Nuovi guai per Roman Polanski

| Nel 1975, la giovane Valentine Monnier fu violentata senza pietà dal regista in uno chalet di Gstaad: 44 anni ha raccontato tutto, spinta proprio dall’ultimo film di Polanski

+ Miei preferiti
“Non avevo alcun legame con Roman Polanski, né personale né professionale: lo conoscevo appena. Fu di estrema violenza, dopo una discesa di sci, nel chalet di Gstaad, in Svizzera. Mi colpì, mi riempì di botte fino a quando non opposi più resistenza, poi mi violentò facendomi subire di tutto. Avevo appena 18 anni”. Un dolore tenuto dentro per 44 anni che Valentine Monnier, attrice e fotografa francese, ha deciso di rivelare ogni cosa, togliendosi un peso dall’anima. Era la giovane e bellissima figlia di un’influente famiglia di industriali alsaziani, aveva iniziato da poco una carriera come modella ed era giunta a Gstaad per festeggiare la maturità insieme ad alcuni amici. Durante una risalita in seggiovia Polanski le chiede senza giri di parole se era disposta a fare sesso con lui: la ragazza risponde di no. La sera si incontrano in un ristorante, cenano e scendono a valle sugli sci, con le fiaccole. Appena arrivati nello chalet, scatta la furia del regista: “Mi ha picchiata, obbligata a ingoiare una pillola e violentata: ero sotto shock. Pesavo appena 50 kg, Polanski era piccolo ma molto forte: ebbe la meglio di me in due minuti. Mi ripetevo: è Polanski, non può correre il rischio che si sappia, finirà per uccidermi”. Invece finita la violenza, Polanski le chiede scusa, piangendo perfino, implorandola di non rivelare nulla.

Il motivo che ha spinto Valentine Monnier ha scrivere una lettera al quotidiano “Le Parisien” è “J’accuse”, il nuovo film del regista polacco che si concentra sull’affare Dreyfus, uno storico falso giudiziario che aveva come protagonista il capitano dell’esercito francese Alfred Deyfrus, nel 1894 ingiustamente condannato per alto tradimento e riabilitato soltanto anni dopo. Come il militare, anche Valentine Monnier ha capito l’importanza della giustizia, anche postuma: “Il ritardo nella reazione non significa che tutto è stato dimenticato: lo stupro è una bomba a orologeria. La memoria non si cancella, diventa un fantasma che ti insegue, ti cambia in modo insidioso. Il corpo finisce spesso per risentire di quello che la mente ha tenuto in disparte, fino a quando l’età o un avvenimento ti rimette di fronte al ricordo traumatico”.

Nel 1977, Roman Polanski è stato accusato a Los Angeles di “violenza carnale con l’ausilio di sostanze stupefacenti” su Samantha Geimer, una ragazzina di 13 anni. Dopo 42 giorni di detenzione, Polanski era riuscito a fuggire dagli Stati Uniti e da allora evita con cura i Paesi dove siano in vigore accordi di estradizione con l’America.

Articoli correlati
Galleria fotografica
Nuovi guai per Roman Polanski - immagine 1
Cronaca
Ceren Ozdemir, la 390esima donna uccisa in Turchia
Ceren Ozdemir, la 390esima donna uccisa in Turchia
Il triste primato dalla fine di una giovane ballerina appena 20enne uccisa sulla porta di casa. Cresce in modo preoccupante il numero dei casi, denunciano le associazioni in difesa delle donne
Suicida dopo la condanna a 30 anni per femminicidio
Suicida dopo la condanna a 30 anni per femminicidio
Francesco Mazzega ha scelto di farla finita dopo la conferma della condanna a 30 anni per l’omicidio della sua fidanzata Nadia Orlando, che aveva ucciso due anni fa
Bomba a Parigi, scatta l’allarme
Bomba a Parigi, scatta l’allarme
Era una granata inerte custodita da un militare fuori servizio: un falso allarme che ha fatto scattare la massima allerta nella capitale francese
Italiana uccisa a Capo Verde
Italiana uccisa a Capo Verde
Il corpo di Marilena Corrò trovato senza vita nel serbatoio dell’acqua del suo B&B di Boavista. Fermato un altro italiano che gestiva la struttura, sospettato dell’omicidio
Spagna: sequestrato minisommergibile dei narcos
Spagna: sequestrato minisommergibile dei narcos
Fermato al largo delle coste della Galizia, trasportava tre tonnellate di cocaina. Un metodo di consegna e spostamento sempre più utilizzato dai cartelli della droga
Italia: allarme Fentanyl
Italia: allarme Fentanyl
Il potentissimo oppioide, insieme a migliaia di altre varianti sintetiche, inizia a fare le prime vittime anche nel nostro Paese. I pericoli delle nuove droghe, che negli Stati Uniti hanno causato una vera strage
Il Regno Unito commosso per la storia di Chloe e Adam
Il Regno Unito commosso per la storia di Chloe e Adam
Erano fidanzati da meno di un anno: lei si è uccisa impiccandosi senza lasciare un biglietto che spiegasse il gesto. Sei giorni dopo lui l’ha seguita gettandosi sotto un treno
Arrestato il mandante dell’omicidio
di Daphne Caruana Galizia
Arrestato il mandante dell’omicidio<br>di Daphne Caruana Galizia
Si tratta di Yorgen Fenech, spregiudicato proprietario di casinò e a capo di una cordata che si è aggiudicata un appalto miliardario, ma soprattutto collettore di tangenti che spartiva con alcuni ministri maltesi
Francia: il più grande caso di pedofilia
Francia: il più grande caso di pedofilia
Joël Le Scouarnec, chirurgo pediatrico, avrebbe abusato di oltre 250 bambini in quasi vent’anni di attività, malgrado una denuncia per possesso di materiale pedopornografico
Arrestato il fondatore del Cirque du Soleil
Arrestato il fondatore del Cirque du Soleil
Guy Laliberté sarebbe trattenuto dalla polizia a Tahiti: nel suo atollo privato è stata rinvenuta una grande piantagione di cannabis. La vita esagerata di un eccentrico ex artista di strada diventato miliardario