Nuovi guai per Roman Polanski

| Nel 1975, la giovane Valentine Monnier fu violentata senza pietà dal regista in uno chalet di Gstaad: 44 anni ha raccontato tutto, spinta proprio dall’ultimo film di Polanski

+ Miei preferiti
“Non avevo alcun legame con Roman Polanski, né personale né professionale: lo conoscevo appena. Fu di estrema violenza, dopo una discesa di sci, nel chalet di Gstaad, in Svizzera. Mi colpì, mi riempì di botte fino a quando non opposi più resistenza, poi mi violentò facendomi subire di tutto. Avevo appena 18 anni”. Un dolore tenuto dentro per 44 anni che Valentine Monnier, attrice e fotografa francese, ha deciso di rivelare ogni cosa, togliendosi un peso dall’anima. Era la giovane e bellissima figlia di un’influente famiglia di industriali alsaziani, aveva iniziato da poco una carriera come modella ed era giunta a Gstaad per festeggiare la maturità insieme ad alcuni amici. Durante una risalita in seggiovia Polanski le chiede senza giri di parole se era disposta a fare sesso con lui: la ragazza risponde di no. La sera si incontrano in un ristorante, cenano e scendono a valle sugli sci, con le fiaccole. Appena arrivati nello chalet, scatta la furia del regista: “Mi ha picchiata, obbligata a ingoiare una pillola e violentata: ero sotto shock. Pesavo appena 50 kg, Polanski era piccolo ma molto forte: ebbe la meglio di me in due minuti. Mi ripetevo: è Polanski, non può correre il rischio che si sappia, finirà per uccidermi”. Invece finita la violenza, Polanski le chiede scusa, piangendo perfino, implorandola di non rivelare nulla.

Il motivo che ha spinto Valentine Monnier ha scrivere una lettera al quotidiano “Le Parisien” è “J’accuse”, il nuovo film del regista polacco che si concentra sull’affare Dreyfus, uno storico falso giudiziario che aveva come protagonista il capitano dell’esercito francese Alfred Deyfrus, nel 1894 ingiustamente condannato per alto tradimento e riabilitato soltanto anni dopo. Come il militare, anche Valentine Monnier ha capito l’importanza della giustizia, anche postuma: “Il ritardo nella reazione non significa che tutto è stato dimenticato: lo stupro è una bomba a orologeria. La memoria non si cancella, diventa un fantasma che ti insegue, ti cambia in modo insidioso. Il corpo finisce spesso per risentire di quello che la mente ha tenuto in disparte, fino a quando l’età o un avvenimento ti rimette di fronte al ricordo traumatico”.

Nel 1977, Roman Polanski è stato accusato a Los Angeles di “violenza carnale con l’ausilio di sostanze stupefacenti” su Samantha Geimer, una ragazzina di 13 anni. Dopo 42 giorni di detenzione, Polanski era riuscito a fuggire dagli Stati Uniti e da allora evita con cura i Paesi dove siano in vigore accordi di estradizione con l’America.

Articoli correlati
Galleria fotografica
Nuovi guai per Roman Polanski - immagine 1
Cronaca
Lo sfacciato immobiliarista che riciclava denaro sporco
Lo sfacciato immobiliarista che riciclava denaro sporco
Oltre a decine di furti e frodi, Ramon Olorunwa Abbas era un esperto nel “ripulire” grosse somme di denaro frutto di traffici illeciti. Fra le vittime anche un club della Premier League inglese
Il Golden State Killer
si dichiara colpevole
Il Golden State Killer<br>si dichiara colpevole
Ha ammesso stupri e omicidi che per 40 anni hanno tolto il sonno a due contee californiane, in cambio della vita: non salirà sul patibolo, ma sconterà almeno 11 ergastoli dietro le sbarre
Londra: condannato il giovane della Tate Modern
Londra: condannato il giovane della Tate Modern
Il 18enne che un anno fa spinse dal balcone un bimbo di sei anni condannato dalla giustizia inglese per omicidio volontario
Justin Bieber cita due donne che lo accusano di stupro
Justin Bieber cita due donne che lo accusano di stupro
Danielle e Kadi hanno raccontato sui social di essere state violentate in albergo ad un anno di distanza una dall’altra. L’artista canadese nega dicendo di avere le prove che in quei giorni si trovava da altre parti, e parte al contrattacco
Suicida una giovanissima star di «TikTok»
Suicida una giovanissima star di «TikTok»
A 16 anni, Siya Kakkar era seguita da milioni di follower in tutto il mondo. Inspiegabili i motivi del gesto: aveva numerosi progetti futuri
Scarcerata la giovane che ha ucciso il suo violentatore
Scarcerata la giovane che ha ucciso il suo violentatore
Dopo due anni di abusi, nel 2018 Chrystul Kizer aveva ucciso l’uomo che la violentava e vendeva ad altri. Al suo fianco si è schierata un’imponente campagna mediatica e di supporto economico
NY, cameriera 18enne molestata da clienti e proprietari
NY, cameriera 18enne molestata da clienti e proprietari
Brenna Gonzales, cameriera di una celebre steak-house frequentata dal jet-set newyorkese, ha sporto querela per molestie sessuali ripetute
Zanardi stabile ma ancora grave
Zanardi stabile ma ancora grave
I medici non azzardano supposizioni: il quadro generale parla di “danni importanti” che potrebbero avere conseguenze neurologiche e di vista. Nei prossimi giorni la riduzione della sedazione e le prime valutazioni
L’Italia in ansia per Alex Zanardi
L’Italia in ansia per Alex Zanardi
Stabile nella notte ma ancora in condizioni gravissime. Attesa per il prossimo bollettino medico. La procura indaga per ricostruire l’accaduto
Zanardi in coma farmacologico
Zanardi in coma farmacologico
Il campione bolognese ricoverato in terapia intensiva: non è in pericolo di vita, ma il danno neurologico potrebbe essere molto grave