OMICIDIO VOLONTARIO PER L'AUTISTA UBRIACO FREDDO E LUCIDO QUANDO HA UCCISO ELISA

| La ricostruzione dei consulenti del pm del tragico investimento costato la vita ad Elisa Ferrero

+ Miei preferiti
Gli è stato notificato in cella, nel settore Sestante del carcere delle Vallette, la nuova accusa. Da omicidio stradale a omicidio volontario. Maurizio De Giulio, 50 anni, l'artigiano torinese già con precedenti di polizia per guida in stato di ebbrezza, lesioni e aggressioni ai danni di altrI automobilisti, rischia ora decenni di carcere. Secondo la consulenza disposta dal pm Paola Stupino, l'uomo non avrebbe fatto per frenare, o deviare, il furgone Ford Transit lanciato contro la moto con a bordo Matteo Penna, 29 anni, ingegnere informatico, rimasto seriamente ferito,  e la sua fidanzata, la laureanda in medicina Elisa Ferrero, figlia di due noti medici di Moncalieri, morta sul colpo per essere stata travolta dal furgone. Non solo: ha trascinato la moto per una cinquantina di metri prima di schiantarsi contro il guard rail della rotatoria Gravio nel Comune di Condove, lungo la statale 24, quel maledetto pomeriggio dii domenica. Un testimone, Luca G., lo inchioda alla sue responsabilità. 

LA RICOSTRUZIONE FINALE

Sono le 17,26 di domenica 9 luglio. Un piccolo gruppo di motociclisti, tra cui Matteo ed Elisa, in sella a una Ktm 650, scende in fils lungo la statale 24 in direzione Torino. Da una strada laterale sbuca, senza dare la precedenza, il Ford Transit Blu scuro targato EY804FG. Alla guida c'è Maurizio De Giulio, con a fianco la campagna di origine peruviana e sul sedile posteriore la figlia di 11 anni. Sono stati a un pic-nic. Lui ha bevuto vino e birra e nel suo sangue verrà rilevato un tasso alcolico tre volte superiore a quello consentito dalla legge, 1.50 contro 0,50. Matteo evita di essere investito e raggiunge però il furgone. Per sottolineare l'imprudenza del conducente, colpisce con un pugno lo specchietto retrovisore sinistro. De Giulio perde la testa. Esce dalla coda di auto a tutta velocità, ne supera pericolosamente quattro e punta deciso verso la moto che sta rallentando per entrare nella rotatoria.  in un video si vede il Transit che non solo non rallenta, nè tenta di deviare la traiettoria per evitare l'ostacolo, ma lo centra, quando i due mezzi sono perfettamente allineati, la moto davanti, il furgone con vetri scuri dietro. La moto si incastra sotto il muso del Transit, Elisa è investita e uccisa, Matteo è per fortuna sbalzato all'esterno della corsia. Sta meglio, è stato operato al Cto per ridurre le fratture in tutto il corpo ed è ancora in coma farmacologico. Cinquanta lunghissimi metri in cui De Giulio accelera ancora prima dello schianto contro il guard-rail. Dopo, uscira' illeso dal suo furgone semi-distrutto, incolume come la compagna e la bambina. Silenzioso, forse ancora inconsapevole di quanto accaduto, aspetterà seduto su un gradino di pietra l'attivo dei carabinieri che lo porranno immediatamente in stato di fermo.

LA DIFESA

De Giulio si giustifica, con l'aiuto della compagna, così: "Il ragazzo ha colpito lo specchietto, sono rimasto stupito del gesto, credevo si fosse rotto e ho cercato di raggiungerlo per prendere il numero di targa e fare denuncia all'assicurazione ma la moto ha improvvisamente rallentato di colpo e non sono riuscito a frenare in tempo. Non volevo investire nessuno, ma solo fare le mie ragioni, ho perso il controllo". Parole in parte confermate dalla donna che però, in qui secondi cruciali, ha detto che stava scrivendo sullo smartphone e non s'accorta dell'investimento. Dicono che adesso sia pentito, che abbia pianto per ore, tanto da essere sorvegliato 24 ore su 24 per timore che possa suicidarsi. Al momento del fermo ha detto solo: "L'ho fatta, ora la pagherò". Frastornato, movimenti meccanici, sguardo perso nel vuoto. Consapevole di avere ucciso un'innocente e di avere rovinato per sempre la sua vita e quella dei suoi cari.

LA CONSULENZA

I tecnici spiegano perché De Giulio non ha nemmeno provato a frenare: non ci sono tracce sull'asfalto né segni "di scarrociamento", segno che l'autista - come ha descritto lucidamente un teste - s'è diretto verso la moto "puntandola" con decisione sino ad investirla. Elisa, disarcionata, è stata aggangiata e trascinata per alcuni metri dal Ford Transit. E' morta dopo pochi minuti per i gravissimi poli-traumi riportati nel fortissimo impatto. La visibilità era perfetta, nessuno dei testimoni ha visto accendersi le luci rosse posteriori (in perfette condizioni) quando si aziona l'impianto frenante e viene escluso che l'autista ubriaco abbia comunque tentato una manovra d'emergenza per evitare l'investimento. 

LA NUOVA IMPUTAZIONE

Omicidio volontario aggravato da motivi futili e abbietti. I suoi precedenti escluderanno, in un eventuale processo in Corte D'Assise, le attenuanti generiche. Un'accusa che vale un ergastolo, salvo l'ipotesi di un ricorso al rito abbreviato, che prevede lo sconto di un terzo della pena. Nel suo passato ci sono due episodi simili. Fermato ubriaco alla guida, nel 2007, aveva tentato di nob sottoporsi all'alcol-test e aveva aggredito due carabinieri; nel 2015 era stato denunciato da una automobilista che aveva minacciato e malmenato per una precedenza non concessa, in pieno centro a Torino. Un racconto drammatico: "Mi chiuse la via di fuga con il furgone poi scese, aprì la portiera e mi afferrò per il collo urlando e insultandomi, credevo volesse uccidermi". Poi lo denunciò ai carabinieri. L'avvocato Pierfranco Bertolino tutela gli interessi delle parti civili, le famiglie di Matteo Penna ed Elisa Ferrero. Gli avvocati Matteo Del Giudice e Maurizio Grasso difendono invece Maurizio De Giulio. Il pm che coordina le indagini è Paola Stupino. 

Cronaca
Morte Sala, il giallo del pilota disperso
Morte Sala, il giallo del pilota disperso
Il Piper precipitato il 21 gennaio con il calciatore argentino a bordo doveva essere pilotato da David Henderson, ora accusato di omicidio colposo. Ma ai comandi c'era il disperso David Ibbotson a cui aveva affidato l'incarico
"Giovani e belli, molto invidiati"
"Giovani e belli, molto invidiati"
Delitto Meredith, dopo le sofferenze di Amanda Knox, l'analisi di Raffaele Sollecito, suo ex coimputato e fidanzato. "Capisco il suo dolore. Anch'io ho pensato al suicidio". Intervista-confessione ai "Lunatici"
Hanno ucciso Mariam, tutte libere
Hanno ucciso Mariam, tutte libere
Dopo le due miti condanne delle donne del branco, a casa anche altre quattro giovani coinvolte. La giustizia inglese non "vuole perseguitare le adolescenti". Hanno confessato. I genitori: "Terribile ingiustizia, via da Londra"
Schiave del sesso marchiate a fuoco, guru colpevole
Schiave del sesso marchiate a fuoco, guru colpevole
Il capo del multilevel NXIVM, Keith Raniere, ora rischia decenni di carcere. Attraverso corsi motivazionisti, agganciava donne, minori comprese, e le ricattava con video e foto. Nei guai anche attrice
Radio-attiva la card che 'guarisce' le malattie
Radio-attiva la card che
La "card magica" costa 35 euro e promette di guarire "tutte le malattie" ma risulta radioattiva, 350 volte in più dei limiti consentiti. In Thailandia vendute a migliaia. La gente le mette a contatto con il corpo
La 'vedova nera' ha cambiato nome
La
La moglie ucraina di un milionario ucciso in uno strano incidente rischia di essere incriminata per omicidio. La polizia ucraina ha scoperto un falso teste. Lei ora vive a Marbella in una villa con un altro riccone
Piange la killer di Gorlago: 'Voglio tornare a casa'
Piange la killer di Gorlago:
Il 26 giugno la Cassazione deciderà sulla sua richiesta di scarcerazione dopo il No del Riesame. "E' incensurata, ha tre figli, non costituisce un pericolo", motiva il suo avvocato. Ha ucciso la rivale e poi l'ha bruciata ancora in vita
Malaysia Airlines, volo MH17 abbattuto dai russi
Malaysia Airlines, volo MH17 abbattuto dai russi
La polizia olandese spicca 4 ordini di cattura internazionali, nel mirino tre russi legati ai Servizi segreti di Putin e un separatista ucraino. Morirono sul Boeing 283 passeggeri e i 19 membri delll'equipaggio
Volo MH370, il pilota kamikaze aveva pianificato il suicidio
Volo MH370, il pilota kamikaze aveva pianificato il suicidio
Ai comandi un uomo depresso che aveva deciso di suicidarsi precipitando nell'Oceano. Nel 2014 morirono in 239, partiti da Kuala Lumpur a Pechino. L'Fbi ha ritrovato il simulatore nella sua villa, aveva tracciato il percorso
In salvo gli alpinisti italiani in Pakistan
In salvo gli alpinisti italiani in Pakistan
Gli elicotteri militari sono riusciti a raggiungere il gruppo di italiani, bloccati da una valanga a 5mila metri