Quella macchina da soldi dei falsi abusi sessuali

| Minori indotti ad accusare i genitori naturali di violenze dopo il lavaggio del cervello anche con stimolatori elettrici. In cella 18 persone in Emilia, coinvolta onlus torinese. Domiciliari per il sindaco dem. Reazioni, grillini scatenati

+ Miei preferiti
Di Alberto C.Ferro

Un sistematico lavaggio del cervello, bambini  sottoposti a stimolazioni elettriche, la finta "macchinetta dei ricordi” per "alterare la memoria in prossimità dei colloqui giudiziari". l

L'inchiesta Angeli e Demoni sulla rete dei servizi sociali della Val D'Enza, nel Reggiano, mette in luce un  sistema che, se le accuse sono vere, avrebbe sfruttato le difficoltà familiari di decine di bambini per sottrarli al potestà dei genitori naturali per affidarli a persone spesso non idonee ma lautamente pagate dallo Stato. Diciotto persone arrestate, tra cui il sindaco Pd di Bibbiano Andrea Carletti, ai domiciliari. Con lui medici, assistenti sociali, liberi professionisti, psicologi e psicoterapeuti di una Onlus di Moncalieri, in provincia di Torino, perquisita in queste ore.

Le misure cautelari sono state eseguite dai carabinieri di Reggio Emilia. Agli arresti anche la responsabile del servizio sociale integrato dell'Unione di Comuni della Val d'Enza, una coordinatrice, un'assistente sociale e due psicoterapeuti della Onlus torinese. Altre otto misure interdittive di divieto temporaneo di esercitare attività professionali, contro altrettanti dirigenti comunali, operatori socio-sanitari, educatori.

L'inchiesta, coordinata dal sostituto procuratore di Reggio Emilia Valentina Salvi,  s’è concentrata sui servizi sociali della Val D'Enza, accusati di aver redatto false relazioni per allontanare bambini dalle famiglie e collocarli in affido retribuito da amici e conoscenti dunque “un illecito business ai danni di decine e decine di minori sottratti alle rispettive famiglie”. Contestati i reati di frode processuale, depistaggio, abuso d'ufficio, maltrattamenti su minori, lesioni gravissime, falso in atto pubblico, violenza privata, tentata estorsione, peculato d’uso. I minori venivano allontanati dalle rispettive famiglie attraverso le "più ingannevoli e disparate attività”. Attraverso "relazioni mendaci, disegni dei bambini artefatti attraverso la 'mirata aggiunta' di connotazioni sessuali”, “terapeuti travestiti da personaggi cattivi delle fiabe messi in scena ai minori in rappresentazione dei genitori intenti a fargli del male”, “falsi ricordi di abusi sessuali ingenerati con gli elettrodi”. Le lettere e i regali dati dai genitori naturali ai figli nel corso degli anni erano accatastati in un magazzino. Mai consegnati. Tra gli affidatari dei minori anche titolari di sexy shop, persone con problematiche psichiche e con figli suicidi. Gli abusi sessuali erano invece avvenuti quando i minori erano stati affidati alle famiglie affidatarie ed in comunità. Il caso più grave un bimbo stuprato da un familiare della coppia affidataria. Alcune vittime dei reati, oggi adolescenti, "manifestano profondi segni di disagio, tossicodipendenza e gesti di autolesionismo" evidenziano i carabinieri di Reggio Emilia, che hanno svolto gli accertamenti. L’inchiesta è iniziata quasi per caso, nell’estate 2018 dopo un'anomala escalation di denunce all'Autorità Giudiziaria, da parte dei servizi sociali coinvolti,  per cento di minori sessualmente abusati dai genitori. Ma ogni volta mancavano riscontri credibili. 

LE REAZIONI, GRILLINI SCATENATI

Da Osaka il premier Giuseppe Conte: "Tutto ciò che riguarda i bambini rischia di essere drammatico. Ho letto le notizie su Reggio Emilia. Se fossero confermate, si tratta di ipotesi accusatorie sconvolgenti e raccapriccianti”. Ma, vista la presenza di un politico del pd, il più vivace è il vicepremier grillino Luigi Di Maio: "Una galleria di atrocità assolute che grida vendetta, orrori simili non sono accettabili. Quello che viene spacciato per un modello nazionale a cui ispirarsi sul tema della tutela dei minori abusati, il modello Emilia proposto dal Pd, si rivela oggi come un sistema da incubo. Zingaretti: “Schifoso e orribile quanto emerge dall'inchiesta 'Angeli e Demoni' sulla gestione di minori. Si vada avanti, fino in fondo, per accertare le responsabilità, la verità e per punire i colpevoli senza esitazione. Patetici i tentativi di strumentalizzare politicamente questo dramma”.

SOLIDARIETA’ AL SINDACO

Ma la giunta del Comune di Bibbiano esprime invece solidarietà al sindaco Andrea Carletti, ora ai domiciliari: "Ha sempre dimostrato attenzione e cuore verso tematiche che anche noi riteniamo prioritarie: legalità, trasparenza e cura per le persone. Abbiamo assoluta certezza che Andrea abbia sempre operato nel rispetto delle norme. La nostra fiducia incondizionata va al lavoro della Magistratura, che ci auguriamo faccia luce sui fatti al più presto. Prima che come sindaco, conosciamo Andrea come uomo e siamo assolutamente convinti della sua estraneità ai fatti”. “Ciò che sta emergendo ha contorni che, se confermati, sarebbero di una gravità inaudita. In quel caso, è chiaro che la Regione si troverebbe ad essere parte lesa. E, soprattutto, in quel caso, la Regione si aspetta che i delinquenti siamo puniti severamente, come meritano” precisa Sergio Venturi, assessore regionale alla Sanità”. Forse, un minimo di cautela sarebbe necessaria, le indagini non sono concluse. Bisognerà aspettare, sperando in tempi rapidi, almeno il giudizio del primo grado per formulare un giudizio credibile su una vicenda, almeno in apparenza, spaventosa.

 

Cronaca
«Naya è morta per salvare il figlio»
«Naya è morta per salvare il figlio»
Nell’attesa degli esiti dell’autopsia sul corpo rinvenuto nelle acque del lago Piru, lo sceriffo ipotizza quella che ritiene la versione più verosimile. Resta da capire se l'attrice sia stata colta da malore
Si uccide in diretta su Facebook
Si uccide in diretta su Facebook
Un attivista per i programmi di salute mentale inglese si è tolto la vita davanti a 400 persone che lo imploravano di non farlo. Proteste e polemiche all’indirizzo del social network
È morta Kelly Preston, moglie di John Travolta
È morta Kelly Preston, moglie di John Travolta
L’annuncio dato dall’attore sul suo profilo Facebook: da due anni lottava contro una forma molto aggressiva di cancro al seno. La coppia era sposta da quasi 30 anni
Violentata e uccisa a 8 anni da una coppia
Violentata e uccisa a 8 anni da una coppia
Vika si era allontana da casa dopo aver litigato con i genitori: è diventata la vittima di una coppia che l’ha violentata e soffocata. La donna si è presentata alla polizia per raccontare l’accaduto: “Ho tentato di fermarlo”
Naya Rivera, mistero fitto sulla scomparsa
Naya Rivera, mistero fitto sulla scomparsa
Ancora nessuna traccia del corpo della star di “Glee”, scomparsa nel lago Piru, in California. Secondo alcuni potrebbe essere un caso di suicidio
Coppia di fidanzati fatti a pezzi in un trolley
Coppia di fidanzati fatti a pezzi in un trolley
La valigia, ritrovata su una scogliera da un gruppo di ragazzini, conteneva i resti smembrati di Jessica Lewis e Austin Wenner, di cui non si sapeva nulla da giorni
Il blitz della cattura di Ghislaine Maxwell
Il blitz della cattura di Ghislaine Maxwell
L’FBI ha confermato che era sulle tracce della complice di Epstein da un anno: era stata individuata due volte, ed è sempre riuscita a sfuggire. Ora inizia la battaglia del suo agguerrito team legale
Lo sfacciato immobiliarista che riciclava denaro sporco
Lo sfacciato immobiliarista che riciclava denaro sporco
Oltre a decine di furti e frodi, Ramon Olorunwa Abbas era un esperto nel “ripulire” grosse somme di denaro frutto di traffici illeciti. Fra le vittime anche un club della Premier League inglese
Il Golden State Killer
si dichiara colpevole
Il Golden State Killer<br>si dichiara colpevole
Ha ammesso stupri e omicidi che per 40 anni hanno tolto il sonno a due contee californiane, in cambio della vita: non salirà sul patibolo, ma sconterà almeno 11 ergastoli dietro le sbarre
Londra: condannato il giovane della Tate Modern
Londra: condannato il giovane della Tate Modern
Il 18enne che un anno fa spinse dal balcone un bimbo di sei anni condannato dalla giustizia inglese per omicidio volontario