Nuova Zelanda, il killer aveva un terzo obiettivo

| Lo ha rivelato la polizia, mentre nel paese sono iniziati i primi funerali e la premier annuncia un giro di vite dell’intelligence e sulla vendita delle armi

+ Miei preferiti
Quando è stato bloccato dalla polizia, Brenton Tarrant si stava dirigendo verso il suo terzo obiettivo, dopo le due moschee di Christchucrh in cui aveva seminato il terrore, falciando 50 persone. Lo ha riferito Mike Bush, capo della polizia, convinto anche di sapere quale fosse il luogo previsto per l’ennesima strage, ma senza specificare quale per motivi di sicurezza.

In Nuova Zelanda sono i giorni del dolore: dopo la restituzione alle famiglie dei corpi di 21 persone identificate, sono iniziati i primi funerali delle vittime, ovunque accompagnati da centinaia di persone, e la polizia ha comunicato i primi cinque nomi dei caduti delle moschee. Si tratta di Mocaad Ibrahim, di 3 anni, Hati Mohemmed Doud Nabi, 71, Mohsen Mohammed Al Harbi, 63 e Junaid Ismail, di 36, tutti cittadini neozelandesi, e Kamel Moh’d Kamal Kamel Darwish, 38enne originario della Giordania.

L’atteggiamento fiero e sprezzante dell’autore della strage, il 28enne suprematista bianco australiano che ha anche licenziato l’avvocato d’ufficio annunciando la decisione di difendersi da solo, ha innervosito non poco le autorità. La premier neozelandese Jacinta Arden ha dichiarato che non pronuncerà mai più il suo nome in pubblico: “È un terrorista, un criminale, un estremista. Quando ne parlerò non pronuncerò mai il suo nome”. Con un gesto di pacificazione verso la comunità musulmana neozelandese, la premier ha aperto la seduta del parlamento pronunciando la frase “As salaam aleikum”, la pace sia con voi. Il governo ha annunciato che si farà carico delle spese dei funerali: “Rappresentiamo la diversità, la gentilezza, la compassione. Siamo una casa e un rifugio per chi ne ha bisogno, e i nostri valori non devono cambiare per colpa dell’attacco”. Oltre ad annunciare un’inchiesta sui servizi di intelligence, la premier ha assicurato che entro dieci giorni sarà varata la riforma sulla vendita delle armi.

Inquietanti, per concludere, i dati forniti da Chris Sonderby, vicepresidente di Facebook: 200 persone hanno seguito la diretta della strage senza che nessuno sentisse il bisogno di segnalarlo, a cui si sono aggiunte altre 4.000 persone che l’hanno visto prima che fosse eliminato. 

Cronaca
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Eloisa Pinto Fontes, 26 anni, era scomparsa senza lasciare traccia un anno fa a New York. È stata ritrovata in una favela di Rio mentre vagava in stato confusionale
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
Sarebbe morta nel sonno a soli 24 anni: dopo una carriera fulminea nel mondo dell’hard aveva scelto di tornare dalla famiglia in Texas e contava di sposarsi a breve
Notte di sangue a Birmingham
Notte di sangue a Birmingham
Una non meglio precisata “serie di accoltellamenti” che avrebbero coinvolto diverse persone, avvenuti nella zona della movida e del quartiere LGBT. La polizia non si sbilancia sulla matrice dell’episodio
Rock and Virus
Rock and Virus
Il concerto degli “Smash Mount” durante il motoraduno di Sturgis, si sta trasformando in un focolaio che fa il pieno di contagi e vittime. L’ira dei social verso la band, accusata di fomentare la folla urlando che il Covid non esiste
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
I cadaveri di Henriett Szcus e Mihrican Mustafa ritrovati casualmente dalla polizia un anno fa nell’appartamento di Zahid Younis, 36 anni, condannato all’ergastolo
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
L’allarme è scattato dopo i primi svenimenti per la presenza di monossido di carbonio. Nessuna vittima ma tanta paura per circa 200 giovani che avevano scelto una caverna per una notte di eccessi
La killer di una senatrice americana confessa l’omicidio
La killer di una senatrice americana confessa l’omicidio
Rebecca Lynn O’Donnell ha confessato l’omicidio e l’occultamento di cadavere della senatrice dell'Arkansas Linda Collins-Smith, che stava indagando in un giro di pedofilia
Texas, mamma in overdose si chiude in auto con le figlie: muoiono tutte e tre
Texas, mamma in overdose si chiude in auto con le figlie: muoiono tutte e tre
Natalie, Izabel ed Elise Chambers, sono state ritrovate prive di vita in un Suv: Natalie sarebbe morta per overdose, le sue bimbe soffocate dal gran caldo
Una mamma e i suoi due figli trovati in un'auto in un lago
Una mamma e i suoi due figli trovati in un
I corpi di ShaQuia Philpot e i suoi due gemelli, sono stati notati da un pescatore in un lago della Georgia. La polizia indaga per risalire ai motivi di quello che al momento appare come un inspiegabile omicidio-suicidio
Riconosce il suo stupratore nel killer di Maddie
Riconosce il suo stupratore nel killer di Maddie
Una donna vittima di stupro nel 2004 nella stessa zona del Portogallo dove è scomparsa la bimba inglese, ha trovato nel racconto di un’altra violenza commessa da Christian Brueckner molte analogie con la sua, rimasta irrisolta