L’incredibile caso dei pedofili di Rotherham

| Per decenni, gang di pakistani hanno sequestrato e violentato minorenni, ma la polizia non è mai intervenuta per evitare tensioni razziali. È l’allucinante conclusione di un’inchiesta conclusa in questi giorni

+ Miei preferiti
Rotherham, South Yorkshire, Inghilterra, ha una triste nomea: la chiamano “la città degli orrori”. Nel 2014, la cittadina fu travolta da uno scandalo di pedofilia senza precedenti: secondo un calcolo approssimativo, tra il 1997 ed il 2013 almeno 1.400 bambini furono stuprati, picchiati e minacciati da gang per massima parte appartenenti dalla comunità pachistana. L’inchiesta ordinata dalle autorità locali riuscì ad accertare gravi lacune da parte della polizia e degli assistenti sociali: le notizie delle violenze circolavano da tempo, ma nessuno aveva fatto nulla per fermarle.

A cinque anni di distanza, l’inchiesta, ribattezzata “Operazione Linden” e partita dopo i sei esposti contro le forze dell’ordine presentati da una vittima, è arrivata alla fine, e le conclusioni sono un macigno che avrà ripercussioni profonde sul tessuto sociale di Rotherham. A smuovere il pesante silenzio omertoso intorno al caso era stata la morte di Victoria Agoglia, una 15enne che prima di spirare era riuscita a raccontare di essere stata drogata e violentata da un pakistano. Ma le indagini, che avevano fatto intravedere una rete formata da almeno un centinaio di pedofili, erano state insabbiate.

L’unica sentenza sul caso è del 2018, quando 6 uomini erano finiti in galera con una condanna complessiva a più di 100 anni di reclusione per violenza e riduzione in schiavitù di 5 ragazzine con meno di 16 anni. Durante il processo, una delle vittime aveva raccontato di essere stata abusata negli anni “da più di 100 uomini” e di aver subito uno stupro di gruppo in un bosco isolato, sotto la minaccia di essere uccisa e abbandonata lì se si fosse rifiutata.

Le conclusioni dell’inchiesta le ha anticipate nelle scorse ore il “Times”, spiegando per la prima volta i motivi dell’apparente sciatteria e incuranza di chi doveva vigilare: il timore era che l’origine straniera dei 97 sospetti di pedofilia, di cui era stato accertato l’abuso su 57 bambini, avrebbe potuto scatenare tensioni razziali. Sfruttando la giovanissima età, le gang pakistane sequestravano, plagiavano e minacciavano le vittime.

Maggie Oliver, ex detective del dipartimento diventata una delle maggiori accusatrici, riassume tutto in una frase pronunciata allora dal capo del dipartimento di polizia: “Trattandosi di asiatici, non possiamo permetterci che questo venga fuori”.

Ad ammettere le colpe dell’intero dipartimento di polizia è stato un portavoce, che accettando in pieno le conclusioni dell’inchiesta ha aggiunto: “Ci dispiace che nessun agente sia ancora stato identificato, perché chi ha sbagliato dovrà pagare”.

Galleria fotografica
L’incredibile caso dei pedofili di Rotherham - immagine 1
Cronaca
Influencer uccide la madre e le strappa il cuore
Influencer uccide la madre e le strappa il cuore
Anna Leikovic, 21 anni, ha assassinato la donna con un coltello da cucina strappandole diversi organi. La donna aveva scoperto che in sua assenza la figlia era diventata tossicodipendente
Il mistero dei Pirenei: travel blogger scompare nel nulla
Il mistero dei Pirenei: travel blogger scompare nel nulla
Esther Dingley manca all’appello ormai da più di 10 giorni: la polizia valuta l’ipotesi dell’incontro con un malintenzionato, ma anche la foto dell’impronta di un grosso orso inviata dalla donna poco prima di scomparire
Il mistero dell’influencer trovata morta
Il mistero dell’influencer trovata morta
Alexis Leigh Sharkley, 26 anni, era scomparsa venerdì a Houston senza lasciare traccia: il corpo nudo è stato visto da un operaio. È mistero fitto sulla morte: il corpo non presenta ferite
Dal reparto psichiatrico alla carriera da modella
Dal reparto psichiatrico alla carriera da modella
L’incredibile storia di Lucy May Dawson, una giovane inglese che viene ricoverata e curata per un forte esaurimento nervoso. Sembrava che per lei non ci fosse altro da fare, fin quando è arrivata la diagnosi corretta
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Eloisa Pinto Fontes, 26 anni, era scomparsa senza lasciare traccia un anno fa a New York. È stata ritrovata in una favela di Rio mentre vagava in stato confusionale
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
Sarebbe morta nel sonno a soli 24 anni: dopo una carriera fulminea nel mondo dell’hard aveva scelto di tornare dalla famiglia in Texas e contava di sposarsi a breve
Notte di sangue a Birmingham
Notte di sangue a Birmingham
Una non meglio precisata “serie di accoltellamenti” che avrebbero coinvolto diverse persone, avvenuti nella zona della movida e del quartiere LGBT. La polizia non si sbilancia sulla matrice dell’episodio
Rock and Virus
Rock and Virus
Il concerto degli “Smash Mount” durante il motoraduno di Sturgis, si sta trasformando in un focolaio che fa il pieno di contagi e vittime. L’ira dei social verso la band, accusata di fomentare la folla urlando che il Covid non esiste
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
I cadaveri di Henriett Szcus e Mihrican Mustafa ritrovati casualmente dalla polizia un anno fa nell’appartamento di Zahid Younis, 36 anni, condannato all’ergastolo
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
L’allarme è scattato dopo i primi svenimenti per la presenza di monossido di carbonio. Nessuna vittima ma tanta paura per circa 200 giovani che avevano scelto una caverna per una notte di eccessi