Le suore, Dolce&Gabbana, e il mistero della collana scomparsa

|

+ Miei preferiti

Dolce e Gabbana regalano una preziosa collana, in segno di devozione, alle monache di clausura di Plama di Montichiamo, ma il donocviene prelevato nottetempo dagli inviati della curia di Agrigento. Il mistero riguarda i motivi che hanno indotto il vescovo a ua procedura così poco rituale senza specificarne le ragioni.  Le suore stesse hanno denunciato il fatto indicando in una donna, con la delega del vescovo, la “prelevatrice” notturna del gioiello. Alla fine qualcosa è trapelato:  "motivi di sicurezza” ma i malumori non mancano. L'assessore comunale di Palma di Montechiaro, Salvatore Malluzzo, non si contiene: ”Se confermiamo ciò che circola in queste ore, per quanto mi riguarda, è un atto di gravità senza precedenti. La collana, donata dai designer Domenico Dolce e Stefano Gabbana alla Madonna del Castello in occasione della mostra di gioielli del 4 luglio, deve rimanere nella nostra città e non in altri luoghi Non c'è alcuna giustificazione che regge. Il nostro paese vive di tradizioni, costumi, di un forte devozionismo e di una fede intensa. L'atto di requisizione rappresenta un vero e proprio atto di forza, per non dire di offesa, contro la nostra comunità. Per noi, la Madonna del Castello rappresenta uno "scrigno del tesoro" intoccabile e tutto ciò che le appartiene non deve essere toccato o messo in discussione.

I due stilisti siciliani avevano donato il gioiello alle monache di clausura in segno di devozione, al termine di tre giorni di sfilate organizzate, dal 4 al 7 luglio, proprio nel palcoscenico offerto dalla città di Palma, tra storia e bellezza. Ora tutta la città attende una spiegazione dal vescovo e, soprattutto, che la collana torni al suo posto.

 
Cronaca
Francia, 800 kg di cocaina riconsegnati dal mare
Francia, 800 kg di cocaina riconsegnati dal mare
Dal 18 ottobre scorso, su un lungo tratto della costa atlantica francese si susseguono i ritrovamenti di panetti di cocaina purissima. L’inchiesta della procura per adesso si limita a supposizioni
Lo scontro di due aerei militari causato da un selfie
Lo scontro di due aerei militari causato da un selfie
È accaduto nel dicembre dello scorso anno al largo delle coste giapponesi: l’inchiesta ha accertato che un pilota si stava scattando dei selfie, mentre l’altro leggeva un libro
Trovato morto il fondatore dei White Helmets
Trovato morto il fondatore dei White Helmets
Ex agente segreto britannico, Jack Le Mesurier aveva creato una ong che agisce nei teatri di guerra siriani. Pochi giorni fa la Russia l’aveva accusato di terrorismo
Nuovi guai per Roman Polanski
Nuovi guai per Roman Polanski
Nel 1975, la giovane Valentine Monnier fu violentata senza pietà dal regista in uno chalet di Gstaad: 44 anni ha raccontato tutto, spinta proprio dall’ultimo film di Polanski
La coppia diabolica che sognava sesso e sangue
La coppia diabolica che sognava sesso e sangue
Paul e Angela, due amanti inglesi, hanno eliminato il ricco marito di lei per poter vivere insieme. A loro carico una serie di messaggi agghiaccianti in cui sognavano di fare sesso nel sangue del marito
Germania, finta dottoressa arrestata per quattro morti
Germania, finta dottoressa arrestata per quattro morti
Ha lavorato per quattro anni in ospedale, dove aveva presentato una documentazione falsa: è accusata di quattro decessi e otto persone ferite in modo grave
Ucciso l’hair stylist di CR7
Ucciso l’hair stylist di CR7
Il corpo di Ricardo Marques Ferreira trovato nel letto di un hotel di Zurigo in un lago di sangue. La polizia ha fermato un uomo di 39 anni
Storie di morte dal tir degli orrori
Storie di morte dal tir degli orrori
I messaggi di addio alla famiglia di Pham Thi Tra My, una ragazza vietnamita di 26 anni. Le indagini della polizia sulle spietate bande di trafficanti di esseri umani che dominano le tratte internazionali
Rinviato il processo ai rapitori di Silvia Romano
Rinviato il processo ai rapitori di Silvia Romano
“Nuovi e fondamentali elementi” hanno convinto i giudici keniani a far slittare il processo a carico di tre dei presunti sequestratori della giovane milanese
Londra: nel tir l’ennesima
strage dei migranti
Londra: nel tir l’ennesima<br>strage dei migranti
È il sospetto della polizia, che ammette le difficoltà di dare un nome ai 39 cadaveri ritrovati all'interno di un container. Non si tratta di un caso isolato: numerosi i precedenti