"Nella mia fabbrica scopo quanto mi pare"

| Si ribella noto artigiano inglese a cui gli ispettori vogliono proibire di usare le scope per togliere la polvere definita "pericolose per la salute". "Mi dispiace, lo faccio da 40 anni e continuo". Tra i suoi clienti May, Ronaldo e Adele

+ Miei preferiti
Un noto costruttore inglese di mobili di pregio, che annovera tra i suoi clienti Theresa May, Cristiano Ronaldo, Adele e altri Vip, ha subito dalle autorità che si occupano di salute sui posti di lavoro un singolare divieto: quello di utilizzare una scopa per pulire i reparti dalla polvere. Michael Northcroft, 63 anni, (nella foto del Sun) racconta allibito che gli ispettori per la salute e la sicurezza lo hanno informato che si tratta "di un pericolo per i lavoratori". Ha detto al Sun che gli sembrava uno "scherzo", anche piuttosto stupido: lui ha usato le scope per decenni per spazzare il suo prestigioso show-room nella zona est di Londra, ma ora gli è stato detto che non può più usarle dall'Health and Safety Executive (HSE). Hanno sostenuto che la scopa solleva polvere di legno e che può essere dannosa, ma Northcroft ha precisato che continuerà a violare il diktat: "Sono scemenze. Il mio messaggio ai dirigenti per la salute e la sicurezza è: 'Mi dispiace, non obbedisco. La scopa rimane'. Gestisco le fabbriche da oltre 40 anni e non mi sono mai imbattuto in uno scherzo del genere. Non è una cosa che posso scegliere se fare o meno. Mi è stato detto che devo vietare l'uso della spazzatura a secco e devo confermare entro una data particolare che ho rispettato i loro requisiti". L'HSE ha confermato che "il sig. Northcroft sta mettendo in pericolo i suoi dieci lavoratori continuando ad usare una scopa".
Cronaca
Arrestato il fondatore del Cirque du Soleil
Arrestato il fondatore del Cirque du Soleil
Guy Laliberté sarebbe trattenuto dalla polizia a Tahiti: nel suo atollo privato è stata rinvenuta una grande piantagione di cannabis. La vita esagerata di un eccentrico ex artista di strada diventato miliardario
Francia, 800 kg di cocaina riconsegnati dal mare
Francia, 800 kg di cocaina riconsegnati dal mare
Dal 18 ottobre scorso, su un lungo tratto della costa atlantica francese si susseguono i ritrovamenti di panetti di cocaina purissima. L’inchiesta della procura per adesso si limita a supposizioni
Lo scontro di due aerei militari causato da un selfie
Lo scontro di due aerei militari causato da un selfie
È accaduto nel dicembre dello scorso anno al largo delle coste giapponesi: l’inchiesta ha accertato che un pilota si stava scattando dei selfie, mentre l’altro leggeva un libro
Trovato morto il fondatore dei White Helmets
Trovato morto il fondatore dei White Helmets
Ex agente segreto britannico, Jack Le Mesurier aveva creato una ong che agisce nei teatri di guerra siriani. Pochi giorni fa la Russia l’aveva accusato di terrorismo
Nuovi guai per Roman Polanski
Nuovi guai per Roman Polanski
Nel 1975, la giovane Valentine Monnier fu violentata senza pietà dal regista in uno chalet di Gstaad: 44 anni ha raccontato tutto, spinta proprio dall’ultimo film di Polanski
La coppia diabolica che sognava sesso e sangue
La coppia diabolica che sognava sesso e sangue
Paul e Angela, due amanti inglesi, hanno eliminato il ricco marito di lei per poter vivere insieme. A loro carico una serie di messaggi agghiaccianti in cui sognavano di fare sesso nel sangue del marito
Germania, finta dottoressa arrestata per quattro morti
Germania, finta dottoressa arrestata per quattro morti
Ha lavorato per quattro anni in ospedale, dove aveva presentato una documentazione falsa: è accusata di quattro decessi e otto persone ferite in modo grave
Ucciso l’hair stylist di CR7
Ucciso l’hair stylist di CR7
Il corpo di Ricardo Marques Ferreira trovato nel letto di un hotel di Zurigo in un lago di sangue. La polizia ha fermato un uomo di 39 anni
Storie di morte dal tir degli orrori
Storie di morte dal tir degli orrori
I messaggi di addio alla famiglia di Pham Thi Tra My, una ragazza vietnamita di 26 anni. Le indagini della polizia sulle spietate bande di trafficanti di esseri umani che dominano le tratte internazionali
Rinviato il processo ai rapitori di Silvia Romano
Rinviato il processo ai rapitori di Silvia Romano
“Nuovi e fondamentali elementi” hanno convinto i giudici keniani a far slittare il processo a carico di tre dei presunti sequestratori della giovane milanese