Milano, soldati e poliziotti feriti in stazione l'aggressore è un islamico radicalizzato

| Solidarietà e analisi dal sindacato Silp-Cgil, parla il segretario nazionale Daniele Tissone

+ Miei preferiti
"Al nostro collega della polizia ferroviaria e ai militari feriti ieri sera in stazione centrale a Milano va tutta la nostra solidarietà. Ogni giorno le lavoratrici e i lavoratori in divisa mettono a repentaglio la propria vita e si confrontano con i drammi umani e con i problemi veri delle persone, rischiando di diventare il bersaglio, in questo senso la politica e le istituzioni devono dare delle adeguate risposte. Le forze di polizia hanno il compito di garantire l'ordine e la sicurezza pubblica, ma chi ha responsabilità politiche e di governo, sia locali che nazionali, deve saper trovare soluzioni concrete a fenomeni complessi. Penso all'immigrazione, ma non solo, che va gestita cercando di coniugare solidarietà e sicurezza, senza essere lassisti ma nel contempo evitando di militarizzare le nostre città".
Lo afferma Daniele Tissone, segretario generale del sindacato di polizia Silp Cgil.
"Mezzi e strumenti adeguati" 
"C'è anche un altro aspetto - dice Tissone - che non voglio sottacere. Noi come sindacato di polizia ci battiamo affinché i nostri colleghi abbiamo mezzi e strumenti adeguati, orari di lavoro giusti, stipendi e indennità all'altezza. Ci battiamo soprattutto perché si possa sempre operare con la massima sicurezza possibile. Allora, fuori dai denti, mi chiedo e ci chiediamo se davvero sono utili queste pattuglie miste o se i militari servono di più a presidiare posti fissi e obiettivi sensibili. Mi chiedo e ci chiediamo che cosa sarebbe successo ieri sera se l'aggressore si fosse trovato davanti non un solo poliziotto con due militari, ma tre agenti della Polfer, che conoscono benissimo le nostre stazioni e sanno come operare al meglio. Credo che una riflessione sia opportuna e urgente su questi temi".
Cronaca
Ceren Ozdemir, la 390esima donna uccisa in Turchia
Ceren Ozdemir, la 390esima donna uccisa in Turchia
Il triste primato dalla fine di una giovane ballerina appena 20enne uccisa sulla porta di casa. Cresce in modo preoccupante il numero dei casi, denunciano le associazioni in difesa delle donne
Suicida dopo la condanna a 30 anni per femminicidio
Suicida dopo la condanna a 30 anni per femminicidio
Francesco Mazzega ha scelto di farla finita dopo la conferma della condanna a 30 anni per l’omicidio della sua fidanzata Nadia Orlando, che aveva ucciso due anni fa
Bomba a Parigi, scatta l’allarme
Bomba a Parigi, scatta l’allarme
Era una granata inerte custodita da un militare fuori servizio: un falso allarme che ha fatto scattare la massima allerta nella capitale francese
Italiana uccisa a Capo Verde
Italiana uccisa a Capo Verde
Il corpo di Marilena Corrò trovato senza vita nel serbatoio dell’acqua del suo B&B di Boavista. Fermato un altro italiano che gestiva la struttura, sospettato dell’omicidio
Spagna: sequestrato minisommergibile dei narcos
Spagna: sequestrato minisommergibile dei narcos
Fermato al largo delle coste della Galizia, trasportava tre tonnellate di cocaina. Un metodo di consegna e spostamento sempre più utilizzato dai cartelli della droga
Italia: allarme Fentanyl
Italia: allarme Fentanyl
Il potentissimo oppioide, insieme a migliaia di altre varianti sintetiche, inizia a fare le prime vittime anche nel nostro Paese. I pericoli delle nuove droghe, che negli Stati Uniti hanno causato una vera strage
Il Regno Unito commosso per la storia di Chloe e Adam
Il Regno Unito commosso per la storia di Chloe e Adam
Erano fidanzati da meno di un anno: lei si è uccisa impiccandosi senza lasciare un biglietto che spiegasse il gesto. Sei giorni dopo lui l’ha seguita gettandosi sotto un treno
Arrestato il mandante dell’omicidio
di Daphne Caruana Galizia
Arrestato il mandante dell’omicidio<br>di Daphne Caruana Galizia
Si tratta di Yorgen Fenech, spregiudicato proprietario di casinò e a capo di una cordata che si è aggiudicata un appalto miliardario, ma soprattutto collettore di tangenti che spartiva con alcuni ministri maltesi
Francia: il più grande caso di pedofilia
Francia: il più grande caso di pedofilia
Joël Le Scouarnec, chirurgo pediatrico, avrebbe abusato di oltre 250 bambini in quasi vent’anni di attività, malgrado una denuncia per possesso di materiale pedopornografico
Arrestato il fondatore del Cirque du Soleil
Arrestato il fondatore del Cirque du Soleil
Guy Laliberté sarebbe trattenuto dalla polizia a Tahiti: nel suo atollo privato è stata rinvenuta una grande piantagione di cannabis. La vita esagerata di un eccentrico ex artista di strada diventato miliardario