Luca ed Edith sono stati rapiti?

| È l’ipotesi che si fa sempre più strada: rintracciato il misterioso francese che era con loro l’ultima sera, mentre un imprenditore canadese offre una ricompensa. L'angoscia delle famiglie

+ Miei preferiti
Patrick Gagnon, un imprenditore canadese residente da anni in Burkina Faso, sarebbe pronto ad offrire 2.500 dollari di ricompensa a chiunque sia in grado di fornire informazioni su Luca Tacchetto ed Edith Blais, la coppia svanita nel nulla il 15 dicembre scorso.

Secondo quanto riportato dal quotidiano “Le Soleil”, Gagnon si è spinto fino al confine con il Togo per verificare il possibile passaggio del giovane architetto italiano e della sua amica canadese. “Sarebbero stati visti intorno al 22 dicembre a Zimaré, a circa 50 km da Ouagadougou”. Da qui i sospetti che i due possano aver passato il confine illegalmente, anche se si tratterebbe di un caso “sorprendente”.

Ma con il passare dei giorni, cresce la preoccupazione che i due ragazzi possano essere stati rapiti: “È tutto molto strano, sono due grandi viaggiatori che non si negano esperienze bizzarre, ma non avrebbero mai passato così tanti giorni senza dare segni di vita alle famiglie. Si trovano quasi sicuramente a dover affrontare una situazione eccezionale, ma speriamo tutti che non sia nulla di grave”.

Nelle ultime ore, intanto, sarebbe stato rintracciato il misterioso francese con cui Luca ed Edith avrebbero trascorso la loro ultima sera documentata. La conferma questa volta arriva da un amico della famiglia Tacchetto, che ha riferito di essere entrati in contatto con l’uomo attraverso la mediazione di alcuni missionari e di guide locali. Si chiama Robert e da tutti è descritto come una brava persona: ha raccontato di aver consigliato ai due ragazzi la visita di un parco naturale ad una decina di km da Bobo-Dioulasso, la cittadina da cui Luca ed Edith sono scomparsi.

A confermare che le indicazioni fornite dal francese sono giuste è anche Nunzio Tacchetto, il padre di Luca, che ha ricordato uno degli ultimi sms del figlio, inviato alla madre, in cui raccontava dell’intenzione di visitare un parco naturale. “Mio figlio non è uno sprovveduto: è un grande viaggiatore, si sa difendere ed evitare i guai”. Ma l’angoscia resta, perché Luca chiamava casa ogni giorno e da tre settimane i telefoni sono muti.

A mancare all’appello è anche l’auto su cui viaggiavano, una Renault Megane Scenic: erano partiti da Vigonza il 20 novembre scorso con l’idea di raggiungere l’Africa attraverso Francia, Spagna, Marocco, Mauritania e Mali. A Bobo-Dioulasso avevano intenzione di vendere l’auto per poi raggiungere una missione Onlus in Togo.

La più importante emittente radiofonica del paese africano ha dedicato al caso dei due giovani una trasmissione, annunciando l’intervento in diretta della madre di Edith Blais, pronta a lanciare un appello.

Galleria fotografica
Luca ed Edith sono stati rapiti? - immagine 1
Luca ed Edith sono stati rapiti? - immagine 2
Cronaca
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
Sarebbe morta nel sonno a soli 24 anni: dopo una carriera fulminea nel mondo dell’hard aveva scelto di tornare dalla famiglia in Texas e contava di sposarsi a breve
Notte di sangue a Birmingham
Notte di sangue a Birmingham
Una non meglio precisata “serie di accoltellamenti” che avrebbero coinvolto diverse persone, avvenuti nella zona della movida e del quartiere LGBT. La polizia non si sbilancia sulla matrice dell’episodio
Rock and Virus
Rock and Virus
Il concerto degli “Smash Mount” durante il motoraduno di Sturgis, si sta trasformando in un focolaio che fa il pieno di contagi e vittime. L’ira dei social verso la band, accusata di fomentare la folla urlando che il Covid non esiste
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
I cadaveri di Henriett Szcus e Mihrican Mustafa ritrovati casualmente dalla polizia un anno fa nell’appartamento di Zahid Younis, 36 anni, condannato all’ergastolo
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
L’allarme è scattato dopo i primi svenimenti per la presenza di monossido di carbonio. Nessuna vittima ma tanta paura per circa 200 giovani che avevano scelto una caverna per una notte di eccessi
La killer di una senatrice americana confessa l’omicidio
La killer di una senatrice americana confessa l’omicidio
Rebecca Lynn O’Donnell ha confessato l’omicidio e l’occultamento di cadavere della senatrice dell'Arkansas Linda Collins-Smith, che stava indagando in un giro di pedofilia
Texas, mamma in overdose si chiude in auto con le figlie: muoiono tutte e tre
Texas, mamma in overdose si chiude in auto con le figlie: muoiono tutte e tre
Natalie, Izabel ed Elise Chambers, sono state ritrovate prive di vita in un Suv: Natalie sarebbe morta per overdose, le sue bimbe soffocate dal gran caldo
Una mamma e i suoi due figli trovati in un'auto in un lago
Una mamma e i suoi due figli trovati in un
I corpi di ShaQuia Philpot e i suoi due gemelli, sono stati notati da un pescatore in un lago della Georgia. La polizia indaga per risalire ai motivi di quello che al momento appare come un inspiegabile omicidio-suicidio
Riconosce il suo stupratore nel killer di Maddie
Riconosce il suo stupratore nel killer di Maddie
Una donna vittima di stupro nel 2004 nella stessa zona del Portogallo dove è scomparsa la bimba inglese, ha trovato nel racconto di un’altra violenza commessa da Christian Brueckner molte analogie con la sua, rimasta irrisolta
«Naya è morta per salvare il figlio»
«Naya è morta per salvare il figlio»
Nell’attesa degli esiti dell’autopsia sul corpo rinvenuto nelle acque del lago Piru, lo sceriffo ipotizza quella che ritiene la versione più verosimile. Resta da capire se l'attrice sia stata colta da malore