Massacrati nella foresta, spunta un terzo killer?

| L'autopsia conferma l'identità dei due mini-killer, trovati morti nella foresta di Gillam, a un chilometro dal fosso in cui furono trovati i cadaveri della coppia uccisa e del professore. Il mistero "dell'uomo con la barba"

+ Miei preferiti
Di Michael O'Brien

Le autopsie sui corpi di due adolescenti (nella foto in apertura) sospettati di aver ucciso l'australiano Lucas Fowler e la sua ragazza americana e un docente universitario canadese sono state completate, la polizia canadese dovrebbe rivelare gli esiti la prossima settimana. Ma qualcosa non torna nella ricostruzione dei tre delitti attribuiti ai due alescenti. Se fossero morti per arma da fuoco, potrebbe spuntare una terza tersona, e molti ricordano “l’uomo con la barba visto litigare con la coppia di fidanzati” ai margini dell’autostrada non lontano da ll punto furono poi trovati i cadaveri dei due giovani turisti. Gli agenti RCMP (la celebre polizia a cavallo) sono rimasti nella zona intorno alla remota città di Manitoba di Gillam, nel folto di una foresta che non consente di sopravvivere senza mezzi adeguati, acquitrinosa, abitata da animali selvatici pericolosi e infestata da mosche e zanzare.

I due fidanzati uccisi


Il portavoce della RCMP, il sergente Paul Manaigre, ha detto a The Global News: "Per quanto riguarda le prove, abbiamo trovato un oggetto. Che sia o meno rilevante per l'indagine, lo diremo solo quando ne saremo sicuri".

La polizia è tornata oggi sul fiume Nelson, alla ricerca di qualsiasi indizio o prova che potrebbe non ancora essere stata trovata. Autopsie sono state condotte per confermare che i resti sono di Schmegelsky e McLeod e sopratutto le cause della morte. La squadra di ricerca e soccorso sta ancora controllando l'area dove è stato trovato il veicolo incendiato, una Toyota usate dai due presunti killer.La polizia ha detto che l'inchiesta “sugli omicidi del signor Fowler e della sua fidanzata Chynna Deese era ancora lontana dalla fine”. Un portavoce ha detto che stavano ancora esaminando la possibilità che McLeod e Schmegelsky non fossero i loro assassini, e che una terza persona potrebbe essere responsabile di tutti gli omicidi avvenuti nel volgere di pochi giorni.

I filmati delle telecamere a cårcuito chiuso mostrano Bryer Schmegelsky e Kam McLeod in un market di Manitoba. I loro corpi i sono stati trovati sulla riva del fiume Nelson, a circa un chilometro da dove era stata scoperta una barca danneggiata forse dalle rapide del fiume. Ufficiali armati di metal detector battono la zona vicino a dove gli adolescenti avevano abbandonato la loro Toyota RAV4 rubata, bruciata, che è stata scoperta durante la caccia all'uomo a circa 9 km da dove sono stati trovati i loro corpi.

La macabra sequenza ha avuto inizio il 15 luglio, più di 3000 km a ovest di Manitoba, nella provincia canadese della Columbia Britannica, quando Fowler, 23 anni, figlio di un alto funzionario di polizia del NSW, e la sua fidanzata, Deese, 24 anni, sono stati trovati uccisi e lasciati in un fosso sul lato di un’autostrada, alle 10 del mattino ora locale, e a un solo 1 km dalla barca a remi e a circa 9 km da dove la loro auto Toyota RAV4, poi trovata il 22 luglio nella remota città di Gillam. Quattro giorni dopo il corpo del prof. Dyck è stato trovato su un'altra autostrada a 2 km di distanza da un camioncino abbandonato e in fiamme  forse ad opera di Schmegelsky e McLeod. Gli adolescenti erano stati accusati di omicidio di secondo grado nella sua morte ed erano sospettati delle sparatorie di Fowler e Deese.

Galleria fotografica
Massacrati nella foresta, spunta un terzo killer? - immagine 1
Massacrati nella foresta, spunta un terzo killer? - immagine 2
Massacrati nella foresta, spunta un terzo killer? - immagine 3
Massacrati nella foresta, spunta un terzo killer? - immagine 4
Cronaca
Luca ed Edith sono liberi
Luca ed Edith sono liberi
I due giovani, scomparsi nel dicembre 2018 in Burkina Faso, sarebbero riusciti a evadere dal luogo dove una banda li teneva prigionieri. A breve il rientro in Italia
Chelsea Manning tenta il suicidio
Chelsea Manning tenta il suicidio
L’ex gola profonda di WikiLeaks, tornata dietro le sbarre lo scorso anno, rifiuta categoricamente di comparire davanti alla corte federale
Aperto il processo per la strage del volo MH17
Aperto il processo per la strage del volo MH17
In Olanda, in un’aula allestita nella zona dell’aeroporto Schiphol di Amsterdam, le prime battute del processo contro 4 persone sospettate di aver ucciso le 298 persone a bordo
La fuga dalla quarantena di Ekaterina
La fuga dalla quarantena di Ekaterina
Le autorità della Crimea hanno emesso un mandato di cattura per una ragazza che prima degli esisti del terzo e ultimo tampone è fuggita dall’ospedale in cui era in quarantena
Arrestati i ladri della villa di Tamara Ecclestone
Arrestati i ladri della villa di Tamara Ecclestone
Sarebbero madre e figlio di origine rumena: negano ogni accusa, ma lei è stata arrestata con addosso orecchini preziosissimi, e nell’abitazione del figlio sono stati trovati diversi accessori griffati dell’ereditiera
Strangolata a 6 anni dal vicino di casa
Strangolata a 6 anni dal vicino di casa
La piccola Faye Swetlik era scomparsa dal giardino di casa, in South Carolina: è stata ritrovata senza vita tre giorni dopo. A poche ore di distanza, un vicino su cui la polizia iniziava a sospettare si è ucciso
GB, sette uomini condannati per stupro
GB, sette uomini condannati per stupro
Dopo quattro settimane di processo, la giuria ha dichiarato colpevoli di stupro e violenze sette uomini che avevano preso di mira alcune ragazzine, costringendole ad avere rapporti con l’uso di droga e minacce
Muore il padre di Meredith Kercher
Muore il padre di Meredith Kercher
Il papà della studentessa uccisa a Perugia coinvolto forse in un tentativo di scippo o l’investimento di un pirata della strada. Ricoverato in ospedale, è morto pochi giorni dopo
Tre morti e due bambini scomparsi: il giallo che inquieta l’America
Tre morti e due bambini scomparsi: il giallo che inquieta l’America
Lori Vallow, moglie e sorella di due uomini uccisi in circostanze strane, è fuggita con il nuovo marito, la cui ex moglie è morta poco dopo. Ma dei due figli della donna non c’è più traccia da settembre
Hackerate le email di Ghislaine Maxwell
Hackerate le email di Ghislaine Maxwell
Il timore è che numerose email scambiate fra la reclutatrice di minorenni per conto di Jeffrey Epstein e personaggi in vista siano resi noti dai media, scatenando un vero cataclisma di proporzioni mondiali