Massacrati nella foresta, spunta un terzo killer?

| L'autopsia conferma l'identità dei due mini-killer, trovati morti nella foresta di Gillam, a un chilometro dal fosso in cui furono trovati i cadaveri della coppia uccisa e del professore. Il mistero "dell'uomo con la barba"

+ Miei preferiti
Di Michael O'Brien

Le autopsie sui corpi di due adolescenti (nella foto in apertura) sospettati di aver ucciso l'australiano Lucas Fowler e la sua ragazza americana e un docente universitario canadese sono state completate, la polizia canadese dovrebbe rivelare gli esiti la prossima settimana. Ma qualcosa non torna nella ricostruzione dei tre delitti attribuiti ai due alescenti. Se fossero morti per arma da fuoco, potrebbe spuntare una terza tersona, e molti ricordano “l’uomo con la barba visto litigare con la coppia di fidanzati” ai margini dell’autostrada non lontano da ll punto furono poi trovati i cadaveri dei due giovani turisti. Gli agenti RCMP (la celebre polizia a cavallo) sono rimasti nella zona intorno alla remota città di Manitoba di Gillam, nel folto di una foresta che non consente di sopravvivere senza mezzi adeguati, acquitrinosa, abitata da animali selvatici pericolosi e infestata da mosche e zanzare.

I due fidanzati uccisi


Il portavoce della RCMP, il sergente Paul Manaigre, ha detto a The Global News: "Per quanto riguarda le prove, abbiamo trovato un oggetto. Che sia o meno rilevante per l'indagine, lo diremo solo quando ne saremo sicuri".

La polizia è tornata oggi sul fiume Nelson, alla ricerca di qualsiasi indizio o prova che potrebbe non ancora essere stata trovata. Autopsie sono state condotte per confermare che i resti sono di Schmegelsky e McLeod e sopratutto le cause della morte. La squadra di ricerca e soccorso sta ancora controllando l'area dove è stato trovato il veicolo incendiato, una Toyota usate dai due presunti killer.La polizia ha detto che l'inchiesta “sugli omicidi del signor Fowler e della sua fidanzata Chynna Deese era ancora lontana dalla fine”. Un portavoce ha detto che stavano ancora esaminando la possibilità che McLeod e Schmegelsky non fossero i loro assassini, e che una terza persona potrebbe essere responsabile di tutti gli omicidi avvenuti nel volgere di pochi giorni.

I filmati delle telecamere a cårcuito chiuso mostrano Bryer Schmegelsky e Kam McLeod in un market di Manitoba. I loro corpi i sono stati trovati sulla riva del fiume Nelson, a circa un chilometro da dove era stata scoperta una barca danneggiata forse dalle rapide del fiume. Ufficiali armati di metal detector battono la zona vicino a dove gli adolescenti avevano abbandonato la loro Toyota RAV4 rubata, bruciata, che è stata scoperta durante la caccia all'uomo a circa 9 km da dove sono stati trovati i loro corpi.

La macabra sequenza ha avuto inizio il 15 luglio, più di 3000 km a ovest di Manitoba, nella provincia canadese della Columbia Britannica, quando Fowler, 23 anni, figlio di un alto funzionario di polizia del NSW, e la sua fidanzata, Deese, 24 anni, sono stati trovati uccisi e lasciati in un fosso sul lato di un’autostrada, alle 10 del mattino ora locale, e a un solo 1 km dalla barca a remi e a circa 9 km da dove la loro auto Toyota RAV4, poi trovata il 22 luglio nella remota città di Gillam. Quattro giorni dopo il corpo del prof. Dyck è stato trovato su un'altra autostrada a 2 km di distanza da un camioncino abbandonato e in fiamme  forse ad opera di Schmegelsky e McLeod. Gli adolescenti erano stati accusati di omicidio di secondo grado nella sua morte ed erano sospettati delle sparatorie di Fowler e Deese.

Galleria fotografica
Massacrati nella foresta, spunta un terzo killer? - immagine 1
Massacrati nella foresta, spunta un terzo killer? - immagine 2
Massacrati nella foresta, spunta un terzo killer? - immagine 3
Massacrati nella foresta, spunta un terzo killer? - immagine 4
Cronaca
Influencer uccide la madre e le strappa il cuore
Influencer uccide la madre e le strappa il cuore
Anna Leikovic, 21 anni, ha assassinato la donna con un coltello da cucina strappandole diversi organi. La donna aveva scoperto che in sua assenza la figlia era diventata tossicodipendente
Il mistero dei Pirenei: travel blogger scompare nel nulla
Il mistero dei Pirenei: travel blogger scompare nel nulla
Esther Dingley manca all’appello ormai da più di 10 giorni: la polizia valuta l’ipotesi dell’incontro con un malintenzionato, ma anche la foto dell’impronta di un grosso orso inviata dalla donna poco prima di scomparire
Il mistero dell’influencer trovata morta
Il mistero dell’influencer trovata morta
Alexis Leigh Sharkley, 26 anni, era scomparsa venerdì a Houston senza lasciare traccia: il corpo nudo è stato visto da un operaio. È mistero fitto sulla morte: il corpo non presenta ferite
Dal reparto psichiatrico alla carriera da modella
Dal reparto psichiatrico alla carriera da modella
L’incredibile storia di Lucy May Dawson, una giovane inglese che viene ricoverata e curata per un forte esaurimento nervoso. Sembrava che per lei non ci fosse altro da fare, fin quando è arrivata la diagnosi corretta
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Eloisa Pinto Fontes, 26 anni, era scomparsa senza lasciare traccia un anno fa a New York. È stata ritrovata in una favela di Rio mentre vagava in stato confusionale
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
Sarebbe morta nel sonno a soli 24 anni: dopo una carriera fulminea nel mondo dell’hard aveva scelto di tornare dalla famiglia in Texas e contava di sposarsi a breve
Notte di sangue a Birmingham
Notte di sangue a Birmingham
Una non meglio precisata “serie di accoltellamenti” che avrebbero coinvolto diverse persone, avvenuti nella zona della movida e del quartiere LGBT. La polizia non si sbilancia sulla matrice dell’episodio
Rock and Virus
Rock and Virus
Il concerto degli “Smash Mount” durante il motoraduno di Sturgis, si sta trasformando in un focolaio che fa il pieno di contagi e vittime. L’ira dei social verso la band, accusata di fomentare la folla urlando che il Covid non esiste
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
I cadaveri di Henriett Szcus e Mihrican Mustafa ritrovati casualmente dalla polizia un anno fa nell’appartamento di Zahid Younis, 36 anni, condannato all’ergastolo
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
L’allarme è scattato dopo i primi svenimenti per la presenza di monossido di carbonio. Nessuna vittima ma tanta paura per circa 200 giovani che avevano scelto una caverna per una notte di eccessi