"La verità ti fa male lo so...meglio tacere..." ma il sindacato degli agenti non si arrende

| Dura polemica Osapp contro Il Dap che impone il blocco delle notizie con la minaccia di azioni disciplinare e penali a chi non si adegua

+ Miei preferiti
"Il Dipartimento dell'Amministrazione penitenziaria (Dap) con nota a firma del direttore del personale Pietro Buffa del 28 settembre ha richiesto e pressochè intimato alle Organizzazioni Sindacali nazionali del Corpo di Polizia Penitenziaria di limitare la diffusione di notizie e dati riservati sulle carceri che i rappresentanti sindacali sul territorio comunicherebbero alle testate giornalistiche e alle emittenti televisive e che secondo la stessa amministrazione potrebbero compromettere la sicurezza del personale e la sicurezza interna ed esterna degli istituti di pena. Nelle stessa nota il Dap ha fatto implicitamente riferimento alle responsabilità di ordine disciplinare e  penale in cui incorrerebbero i predetti rappresentanti sindacali" a dare la notizia è l'Osapp, attraverso il segretario generale Leo Beneduci. Ormai lo scontro tra sindacati e Dap, qualsiasi sia il problema, pare diventato insanabile. Tradotto dal minaccioso burocreatese, la circolare vuol dire una sola cosa: "Attenti alle notizie che filtrano all'esterno, perchè noi non lo accettiamo più e vi colpiremo". 

"Si tratta di un vero e proprio attacco alla libertà di espressione del personale di polizia penitenziaria anche costituzionalmente stabilito – prosegue il leader Osapp – nonché dell'obbligo da parte del sindacato di segnalare e di denunciare pubblicamente la innumerevoli irregolarità e la sostanziale antigiuridicità in essere nell'attuale amministrazione penitenziaria rispetto alla gestione e all'organizzazione del personale, dei ristretti e delle infrastrutture penitenziarie, tenuto conto che le "minacce" di conseguenze di vario ordine contenute nell'atto riguarderebbero a giudizio, peraltro, del tutto dicrezionale dello stesso Dap una molteplicità di possibili informazioni date all'esterno del carcere e non solo quelle palesemente soggette al segreto o alla riservatezza dell'ufficio ricoperto o coperte dall'obbligo del rispetto della privacy, come la genericità del temine "notizie" utilizzato dalla stessa amministrazione sta ad indicare".
Il giudizio sull'amministrazione è tranchant.
"In realtà – conclude Beneduci – l'attuale amministrazione penitenziaria si è dimostrata da tempo tra le peggiori pubbliche amministrazioni esistenti e proprio la conoscenza delle molteplici pecche, sprechi, ineguaglianze illegittimità ed inefficienze esistenti nelle carceri italiane da parte dei cittadini e non il completo silenzio che si vorrebbe imporre quasi con a "forza" potrebbe aiutare superare attraverso specifici e non generici correttivi. Sicuramente, peraltro, consimili intenzioni espresse nel documento firmato dal dott. Buffa erano tutt'altro che attese in un'Amministrazione che, d'altra parte, si occupa della riabilitazione e del recupero sociali dei reclusi e soprattutto da un'amministrazione retta da un Governo di centro-sinistra, per cui è probabile che per ottenere quello di cui veramente le donne e gli uomini della Polizia Penitenziaria hanno estrema necessità, piuttosto che tali sgradevoli espressioni proprie di altre epoche, occorrerà attendere una nuova Legislatura e un nuovo Governo". 

Cronaca
Trovato morto il fondatore dei White Helmets
Trovato morto il fondatore dei White Helmets
Ex agente segreto britannico, Jack Le Mesurier aveva creato una ong che agisce nei teatri di guerra siriani. Pochi giorni fa la Russia l’aveva accusato di terrorismo
Nuovi guai per Roman Polanski
Nuovi guai per Roman Polanski
Nel 1975, la giovane Valentine Monnier fu violentata senza pietà dal regista in uno chalet di Gstaad: 44 anni ha raccontato tutto, spinta proprio dall’ultimo film di Polanski
La coppia diabolica che sognava sesso e sangue
La coppia diabolica che sognava sesso e sangue
Paul e Angela, due amanti inglesi, hanno eliminato il ricco marito di lei per poter vivere insieme. A loro carico una serie di messaggi agghiaccianti in cui sognavano di fare sesso nel sangue del marito
Germania, finta dottoressa arrestata per quattro morti
Germania, finta dottoressa arrestata per quattro morti
Ha lavorato per quattro anni in ospedale, dove aveva presentato una documentazione falsa: è accusata di quattro decessi e otto persone ferite in modo grave
Ucciso l’hair stylist di CR7
Ucciso l’hair stylist di CR7
Il corpo di Ricardo Marques Ferreira trovato nel letto di un hotel di Zurigo in un lago di sangue. La polizia ha fermato un uomo di 39 anni
Storie di morte dal tir degli orrori
Storie di morte dal tir degli orrori
I messaggi di addio alla famiglia di Pham Thi Tra My, una ragazza vietnamita di 26 anni. Le indagini della polizia sulle spietate bande di trafficanti di esseri umani che dominano le tratte internazionali
Rinviato il processo ai rapitori di Silvia Romano
Rinviato il processo ai rapitori di Silvia Romano
“Nuovi e fondamentali elementi” hanno convinto i giudici keniani a far slittare il processo a carico di tre dei presunti sequestratori della giovane milanese
Londra: nel tir l’ennesima
strage dei migranti
Londra: nel tir l’ennesima<br>strage dei migranti
È il sospetto della polizia, che ammette le difficoltà di dare un nome ai 39 cadaveri ritrovati all'interno di un container. Non si tratta di un caso isolato: numerosi i precedenti
L’attentatore di Oslo è un ex poliziotto
L’attentatore di Oslo è un ex poliziotto
Identificato insieme alla complice, catturata dopo un inseguimento, l’uomo ha precedenti penali ed è vicino ad un gruppo neonazista
Un altro italiano ucciso nella Repubblica Dominicana
Un altro italiano ucciso nella Repubblica Dominicana
Nicola Gerosa, 57 anni, ucciso mentre era alla guida della sua auto. La polizia ha fermato il socio