"La verità ti fa male lo so...meglio tacere..." ma il sindacato degli agenti non si arrende

| Dura polemica Osapp contro Il Dap che impone il blocco delle notizie con la minaccia di azioni disciplinare e penali a chi non si adegua

+ Miei preferiti
"Il Dipartimento dell'Amministrazione penitenziaria (Dap) con nota a firma del direttore del personale Pietro Buffa del 28 settembre ha richiesto e pressochè intimato alle Organizzazioni Sindacali nazionali del Corpo di Polizia Penitenziaria di limitare la diffusione di notizie e dati riservati sulle carceri che i rappresentanti sindacali sul territorio comunicherebbero alle testate giornalistiche e alle emittenti televisive e che secondo la stessa amministrazione potrebbero compromettere la sicurezza del personale e la sicurezza interna ed esterna degli istituti di pena. Nelle stessa nota il Dap ha fatto implicitamente riferimento alle responsabilità di ordine disciplinare e  penale in cui incorrerebbero i predetti rappresentanti sindacali" a dare la notizia è l'Osapp, attraverso il segretario generale Leo Beneduci. Ormai lo scontro tra sindacati e Dap, qualsiasi sia il problema, pare diventato insanabile. Tradotto dal minaccioso burocreatese, la circolare vuol dire una sola cosa: "Attenti alle notizie che filtrano all'esterno, perchè noi non lo accettiamo più e vi colpiremo". 

"Si tratta di un vero e proprio attacco alla libertà di espressione del personale di polizia penitenziaria anche costituzionalmente stabilito – prosegue il leader Osapp – nonché dell'obbligo da parte del sindacato di segnalare e di denunciare pubblicamente la innumerevoli irregolarità e la sostanziale antigiuridicità in essere nell'attuale amministrazione penitenziaria rispetto alla gestione e all'organizzazione del personale, dei ristretti e delle infrastrutture penitenziarie, tenuto conto che le "minacce" di conseguenze di vario ordine contenute nell'atto riguarderebbero a giudizio, peraltro, del tutto dicrezionale dello stesso Dap una molteplicità di possibili informazioni date all'esterno del carcere e non solo quelle palesemente soggette al segreto o alla riservatezza dell'ufficio ricoperto o coperte dall'obbligo del rispetto della privacy, come la genericità del temine "notizie" utilizzato dalla stessa amministrazione sta ad indicare".
Il giudizio sull'amministrazione è tranchant.
"In realtà – conclude Beneduci – l'attuale amministrazione penitenziaria si è dimostrata da tempo tra le peggiori pubbliche amministrazioni esistenti e proprio la conoscenza delle molteplici pecche, sprechi, ineguaglianze illegittimità ed inefficienze esistenti nelle carceri italiane da parte dei cittadini e non il completo silenzio che si vorrebbe imporre quasi con a "forza" potrebbe aiutare superare attraverso specifici e non generici correttivi. Sicuramente, peraltro, consimili intenzioni espresse nel documento firmato dal dott. Buffa erano tutt'altro che attese in un'Amministrazione che, d'altra parte, si occupa della riabilitazione e del recupero sociali dei reclusi e soprattutto da un'amministrazione retta da un Governo di centro-sinistra, per cui è probabile che per ottenere quello di cui veramente le donne e gli uomini della Polizia Penitenziaria hanno estrema necessità, piuttosto che tali sgradevoli espressioni proprie di altre epoche, occorrerà attendere una nuova Legislatura e un nuovo Governo". 

Cronaca
L'orribile morte di Stefania, bruciata viva
L
Gli ultimi risultati delle perizie non lasciano dubbi. Stefania Crotti era solo stordita dalle martellate inferte da Chiara Alessandri quando l'assassina le diede fuoco dopo averla irrorata di benzina. Ergastolo alla porte
Hooligans arrestati a Torino
Hooligans arrestati a Torino
In occasione della partita fra Juventus e Ajax, una sessantina di persone sono state denunciate dalla Polizia, e 54 tifosi olandesi allontanati dall’Italia
Pitbull attacca due bambini
Pitbull attacca due bambini
A Limbiate, nel milanese, un pitbull di un anno e mezzo si è avventato contro due cuginetti che giocavano in cortile. A salvarli alcuni condomini che hanno assistito alla scena
Sparatoria nel foggiano
muore un carabiniere
Sparatoria nel foggiano<br>muore un carabiniere
Un uomo avrebbe aperto il fuoco contro la pattuglia durante un normale controllo nella piazza principale di Cagnano Varano. Il vice comandante della stazione è morto in ospedale, la reazione dei vertici dello Stato
Sfruttamento della prostituzione, arrestata Kyra Kole
Sfruttamento della prostituzione, arrestata Kyra Kole
La soubrette, nota per aver partecipato al programma “Ciao Darwin”, sarebbe stata la capofila di un finto centro massaggi in Brianza
Azouz Marzouk: Rosa e Olindo sono innocenti
Azouz Marzouk: Rosa e Olindo sono innocenti
Il padre e marito di due delle vittime della strage di Erba firma un sollecito per la riapertura del processo e assicura di conoscere il nome del vero assassino della sua famiglia
Tenta il suicidio in un centro commerciale
Tenta il suicidio in un centro commerciale
È accaduto alle Gru di Grugliasco, alle porte di Torino: gli agenti di un istituto di vigilanza sono riusciti a bloccarla prima che si lanciasse nel vuoto
Giovane inglese muore in un gioco erotico
Giovane inglese muore in un gioco erotico
È quanto dichiara il fidanzato di Anna Florence Reed, una 22enne trovata morta in una vasca da bagno di un hotel sul Lago Maggiore. La polizia però non esclude alcuna ipotesi
Le buste che inquietano Torino
Le buste che inquietano Torino
Dopo quella esplosiva alla sindaca Appendino, un esponente della Lega ne riceva una uguale, ma nelle stesse ore arriva una minaccia alla Lavazza, la Vergnano e la Ferrero: pagate o avveleniamo i vostri prodotti
"Ho gettato la testa di Christina nel fiume"
"Ho gettato la testa di Christina nel fiume"
Nel '93, Jason Massey aveva ucciso e smembrato i corpi di due adolescenti. Nel 2001, già nella camera della morte, aveva rivelato ai familiari dove aveva nascosto i resti