"La verità ti fa male lo so...meglio tacere..." ma il sindacato degli agenti non si arrende

| Dura polemica Osapp contro Il Dap che impone il blocco delle notizie con la minaccia di azioni disciplinare e penali a chi non si adegua

+ Miei preferiti
"Il Dipartimento dell'Amministrazione penitenziaria (Dap) con nota a firma del direttore del personale Pietro Buffa del 28 settembre ha richiesto e pressochè intimato alle Organizzazioni Sindacali nazionali del Corpo di Polizia Penitenziaria di limitare la diffusione di notizie e dati riservati sulle carceri che i rappresentanti sindacali sul territorio comunicherebbero alle testate giornalistiche e alle emittenti televisive e che secondo la stessa amministrazione potrebbero compromettere la sicurezza del personale e la sicurezza interna ed esterna degli istituti di pena. Nelle stessa nota il Dap ha fatto implicitamente riferimento alle responsabilità di ordine disciplinare e  penale in cui incorrerebbero i predetti rappresentanti sindacali" a dare la notizia è l'Osapp, attraverso il segretario generale Leo Beneduci. Ormai lo scontro tra sindacati e Dap, qualsiasi sia il problema, pare diventato insanabile. Tradotto dal minaccioso burocreatese, la circolare vuol dire una sola cosa: "Attenti alle notizie che filtrano all'esterno, perchè noi non lo accettiamo più e vi colpiremo". 

"Si tratta di un vero e proprio attacco alla libertà di espressione del personale di polizia penitenziaria anche costituzionalmente stabilito – prosegue il leader Osapp – nonché dell'obbligo da parte del sindacato di segnalare e di denunciare pubblicamente la innumerevoli irregolarità e la sostanziale antigiuridicità in essere nell'attuale amministrazione penitenziaria rispetto alla gestione e all'organizzazione del personale, dei ristretti e delle infrastrutture penitenziarie, tenuto conto che le "minacce" di conseguenze di vario ordine contenute nell'atto riguarderebbero a giudizio, peraltro, del tutto dicrezionale dello stesso Dap una molteplicità di possibili informazioni date all'esterno del carcere e non solo quelle palesemente soggette al segreto o alla riservatezza dell'ufficio ricoperto o coperte dall'obbligo del rispetto della privacy, come la genericità del temine "notizie" utilizzato dalla stessa amministrazione sta ad indicare".
Il giudizio sull'amministrazione è tranchant.
"In realtà – conclude Beneduci – l'attuale amministrazione penitenziaria si è dimostrata da tempo tra le peggiori pubbliche amministrazioni esistenti e proprio la conoscenza delle molteplici pecche, sprechi, ineguaglianze illegittimità ed inefficienze esistenti nelle carceri italiane da parte dei cittadini e non il completo silenzio che si vorrebbe imporre quasi con a "forza" potrebbe aiutare superare attraverso specifici e non generici correttivi. Sicuramente, peraltro, consimili intenzioni espresse nel documento firmato dal dott. Buffa erano tutt'altro che attese in un'Amministrazione che, d'altra parte, si occupa della riabilitazione e del recupero sociali dei reclusi e soprattutto da un'amministrazione retta da un Governo di centro-sinistra, per cui è probabile che per ottenere quello di cui veramente le donne e gli uomini della Polizia Penitenziaria hanno estrema necessità, piuttosto che tali sgradevoli espressioni proprie di altre epoche, occorrerà attendere una nuova Legislatura e un nuovo Governo". 

Cronaca
Hackerate le email di Ghislaine Maxwell
Hackerate le email di Ghislaine Maxwell
Il timore è che numerose email scambiate fra la reclutatrice di minorenni per conto di Jeffrey Epstein e personaggi in vista siano resi noti dai media, scatenando un vero cataclisma di proporzioni mondiali
L’incredibile caso dei pedofili di Rotherham
L’incredibile caso dei pedofili di Rotherham
Per decenni, gang di pakistani hanno sequestrato e violentato minorenni, ma la polizia non è mai intervenuta per evitare tensioni razziali. È l’allucinante conclusione di un’inchiesta conclusa in questi giorni
UK: picchiata perché lesbica
UK: picchiata perché lesbica
Dopo la quinta aggressione, una ventenne inglese ha deciso di divulgare le foto delle sue ferite: “Ormai ho paura di uscire di casa, ma voglio che la gente sappia”
Dublino: ucciso e decapitato nella guerra fra gang
Dublino: ucciso e decapitato nella guerra fra gang
I resti di Keane Mulready-Woods, 17 anni, sono stati trovati a km di distanza all’interno di una borsa e di un’auto data alle fiamme. La polizia sulle tracce del probabile assassino, un 35enne considerato un potenziale serial killer
Sicilia, il mistero dei sub restituiti dal mare
Sicilia, il mistero dei sub restituiti dal mare
Un terzo corpo è riemerso ieri a Termini Imerese: sul mistero indagano cinque procure, e al momento non si esclude alcuna pista. L’incidente durante una battuta di pesca o durante la consegna di una partita di droga
L’ex parroco confessa: “Molestavo 4 o 5 bimbi ogni settimana”
L’ex parroco confessa: “Molestavo 4 o 5 bimbi ogni settimana”
Bernard Preynat, ex parroco della chiesa di Sainte-Foy-Les Lyon, ammette le sue responsabilità alle prime battute del processo: “Non mi rendevo conto di fare del male, provavo piacere”
I nuovi misteri del furto del secolo
I nuovi misteri del furto del secolo
Due episodi si aggiungono al clamoroso furto di gioielli dello scorso novembre al castello di Dresda. Qualcuno avrebbe offerto due dei preziosi ad una società, chiedendo anche di indagare sulle misure di sicurezza del museo
Modella inglese muore precipitando da una scogliera
Modella inglese muore precipitando da una scogliera
Madalyn Davis, che da poche settimane si era trasferita in Australia, è caduta da una pericolosa scogliera nella costa di Sydney
Bimbo di 10 anni trovato morto nel carrello di un aereo
Bimbo di 10 anni trovato morto nel carrello di un aereo
Il piccolo sarebbe riuscito a intrufolarsi nel vano del carrello di un aereo diretto a Parigi superando la sorveglianza di un aeroporto della Costa d’Avorio. Le basse temperature non gli hanno lasciato scampo
Ergastolo allo stupratore seriale di Manchester
Ergastolo allo stupratore seriale di Manchester
In 12 anni avrebbe abusato di centinaia di giovani eterosessuali di cui conquistava la fiducia, per poi violentarli nel suo appartamento dopo averli drogati. È stato condannato per 159 capi d’accusa, con 136 stupri