L’incredibile caso dei pedofili di Rotherham

| Per decenni, gang di pakistani hanno sequestrato e violentato minorenni, ma la polizia non è mai intervenuta per evitare tensioni razziali. È l’allucinante conclusione di un’inchiesta conclusa in questi giorni

+ Miei preferiti
Rotherham, South Yorkshire, Inghilterra, ha una triste nomea: la chiamano “la città degli orrori”. Nel 2014, la cittadina fu travolta da uno scandalo di pedofilia senza precedenti: secondo un calcolo approssimativo, tra il 1997 ed il 2013 almeno 1.400 bambini furono stuprati, picchiati e minacciati da gang per massima parte appartenenti dalla comunità pachistana. L’inchiesta ordinata dalle autorità locali riuscì ad accertare gravi lacune da parte della polizia e degli assistenti sociali: le notizie delle violenze circolavano da tempo, ma nessuno aveva fatto nulla per fermarle.

A cinque anni di distanza, l’inchiesta, ribattezzata “Operazione Linden” e partita dopo i sei esposti contro le forze dell’ordine presentati da una vittima, è arrivata alla fine, e le conclusioni sono un macigno che avrà ripercussioni profonde sul tessuto sociale di Rotherham. A smuovere il pesante silenzio omertoso intorno al caso era stata la morte di Victoria Agoglia, una 15enne che prima di spirare era riuscita a raccontare di essere stata drogata e violentata da un pakistano. Ma le indagini, che avevano fatto intravedere una rete formata da almeno un centinaio di pedofili, erano state insabbiate.

L’unica sentenza sul caso è del 2018, quando 6 uomini erano finiti in galera con una condanna complessiva a più di 100 anni di reclusione per violenza e riduzione in schiavitù di 5 ragazzine con meno di 16 anni. Durante il processo, una delle vittime aveva raccontato di essere stata abusata negli anni “da più di 100 uomini” e di aver subito uno stupro di gruppo in un bosco isolato, sotto la minaccia di essere uccisa e abbandonata lì se si fosse rifiutata.

Le conclusioni dell’inchiesta le ha anticipate nelle scorse ore il “Times”, spiegando per la prima volta i motivi dell’apparente sciatteria e incuranza di chi doveva vigilare: il timore era che l’origine straniera dei 97 sospetti di pedofilia, di cui era stato accertato l’abuso su 57 bambini, avrebbe potuto scatenare tensioni razziali. Sfruttando la giovanissima età, le gang pakistane sequestravano, plagiavano e minacciavano le vittime.

Maggie Oliver, ex detective del dipartimento diventata una delle maggiori accusatrici, riassume tutto in una frase pronunciata allora dal capo del dipartimento di polizia: “Trattandosi di asiatici, non possiamo permetterci che questo venga fuori”.

Ad ammettere le colpe dell’intero dipartimento di polizia è stato un portavoce, che accettando in pieno le conclusioni dell’inchiesta ha aggiunto: “Ci dispiace che nessun agente sia ancora stato identificato, perché chi ha sbagliato dovrà pagare”.

Galleria fotografica
L’incredibile caso dei pedofili di Rotherham - immagine 1
Cronaca
Luca ed Edith sono liberi
Luca ed Edith sono liberi
I due giovani, scomparsi nel dicembre 2018 in Burkina Faso, sarebbero riusciti a evadere dal luogo dove una banda li teneva prigionieri. A breve il rientro in Italia
Chelsea Manning tenta il suicidio
Chelsea Manning tenta il suicidio
L’ex gola profonda di WikiLeaks, tornata dietro le sbarre lo scorso anno, rifiuta categoricamente di comparire davanti alla corte federale
Aperto il processo per la strage del volo MH17
Aperto il processo per la strage del volo MH17
In Olanda, in un’aula allestita nella zona dell’aeroporto Schiphol di Amsterdam, le prime battute del processo contro 4 persone sospettate di aver ucciso le 298 persone a bordo
La fuga dalla quarantena di Ekaterina
La fuga dalla quarantena di Ekaterina
Le autorità della Crimea hanno emesso un mandato di cattura per una ragazza che prima degli esisti del terzo e ultimo tampone è fuggita dall’ospedale in cui era in quarantena
Arrestati i ladri della villa di Tamara Ecclestone
Arrestati i ladri della villa di Tamara Ecclestone
Sarebbero madre e figlio di origine rumena: negano ogni accusa, ma lei è stata arrestata con addosso orecchini preziosissimi, e nell’abitazione del figlio sono stati trovati diversi accessori griffati dell’ereditiera
Strangolata a 6 anni dal vicino di casa
Strangolata a 6 anni dal vicino di casa
La piccola Faye Swetlik era scomparsa dal giardino di casa, in South Carolina: è stata ritrovata senza vita tre giorni dopo. A poche ore di distanza, un vicino su cui la polizia iniziava a sospettare si è ucciso
GB, sette uomini condannati per stupro
GB, sette uomini condannati per stupro
Dopo quattro settimane di processo, la giuria ha dichiarato colpevoli di stupro e violenze sette uomini che avevano preso di mira alcune ragazzine, costringendole ad avere rapporti con l’uso di droga e minacce
Muore il padre di Meredith Kercher
Muore il padre di Meredith Kercher
Il papà della studentessa uccisa a Perugia coinvolto forse in un tentativo di scippo o l’investimento di un pirata della strada. Ricoverato in ospedale, è morto pochi giorni dopo
Tre morti e due bambini scomparsi: il giallo che inquieta l’America
Tre morti e due bambini scomparsi: il giallo che inquieta l’America
Lori Vallow, moglie e sorella di due uomini uccisi in circostanze strane, è fuggita con il nuovo marito, la cui ex moglie è morta poco dopo. Ma dei due figli della donna non c’è più traccia da settembre
Hackerate le email di Ghislaine Maxwell
Hackerate le email di Ghislaine Maxwell
Il timore è che numerose email scambiate fra la reclutatrice di minorenni per conto di Jeffrey Epstein e personaggi in vista siano resi noti dai media, scatenando un vero cataclisma di proporzioni mondiali