L’assedio di Torino

| Per ore, una parte della città è stata letteralmente blindata per il timore di scontri con il corteo di anarchici. Controllata e guidati dalle forze dell’ordine, la manifestazione si è chiusa senza incidenti

+ Miei preferiti
Le parole del questore Francesco Messina, al suo ultimo impegno in città prima del trasferimento, servono per chiudere a doppia mandata il temutissimo corteo degli anarchici che promettevano di “riprendersi la città”, per vendicare lo sgombero dell’ex Asilo di via Alessandria, il centro sociale chiuso lo scorso febbraio dopo 25 anni di occupazione e ricordare a oltre vent’anni di distanza la morte di Sole e Baleno: Maria Soledad Rosas ed Edoardo Massari, i due anarchici morti suicidi nel 1998.

“Il capo della polizia, il prefetto Gabrielli, mi ha chiesto di estendere i complimenti a tutti i funzionari, tutti i reparti a tutto il personale di polizia di qualunque ufficio che è stato impiegato in questa giornata. Grazie per quello che avete fatto, per me, per la città di Torino, per i torinesi, e per la polizia di Stato”. Soddisfazione espressa anche dalla sindaca Appendino, insieme al vicepremier Salvini fra i nomi invocati dalla protesta: al passaggio del corteo, su diversi muri sono comparse scritte che minacciose nei confronti di ambedue: “Appendino, la scorta non ti basterà”, e “Non sparare a salve, spara a Salvini”.

Alla fine, il bilancio della giornata è positivo, come meglio non avrebbe potuto essere: 4 persone arrestate, nove denunciate a piede libero, otto fogli di via e 74 denunciati dalla Digos, bloccati prima che riuscissero ad unirsi al corteo e trovate in possesso di caschi, fumogeni, mazze e biglie di ferro. Tra il materiale sequestrato anche coltelli, bombe carta, tirapugni, maschere antigas e fiale di solfato di ammonio, utilizzato per alleviare l’effetto dei lacrimogeni.

Lo scacco al corteo, partito da cinque punti diversi della città, è stato isolare il gruppo dei più violenti, ospitati in una scuola di via Tollegno, con un cordone di polizia che gli ha impedito di muoversi: una tecnica che pare sia utilizzata con successo anche dalla Gendarmerie francese per depotenziare le proteste dei “Gilet Jaunes”. La Digos, ad un giorno di distanza dal corteo, aveva individuato circa 300 sospetti di essere coloro che dovevano accendere la miccia degli scontri.

Erano un migliaio, qualcuno dice il doppio, arrivati a Torino da tutt’Italia e dall’estero, Grecia, Francia, Spagna, per rispondere all’appello dell’anima anarchica torinese, convinti di essere in un numero sufficiente per mettere a ferro e fuoco una città che sono comunque riusciti a bloccare per ore, con decine di negozi e locali che hanno preferito abbassare le serrande.

Che i piani dei manifestanti fossero da rivedere si è capito quando solo una parte dei vari cortei è riuscito a raggiungere piazza Carlo Felice, davanti alla stazione ferroviaria di Porta Nuova, totalmente circondati dalla carabinieri di polizia e carabinieri in tenuta anti-sommossa che avevano il compito di impedirgli di proseguire e di entrare in via Roma, il cuore porticato ed elegante di Torino, dove qualcuno temeva il devastante effetto Gilet Jaunes sugli Champs-Élysée.

Al termine di un’ora scarsa bloccati nel cuore di Torino, i manifestanti hanno comunicato attraverso i loro altoparlanti di volersi ricongiungere con i gruppi rimasti isolati. Guidati lungo un percorso studiato a tavolino, e con posti di blocco a blindare ogni possibile via di fuga laterale, hanno percorso corso Vittorio Emanuele fino al parco del Valentino, quindi, costretti a svoltare in corso Cairoli, hanno attraversato piazza Vittorio Veneto proseguendo in lungo Po Cadorna, ancora su per via Fontanesi fino ad incrociare corso Tortona e poi corso Novara: ovunque uno spiegamento di forze impressionante, con elicotteri in cielo e battaglioni di celere e carabinieri schierati minacciosamente lasciando libero un solo percorso possibile ogni volta. All’angolo con corso Regio Parco, subito dopo il cimitero Monumentale di Torino, la trattativa: alcuni dei capibastone del corteo hanno discusso per una mezzora con un funzionario della Digos che non ha sentito ragioni. Sono stati minuti di tensione: il corteo sembrava voler cercare lo scontro e più volte ai militari è stato ordinato di abbassare la visiera e tenersi pronti. Alle 20, il corteo è riuscito a ricongiungersi con gli antagonisti bloccati in via Aosta, per poi disperdersi lasciando a terra gli zaini.

Galleria fotografica
L’assedio di Torino - immagine 1
L’assedio di Torino - immagine 2
L’assedio di Torino - immagine 3
L’assedio di Torino - immagine 4
L’assedio di Torino - immagine 5
L’assedio di Torino - immagine 6
L’assedio di Torino - immagine 7
L’assedio di Torino - immagine 8
L’assedio di Torino - immagine 9
L’assedio di Torino - immagine 10
L’assedio di Torino - immagine 11
L’assedio di Torino - immagine 12
L’assedio di Torino - immagine 13
L’assedio di Torino - immagine 14
L’assedio di Torino - immagine 15
L’assedio di Torino - immagine 16
L’assedio di Torino - immagine 17
L’assedio di Torino - immagine 18
L’assedio di Torino - immagine 19
L’assedio di Torino - immagine 20
L’assedio di Torino - immagine 21
L’assedio di Torino - immagine 22
L’assedio di Torino - immagine 23
L’assedio di Torino - immagine 24
L’assedio di Torino - immagine 25
L’assedio di Torino - immagine 26
L’assedio di Torino - immagine 27
L’assedio di Torino - immagine 28
L’assedio di Torino - immagine 29
L’assedio di Torino - immagine 30
Cronaca
Influencer uccide la madre e le strappa il cuore
Influencer uccide la madre e le strappa il cuore
Anna Leikovic, 21 anni, ha assassinato la donna con un coltello da cucina strappandole diversi organi. La donna aveva scoperto che in sua assenza la figlia era diventata tossicodipendente
Il mistero dei Pirenei: travel blogger scompare nel nulla
Il mistero dei Pirenei: travel blogger scompare nel nulla
Esther Dingley manca all’appello ormai da più di 10 giorni: la polizia valuta l’ipotesi dell’incontro con un malintenzionato, ma anche la foto dell’impronta di un grosso orso inviata dalla donna poco prima di scomparire
Il mistero dell’influencer trovata morta
Il mistero dell’influencer trovata morta
Alexis Leigh Sharkley, 26 anni, era scomparsa venerdì a Houston senza lasciare traccia: il corpo nudo è stato visto da un operaio. È mistero fitto sulla morte: il corpo non presenta ferite
Dal reparto psichiatrico alla carriera da modella
Dal reparto psichiatrico alla carriera da modella
L’incredibile storia di Lucy May Dawson, una giovane inglese che viene ricoverata e curata per un forte esaurimento nervoso. Sembrava che per lei non ci fosse altro da fare, fin quando è arrivata la diagnosi corretta
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Eloisa Pinto Fontes, 26 anni, era scomparsa senza lasciare traccia un anno fa a New York. È stata ritrovata in una favela di Rio mentre vagava in stato confusionale
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
Sarebbe morta nel sonno a soli 24 anni: dopo una carriera fulminea nel mondo dell’hard aveva scelto di tornare dalla famiglia in Texas e contava di sposarsi a breve
Notte di sangue a Birmingham
Notte di sangue a Birmingham
Una non meglio precisata “serie di accoltellamenti” che avrebbero coinvolto diverse persone, avvenuti nella zona della movida e del quartiere LGBT. La polizia non si sbilancia sulla matrice dell’episodio
Rock and Virus
Rock and Virus
Il concerto degli “Smash Mount” durante il motoraduno di Sturgis, si sta trasformando in un focolaio che fa il pieno di contagi e vittime. L’ira dei social verso la band, accusata di fomentare la folla urlando che il Covid non esiste
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
I cadaveri di Henriett Szcus e Mihrican Mustafa ritrovati casualmente dalla polizia un anno fa nell’appartamento di Zahid Younis, 36 anni, condannato all’ergastolo
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
L’allarme è scattato dopo i primi svenimenti per la presenza di monossido di carbonio. Nessuna vittima ma tanta paura per circa 200 giovani che avevano scelto una caverna per una notte di eccessi