Lo strano incidente della bella biker-influencer

| Tiffany Mitchell ha postato su Instagram le foto di un suo "drammatico" incidente con la moto. Ma molti pensano che si sia inventata tutto per acchiappare like e fare pubblicità a un noto marchio di acqua minerale. Lei giura di no

+ Miei preferiti
Di Maria Lopez

Tiffany Mitchell, un’influencer di Nashville, stava guidando la sua moto BMW quasi d’epoca. quando ha sbagliato una curva ed è uscita di strada. Gli incidenti in moto sono raramente divertenti, ma questo era, da un vista fotografico, molto suggestivo. Intanto, per fortuna, le uniche lesioni che la bella Tiffany si era procurata nella rovinosa caduta erano una serie di macchie d’olio, strategicamente disposte su un braccio, un giubbotto un po’ rovinato e stop. Per puro caso, un bel ragazzo era a portata di mano per aiutarla e sempre per caso l'intera scena è stata catturata dalla telecamera e pubblicata su Instagram. Che dire: riprese perfette, luce giusta, un po’ soffusa, toni morbidi e atmosfera rilassata.



Il 31 luglio, l’influencer ha informato i suoi followers e all’inizio costoro sembravano dispiaciuti e solidali per la brutta avventura. Ma un dubbio ha cominciato ad affacciarsi. Perchè le lesioni erano così lievi? Perché il suo casco era stato rimosso immediatamente quando il protocollo detta che, nella maggior parte delle circostanze, non va mai tolto al ferito? Perché tutto era stato fotografato così professionalmente? Perché in una delle fotografie c'era una bottiglia di Smartwater posizionata ad arte? Non sarà miche che fosse stato uno spot pubblicitario messo in scena deliberatamente e organizzato nei dettagli?

Mitchell giura di no. In un post pubblicato lunedì, Mitchell ha detto a Buzzfeed News che "non avrebbe mai trasformato una storia personale in una campagna pubblicitaria". Ha anche chiesto a Buzzfeed di astenersi dal scrivere una storia sulla controversia in quanto "attirerebbe l'attenzione negativa”. Dopo l'uscita della storia di Buzzfeed, Mitchell ha postato una storia di Instagram accusando il complotto di "sensazionalizzare quello che ho passato quel giorno, facendosi beffe del post che ho condiviso". Ha ribadito che non si trattava di una pubblicità, dicendo che lei rivela "ogni singola sponsorizzazione".

“Allora, che diavolo sta succedendo? Mitchell è stata ingiustamente malignata? O siamo ora arrivati alla fase finale del tardo capitalismo, dove le persone fingono incidenti motociclistici per aumentare i loro seguaci dei social media? Temo che non potremo mai conoscere la storia completa, ma va notato che i rappresentanti di Smartwater hanno detto di non avere un accordo di sponsorizzazione con Mitchell”, scrive ironicamente il Guardian.

ma solo il fatto che stiamo anche discutendo se un Instagrammer ha organizzato un incidente o meno, dimostra quanto sia diventata fuori controllo l'industria che esercita un’influenza. Nei primi tempi dei social media, gli influencer erano gli anticelebrity. La gente si fidava di loro perché erano persone normali. Erano autentici, e i marchi li amavano perché l'autenticità vende; è più probabile che tu compri qualcosa che sia avallato da qualcuno di cui ti fidi. Vedi in Italia il caso Ferragni, con bilanci milionari, e altre ancora simili o eguali. C’è veramente da preoccuparsi.

 

Galleria fotografica
Lo strano incidente della bella biker-influencer - immagine 1
Lo strano incidente della bella biker-influencer - immagine 2
Lo strano incidente della bella biker-influencer - immagine 3
Lo strano incidente della bella biker-influencer - immagine 4
Cronaca
Influencer uccide la madre e le strappa il cuore
Influencer uccide la madre e le strappa il cuore
Anna Leikovic, 21 anni, ha assassinato la donna con un coltello da cucina strappandole diversi organi. La donna aveva scoperto che in sua assenza la figlia era diventata tossicodipendente
Il mistero dei Pirenei: travel blogger scompare nel nulla
Il mistero dei Pirenei: travel blogger scompare nel nulla
Esther Dingley manca all’appello ormai da più di 10 giorni: la polizia valuta l’ipotesi dell’incontro con un malintenzionato, ma anche la foto dell’impronta di un grosso orso inviata dalla donna poco prima di scomparire
Il mistero dell’influencer trovata morta
Il mistero dell’influencer trovata morta
Alexis Leigh Sharkley, 26 anni, era scomparsa venerdì a Houston senza lasciare traccia: il corpo nudo è stato visto da un operaio. È mistero fitto sulla morte: il corpo non presenta ferite
Dal reparto psichiatrico alla carriera da modella
Dal reparto psichiatrico alla carriera da modella
L’incredibile storia di Lucy May Dawson, una giovane inglese che viene ricoverata e curata per un forte esaurimento nervoso. Sembrava che per lei non ci fosse altro da fare, fin quando è arrivata la diagnosi corretta
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Eloisa Pinto Fontes, 26 anni, era scomparsa senza lasciare traccia un anno fa a New York. È stata ritrovata in una favela di Rio mentre vagava in stato confusionale
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
Sarebbe morta nel sonno a soli 24 anni: dopo una carriera fulminea nel mondo dell’hard aveva scelto di tornare dalla famiglia in Texas e contava di sposarsi a breve
Notte di sangue a Birmingham
Notte di sangue a Birmingham
Una non meglio precisata “serie di accoltellamenti” che avrebbero coinvolto diverse persone, avvenuti nella zona della movida e del quartiere LGBT. La polizia non si sbilancia sulla matrice dell’episodio
Rock and Virus
Rock and Virus
Il concerto degli “Smash Mount” durante il motoraduno di Sturgis, si sta trasformando in un focolaio che fa il pieno di contagi e vittime. L’ira dei social verso la band, accusata di fomentare la folla urlando che il Covid non esiste
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
I cadaveri di Henriett Szcus e Mihrican Mustafa ritrovati casualmente dalla polizia un anno fa nell’appartamento di Zahid Younis, 36 anni, condannato all’ergastolo
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
L’allarme è scattato dopo i primi svenimenti per la presenza di monossido di carbonio. Nessuna vittima ma tanta paura per circa 200 giovani che avevano scelto una caverna per una notte di eccessi