La strana storia di Emily Wynnell Paul

| È svanita cinque anni fa, quando aveva solo 14 anni, lasciando una lettera. Di lei non si è saputo nulla fino a qualche giorno fa, quando ha inviato una nuova lettera in cui rassicura la famiglia di star bene, ma di non voler tornare

+ Miei preferiti
Emily Wynell Paul aveva 14 anni quando scomparve da casa sua, a Southport, in Florida. I genitori trovano una lettera lunga tre pagine in cui la ragazzina annunciava di voler sparire, e che magari si sarebbe rifatta viva una volta diventata maggiorenne: “Non preoccupatevi, starò bene”. Qualcuno la vede per l’ultima volta il 13 aprile del 2013: aveva una valigia e sarebbe salita su un’auto che nessuno riesce a identificare. Per la famiglia è l’inizio di un incubo senza fine: non c’è appello che non sia stato fatto e palo per la strada su cui non sia stata affisso un cartello con il suo volto. La polizia batte a tappeto per mesi le zone circostanti, si cercano testimoni, si analizzano le immagini delle telecamere di sorveglianza e si interrogano amici, compagni e conoscenti. Ma di Emily non c’è più traccia.

Si teme anche il peggio, che sia finita nelle mani di qualcuno che possa averle fatto del male, ma resta viva la speranza di non sentire il telefono squillare con un agente della polizia dall’altra parte del filo a chiedere di depositare il Dna per compararlo con qualche resto umano rinvenuto in un bosco.

Passa invano anche il 18esimo compleanno di Emily, e alla porta di casa Wynell Paul non suona nessuno. Lentamene, anche se certe fiammelle non si spengono mai del tutto, nei cuori dei familiari si fa strada l’idea insopportabile di non rivederla mai più.

Qualche giorno fa, la sorpresa: una lettera indirizzata a Pamela Massimiani, la mamma, in cui Emily rassicura i familiari: “Sto bene, state tranquilli, ma soprattutto sto bene dove mi trovo”. Emily è ricomparsa, e davanti agli agenti della polizia di Southport, ha confermato di essere in buona salute: è arrivata alla stazione di polizia da sola, e da sola se n’è andata. Sembrava in ottima forma, ha dichiarato che non le manca nulla e che vuole restare dove si trova adesso.

Sono le uniche parole che i genitori di Emily si sono sentiti raccontare dagli agenti, che hanno anche aggiunto di non poter fare null’altro, perché la ragazza è ormai maggiorenne e non essendoci un’ipotesi di reato, ha diritto alla sua privacy e a vivere dove meglio crede.

Una doccia metà calda e metà fredda per i genitori di Emily, a cui manca da anni il tassello fondamentale di questa vicenda strana: capire perché Emily sia fuggita.

Cronaca
Amputato si riconosce sul pacchetto di sigarette
Amputato si riconosce sul pacchetto di sigarette
La foto dell'intervento chirurgico usata da una nota marca per scoraggiare il vizio del fumo. L'uomo, un albanese, sconvolto: "Nessuno mi ha mai chiesto il permesso, sono vittima di un'aggressione, il fumo non c'entra"
Condannati a morte gli assassini delle due ragazze
Condannati a morte gli assassini delle due ragazze
Si è concluso dopo poco più di due mesi il processo per l’omicidio di Louisa e Maren, le due ragazze violentate a decapitate in Marocco lo scorso dicembre. Durissima la decisione della corte
Stefano è stato ucciso, caccia al killer
Stefano è stato ucciso, caccia al killer
Svolta nelle indagini sulla morte di Stefano Marinoni, 22 anni, di Baranzate, trovato morto sotto a un traliccio il 4 luglio. Mistero sul movente. Era andato a un appuntamento senza soldi e documenti. Temeva un'estorsione?
Registra le molestie sessuali del capo, condannata per la privacy
Registra le molestie sessuali del capo, condannata per la privacy
Accade in Indonesia, la donna, molestata per anni, ora deve pagare una sanzione di 35 mila dollari. Lo stalker è stato promosso, nessuna conseguenza per lui
Revenge Porn, arriva la galera
Revenge Porn, arriva la galera
Rischia grosso chi posta o diffonde video o immagini di contenuto sessuale esplicito senza il consenso. E intanto il Senato vara "Codice Rosso", più tutela per le donne
Lasciò un messaggio in una bottiglia lanciata in mare, ritrovata 50 anni dopo da un pescatore
Lasciò un messaggio in una bottiglia lanciata in mare, ritrovata 50 anni dopo da un pescatore
La coca sotto il parrucchino
La coca sotto il parrucchino
Maldestro e quasi comico tentativo di un uomo in arrivo dalla Colombia di nascondere mezzo kg di cocaina sotto il toupé: l’effetto innaturale ha attirato l'attenzione della polizia spagnola
Forse bullizzato, 14enne si lascia stritolare dal treno davanti si compagni di scuola
Forse bullizzato, 14enne si lascia stritolare dal treno davanti si compagni di scuola
Il 'compagno' presidente Kin Jong Un viaggia in Mercedes ultralusso
Il
Vuoi uccidere una donna ebrea? Fatti 15 'canne' e sarai assolto
Vuoi uccidere una donna ebrea? Fatti 15