Marcia 5 maggio No Tav: "Un successo" Si Tav: "Analisi sballate"

| Primo bilancio dopo la manifestazione nazionale contro la linea Torino-Lione

+ Miei preferiti
Marcia nazionale No Tav da Bussoleno a San Didero, primi bilanci. C'erano anche i No Tap del Salento e delegazioni provenienti da comitati per un No qualsiasi da tutta Italia, compresi i No Tap, i No Muos, i No Tutto. In coda lo spezzone anarchico. Subito il solito valzer delle cifre: 15 mila persone, secondo gli organizzatori; non più di 3 o 4 mila, secondo la polizia. Il corteo s'è snodato stancamente da Bussoleno a San Didero con larghi vuoti e intervalli di metri tra un gruppo e l'altro. Manifestazione senza entusiasmo, senza pathos, sotto una gelida pioggia battente, secondo alcuni. Ma pieno successo per i No Tav che pubblicano sui siti di riferimento documenti pieno di entusiasmo quando non di retorica (vedi in fondo pagina documento integrale 4). Il vicesindaco di Torino, Guido Montanari, con la fascia tricolore, assieme agli altri sindaci No Tav, compreso il pd Sandro Plano, ribadisce il significato politico della sua presenza, del tutto indifferente alla critiche di chi lo aveva invitato ad astenersi, in nome di un'equidistanza tra favorevoli e contrari. Ma lui ha sempre sostenuto la sua opposizione alla Tav, con toni accesi, e dice che il programma elettorale uscito vincente dalle elezioni prevedeva - appunto - il contrasto alla Torino-Lione.

Partite le lettere d'esproprio
Sono oltre mille le comunicazioni inviate ai proprietari delle particelle dei terreni che ospiteranno a San Didero il nuovo autoporto, poichè l'area di Susa servire alla linea in costruzione. E' in corso un affannoso tentativo di intercettare, da parte degli attivisti, i proprietari per convincerlo a respingere le proposte di cessione. Ma con molte difficoltà per l'alto numero di persone coinvolte. Alcuni proprietari però hanno accettato e firmato le lettere Telt in cambio del risarcimento previsto dalla legge. Il corteo si snoderà tra Susa e San Didero. In una nota Notav Info, organo ufficiale dei centri sociali autonomi in Val Susa, commentando il blocco degli attivisti diretti a Roma per i cortei Anti-Ue, pricsa che non saranno "tollerate" iniziative delle forze dell'ordine per impedire l'afflusso di sostenitori in arrivo da tutta Italia. E non solo.
Antagonisti contro grillini
Ma già ci sono le prime polemiche sulla mancata presenza del sindaco di Torino Chiara Appendino, che ha inviato alla manifestazione il suo vice Montanari. 
Così il commento di un'attivista di area anarchica su fb: 
Penso e scommetto che domani ci saranno delle belle foto con Perino, Appendino e Plano, Scibona, Frediani e tutto lo status pentastellato. 
Non per niente la manifestazione viene fatta poco prima delle elezioni comunali in valle.
Tanto rumore per nulla...
Domani torneranno tutti amici e compari...la sindaca dopo aver elogiato polizia e Rinaudo ha dichiarato al tg3 che parteciperà alla marcia, certo la marchetta elettorale è importante.
Ma tutto sommato quella povera donna non ha nessuna colpa, è una normale borghese facente parte di un partito giustizialista e populista, cosa pretendete?
Quelli che mi fanno ridere invece sono quelli che con le bandierine col treno crociato hanno delegato tutto a questi, quelli che un anno fa quasi piangevano di gioia sotto il balconcino del comune.
Mi fanno pena quelli che centrosocialeoccupatoemocucazzo... cercano la solidarietà o parole non istituzionali da madamin Appendino.
Ma dove cazzo vivete?
A questo punto o siete deficienti o diabolici.
Vi lascio alle vostre polemiche inutili, ai vostri tarallucci e vino di domani.
Bye bye
Seguono  altre decine di commenti dello stesso tenore.
--------------------------------------------------------------------------------------------------------

Cronaca
Ceren Ozdemir, la 390esima donna uccisa in Turchia
Ceren Ozdemir, la 390esima donna uccisa in Turchia
Il triste primato dalla fine di una giovane ballerina appena 20enne uccisa sulla porta di casa. Cresce in modo preoccupante il numero dei casi, denunciano le associazioni in difesa delle donne
Suicida dopo la condanna a 30 anni per femminicidio
Suicida dopo la condanna a 30 anni per femminicidio
Francesco Mazzega ha scelto di farla finita dopo la conferma della condanna a 30 anni per l’omicidio della sua fidanzata Nadia Orlando, che aveva ucciso due anni fa
Bomba a Parigi, scatta l’allarme
Bomba a Parigi, scatta l’allarme
Era una granata inerte custodita da un militare fuori servizio: un falso allarme che ha fatto scattare la massima allerta nella capitale francese
Italiana uccisa a Capo Verde
Italiana uccisa a Capo Verde
Il corpo di Marilena Corrò trovato senza vita nel serbatoio dell’acqua del suo B&B di Boavista. Fermato un altro italiano che gestiva la struttura, sospettato dell’omicidio
Spagna: sequestrato minisommergibile dei narcos
Spagna: sequestrato minisommergibile dei narcos
Fermato al largo delle coste della Galizia, trasportava tre tonnellate di cocaina. Un metodo di consegna e spostamento sempre più utilizzato dai cartelli della droga
Italia: allarme Fentanyl
Italia: allarme Fentanyl
Il potentissimo oppioide, insieme a migliaia di altre varianti sintetiche, inizia a fare le prime vittime anche nel nostro Paese. I pericoli delle nuove droghe, che negli Stati Uniti hanno causato una vera strage
Il Regno Unito commosso per la storia di Chloe e Adam
Il Regno Unito commosso per la storia di Chloe e Adam
Erano fidanzati da meno di un anno: lei si è uccisa impiccandosi senza lasciare un biglietto che spiegasse il gesto. Sei giorni dopo lui l’ha seguita gettandosi sotto un treno
Arrestato il mandante dell’omicidio
di Daphne Caruana Galizia
Arrestato il mandante dell’omicidio<br>di Daphne Caruana Galizia
Si tratta di Yorgen Fenech, spregiudicato proprietario di casinò e a capo di una cordata che si è aggiudicata un appalto miliardario, ma soprattutto collettore di tangenti che spartiva con alcuni ministri maltesi
Francia: il più grande caso di pedofilia
Francia: il più grande caso di pedofilia
Joël Le Scouarnec, chirurgo pediatrico, avrebbe abusato di oltre 250 bambini in quasi vent’anni di attività, malgrado una denuncia per possesso di materiale pedopornografico
Arrestato il fondatore del Cirque du Soleil
Arrestato il fondatore del Cirque du Soleil
Guy Laliberté sarebbe trattenuto dalla polizia a Tahiti: nel suo atollo privato è stata rinvenuta una grande piantagione di cannabis. La vita esagerata di un eccentrico ex artista di strada diventato miliardario