Movida, c'è l'accordo con gli esercenti

| Il Comune concede orari di chiusura e vendita alcolici meno duri, i commercianti rispondono mettendo in campo stewart con il compito di garantire la tranquillità ai residenti

+ Miei preferiti

Un primo passo, per risolvere la sempre più intricata questione della "mala movida" torinese, sfociata nei fatti di via Santa Giulia e nei Murazzi, teatro di tensioni fra giovani e forze dell'ordine, sembra fatto. Dopo l'incontro con le associazioni di categoria di lunedì, richiesto da Ascom e Confesercenti qualche giorno fa con una lettera indirizzata a sindaco e Prefetto, le regole per i dehors e gli orari per la vendita di alcolici si sono ammorbidite.

In pratica, c'è un accordo sui nuovi orari di apertura di San Salvario, Vanchiglia e piazza Vittorio, zone coinvolte nella stretta verso la vendita di alcol da asporto: le sere di venerdì e sabato fino alle 3, giovedì alle 2 e da domenica a mercoledì chiusura all'una e trenta. Una concessione che serve per ammorbidire le parti, visto che nelle intenzioni del Comune pare ci fosse l'intezione di uniformare l'orario di chiusura all'una di notte da domenica a mercoledì, salendo alle 2 il giovedì e il venerdì, lasciando le tre solo per il sabato. E, ancor più importante per i commercianti, il divieto di vendita degli alcolici scatterà negli stessi orari di chiusura dei dehors, quindi molto in avanti, soprattutto nei week end. L'impegno assicurato dagli esercenti sarà quello di tentare di garantire la tranquillità dei residenti, utilizzando stewart con il compito di calmare e allontanare i più facinorosi.

Cronaca
Luca ed Edith sono liberi
Luca ed Edith sono liberi
I due giovani, scomparsi nel dicembre 2018 in Burkina Faso, sarebbero riusciti a evadere dal luogo dove una banda li teneva prigionieri. A breve il rientro in Italia
Chelsea Manning tenta il suicidio
Chelsea Manning tenta il suicidio
L’ex gola profonda di WikiLeaks, tornata dietro le sbarre lo scorso anno, rifiuta categoricamente di comparire davanti alla corte federale
Aperto il processo per la strage del volo MH17
Aperto il processo per la strage del volo MH17
In Olanda, in un’aula allestita nella zona dell’aeroporto Schiphol di Amsterdam, le prime battute del processo contro 4 persone sospettate di aver ucciso le 298 persone a bordo
La fuga dalla quarantena di Ekaterina
La fuga dalla quarantena di Ekaterina
Le autorità della Crimea hanno emesso un mandato di cattura per una ragazza che prima degli esisti del terzo e ultimo tampone è fuggita dall’ospedale in cui era in quarantena
Arrestati i ladri della villa di Tamara Ecclestone
Arrestati i ladri della villa di Tamara Ecclestone
Sarebbero madre e figlio di origine rumena: negano ogni accusa, ma lei è stata arrestata con addosso orecchini preziosissimi, e nell’abitazione del figlio sono stati trovati diversi accessori griffati dell’ereditiera
Strangolata a 6 anni dal vicino di casa
Strangolata a 6 anni dal vicino di casa
La piccola Faye Swetlik era scomparsa dal giardino di casa, in South Carolina: è stata ritrovata senza vita tre giorni dopo. A poche ore di distanza, un vicino su cui la polizia iniziava a sospettare si è ucciso
GB, sette uomini condannati per stupro
GB, sette uomini condannati per stupro
Dopo quattro settimane di processo, la giuria ha dichiarato colpevoli di stupro e violenze sette uomini che avevano preso di mira alcune ragazzine, costringendole ad avere rapporti con l’uso di droga e minacce
Muore il padre di Meredith Kercher
Muore il padre di Meredith Kercher
Il papà della studentessa uccisa a Perugia coinvolto forse in un tentativo di scippo o l’investimento di un pirata della strada. Ricoverato in ospedale, è morto pochi giorni dopo
Tre morti e due bambini scomparsi: il giallo che inquieta l’America
Tre morti e due bambini scomparsi: il giallo che inquieta l’America
Lori Vallow, moglie e sorella di due uomini uccisi in circostanze strane, è fuggita con il nuovo marito, la cui ex moglie è morta poco dopo. Ma dei due figli della donna non c’è più traccia da settembre
Hackerate le email di Ghislaine Maxwell
Hackerate le email di Ghislaine Maxwell
Il timore è che numerose email scambiate fra la reclutatrice di minorenni per conto di Jeffrey Epstein e personaggi in vista siano resi noti dai media, scatenando un vero cataclisma di proporzioni mondiali