Regeni, due anni fa fu torturato e ucciso

| Ieri molta gente alla fiaccolata in memoria del ricercatore, attesa per gli esiti delle analisi della memoria dei pc di Maha Abdel Raham, la docente di Cambridge che aveva indotto Giulio a mettersi in contatto con i sindacati ambulanti

+ Miei preferiti

Stasera a Torino una fiaccolata organizzata da Amnesty International ricorderà Giulio Regeni a due anni dalla ultima volta che fu visto in vita. A partire dalle 19 in piazza Castello sfilerà una corteo, cui il Comune ha dato patrocinio, per chiedere ancora verità e giustizia. Per evidenziare la volontà d’adesione della Città di Torino all’appello di Amnesty, una chiamata che non è soltanto di Amnesty ma di tutta la società civile del Paese, sempre giovedì ma alle 12,30 verrà nuovamente esposto al balcone di via Corte d’Appello 16, sede di uffici e assessorati comunali, lo striscione giallo con la scritta “Verità per Giulio Regeni”, presenti le autorità e i coordinatori torinesi di Amnesty International.

Ma intanto diventa più chiara la realtà che fa scenario all’atroce morte del ricercatore italiano. La docente di Cambridge Maha Abdel Raham non avrebbe detto tutta la verità ai pm di Roma. La prof convinse Giulio Regeni a compiere studi sui sindacati indipendenti egiziani - organismi contrastati dal governo del presidente al-Sisi - sollecitando anche le domande da porre ai soggetti intervistati dal giovane ricercatore, sequestrato il 25 gennaio 2016 in una presunta operazione di polizia e trovato morto il successivo 3 febbraio sull’autostrada che collega Alessandria al Cairo. L’analisi dei computer conferma che fu lei a convincere Giulio a compiere quegli studi sui sindacati indipendenti. I pm ne sono certi: sequestro, torture e omicidio di Giulio Regeni sono legati al tentativo di analisi sui sindacati finito in tragedia. Secondo i pm sarebbe stata la stessa docente a elaborare i moduli per condurre la ricerca che Regeni avrebbe dovuto sottoporre ai venditori ambulanti egiziani, legati ai sindacati indipendenti e in stato di grande tensione con il governo, visto che erano tutti in qualche modo eredi dei Fratelli Mussulmani. Domande a cui gli ambulanti dovevano rispondere e che non lasciano dubbi a interpretazioni: ”La polizia ti dà problemi?”, “Cosa fai quando arriva la polizia?”, “Il Governo tenta di ostacolare la vostra attività? Se sì, come?”, ”Come trattano le autorità statali il vostro sindacato?”». Scritto i pm italiani: «Dalle indagini emerge la determinazione della professoressa nel richiedere ai propri studenti interviste sul campo al Cairo per raccogliere materiale di analisi sui sindacati autonomi. Emergono le figure di alcuni studenti di Cambridge inviati in Egitto per questo tipo di ricerca e allontanati dalle autorità egiziane. Lo stesso Regeni raccontava agli amici di una collega di Cambridge che, mandata in Egitto l’anno precedente per svolgere la sua stessa ricerca, era stata espulsa dal Paese e aveva dovuto ricorrere alle cure di uno psicologo per i traumi riportati nell’esperienza egiziana».

Infine la Procura generale egiziana, in un comunicato, ha definito "totalmente contraffatta" un lettera attribuita ai vertici dei servizi segreti in cui si parla di un arresto di Giulio Regeni. "Questa lettera è totalmente falsificata e la Procura generale egiziana ha informato immediatamente il suo omologo italiano" su questa circostanza, "nel quadro della fruttuosa cooperazione fra le due parti", si afferma nel comunicato. Si tratta di una missiva senza firma inviata il 22 gennaio 2018,  "all'ambasciata italiana nella capitale svizzera". Il testo trasmesso è una lettera "attribuita al presidente dei Servizi di informazione egiziani", (e) destinata ai servizi di informazione militari in Egitto, datata 30 gennaio 2016, dove è scritto che i servizi di sicurezza egiziani avevano arrestato la summenzionata vittima", viene aggiunto riferendosi al "cittadino italiano Giulio Regeni”.

Tutto falso, l’ennesima fake news.

Cronaca
Luca ed Edith sono liberi
Luca ed Edith sono liberi
I due giovani, scomparsi nel dicembre 2018 in Burkina Faso, sarebbero riusciti a evadere dal luogo dove una banda li teneva prigionieri. A breve il rientro in Italia
Chelsea Manning tenta il suicidio
Chelsea Manning tenta il suicidio
L’ex gola profonda di WikiLeaks, tornata dietro le sbarre lo scorso anno, rifiuta categoricamente di comparire davanti alla corte federale
Aperto il processo per la strage del volo MH17
Aperto il processo per la strage del volo MH17
In Olanda, in un’aula allestita nella zona dell’aeroporto Schiphol di Amsterdam, le prime battute del processo contro 4 persone sospettate di aver ucciso le 298 persone a bordo
La fuga dalla quarantena di Ekaterina
La fuga dalla quarantena di Ekaterina
Le autorità della Crimea hanno emesso un mandato di cattura per una ragazza che prima degli esisti del terzo e ultimo tampone è fuggita dall’ospedale in cui era in quarantena
Arrestati i ladri della villa di Tamara Ecclestone
Arrestati i ladri della villa di Tamara Ecclestone
Sarebbero madre e figlio di origine rumena: negano ogni accusa, ma lei è stata arrestata con addosso orecchini preziosissimi, e nell’abitazione del figlio sono stati trovati diversi accessori griffati dell’ereditiera
Strangolata a 6 anni dal vicino di casa
Strangolata a 6 anni dal vicino di casa
La piccola Faye Swetlik era scomparsa dal giardino di casa, in South Carolina: è stata ritrovata senza vita tre giorni dopo. A poche ore di distanza, un vicino su cui la polizia iniziava a sospettare si è ucciso
GB, sette uomini condannati per stupro
GB, sette uomini condannati per stupro
Dopo quattro settimane di processo, la giuria ha dichiarato colpevoli di stupro e violenze sette uomini che avevano preso di mira alcune ragazzine, costringendole ad avere rapporti con l’uso di droga e minacce
Muore il padre di Meredith Kercher
Muore il padre di Meredith Kercher
Il papà della studentessa uccisa a Perugia coinvolto forse in un tentativo di scippo o l’investimento di un pirata della strada. Ricoverato in ospedale, è morto pochi giorni dopo
Tre morti e due bambini scomparsi: il giallo che inquieta l’America
Tre morti e due bambini scomparsi: il giallo che inquieta l’America
Lori Vallow, moglie e sorella di due uomini uccisi in circostanze strane, è fuggita con il nuovo marito, la cui ex moglie è morta poco dopo. Ma dei due figli della donna non c’è più traccia da settembre
Hackerate le email di Ghislaine Maxwell
Hackerate le email di Ghislaine Maxwell
Il timore è che numerose email scambiate fra la reclutatrice di minorenni per conto di Jeffrey Epstein e personaggi in vista siano resi noti dai media, scatenando un vero cataclisma di proporzioni mondiali