"Non ho potuto salvarti dal mostro assassino..."

| Due anni dopo la morte della piccola Maelys, rapita e uccisa da un pedofilo nell'Isere, la madre invoca giustizia. "Quel mostro non esca mai di prigione". Coinvolto in 40 casi di scomparsi ancora irrisolti. La lettera

+ Miei preferiti
Di Maria Lopez

Due anni dopo che Maëlys de Araujo, 9 anni, è stata rapita e uccisa da Nordahl Lelandais, un ex militare ora 36enne, autore anche di un secondo omicidio (quello del caporale Arthur Noyer, 23 anni) a Pont-de-Beauvoisin (Isère) la notte tra il 26 e il 27 agosto 2017, la mamma Jennifer ha pubblicato un lungo messaggio su Facebook. Racconta del "grande vuoto" che non è stato colmato da quando la bambina è morta in quel modo atroce, picchiata e violentata. 

"Sto ancora aspettando la verita. Cerco di sopravvivere e continuare la lotta contro questo assassino pedofilo che odio così tanto, aspetto ancora la verità, una confessione finalmente per te, il mio angelo. Giustizia per il mio pulcino....", ha scritto senza però mai nominare Lelandais. "Oggi - continua - andare al cimitero sulla tua tomba, ricordandomi di quel maledetta festa di matrimonio dove sei stata rapita è così ingiusto: tesoro, avevi la tua vita davanti a te, lasci un grande vuoto in me e il mio dolore non accenna a diminuire".

Nordahl Lelandais è accusato di aggressione sessuale e minacce di morte anche da parte di un altro cugino ed è ora coinvolto in una quarantina di casi irrisolti.

L'ex militare, 36 anni, è sotto inchiesta per la morte di Maëlys e le aggressioni sessuali commesse alcune settimane prima su due cuginetti di 4 e 6 anni. Anche una 14enne l'ha accusato di aggressione sessuale, avvenuta durante il funerale del padre. L’adolescente piangeva, Lelandais aveva finto di consolarla per tentare una serie di abusi sessuali.

Qui il post integrale di mamma Jennifer:

Maelys 💖, sono passati 2 anni da quando eri ancora tra noi e c'è ancora quel grande vuoto che hai lasciato… ti amo così tanto, sei stata una combattente nonostante la tua vita non sia stata sempre facile. Ricordo ancora la volta che il mio gatto è morto quando avevi solo 7 anni, ma eri già molto più matura degli altri e soprattutto avevi un grande amore per gli animali e un grande cuore che ti portava ad aiutare gli altri. Ho sempre un senso di colpa molto forte... Ogni giorno dico a me stessa perché tu.... Sono domande che mi vengono in mente ogni giorno. Non credo che saresti orgogliosa della vita che stiamo facendo ora, con così tanto dolore e così tanta rabbia, perché niente è più com'era senza di te. Non voglio nemmeno immaginare tutto il dolore e la paura che hai vissuto, avrei voluto aiutarti, calmarti e riportarti a casa come se non fosse successo niente. Ma purtroppo non è possible. Ora che non ci sei più, non smetto di avere paura per le strade, e quando sono sola ho paura di essere rapita come te e di soffrire. Non posso fare nulla senza di te, sei stata il mio pilastro e durante la notte tutto cade a pezzi, c'è come un muro che mi impedisce di andare avanti nella vita senza di te. Vorrei solo che N.L. non esca mai più di prigione e paghi tutto il resto della sua vita per quello che ha fatto passare a troppe famiglie (a cui auguro coraggio). Spero, mia principessa, che lassù tu sia felice con persone che ti vogliono bene quanto me. Ti amo mia principessa riposa in pace…👼👼💔💔💔💔💔❤❤❤🙏🙏💪🏻 mio guerriero 💪🏻…..

Galleria fotografica
"Non ho potuto salvarti dal mostro assassino..." - immagine 1
"Non ho potuto salvarti dal mostro assassino..." - immagine 2
"Non ho potuto salvarti dal mostro assassino..." - immagine 3
"Non ho potuto salvarti dal mostro assassino..." - immagine 4
"Non ho potuto salvarti dal mostro assassino..." - immagine 5
"Non ho potuto salvarti dal mostro assassino..." - immagine 6
"Non ho potuto salvarti dal mostro assassino..." - immagine 7
"Non ho potuto salvarti dal mostro assassino..." - immagine 8
"Non ho potuto salvarti dal mostro assassino..." - immagine 9
Cronaca
Lo sfacciato immobiliarista che riciclava denaro sporco
Lo sfacciato immobiliarista che riciclava denaro sporco
Oltre a decine di furti e frodi, Ramon Olorunwa Abbas era un esperto nel “ripulire” grosse somme di denaro frutto di traffici illeciti. Fra le vittime anche un club della Premier League inglese
Il Golden State Killer
si dichiara colpevole
Il Golden State Killer<br>si dichiara colpevole
Ha ammesso stupri e omicidi che per 40 anni hanno tolto il sonno a due contee californiane, in cambio della vita: non salirà sul patibolo, ma sconterà almeno 11 ergastoli dietro le sbarre
Londra: condannato il giovane della Tate Modern
Londra: condannato il giovane della Tate Modern
Il 18enne che un anno fa spinse dal balcone un bimbo di sei anni condannato dalla giustizia inglese per omicidio volontario
Justin Bieber cita due donne che lo accusano di stupro
Justin Bieber cita due donne che lo accusano di stupro
Danielle e Kadi hanno raccontato sui social di essere state violentate in albergo ad un anno di distanza una dall’altra. L’artista canadese nega dicendo di avere le prove che in quei giorni si trovava da altre parti, e parte al contrattacco
Suicida una giovanissima star di «TikTok»
Suicida una giovanissima star di «TikTok»
A 16 anni, Siya Kakkar era seguita da milioni di follower in tutto il mondo. Inspiegabili i motivi del gesto: aveva numerosi progetti futuri
Scarcerata la giovane che ha ucciso il suo violentatore
Scarcerata la giovane che ha ucciso il suo violentatore
Dopo due anni di abusi, nel 2018 Chrystul Kizer aveva ucciso l’uomo che la violentava e vendeva ad altri. Al suo fianco si è schierata un’imponente campagna mediatica e di supporto economico
NY, cameriera 18enne molestata da clienti e proprietari
NY, cameriera 18enne molestata da clienti e proprietari
Brenna Gonzales, cameriera di una celebre steak-house frequentata dal jet-set newyorkese, ha sporto querela per molestie sessuali ripetute
Zanardi stabile ma ancora grave
Zanardi stabile ma ancora grave
I medici non azzardano supposizioni: il quadro generale parla di “danni importanti” che potrebbero avere conseguenze neurologiche e di vista. Nei prossimi giorni la riduzione della sedazione e le prime valutazioni
L’Italia in ansia per Alex Zanardi
L’Italia in ansia per Alex Zanardi
Stabile nella notte ma ancora in condizioni gravissime. Attesa per il prossimo bollettino medico. La procura indaga per ricostruire l’accaduto
Zanardi in coma farmacologico
Zanardi in coma farmacologico
Il campione bolognese ricoverato in terapia intensiva: non è in pericolo di vita, ma il danno neurologico potrebbe essere molto grave