L’attentatore di Oslo è un ex poliziotto

| Identificato insieme alla complice, catturata dopo un inseguimento, l’uomo ha precedenti penali ed è vicino ad un gruppo neonazista

+ Miei preferiti
Ha 32 anni ed è un ex funzionario di polizia, l’uomo che oggi ha seminato il terrore sulle strade di Torshov, un quartiere residenziale nella parte nord di Oslo. Dopo aver rubato un’ambulanza, l’uomo si è lanciato a tutta velocità contro passanti ignari su un marciapiede: fra i cinque feriti anche due gemellini di sette mesi e la madre che spingeva il passeggino doppio, e due anziani che in un primo momento si pensava fossero i nonni dei due bimbi.

Alcuni testimoni hanno riferito di aver visto l’uomo scendere da un’auto con un sacco fra le mani in cui nascondeva un fucile e una pistola mitragliatrice: pochi istanti dopo si è impossessato dell’ambulanza sotto la minaccia delle armi. È stato fermato dalla polizia, che ha sparato agli pneumatici del mezzo, finito contro un muro: all’interno la polizia ha rinvenuto le armi e una “grossa quantità di droga”.

L’uomo, di cui non è ancora stato diffuso il nome, è considerato vicino al “Movimento di Resistenza Nordica”, un gruppo neonazista: nel 2017 era stato arrestato dopo lunghe trattative al termine di un inseguimento, e sul suo conto anche un programma obbligatorio di disintossicazione da stupefacenti oltre a numerose condanne.

Per diverse ore, la polizia è stata sulle tracce di una donna che è stata vista al suo fianco: si tratta di una 25enne, anch’essa legata a formazioni di estrema destra.

“Al momento non abbiamo alcuna informazione che indichi una matrice terroristica”, ha scritto su Twitter la polizia di Oslo.

Cronaca
Condanna record per l’orco di Harrow
Condanna record per l’orco di Harrow
Definito psicopatico e violento, secondo la polizia “uno dei peggiori maniaci sessuali nella storia del Regno Unito”, è stato condannato ad una pena infinita dall’Old Bailey. Nell’arco di due settimane aveva aggredito 11 persone
Ceren Ozdemir, la 390esima donna uccisa in Turchia
Ceren Ozdemir, la 390esima donna uccisa in Turchia
Il triste primato dalla fine di una giovane ballerina appena 20enne uccisa sulla porta di casa. Cresce in modo preoccupante il numero dei casi, denunciano le associazioni in difesa delle donne
Suicida dopo la condanna a 30 anni per femminicidio
Suicida dopo la condanna a 30 anni per femminicidio
Francesco Mazzega ha scelto di farla finita dopo la conferma della condanna a 30 anni per l’omicidio della sua fidanzata Nadia Orlando, che aveva ucciso due anni fa
Bomba a Parigi, scatta l’allarme
Bomba a Parigi, scatta l’allarme
Era una granata inerte custodita da un militare fuori servizio: un falso allarme che ha fatto scattare la massima allerta nella capitale francese
Italiana uccisa a Capo Verde
Italiana uccisa a Capo Verde
Il corpo di Marilena Corrò trovato senza vita nel serbatoio dell’acqua del suo B&B di Boavista. Fermato un altro italiano che gestiva la struttura, sospettato dell’omicidio
Spagna: sequestrato minisommergibile dei narcos
Spagna: sequestrato minisommergibile dei narcos
Fermato al largo delle coste della Galizia, trasportava tre tonnellate di cocaina. Un metodo di consegna e spostamento sempre più utilizzato dai cartelli della droga
Italia: allarme Fentanyl
Italia: allarme Fentanyl
Il potentissimo oppioide, insieme a migliaia di altre varianti sintetiche, inizia a fare le prime vittime anche nel nostro Paese. I pericoli delle nuove droghe, che negli Stati Uniti hanno causato una vera strage
Il Regno Unito commosso per la storia di Chloe e Adam
Il Regno Unito commosso per la storia di Chloe e Adam
Erano fidanzati da meno di un anno: lei si è uccisa impiccandosi senza lasciare un biglietto che spiegasse il gesto. Sei giorni dopo lui l’ha seguita gettandosi sotto un treno
Arrestato il mandante dell’omicidio
di Daphne Caruana Galizia
Arrestato il mandante dell’omicidio<br>di Daphne Caruana Galizia
Si tratta di Yorgen Fenech, spregiudicato proprietario di casinò e a capo di una cordata che si è aggiudicata un appalto miliardario, ma soprattutto collettore di tangenti che spartiva con alcuni ministri maltesi
Francia: il più grande caso di pedofilia
Francia: il più grande caso di pedofilia
Joël Le Scouarnec, chirurgo pediatrico, avrebbe abusato di oltre 250 bambini in quasi vent’anni di attività, malgrado una denuncia per possesso di materiale pedopornografico