Omicidio Elisa, perizia sui freni del Transit

| Finiti gli interrogatori dei testi, la procura punta a chiudere le indagini sull'incidente di Condotte. Investitore "pentito"

+ Miei preferiti
L'inchiesta sull'incidente-omicidio di Condove in Val Susa, avvenuto domenica  8 luglio sulla Statale 24, direzione Torino, all'altezza della rotatoria del Gravio, è ormai alle battute concluse. Il pm Paola Stupino, che coordina le indagini svolte dai carabinieri di Susa, ha sentitotutti i testimoni del momento dell'impatto tra il furgone Transit, guidato da Maurizio De Giulio, 50 anni, incarcerato per omicidio volontario, e la moto di Matteo Penna, 29, che trasportava nel sellino posteriore la fidanzata Elisa Ferrero, 27 anni, prossima alla specializzazione dopo la laurea in Medicina. Su cosa hanno raccontato i testi al magistrato vige il massimo riserbo ma qualcosa sulla sostanza dei colloqui è lo stesso trapelato. Ci sono alcuni punti fermi. Il furgone che, poco le 17 (a bordo ci sono anche la compagna Milena Zuliga e la figlia di 11 anni), esce da una strada laterale rischiando di colpire la Ktm 650 di Matteo, seguito da altri motociclisti; la reazione del centauro che, raggiunta la portiera sinistra del furgone, sferra un pugno contro lo specchietto retrovisore spostandolo di alcuni centimetri; a questo punto uno dei testi, che seguiva Matteo in sella alla sua moto, ha visto il Transit uscire a tutta velocità dalla coda di auto che stava comunque scorrendo a bassa velocità, in vista della rotatoria, superare di getto quattro o cinque auto, infine gettarsi all'inseguimento della Ktm con l'evidente idea di vendicarsi dell'affronto subito, a una velcità stimata dai consulenti del pm tra 75 e 80 kmh.

MATTEO NON S'E' ACCORTO DI NULLA

Matteo Penna ha continuato a procedere a bassa velocità, rallentando per immettersi nell'incrocio, di sicuro non ha guardato negli specchietti perché di sicuro avrebbe visto arrivare il furgone, con Fe Giulio che continuava ad accelerare. L'impatto è stato di una violenza spaventosa; i due veicoli erano praticamente allineati e il Transi ha centrato la gomma posteriore della moto infine travolgendola e agganciandola. Elisa è morta investita e trascinata per alcuni metri; il fidanzato è stato sbalzato di alcuni metri, verso sinistra, e a questo deve di essere ancora vivo. Trasportato in eliambulanza al Cto, è stato subito operato per fratture e lesioni interne. Si era diffusa la voce che avesse subito l'amputazione di una gamba ma per fortuna non è vero. Anzi, le sue condizioni vanno miglirorando e presto potrebbe esere già dichiarato fuori pericolo.

DE GIULIO HA RISCHIATO IL LINCIAGGIO

Emergono dettagli non ancora noti. De Giulio, dopo lo schianto, è sceso e s'è guardato intorno, un automobilista sotto choc, lo ha aggredito e lo ha preso a pugni e calci, e lui è rimasto come indifferente, forse consapevole di avere ucciso forse deliberatamente quella giovane donne che, nella lite di strada, non c'entrava proprio niente. ‘avvocato Pierfranco Bertolino, che tutela le famiglie delle famiglie, prima di pronunciarsi, attende la conclusione delle indagini, mentre Matteo Penna, giorno dopo giorno, si riprende dalle lesioni, in particolare da un trauma cranico che aveva fatto temere per la sua vita.

"NON VOLEVO UCCIDERE"

De Giulio, durante la convalida dell'arresto, ha risposto alle domande degli inquirenti e s'è in qualche modo giustificato: "Dopo il pugno inferto sullo specchietto, ho cercato di raggiungere la moto prima che si allontanasse grazie al traffico, volevo prender eil numero di targa per denunciare il contatto con l'assicurazione, nella fuga la moto ha rallentato di colpo e l'ho colpita, ho frenato con tutta la mia forza ma il fugarne ha proseguito la sua corsa, forse c'è stato un guasto nei freni, forse ho sbagliato manovra, ma non volevo uccidere, non volevo fare male alle persone". Ma le immagini videofilmate da un impianto di sicurezza di un'azienda della zona  sembrano smentirlo. Si vede il furgone lanciato a tutta velocità che, invece di rallentare, ormai con la moto sotto il frontale, si schianta senza un minimo accenno di frenata contro il guard-rail della rotatoria. Uccidendo sul colpo la povera Elisa. Verrà compiuta una perizia sull'impianto frenate del Transit per vedere se De Giulio, da 10 giorni in una cella del carcere delle Vallette, dice o no la verità.


Cronaca
Hackerate le email di Ghislaine Maxwell
Hackerate le email di Ghislaine Maxwell
Il timore è che numerose email scambiate fra la reclutatrice di minorenni per conto di Jeffrey Epstein e personaggi in vista siano resi noti dai media, scatenando un vero cataclisma di proporzioni mondiali
L’incredibile caso dei pedofili di Rotherham
L’incredibile caso dei pedofili di Rotherham
Per decenni, gang di pakistani hanno sequestrato e violentato minorenni, ma la polizia non è mai intervenuta per evitare tensioni razziali. È l’allucinante conclusione di un’inchiesta conclusa in questi giorni
UK: picchiata perché lesbica
UK: picchiata perché lesbica
Dopo la quinta aggressione, una ventenne inglese ha deciso di divulgare le foto delle sue ferite: “Ormai ho paura di uscire di casa, ma voglio che la gente sappia”
Dublino: ucciso e decapitato nella guerra fra gang
Dublino: ucciso e decapitato nella guerra fra gang
I resti di Keane Mulready-Woods, 17 anni, sono stati trovati a km di distanza all’interno di una borsa e di un’auto data alle fiamme. La polizia sulle tracce del probabile assassino, un 35enne considerato un potenziale serial killer
Sicilia, il mistero dei sub restituiti dal mare
Sicilia, il mistero dei sub restituiti dal mare
Un terzo corpo è riemerso ieri a Termini Imerese: sul mistero indagano cinque procure, e al momento non si esclude alcuna pista. L’incidente durante una battuta di pesca o durante la consegna di una partita di droga
L’ex parroco confessa: “Molestavo 4 o 5 bimbi ogni settimana”
L’ex parroco confessa: “Molestavo 4 o 5 bimbi ogni settimana”
Bernard Preynat, ex parroco della chiesa di Sainte-Foy-Les Lyon, ammette le sue responsabilità alle prime battute del processo: “Non mi rendevo conto di fare del male, provavo piacere”
I nuovi misteri del furto del secolo
I nuovi misteri del furto del secolo
Due episodi si aggiungono al clamoroso furto di gioielli dello scorso novembre al castello di Dresda. Qualcuno avrebbe offerto due dei preziosi ad una società, chiedendo anche di indagare sulle misure di sicurezza del museo
Modella inglese muore precipitando da una scogliera
Modella inglese muore precipitando da una scogliera
Madalyn Davis, che da poche settimane si era trasferita in Australia, è caduta da una pericolosa scogliera nella costa di Sydney
Bimbo di 10 anni trovato morto nel carrello di un aereo
Bimbo di 10 anni trovato morto nel carrello di un aereo
Il piccolo sarebbe riuscito a intrufolarsi nel vano del carrello di un aereo diretto a Parigi superando la sorveglianza di un aeroporto della Costa d’Avorio. Le basse temperature non gli hanno lasciato scampo
Ergastolo allo stupratore seriale di Manchester
Ergastolo allo stupratore seriale di Manchester
In 12 anni avrebbe abusato di centinaia di giovani eterosessuali di cui conquistava la fiducia, per poi violentarli nel suo appartamento dopo averli drogati. È stato condannato per 159 capi d’accusa, con 136 stupri