Lapo Elkann: “Sono vivo per miracolo”

| A dieci giorni da un grave incidente di cui è stato vittima in Israele, il nipote dell’Avvocato ha svelato la sua disavventura, assicurando che l’esperienza lo ha cambiato profondamente

+ Miei preferiti
Solo adesso, a pericolo scampato, si viene a sapere che Lapo Elkann, fratello di John e nipote prediletto di Gianni, è stato ad un passo dalla morte. Lapo, 42 anni più volte in passato al centro delle cronache, sarebbe stato vittima di un grave incidente stradale in Israele avvenuto una decina di giorni fa. Tornava a Tel Aviv dopo una visita al “Muro del Pianto” di Gerusalemme, ed è stato ricoverato in ospedale in gravi condizioni, restando in stato di coma per diversi giorni.

È stato lo stesso Lapo, che attualmente si trova in convalescenza in una clinica svizzera, a rivelare l’accaduto in una videochiamata al “Corriere della Sera”: “Voglio ringraziare Dio, i medici israeliani e quelli europei, ma voglio anche pregare per la mia famiglia, gli amici che mi sono stati vicini e per i giovani che ho visto morire in Israele accanto a me nei letti delle emergenze dell’ospedale. Voglio ringraziare Dio di avermi fato la possibilità di riavere la vita. Voglio dedicare il mio tempo, il mio cuore e le risorse economiche a fare del bene occupandomi della mia Onlus, che non è un capriccio da bambino viziato. Umanamante Lapo Elkann non è come lo descrivono gli altri, ma un uomo con il cuore aperto che ha voglia di fare del bene. Con l'incidente ho capito che è questo il mio nuovo motto di vita".

Proprio ieri, Lapo aveva commentato il freschissimo accordo di fusione fra FCA e i francesi di PSA: “Caro fratello, ho sempre creduto in te e sempre lo farò. Sono orgoglioso di te, grande lavoro di squadra. Batman & Robin = Elkann & Tavares. Bravo”.

Cronaca
GB, sette uomini condannati per stupro
GB, sette uomini condannati per stupro
Dopo quattro settimane di processo, la giuria ha dichiarato colpevoli di stupro e violenze sette uomini che avevano preso di mira alcune ragazzine, costringendole ad avere rapporti con l’uso di droga e minacce
Muore il padre di Meredith Kercher
Muore il padre di Meredith Kercher
Il papà della studentessa uccisa a Perugia coinvolto forse in un tentativo di scippo o l’investimento di un pirata della strada. Ricoverato in ospedale, è morto pochi giorni dopo
Tre morti e due bambini scomparsi: il giallo che inquieta l’America
Tre morti e due bambini scomparsi: il giallo che inquieta l’America
Lori Vallow, moglie e sorella di due uomini uccisi in circostanze strane, è fuggita con il nuovo marito, la cui ex moglie è morta poco dopo. Ma dei due figli della donna non c’è più traccia da settembre
Hackerate le email di Ghislaine Maxwell
Hackerate le email di Ghislaine Maxwell
Il timore è che numerose email scambiate fra la reclutatrice di minorenni per conto di Jeffrey Epstein e personaggi in vista siano resi noti dai media, scatenando un vero cataclisma di proporzioni mondiali
L’incredibile caso dei pedofili di Rotherham
L’incredibile caso dei pedofili di Rotherham
Per decenni, gang di pakistani hanno sequestrato e violentato minorenni, ma la polizia non è mai intervenuta per evitare tensioni razziali. È l’allucinante conclusione di un’inchiesta conclusa in questi giorni
UK: picchiata perché lesbica
UK: picchiata perché lesbica
Dopo la quinta aggressione, una ventenne inglese ha deciso di divulgare le foto delle sue ferite: “Ormai ho paura di uscire di casa, ma voglio che la gente sappia”
Dublino: ucciso e decapitato nella guerra fra gang
Dublino: ucciso e decapitato nella guerra fra gang
I resti di Keane Mulready-Woods, 17 anni, sono stati trovati a km di distanza all’interno di una borsa e di un’auto data alle fiamme. La polizia sulle tracce del probabile assassino, un 35enne considerato un potenziale serial killer
Sicilia, il mistero dei sub restituiti dal mare
Sicilia, il mistero dei sub restituiti dal mare
Un terzo corpo è riemerso ieri a Termini Imerese: sul mistero indagano cinque procure, e al momento non si esclude alcuna pista. L’incidente durante una battuta di pesca o durante la consegna di una partita di droga
L’ex parroco confessa: “Molestavo 4 o 5 bimbi ogni settimana”
L’ex parroco confessa: “Molestavo 4 o 5 bimbi ogni settimana”
Bernard Preynat, ex parroco della chiesa di Sainte-Foy-Les Lyon, ammette le sue responsabilità alle prime battute del processo: “Non mi rendevo conto di fare del male, provavo piacere”
I nuovi misteri del furto del secolo
I nuovi misteri del furto del secolo
Due episodi si aggiungono al clamoroso furto di gioielli dello scorso novembre al castello di Dresda. Qualcuno avrebbe offerto due dei preziosi ad una società, chiedendo anche di indagare sulle misure di sicurezza del museo