Nuovi guai per Roman Polanski

| Nel 1975, la giovane Valentine Monnier fu violentata senza pietà dal regista in uno chalet di Gstaad: 44 anni ha raccontato tutto, spinta proprio dall’ultimo film di Polanski

+ Miei preferiti
“Non avevo alcun legame con Roman Polanski, né personale né professionale: lo conoscevo appena. Fu di estrema violenza, dopo una discesa di sci, nel chalet di Gstaad, in Svizzera. Mi colpì, mi riempì di botte fino a quando non opposi più resistenza, poi mi violentò facendomi subire di tutto. Avevo appena 18 anni”. Un dolore tenuto dentro per 44 anni che Valentine Monnier, attrice e fotografa francese, ha deciso di rivelare ogni cosa, togliendosi un peso dall’anima. Era la giovane e bellissima figlia di un’influente famiglia di industriali alsaziani, aveva iniziato da poco una carriera come modella ed era giunta a Gstaad per festeggiare la maturità insieme ad alcuni amici. Durante una risalita in seggiovia Polanski le chiede senza giri di parole se era disposta a fare sesso con lui: la ragazza risponde di no. La sera si incontrano in un ristorante, cenano e scendono a valle sugli sci, con le fiaccole. Appena arrivati nello chalet, scatta la furia del regista: “Mi ha picchiata, obbligata a ingoiare una pillola e violentata: ero sotto shock. Pesavo appena 50 kg, Polanski era piccolo ma molto forte: ebbe la meglio di me in due minuti. Mi ripetevo: è Polanski, non può correre il rischio che si sappia, finirà per uccidermi”. Invece finita la violenza, Polanski le chiede scusa, piangendo perfino, implorandola di non rivelare nulla.

Il motivo che ha spinto Valentine Monnier ha scrivere una lettera al quotidiano “Le Parisien” è “J’accuse”, il nuovo film del regista polacco che si concentra sull’affare Dreyfus, uno storico falso giudiziario che aveva come protagonista il capitano dell’esercito francese Alfred Deyfrus, nel 1894 ingiustamente condannato per alto tradimento e riabilitato soltanto anni dopo. Come il militare, anche Valentine Monnier ha capito l’importanza della giustizia, anche postuma: “Il ritardo nella reazione non significa che tutto è stato dimenticato: lo stupro è una bomba a orologeria. La memoria non si cancella, diventa un fantasma che ti insegue, ti cambia in modo insidioso. Il corpo finisce spesso per risentire di quello che la mente ha tenuto in disparte, fino a quando l’età o un avvenimento ti rimette di fronte al ricordo traumatico”.

Nel 1977, Roman Polanski è stato accusato a Los Angeles di “violenza carnale con l’ausilio di sostanze stupefacenti” su Samantha Geimer, una ragazzina di 13 anni. Dopo 42 giorni di detenzione, Polanski era riuscito a fuggire dagli Stati Uniti e da allora evita con cura i Paesi dove siano in vigore accordi di estradizione con l’America.

Articoli correlati
Galleria fotografica
Nuovi guai per Roman Polanski - immagine 1
Cronaca
Luca ed Edith sono liberi
Luca ed Edith sono liberi
I due giovani, scomparsi nel dicembre 2018 in Burkina Faso, sarebbero riusciti a evadere dal luogo dove una banda li teneva prigionieri. A breve il rientro in Italia
Chelsea Manning tenta il suicidio
Chelsea Manning tenta il suicidio
L’ex gola profonda di WikiLeaks, tornata dietro le sbarre lo scorso anno, rifiuta categoricamente di comparire davanti alla corte federale
Aperto il processo per la strage del volo MH17
Aperto il processo per la strage del volo MH17
In Olanda, in un’aula allestita nella zona dell’aeroporto Schiphol di Amsterdam, le prime battute del processo contro 4 persone sospettate di aver ucciso le 298 persone a bordo
La fuga dalla quarantena di Ekaterina
La fuga dalla quarantena di Ekaterina
Le autorità della Crimea hanno emesso un mandato di cattura per una ragazza che prima degli esisti del terzo e ultimo tampone è fuggita dall’ospedale in cui era in quarantena
Arrestati i ladri della villa di Tamara Ecclestone
Arrestati i ladri della villa di Tamara Ecclestone
Sarebbero madre e figlio di origine rumena: negano ogni accusa, ma lei è stata arrestata con addosso orecchini preziosissimi, e nell’abitazione del figlio sono stati trovati diversi accessori griffati dell’ereditiera
Strangolata a 6 anni dal vicino di casa
Strangolata a 6 anni dal vicino di casa
La piccola Faye Swetlik era scomparsa dal giardino di casa, in South Carolina: è stata ritrovata senza vita tre giorni dopo. A poche ore di distanza, un vicino su cui la polizia iniziava a sospettare si è ucciso
GB, sette uomini condannati per stupro
GB, sette uomini condannati per stupro
Dopo quattro settimane di processo, la giuria ha dichiarato colpevoli di stupro e violenze sette uomini che avevano preso di mira alcune ragazzine, costringendole ad avere rapporti con l’uso di droga e minacce
Muore il padre di Meredith Kercher
Muore il padre di Meredith Kercher
Il papà della studentessa uccisa a Perugia coinvolto forse in un tentativo di scippo o l’investimento di un pirata della strada. Ricoverato in ospedale, è morto pochi giorni dopo
Tre morti e due bambini scomparsi: il giallo che inquieta l’America
Tre morti e due bambini scomparsi: il giallo che inquieta l’America
Lori Vallow, moglie e sorella di due uomini uccisi in circostanze strane, è fuggita con il nuovo marito, la cui ex moglie è morta poco dopo. Ma dei due figli della donna non c’è più traccia da settembre
Hackerate le email di Ghislaine Maxwell
Hackerate le email di Ghislaine Maxwell
Il timore è che numerose email scambiate fra la reclutatrice di minorenni per conto di Jeffrey Epstein e personaggi in vista siano resi noti dai media, scatenando un vero cataclisma di proporzioni mondiali