Nessun colpevole per la strage Erasmus

| Per le famiglie delle 13 ragazze che nel 2016 morirono a bordo di un autobus in Spagna, l’ennesimo schiaffo della giustizia spagnola: nessun colpevole. Già annunciato un nuovo appello

+ Miei preferiti
Per la terza volta, la giustizia spagnola ha scelto di archiviare il ricorso presentato dai familiari delle 13 studentesse del progetto Erasmus – di cui sette italiane - morte nel marzo del 2016 a bordo di un autobus uscito di strada. Per i giudici, non esistono prove e indizi sufficienti per arrivare a processo e il risultato, per la terza volta, è che non ci sono colpevoli. Malgrado quella notte l’autobus su cui viaggiavano ha sfondato il guardrail invadendo la corsia opposta per poi ribaltarsi dopo aver colpito un’altra auto.

Il sospetto, fin dalle primissime ore, si concentrava su un colpo di sonno dell’autista, che sopravvissuto all’incidente ha sempre mostrato un atteggiamento contraddittorio: fu lui stesso ad ammettere di essersi addormentato, salvo poi ritrattare tutto e dare la colpa a un malfunzionamento dei freni complicato dall’asfalto reso viscido dalla pioggia. Peccato che a verbale ci siano perizie di tecnici che hanno smentito un guasto all’impianto frenante e dichiarato che la strada era perfettamente asciutta.

Malgrado l’amarezza per la decisione del tribunale, Le famiglie delle sette ragazze rimaste uccise nel tragico schianto non si danno per vinte: hanno annunciato di voler presentare un nuovo appello al tribunale di Tarragona, quello che nel 2018 aveva disposto nuovi accertamenti.

Cronaca
Texas, mamma in overdose si chiude in auto con le figlie: muoiono tutte e tre
Texas, mamma in overdose si chiude in auto con le figlie: muoiono tutte e tre
Natalie, Izabel ed Elise Chambers, sono state ritrovate prive di vita in un Suv: Natalie sarebbe morta per overdose, le sue bimbe soffocate dal gran caldo
Una mamma e i suoi due figli trovati in un'auto in un lago
Una mamma e i suoi due figli trovati in un
I corpi di ShaQuia Philpot e i suoi due gemelli, sono stati notati da un pescatore in un lago della Georgia. La polizia indaga per risalire ai motivi di quello che al momento appare come un inspiegabile omicidio-suicidio
Riconosce il suo stupratore nel killer di Maddie
Riconosce il suo stupratore nel killer di Maddie
Una donna vittima di stupro nel 2004 nella stessa zona del Portogallo dove è scomparsa la bimba inglese, ha trovato nel racconto di un’altra violenza commessa da Christian Brueckner molte analogie con la sua, rimasta irrisolta
«Naya è morta per salvare il figlio»
«Naya è morta per salvare il figlio»
Nell’attesa degli esiti dell’autopsia sul corpo rinvenuto nelle acque del lago Piru, lo sceriffo ipotizza quella che ritiene la versione più verosimile. Resta da capire se l'attrice sia stata colta da malore
Si uccide in diretta su Facebook
Si uccide in diretta su Facebook
Un attivista per i programmi di salute mentale inglese si è tolto la vita davanti a 400 persone che lo imploravano di non farlo. Proteste e polemiche all’indirizzo del social network
È morta Kelly Preston, moglie di John Travolta
È morta Kelly Preston, moglie di John Travolta
L’annuncio dato dall’attore sul suo profilo Facebook: da due anni lottava contro una forma molto aggressiva di cancro al seno. La coppia era sposta da quasi 30 anni
Violentata e uccisa a 8 anni da una coppia
Violentata e uccisa a 8 anni da una coppia
Vika si era allontana da casa dopo aver litigato con i genitori: è diventata la vittima di una coppia che l’ha violentata e soffocata. La donna si è presentata alla polizia per raccontare l’accaduto: “Ho tentato di fermarlo”
Naya Rivera, mistero fitto sulla scomparsa
Naya Rivera, mistero fitto sulla scomparsa
Ancora nessuna traccia del corpo della star di “Glee”, scomparsa nel lago Piru, in California. Secondo alcuni potrebbe essere un caso di suicidio
Coppia di fidanzati fatti a pezzi in un trolley
Coppia di fidanzati fatti a pezzi in un trolley
La valigia, ritrovata su una scogliera da un gruppo di ragazzini, conteneva i resti smembrati di Jessica Lewis e Austin Wenner, di cui non si sapeva nulla da giorni
Il blitz della cattura di Ghislaine Maxwell
Il blitz della cattura di Ghislaine Maxwell
L’FBI ha confermato che era sulle tracce della complice di Epstein da un anno: era stata individuata due volte, ed è sempre riuscita a sfuggire. Ora inizia la battaglia del suo agguerrito team legale