"Mi hai bloccato? Hai sbagliato persona"

| Gli audio di Chiara Alessandri al marito della donna uccisa, un segno di come la digitalizzazione abbia assunto un ruolo importante e perverso. Lui gli aveva bloccato telefono, chat, social. Alimentando ancora un odio senza fine

+ Miei preferiti

Lasciare una donna, specie se ha un carattere forte e se su di te ha puntato tutte le sue carte per una vita migliore - secondo lei - è a volte un’impresa ardua. Ovviamente viceversa, cioè se una donna lascia un uomo. Oggi che buona parte delle relazioni si svolgono via digitale, quando arriva il momento di troncare, scattano - se è il caso -  i blocchi di chat, telefoni, social. Ma forse questo sistema può funzionare in una grande città o in una medio-piccola. Non a Gorlago, paese del Bergamasco con meno di  5 mila anime. Dove si ci può incrociare ovunque, al bar, all’ufficio postale, per strada. E anche questo aspetto ha avuto un ruolo nell’omicidio di Stefania Crotti, 42 anni, uccisa dalla rivale Chiara Alessandri, 44, a martellate in testa. Al centro di marito della vittima, Stefano Del Bello, 45 anni che, in crisi con la moglie, si era appunto messo con Chiara, l’estate scorso, salvo poi cambiare idea per tornare con la moglie, madre della loro bimba di 7 anni.

Finita la breve convivenza, aveva lasciato l’amante al suo destino, lei e i suoi tre figli nati da un matrimonio già finito, prima in modo, cme si direbbe, in modo soft ("resteremo amici, l'ho fatto solo per mia figlia...", etc) poi, a causa delle rimostranze e dell’insistenza della donna abbandonata, mettendo in pratica tutti gli accorgimenti possibili. Telefoni e chat chiusi, neanche le rispondeva più a un saluto per strada. Aveva alzato un muro digitale che lei aveva cercato di infrangere prima utilizzando i telefoni di figli, quindi di amiche e conoscenti, poi con un feroce marcamento a uomo, persino davanti alla scuola dove andavano i rispettivi figli, i negozi, la main street del paese. Niente. Stefano Del Bello, forse vergognandosi anche un po’ di essersi legato a questa donna sfiorita anzitempo, con un mare di problemi da affrontare ogni giorno, invadente e aggressiva, proprio non ne voleva più sapere. In un audio diffuso da Quarto Grado si spiega assai bene la reazione di odio, rabbia e umiliazione di una 44enne con problemi di sovrappeso e di alopecia, con pochi soldi in tasca, una madre anziana e malata, tre figli ancora piccoli con una disabile, “sputtanata” in tutto il paese per la relazione con Del Bello, di cui in molti già sapevano l’epilogo. “Stefano, stai esagerando. Vuoi fare il bastardo a tutti i costi perché mi vuoi dimostrare che ne sei capace? Lo stai facendo con la persona sbagliata”. Il messaggio vocale risale al novembre scorso, quando Chiara realizza finalmente che è proprio finita, la sua storia. Finita per sempre. Riesce solo, dal profilo Facebook di un’amica, a inviare l'ennesimo messaggio a Stefano Del Bello. “T’ho spiegato perché non ti ho detto niente. Aspettavo che fossi tu a capirlo col tuo cervello. E quando hai avuto dei dubbi, ho detto: ‘Adà, meno male che forse la riesce a capire’. Credi a lei, va bene. Ti ha partorito la figlia, va bene. Devi andare con lei ai mercatini di Natale, va bene. Rovinati la vita, è la tua. La mia l’hai già rovinata ... va bene ... Non mi fiderò mai più di nessun per colpa tua. Sono c ... miei. Come sono c ... tuoi la vita che farai, che ti farà fare, va bene. Affrontami.… Quindi, o mi affronti, la smetti di bloccarmi come un bambino dell’asilo. Che hai bloccato un bambino di 11 anni te che ce ne hai 44, ma ti rendi conto? O mi affronti, o se non mi vuoi affrontare, ti voglio fuori dal c ... O io o te. Ti saluto". Poi riferimenti a “incontri inevitabili”, tra lei, lui, Stefania, a scuola. “Con i bambini coinvolti. Pensaci….”. Questo invito pressante “non fuggire, non nasconderti, non fare il vigliacco”. In un'altra conversazione, lo accusa di averla ingannata. “Te ne sei andato, mi avevi promesso che saremmo rimasti amici, invece ti sei rimesso con quella…”. La vittima viene definita con insulti e giudizi poco lusinghieri. Arriva addirittura a indicargli gli uomini con cui la moglie l’avrebbe tradito. E lo farà, pochi minuti prima di essere arrestata, persino nella caserma dei carabinieri dove è stata messa a confronto con il suo complice involontario, colui che accompagnò Stefania all’appuntamento con la morte, credendo ci fosse una festa “con sorpresa”. “Dillo, dillo (ai carabinieri, ndr) che l’ho vista uscire un giorno da casa tua…”. Ma l’amico play boy lo ha negato con decisione. “La conoscevo solo di vista, mai avuto a che fare con lei prima, neanche una conoscenza superficiale”. Cosa riesce a fare l’odio. O un amore che in realtà non è mai esistito. Oggi, nella sua cella del carcere di Verzano, con un ergastolo quasi certo davanti, Chiara piange e si dispera. E si dichiara pentita di avere ucciso Stefania. Ma continua a mentire sulla dinamica del delitto. Quasi si pentirà davvero, forse dirà tutta la verità. Forse.

 
Galleria fotografica
"Mi hai bloccato? Hai sbagliato persona" - immagine 1
"Mi hai bloccato? Hai sbagliato persona" - immagine 2
Cronaca
Dal reparto psichiatrico alla carriera da modella
Dal reparto psichiatrico alla carriera da modella
L’incredibile storia di Lucy May Dawson, una giovane inglese che viene ricoverata e curata per un forte esaurimento nervoso. Sembrava che per lei non ci fosse altro da fare, fin quando è arrivata la diagnosi corretta
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Eloisa Pinto Fontes, 26 anni, era scomparsa senza lasciare traccia un anno fa a New York. È stata ritrovata in una favela di Rio mentre vagava in stato confusionale
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
Sarebbe morta nel sonno a soli 24 anni: dopo una carriera fulminea nel mondo dell’hard aveva scelto di tornare dalla famiglia in Texas e contava di sposarsi a breve
Notte di sangue a Birmingham
Notte di sangue a Birmingham
Una non meglio precisata “serie di accoltellamenti” che avrebbero coinvolto diverse persone, avvenuti nella zona della movida e del quartiere LGBT. La polizia non si sbilancia sulla matrice dell’episodio
Rock and Virus
Rock and Virus
Il concerto degli “Smash Mount” durante il motoraduno di Sturgis, si sta trasformando in un focolaio che fa il pieno di contagi e vittime. L’ira dei social verso la band, accusata di fomentare la folla urlando che il Covid non esiste
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
I cadaveri di Henriett Szcus e Mihrican Mustafa ritrovati casualmente dalla polizia un anno fa nell’appartamento di Zahid Younis, 36 anni, condannato all’ergastolo
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
L’allarme è scattato dopo i primi svenimenti per la presenza di monossido di carbonio. Nessuna vittima ma tanta paura per circa 200 giovani che avevano scelto una caverna per una notte di eccessi
La killer di una senatrice americana confessa l’omicidio
La killer di una senatrice americana confessa l’omicidio
Rebecca Lynn O’Donnell ha confessato l’omicidio e l’occultamento di cadavere della senatrice dell'Arkansas Linda Collins-Smith, che stava indagando in un giro di pedofilia
Texas, mamma in overdose si chiude in auto con le figlie: muoiono tutte e tre
Texas, mamma in overdose si chiude in auto con le figlie: muoiono tutte e tre
Natalie, Izabel ed Elise Chambers, sono state ritrovate prive di vita in un Suv: Natalie sarebbe morta per overdose, le sue bimbe soffocate dal gran caldo
Una mamma e i suoi due figli trovati in un'auto in un lago
Una mamma e i suoi due figli trovati in un
I corpi di ShaQuia Philpot e i suoi due gemelli, sono stati notati da un pescatore in un lago della Georgia. La polizia indaga per risalire ai motivi di quello che al momento appare come un inspiegabile omicidio-suicidio