"Mi hanno aggredito, ero nel panico"

| La ricostruzione di Matteo Scapin, il 33enne di Azzano San Paolo che ha investito e ucciso due ragazzi in Vespa. "Ho sentito un botto, quando è esploso il lunotto della Mini, credevo mi avessero sparato". In 1500 alla veglia funebre

+ Miei preferiti
Di Alberto C.Ferro

“Ho sentito un botto tremendo, quando è stato colpito il lunotto posteriore, la mia ragazza uralava, ho pensato anche a un colpo di pistola, sono andato nel panico, non volevo inserire i due ragazzi”. Dal verbale di Matteo Scapin, 33 anni, (nella foto tratta da Facebook)  si capisce il senso della sua ricostruzione. La lite con Luca Carissimi, 21 anni, e Matteo Ferrari, 18, ancora in discoteca, poi il nuovo diverbio nel parcheggio, i buttafuori che li dividono ma che poi li lasciano perdere. Le due vittime, Luca e Matteo, non sarebbero state sole. Altri regazzi si sarebbero schierati al loro fianco. Così quando la Mini esce dal parcheggio, con Scapin alla guida e la fidanzata, qualcuno avrebbe infranto con un bastone o qualcos’altro, il lunotto. La polizia ha accertato che questo fatto, comunque importante, è accaduto quando la vettura era già in movimento. Con il giudice per le indagini preliminari Vito De Vita, Matteo Scapin ha trascorso un’ora e mezzo di stringente interrogatorio, poi il via libera per gli arresti domiciliari. In parte lo convinto che non voleva uccidere ma ci sono apsetti che ancora non convincono. 

“ERO IMPAURITO, NON MI SONO ACCORTO DI NULLA”

Dice di essersi allontanato senza soccorrere i ragazzi perché “impaurito e sotto choc, non mi sono accorto ci cos’era accaduto”. Ma, una volta a casa, chiama il 113, il 112, il 118, in preda all’agitazione. Il Raffaella Latorraca sta lavorando sui primi dati. Per il gip non ci sarebbe stata la volontà di uccidere. Scapin difeso dagli avvocati Riccardo Tropea e Anna Marinelli, ha ricostruito nei dettagli quella tragica serata in discoteca: “Non volevo uccidere, ho perso il controllo della Mini”. Era lì per il compleanno di un amico. Tutti bevono, partono i complimenti pesanti, lui replica, i buttafuori intervengono. Alle 3 l’ultimo drink. Alle 5, quando gli agenti della Polstrada di Bergamo lo sottopongono all’alcoltest, ha un tasso tra l’0,8 e l’1.5. Alle 4, l’agguato: “Mi aspettavano fuori, erano almeno 5, 6 ragazzi, uno mi ha preso il collo, sono stato colpito al fianco destro da un pugno”. Un livido confermerebbe questo dettaglio.  Poi la coppia torna a fatica in macchina e tenta di allontanarsi, la Vespa con Luca e Matteo è sul rettilineo, Scapin la sperona e e fugge.

Solo l’incidente probatorio con i filmati dei video di sicurezza potrà confermare o smentire la sua versione, diversa da quella di alcuni testimoni, piuttosto reticenti però sui momenti precedenti l’incidente.

IL DOLORE DEI GENITORI

Il dolore dei familiari della vittime, circondati per veglia di preghiera l’altra sera a Bergamo, nella chiesa di Borgo Palazzo, da centinaia di persone, è inconsolabile  «Luca e Matteo – ha detto il parroco don Giovanni Crippa, con il parroco don Eliseo Pasinelli e alcuni frati – sono diventati in questi giorni un po' figli e fratelli di ciascuno di noi. Non ci siamo ritrovati qui solo per piangere la loro scomparsa: come comunità cristiana vogliamo annunciare a tutti la speranza che portiamo nel cuore e l'annuncio gioioso che il bene vince sempre sul male. Potremmo arrabbiarci per gli aspetti che rimangono oscuri della morte di Matteo e Luca, non lo faremo perché al male rispondiamo con il bene. Grazie ai famigliari, ci state dando un esempio di dignità e fede». I funerali di Luca e Matteo lunedì alle 15 nella chiesa parrocchiale di Sant’Anna. “Siamo perplessi per la scarcerazione di Scapin, aspettiamo di sapere qualcosa di più, ci avevano detto che i video erano eloquenti sulla sua volontà i colpire i nostri ragazzi. Ma abbiamo fiducia nella giustizia”.

Cronaca
Il blitz della cattura di Ghislaine Maxwell
Il blitz della cattura di Ghislaine Maxwell
L’FBI ha confermato che era sulle tracce della complice di Epstein da un anno: era stata individuata due volte, ed è sempre riuscita a sfuggire. Ora inizia la battaglia del suo agguerrito team legale
Lo sfacciato immobiliarista che riciclava denaro sporco
Lo sfacciato immobiliarista che riciclava denaro sporco
Oltre a decine di furti e frodi, Ramon Olorunwa Abbas era un esperto nel “ripulire” grosse somme di denaro frutto di traffici illeciti. Fra le vittime anche un club della Premier League inglese
Il Golden State Killer
si dichiara colpevole
Il Golden State Killer<br>si dichiara colpevole
Ha ammesso stupri e omicidi che per 40 anni hanno tolto il sonno a due contee californiane, in cambio della vita: non salirà sul patibolo, ma sconterà almeno 11 ergastoli dietro le sbarre
Londra: condannato il giovane della Tate Modern
Londra: condannato il giovane della Tate Modern
Il 18enne che un anno fa spinse dal balcone un bimbo di sei anni condannato dalla giustizia inglese per omicidio volontario
Justin Bieber cita due donne che lo accusano di stupro
Justin Bieber cita due donne che lo accusano di stupro
Danielle e Kadi hanno raccontato sui social di essere state violentate in albergo ad un anno di distanza una dall’altra. L’artista canadese nega dicendo di avere le prove che in quei giorni si trovava da altre parti, e parte al contrattacco
Suicida una giovanissima star di «TikTok»
Suicida una giovanissima star di «TikTok»
A 16 anni, Siya Kakkar era seguita da milioni di follower in tutto il mondo. Inspiegabili i motivi del gesto: aveva numerosi progetti futuri
Scarcerata la giovane che ha ucciso il suo violentatore
Scarcerata la giovane che ha ucciso il suo violentatore
Dopo due anni di abusi, nel 2018 Chrystul Kizer aveva ucciso l’uomo che la violentava e vendeva ad altri. Al suo fianco si è schierata un’imponente campagna mediatica e di supporto economico
NY, cameriera 18enne molestata da clienti e proprietari
NY, cameriera 18enne molestata da clienti e proprietari
Brenna Gonzales, cameriera di una celebre steak-house frequentata dal jet-set newyorkese, ha sporto querela per molestie sessuali ripetute
Zanardi stabile ma ancora grave
Zanardi stabile ma ancora grave
I medici non azzardano supposizioni: il quadro generale parla di “danni importanti” che potrebbero avere conseguenze neurologiche e di vista. Nei prossimi giorni la riduzione della sedazione e le prime valutazioni
L’Italia in ansia per Alex Zanardi
L’Italia in ansia per Alex Zanardi
Stabile nella notte ma ancora in condizioni gravissime. Attesa per il prossimo bollettino medico. La procura indaga per ricostruire l’accaduto