Luca ed Edith sono stati rapiti?

| È l’ipotesi che si fa sempre più strada: rintracciato il misterioso francese che era con loro l’ultima sera, mentre un imprenditore canadese offre una ricompensa. L'angoscia delle famiglie

+ Miei preferiti
Patrick Gagnon, un imprenditore canadese residente da anni in Burkina Faso, sarebbe pronto ad offrire 2.500 dollari di ricompensa a chiunque sia in grado di fornire informazioni su Luca Tacchetto ed Edith Blais, la coppia svanita nel nulla il 15 dicembre scorso.

Secondo quanto riportato dal quotidiano “Le Soleil”, Gagnon si è spinto fino al confine con il Togo per verificare il possibile passaggio del giovane architetto italiano e della sua amica canadese. “Sarebbero stati visti intorno al 22 dicembre a Zimaré, a circa 50 km da Ouagadougou”. Da qui i sospetti che i due possano aver passato il confine illegalmente, anche se si tratterebbe di un caso “sorprendente”.

Ma con il passare dei giorni, cresce la preoccupazione che i due ragazzi possano essere stati rapiti: “È tutto molto strano, sono due grandi viaggiatori che non si negano esperienze bizzarre, ma non avrebbero mai passato così tanti giorni senza dare segni di vita alle famiglie. Si trovano quasi sicuramente a dover affrontare una situazione eccezionale, ma speriamo tutti che non sia nulla di grave”.

Nelle ultime ore, intanto, sarebbe stato rintracciato il misterioso francese con cui Luca ed Edith avrebbero trascorso la loro ultima sera documentata. La conferma questa volta arriva da un amico della famiglia Tacchetto, che ha riferito di essere entrati in contatto con l’uomo attraverso la mediazione di alcuni missionari e di guide locali. Si chiama Robert e da tutti è descritto come una brava persona: ha raccontato di aver consigliato ai due ragazzi la visita di un parco naturale ad una decina di km da Bobo-Dioulasso, la cittadina da cui Luca ed Edith sono scomparsi.

A confermare che le indicazioni fornite dal francese sono giuste è anche Nunzio Tacchetto, il padre di Luca, che ha ricordato uno degli ultimi sms del figlio, inviato alla madre, in cui raccontava dell’intenzione di visitare un parco naturale. “Mio figlio non è uno sprovveduto: è un grande viaggiatore, si sa difendere ed evitare i guai”. Ma l’angoscia resta, perché Luca chiamava casa ogni giorno e da tre settimane i telefoni sono muti.

A mancare all’appello è anche l’auto su cui viaggiavano, una Renault Megane Scenic: erano partiti da Vigonza il 20 novembre scorso con l’idea di raggiungere l’Africa attraverso Francia, Spagna, Marocco, Mauritania e Mali. A Bobo-Dioulasso avevano intenzione di vendere l’auto per poi raggiungere una missione Onlus in Togo.

La più importante emittente radiofonica del paese africano ha dedicato al caso dei due giovani una trasmissione, annunciando l’intervento in diretta della madre di Edith Blais, pronta a lanciare un appello.

Galleria fotografica
Luca ed Edith sono stati rapiti? - immagine 1
Luca ed Edith sono stati rapiti? - immagine 2
Cronaca
Hackerate le email di Ghislaine Maxwell
Hackerate le email di Ghislaine Maxwell
Il timore è che numerose email scambiate fra la reclutatrice di minorenni per conto di Jeffrey Epstein e personaggi in vista siano resi noti dai media, scatenando un vero cataclisma di proporzioni mondiali
L’incredibile caso dei pedofili di Rotherham
L’incredibile caso dei pedofili di Rotherham
Per decenni, gang di pakistani hanno sequestrato e violentato minorenni, ma la polizia non è mai intervenuta per evitare tensioni razziali. È l’allucinante conclusione di un’inchiesta conclusa in questi giorni
UK: picchiata perché lesbica
UK: picchiata perché lesbica
Dopo la quinta aggressione, una ventenne inglese ha deciso di divulgare le foto delle sue ferite: “Ormai ho paura di uscire di casa, ma voglio che la gente sappia”
Dublino: ucciso e decapitato nella guerra fra gang
Dublino: ucciso e decapitato nella guerra fra gang
I resti di Keane Mulready-Woods, 17 anni, sono stati trovati a km di distanza all’interno di una borsa e di un’auto data alle fiamme. La polizia sulle tracce del probabile assassino, un 35enne considerato un potenziale serial killer
Sicilia, il mistero dei sub restituiti dal mare
Sicilia, il mistero dei sub restituiti dal mare
Un terzo corpo è riemerso ieri a Termini Imerese: sul mistero indagano cinque procure, e al momento non si esclude alcuna pista. L’incidente durante una battuta di pesca o durante la consegna di una partita di droga
L’ex parroco confessa: “Molestavo 4 o 5 bimbi ogni settimana”
L’ex parroco confessa: “Molestavo 4 o 5 bimbi ogni settimana”
Bernard Preynat, ex parroco della chiesa di Sainte-Foy-Les Lyon, ammette le sue responsabilità alle prime battute del processo: “Non mi rendevo conto di fare del male, provavo piacere”
I nuovi misteri del furto del secolo
I nuovi misteri del furto del secolo
Due episodi si aggiungono al clamoroso furto di gioielli dello scorso novembre al castello di Dresda. Qualcuno avrebbe offerto due dei preziosi ad una società, chiedendo anche di indagare sulle misure di sicurezza del museo
Modella inglese muore precipitando da una scogliera
Modella inglese muore precipitando da una scogliera
Madalyn Davis, che da poche settimane si era trasferita in Australia, è caduta da una pericolosa scogliera nella costa di Sydney
Bimbo di 10 anni trovato morto nel carrello di un aereo
Bimbo di 10 anni trovato morto nel carrello di un aereo
Il piccolo sarebbe riuscito a intrufolarsi nel vano del carrello di un aereo diretto a Parigi superando la sorveglianza di un aeroporto della Costa d’Avorio. Le basse temperature non gli hanno lasciato scampo
Ergastolo allo stupratore seriale di Manchester
Ergastolo allo stupratore seriale di Manchester
In 12 anni avrebbe abusato di centinaia di giovani eterosessuali di cui conquistava la fiducia, per poi violentarli nel suo appartamento dopo averli drogati. È stato condannato per 159 capi d’accusa, con 136 stupri