L’attentatore di Toronto ha ucciso per motivi sessuali

| Nell’aprile 2018, Alek Manassian travolge e uccide 10 persone e ne ferisce altre 15 sui marciapiedi di Toronto. Arrestato, confessa di aver cercato vendetta per le sue frustrazioni sessuali

+ Miei preferiti
Alek Minassian era un giovane di 25 anni che viveva a Richmond Hill, un sobborgo di Toronto: sui profili social si descriveva come un ex studente del “Seneca College” diventato sviluppatore di software. Una sola stranezza nella sua storia immacolata: l’arruolamento volontario nell’esercito canadese e la richiesta di congedo dopo due mesi, “per difficoltà di adattamento alla vita militare”, recita la sua scheda. Un tipo che i suoi ex compagni di scuola ricordano come “taciturno e ombroso, ma del tutto innocuo”.

Il 23 aprile 2018, “l’innocuo” Alek Manassian noleggia un furgone Chevrolet bianco, e con quello si dirige verso Finch Avenue, nel centro di Toronto: alle 13:24 buca un semaforo rosso, poi punta verso la gente che cammina sul marciapiede di Yong Street. La folle corsa prosegue per altri 16 isolati in cui continua a travolgere chiunque si pari davanti al suo furgone. Un testimone dirà che aveva uno sguardo agghiacciante: “Li guardava negli occhi ed era come ipnotizzato, come se giocasse ad un videogioco”. Un agente di polizia intercetta il furgone e lo blocca 2,3 km dopo aver iniziato il massacro: Minassian scende, estrae dalla tasca posteriore un oggetto scuro e chiede all’agente di fare fuoco e ucciderlo. Viene arrestato alle 13:32, sette minuti dopo l’inizio della corsa: dietro di lui una scia di sangue fatta da 10 persone morte e 16 feriti, di cui alcuni molto gravi.

Il 24 aprile di quest’anno, Alek Minassian è comparso senza supporto legale davanti alla Corte di Giustizia dell’Ontario, che l’ha accusato di 10 omicidi di primo grado e 13 tentati omicidi. Ma soltanto adesso, la giustizia canadese ha revocato il divieto di divulgazione degli interrogatori del giovane, svelando alcuni dettagli inquietanti di una strage di cui gli inquirenti avevano immediatamente escluso la matrice terroristica.

Minassian, che nelle fasi dell’arresto aveva dichiarato “ho portato a termine la mia missione”, si era descritto un “incel”, un celibe involontario: quello che nessuna ragazza ha mai filato. Illibato, senza mai aver provato il piacere del sesso e la completezza di una storia d’amore, aveva ammesso di essere in contatto con tanti giovani come lui, emarginati dalla società, che covavano altrettanta rabbia ma non avevano il coraggio di vendicarsi con il mondo.

Galleria fotografica
L’attentatore di Toronto ha ucciso per motivi sessuali - immagine 1
L’attentatore di Toronto ha ucciso per motivi sessuali - immagine 2
Cronaca
«Naya è morta per salvare il figlio»
«Naya è morta per salvare il figlio»
Nell’attesa degli esiti dell’autopsia sul corpo rinvenuto nelle acque del lago Piru, lo sceriffo ipotizza quella che ritiene la versione più verosimile. Resta da capire se l'attrice sia stata colta da malore
Si uccide in diretta su Facebook
Si uccide in diretta su Facebook
Un attivista per i programmi di salute mentale inglese si è tolto la vita davanti a 400 persone che lo imploravano di non farlo. Proteste e polemiche all’indirizzo del social network
È morta Kelly Preston, moglie di John Travolta
È morta Kelly Preston, moglie di John Travolta
L’annuncio dato dall’attore sul suo profilo Facebook: da due anni lottava contro una forma molto aggressiva di cancro al seno. La coppia era sposta da quasi 30 anni
Violentata e uccisa a 8 anni da una coppia
Violentata e uccisa a 8 anni da una coppia
Vika si era allontana da casa dopo aver litigato con i genitori: è diventata la vittima di una coppia che l’ha violentata e soffocata. La donna si è presentata alla polizia per raccontare l’accaduto: “Ho tentato di fermarlo”
Naya Rivera, mistero fitto sulla scomparsa
Naya Rivera, mistero fitto sulla scomparsa
Ancora nessuna traccia del corpo della star di “Glee”, scomparsa nel lago Piru, in California. Secondo alcuni potrebbe essere un caso di suicidio
Coppia di fidanzati fatti a pezzi in un trolley
Coppia di fidanzati fatti a pezzi in un trolley
La valigia, ritrovata su una scogliera da un gruppo di ragazzini, conteneva i resti smembrati di Jessica Lewis e Austin Wenner, di cui non si sapeva nulla da giorni
Il blitz della cattura di Ghislaine Maxwell
Il blitz della cattura di Ghislaine Maxwell
L’FBI ha confermato che era sulle tracce della complice di Epstein da un anno: era stata individuata due volte, ed è sempre riuscita a sfuggire. Ora inizia la battaglia del suo agguerrito team legale
Lo sfacciato immobiliarista che riciclava denaro sporco
Lo sfacciato immobiliarista che riciclava denaro sporco
Oltre a decine di furti e frodi, Ramon Olorunwa Abbas era un esperto nel “ripulire” grosse somme di denaro frutto di traffici illeciti. Fra le vittime anche un club della Premier League inglese
Il Golden State Killer
si dichiara colpevole
Il Golden State Killer<br>si dichiara colpevole
Ha ammesso stupri e omicidi che per 40 anni hanno tolto il sonno a due contee californiane, in cambio della vita: non salirà sul patibolo, ma sconterà almeno 11 ergastoli dietro le sbarre
Londra: condannato il giovane della Tate Modern
Londra: condannato il giovane della Tate Modern
Il 18enne che un anno fa spinse dal balcone un bimbo di sei anni condannato dalla giustizia inglese per omicidio volontario