Lettera aperta a San Giovanni (dopo la festa mancata di ieri)

|

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta
GERMANO LONGO
Scusaci Giovanni Battista, Santo Patrono di questa città, ma alla fine – daje e daje, come direbbero i tuoi colleghi romani – ce l'hanno fatta. Per la prima volta nella nostra storia, la festa in onore Tuo, che nulla puoi contro le pochezze terrene e men che meno su quelle politiche, finisce nello speciale archivio dove Torino conserva le cose da dimenticare.


In piazza Vittorio, per i fuochi, si aspettavano 48 mila persone, non una di più, con un apparato di sicurezza ad attenderle che neanche al G7. S'è presentata la metà della gente, più o meno. Forse un po' di paura, poca fiducia nelle parole, tanto caldo e mettici anche nessuna voglia di festeggiare, dopo le troppe sere sbagliate che stanno guastando l'aria estiva dei torinesi. È come se la città avesse risposto "vacci tu", all'invito della sindaca Appendino: "Venite a festeggiare".

D'altra parte, ormai anche uscire di casa per un gelato può trasformarsi in un incubo. Basta essere nel posto sbagliato nel momento peggiore ed è fatta: da una parte giovani pieni di birra, dall'altra i manganelli della Celere. Dove sia peggio finire è difficile dirlo. Peccato, perché in piazza Vittorio c'era da testare l'efficacia delle misure adottate dopo infinite riunioni: quattro varchi, controlli strettissimi, telecamere a grappoli.

Per cui non avertene a male San Giovanni, nulla di personale. Ma in questa parte del mondo i grattacieli bruciano in un attimo e c'è in giro troppa gente che ce l'ha con noi: è anche per tutto questo se ieri sera la gente della tua Torino ha scelto di starsene a casa, magari a guardare il bagliore dei fuochi da lontano, sul balcone, in mutande, con un calippo in mano.

Se una cosa l'ha consacrata, la festa senza festa di ieri sera, è un pensiero sottile: un po' martiri, ormai, ci sentiamo anche noi.

Cronaca
Pacco bomba esplode a Lione
Pacco bomba esplode a Lione
La polizia sulle tracce del presunto attentatore, un uomo in bicicletta col volto coperto. L'esplosione in una via centralissima: numerosi i feriti, ma pare nessuno in modo grave. Sembra allontanarsi la pista terroristica
Edmund ed Eduard, ladri gemelli
Edmund ed Eduard, ladri gemelli
In un continuo scambio di identità, confondevano con la loro somiglianza anche le videocamere. Presi a Rovigo dopo una lunga catena di furti. Via al processo, ma i colpi sarebbero centinaia
Svastiche sui sopravvissuti dei lager
Svastiche sui sopravvissuti dei lager
Sfregiate le fotografie dei reduci esposte nel centro di Vienna, ennesimo episodio di antisemitismo da parte di gruppi filo-nazisti
Sesso con cani, quattro donne denunciate
Sesso con cani, quattro donne denunciate
Cercavano animali di grossa taglia per coinvolgerli in rapporti sessuali singoli o di gruppo, poi se ne liberavano. Il caso scoperto dall'associazione Aidaa. Scambi di foto su chat animal sex. Fingevano di volerli adottare dai canili
"Torturato in cella solo perché cattolico"
"Torturato in cella solo perché cattolico"
La terribile disavventura dell'imprenditore italiano Massimo Sacco, arrestato pnegli Emirati Arabi per traffico di droga, in carcere per oltre un anno: "Accusa falsa, in carcere mi hanno picchiato e seviziato, odiano i cristiani"
Ana Bettz, la cantante accusata di riciclaggio
Ana Bettz, la cantante accusata di riciclaggio
Vedova del petroliere Sergio Di Cesare, aveva tentato la carriera artistica senza grande successo. È stata bloccata al confine di Ventimiglia con 300mila euro in contanti, e la Finanza sospetta sia frutto di riciclaggio
Il mostro di Torrazzo vuole sposarsi
Il mostro di Torrazzo vuole sposarsi
Gianfranco Stevanin, il serial killer veronese accusato di omicidio, violenza e occultamento di cadavere, conta di uscire per sposarsi e rifarsi una vita
Nessun colpevole per la strage Erasmus
Nessun colpevole per la strage Erasmus
Per le famiglie delle 13 ragazze che nel 2016 morirono a bordo di un autobus in Spagna, l’ennesimo schiaffo della giustizia spagnola: nessun colpevole. Già annunciato un nuovo appello
Filippine, ucciso manager italiano
Filippine, ucciso manager italiano
Si allunga la lista dei connazionali assassinati o spariti all'estero. I casi di Colombia e Costarica. Gli otto desaparecidos
Il tennista Seppi truffato dal falso broker
Il tennista Seppi truffato dal falso broker
Fabio Gaiatto, definito il Madoff del Veneto, a processo per una 2catena di Sant'Antonio" finita in tragedia per centinaia di risparmiatori che gli avevano affidato i loro denari. La moglie patteggia, prime condanne