Nuovi guai per Roman Polanski

| Nel 1975, la giovane Valentine Monnier fu violentata senza pietà dal regista in uno chalet di Gstaad: 44 anni ha raccontato tutto, spinta proprio dall’ultimo film di Polanski

+ Miei preferiti
“Non avevo alcun legame con Roman Polanski, né personale né professionale: lo conoscevo appena. Fu di estrema violenza, dopo una discesa di sci, nel chalet di Gstaad, in Svizzera. Mi colpì, mi riempì di botte fino a quando non opposi più resistenza, poi mi violentò facendomi subire di tutto. Avevo appena 18 anni”. Un dolore tenuto dentro per 44 anni che Valentine Monnier, attrice e fotografa francese, ha deciso di rivelare ogni cosa, togliendosi un peso dall’anima. Era la giovane e bellissima figlia di un’influente famiglia di industriali alsaziani, aveva iniziato da poco una carriera come modella ed era giunta a Gstaad per festeggiare la maturità insieme ad alcuni amici. Durante una risalita in seggiovia Polanski le chiede senza giri di parole se era disposta a fare sesso con lui: la ragazza risponde di no. La sera si incontrano in un ristorante, cenano e scendono a valle sugli sci, con le fiaccole. Appena arrivati nello chalet, scatta la furia del regista: “Mi ha picchiata, obbligata a ingoiare una pillola e violentata: ero sotto shock. Pesavo appena 50 kg, Polanski era piccolo ma molto forte: ebbe la meglio di me in due minuti. Mi ripetevo: è Polanski, non può correre il rischio che si sappia, finirà per uccidermi”. Invece finita la violenza, Polanski le chiede scusa, piangendo perfino, implorandola di non rivelare nulla.

Il motivo che ha spinto Valentine Monnier ha scrivere una lettera al quotidiano “Le Parisien” è “J’accuse”, il nuovo film del regista polacco che si concentra sull’affare Dreyfus, uno storico falso giudiziario che aveva come protagonista il capitano dell’esercito francese Alfred Deyfrus, nel 1894 ingiustamente condannato per alto tradimento e riabilitato soltanto anni dopo. Come il militare, anche Valentine Monnier ha capito l’importanza della giustizia, anche postuma: “Il ritardo nella reazione non significa che tutto è stato dimenticato: lo stupro è una bomba a orologeria. La memoria non si cancella, diventa un fantasma che ti insegue, ti cambia in modo insidioso. Il corpo finisce spesso per risentire di quello che la mente ha tenuto in disparte, fino a quando l’età o un avvenimento ti rimette di fronte al ricordo traumatico”.

Nel 1977, Roman Polanski è stato accusato a Los Angeles di “violenza carnale con l’ausilio di sostanze stupefacenti” su Samantha Geimer, una ragazzina di 13 anni. Dopo 42 giorni di detenzione, Polanski era riuscito a fuggire dagli Stati Uniti e da allora evita con cura i Paesi dove siano in vigore accordi di estradizione con l’America.

Articoli correlati
Galleria fotografica
Nuovi guai per Roman Polanski - immagine 1
Cronaca
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
Sarebbe morta nel sonno a soli 24 anni: dopo una carriera fulminea nel mondo dell’hard aveva scelto di tornare dalla famiglia in Texas e contava di sposarsi a breve
Notte di sangue a Birmingham
Notte di sangue a Birmingham
Una non meglio precisata “serie di accoltellamenti” che avrebbero coinvolto diverse persone, avvenuti nella zona della movida e del quartiere LGBT. La polizia non si sbilancia sulla matrice dell’episodio
Rock and Virus
Rock and Virus
Il concerto degli “Smash Mount” durante il motoraduno di Sturgis, si sta trasformando in un focolaio che fa il pieno di contagi e vittime. L’ira dei social verso la band, accusata di fomentare la folla urlando che il Covid non esiste
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
I cadaveri di Henriett Szcus e Mihrican Mustafa ritrovati casualmente dalla polizia un anno fa nell’appartamento di Zahid Younis, 36 anni, condannato all’ergastolo
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
L’allarme è scattato dopo i primi svenimenti per la presenza di monossido di carbonio. Nessuna vittima ma tanta paura per circa 200 giovani che avevano scelto una caverna per una notte di eccessi
La killer di una senatrice americana confessa l’omicidio
La killer di una senatrice americana confessa l’omicidio
Rebecca Lynn O’Donnell ha confessato l’omicidio e l’occultamento di cadavere della senatrice dell'Arkansas Linda Collins-Smith, che stava indagando in un giro di pedofilia
Texas, mamma in overdose si chiude in auto con le figlie: muoiono tutte e tre
Texas, mamma in overdose si chiude in auto con le figlie: muoiono tutte e tre
Natalie, Izabel ed Elise Chambers, sono state ritrovate prive di vita in un Suv: Natalie sarebbe morta per overdose, le sue bimbe soffocate dal gran caldo
Una mamma e i suoi due figli trovati in un'auto in un lago
Una mamma e i suoi due figli trovati in un
I corpi di ShaQuia Philpot e i suoi due gemelli, sono stati notati da un pescatore in un lago della Georgia. La polizia indaga per risalire ai motivi di quello che al momento appare come un inspiegabile omicidio-suicidio
Riconosce il suo stupratore nel killer di Maddie
Riconosce il suo stupratore nel killer di Maddie
Una donna vittima di stupro nel 2004 nella stessa zona del Portogallo dove è scomparsa la bimba inglese, ha trovato nel racconto di un’altra violenza commessa da Christian Brueckner molte analogie con la sua, rimasta irrisolta
«Naya è morta per salvare il figlio»
«Naya è morta per salvare il figlio»
Nell’attesa degli esiti dell’autopsia sul corpo rinvenuto nelle acque del lago Piru, lo sceriffo ipotizza quella che ritiene la versione più verosimile. Resta da capire se l'attrice sia stata colta da malore