MORTA ERIKA, UCCISA DALLA FOLLA

| Tragica conclusione della folle notte Champions a Torino. Il procuratore: "Cause ancora incerte"

+ Miei preferiti
E' morta ieri alle 22 Erika Pioletti, la 38enne ricoverata all'ospedale San Giovanni Bosco di Torino dallo scorso 3 giugno, quando nella calca di piazza San Carlo ha avuto un infarto da schiacciamento. "Gli esami effettuati - si apprende da fonti sanitarie - hanno accertato un gravissimo danno cerebrale a prognosi pessima. Pertanto purtroppo ci si aspetta il decesso della paziente in un brevissimo periodo temporale, al momento non quantificabile". Il procuratore capo della Repubblica Armando Spataro ha precisato che «alcune delle persone sentite hanno riferito di avere accusato difficoltà respiratorie, equiparando la sintomatologia a quella causata dalla propagazione aerea di sostanze urticanti. Al fine di vagliare la fondatezza di tale circostanza – ha aggiunto Spataro – i Vigili del Fuoco di Torino sono stati incaricati di effettuare accertamenti relativi anche all'impianto di aerazione del parcheggio dislocato nel sottosuolo della piazza. Infine l'ondata di panico che ha messo in fuga i tifosi si è sviluppata all'altezza dei numeri civici 195 e 197, a cui ne e' seguito un altro piu' contenuto dopo circa 10 minuti". Intanto, la procura di Torino ha acquisito documenti del Comune, della Questura, della Polizia Municipale e della prefettura, oltre che del servizio del 118 e del consorzio Turismo Torino che riguardano l'organizzazione e i soccorsi relativi alla sera del 3 giugno. Coordina le indagini il pm Antonio Rinaudo.

Cronaca
Arrestato il fondatore
del Cirque du Soleil
Arrestato il fondatore<br>del Cirque du Soleil
Guy Laliberté sarebbe trattenuto dalla polizia a Tahiti: nel suo atollo privato è stata rinvenuta una grande piantagione di cannabis. La vita esagerata di un eccentrico ex artista di strada diventato miliardario
Francia, 800 kg di cocaina riconsegnati dal mare
Francia, 800 kg di cocaina riconsegnati dal mare
Dal 18 ottobre scorso, su un lungo tratto della costa atlantica francese si susseguono i ritrovamenti di panetti di cocaina purissima. L’inchiesta della procura per adesso si limita a supposizioni
Lo scontro di due aerei militari causato da un selfie
Lo scontro di due aerei militari causato da un selfie
È accaduto nel dicembre dello scorso anno al largo delle coste giapponesi: l’inchiesta ha accertato che un pilota si stava scattando dei selfie, mentre l’altro leggeva un libro
Trovato morto il fondatore dei White Helmets
Trovato morto il fondatore dei White Helmets
Ex agente segreto britannico, Jack Le Mesurier aveva creato una ong che agisce nei teatri di guerra siriani. Pochi giorni fa la Russia l’aveva accusato di terrorismo
Nuovi guai per Roman Polanski
Nuovi guai per Roman Polanski
Nel 1975, la giovane Valentine Monnier fu violentata senza pietà dal regista in uno chalet di Gstaad: 44 anni ha raccontato tutto, spinta proprio dall’ultimo film di Polanski
La coppia diabolica che sognava sesso e sangue
La coppia diabolica che sognava sesso e sangue
Paul e Angela, due amanti inglesi, hanno eliminato il ricco marito di lei per poter vivere insieme. A loro carico una serie di messaggi agghiaccianti in cui sognavano di fare sesso nel sangue del marito
Germania, finta dottoressa arrestata per quattro morti
Germania, finta dottoressa arrestata per quattro morti
Ha lavorato per quattro anni in ospedale, dove aveva presentato una documentazione falsa: è accusata di quattro decessi e otto persone ferite in modo grave
Ucciso l’hair stylist di CR7
Ucciso l’hair stylist di CR7
Il corpo di Ricardo Marques Ferreira trovato nel letto di un hotel di Zurigo in un lago di sangue. La polizia ha fermato un uomo di 39 anni
Storie di morte dal tir degli orrori
Storie di morte dal tir degli orrori
I messaggi di addio alla famiglia di Pham Thi Tra My, una ragazza vietnamita di 26 anni. Le indagini della polizia sulle spietate bande di trafficanti di esseri umani che dominano le tratte internazionali
Rinviato il processo ai rapitori di Silvia Romano
Rinviato il processo ai rapitori di Silvia Romano
“Nuovi e fondamentali elementi” hanno convinto i giudici keniani a far slittare il processo a carico di tre dei presunti sequestratori della giovane milanese