Malta, 150mila euro per uccidere Daphne

| È la cifra che il re dei casino Yorgen Fenech avrebbe pagato all’intermediario per trovare i killer che hanno ucciso la giornalista. L’Europa manda una delegazione e il governo di Muscat scricchiola

+ Miei preferiti
Se Daphne Caruana Galizia potesse sentire quello che sta succedendo a Malta, il suo Paese, sarebbe contenta. La sua morte, seguita dai pesanti ritardi della giustizia maltese e gli occhi di tutto il mondo addosso, potrebbero costare molto caro al governo di Joseph Muscat.

L’ultima presa di posizione, proprio in queste ore, è della Conferenza dei Presidenti del Parlamento Europeo, che ha deciso di fare chiarezza mandando con urgenza una missione che ha come obiettivo “esaminare lo Stato di diritto a Malta”, per riferire a Bruxelles entro dicembre.

Sul fronte delle indagini, il punto lo fa il quotidiano “Time of Malta”, che rivela quanto è costato togliere di mezzo la scomoda giornalista riempiendole l’auto di esplosivo: 150mila euro, cifra che Yorgen Fenech, il signore dei casinò dell’isola, avrebbe girato all’intermediario Melvin Theuma, un tassista con le conoscenze utili nella malavita che si era poi occupato di individuare e contrattare con i tre killer, Vince Muscat e i due fratelli Vince e George Degiorgio. È stato proprio l’arresto di Theuma a sbloccare delle indagini che fino a quel momento sembravano stagnare senza alcuna speranza di arrivare a nulla di concreto. In cambio della sua confessione, Theulma ha chiesto la grazia a Muscat, che l’ha concessa con una leggerezza tale da finire nella bufera. L’uomo fa il nome di Yorgen Fenech, che viene bloccato dalla guardia costiera maltese mentre sta cercando di fuggire a bordo del suo yacht: lo arrestano, lo rilasciano, viene nuovamente arrestato e rilasciato per quattro volte. Fin quando non tenta anche lui la carta della grazia in cambio della piena confessione.

Fra un interrogatorio e l’altro Fenech inguaia il governo, raccontando di foraggiare da tempo il capo di gabinetto Keith Schembri e il ministro del turismo Konrad Mizzi. Seguono dimissioni a raffica che fanno vacillare l’esecutivo di Muscat, infiocchettate dal fermo di Schembri, per adesso come “persona informata dei fatti”, ma il sospetto è che il timer abbia appena iniziato a segnare il tempo.

A rimpolpare a dovere le ombre scure su La Valletta ci pensano i media locali, che affondano nella vicenda come un coltello nel burro: Muscat sospettava di Fenech, ma non ha mai fatto nulla, a parte ordinare di intercettarne i telefoni e tenersi costantemente aggiornato degli sviluppi. E che la situazione sia una corda tesa al massimo delle sue possibilità è anche la notizia del rinvio della visita ufficiale del presidente maltese George Vella a Londra.

Da cinque giorni, davanti alla sede del governo si radunano centinaia di manifestanti che protestano contro Muscat e il suo governo, di cui chiedono le dimissioni in massa. Il premier è definito “un ostacolo alla giustizia che deve rassegnare le dimissioni: se non lo facesse toccherebbe al Parlamento mandarlo a casa”. Dello stesso avviso la famiglia Caruana Galizia, che attraverso uno dei propri legali ha sottolineato “Abbiamo chiesto l’intervento dell’Europa, perché il primo ministro è un possibile complice dell’omicidio. È già stato stabilito il legame e negli ultimi giorni sono emersi fatti di enorme gravità che non hanno precedenti: il capo di gabinetto del Primo ministro, che il premier ha difeso e che è stato coinvolto nei ‘Panama Papers’, avrebbe comunicato con il mandante dell’omicidio promettendo di aiutarlo a ottenere la grazia e l’immunità”.

Galleria fotografica
Malta, 150mila euro per uccidere Daphne - immagine 1
Malta, 150mila euro per uccidere Daphne - immagine 2
Cronaca
Il blitz della cattura di Ghislaine Maxwell
Il blitz della cattura di Ghislaine Maxwell
L’FBI ha confermato che era sulle tracce della complice di Epstein da un anno: era stata individuata due volte, ed è sempre riuscita a sfuggire. Ora inizia la battaglia del suo agguerrito team legale
Lo sfacciato immobiliarista che riciclava denaro sporco
Lo sfacciato immobiliarista che riciclava denaro sporco
Oltre a decine di furti e frodi, Ramon Olorunwa Abbas era un esperto nel “ripulire” grosse somme di denaro frutto di traffici illeciti. Fra le vittime anche un club della Premier League inglese
Il Golden State Killer
si dichiara colpevole
Il Golden State Killer<br>si dichiara colpevole
Ha ammesso stupri e omicidi che per 40 anni hanno tolto il sonno a due contee californiane, in cambio della vita: non salirà sul patibolo, ma sconterà almeno 11 ergastoli dietro le sbarre
Londra: condannato il giovane della Tate Modern
Londra: condannato il giovane della Tate Modern
Il 18enne che un anno fa spinse dal balcone un bimbo di sei anni condannato dalla giustizia inglese per omicidio volontario
Justin Bieber cita due donne che lo accusano di stupro
Justin Bieber cita due donne che lo accusano di stupro
Danielle e Kadi hanno raccontato sui social di essere state violentate in albergo ad un anno di distanza una dall’altra. L’artista canadese nega dicendo di avere le prove che in quei giorni si trovava da altre parti, e parte al contrattacco
Suicida una giovanissima star di «TikTok»
Suicida una giovanissima star di «TikTok»
A 16 anni, Siya Kakkar era seguita da milioni di follower in tutto il mondo. Inspiegabili i motivi del gesto: aveva numerosi progetti futuri
Scarcerata la giovane che ha ucciso il suo violentatore
Scarcerata la giovane che ha ucciso il suo violentatore
Dopo due anni di abusi, nel 2018 Chrystul Kizer aveva ucciso l’uomo che la violentava e vendeva ad altri. Al suo fianco si è schierata un’imponente campagna mediatica e di supporto economico
NY, cameriera 18enne molestata da clienti e proprietari
NY, cameriera 18enne molestata da clienti e proprietari
Brenna Gonzales, cameriera di una celebre steak-house frequentata dal jet-set newyorkese, ha sporto querela per molestie sessuali ripetute
Zanardi stabile ma ancora grave
Zanardi stabile ma ancora grave
I medici non azzardano supposizioni: il quadro generale parla di “danni importanti” che potrebbero avere conseguenze neurologiche e di vista. Nei prossimi giorni la riduzione della sedazione e le prime valutazioni
L’Italia in ansia per Alex Zanardi
L’Italia in ansia per Alex Zanardi
Stabile nella notte ma ancora in condizioni gravissime. Attesa per il prossimo bollettino medico. La procura indaga per ricostruire l’accaduto