stylist di CR7
Ucciso l’hair stylist di CR7
Il corpo di Ricardo Marques Ferreira trovato nel letto di un hotel di Zurigo in un lago di sangue. La polizia ha fermato un uomo di 39 anni
Storie di morte dal tir degli orrori
Storie di morte dal tir degli orrori
I messaggi di addio alla famiglia di Pham Thi Tra My, una ragazza vietnamita di 26 anni. Le indagini della polizia sulle spietate bande di trafficanti di esseri umani che dominano le tratte internazionali
Rinviato il processo ai rapitori di Silvia Romano
Rinviato il processo ai rapitori di Silvia Romano
“Nuovi e fondamentali elementi” hanno convinto i giudici keniani a far slittare il processo a carico di tre dei presunti sequestratori della giovane milanese