Pamela, né stuprata né uccisa

| Scontro tra pm e gip sulla ricostruzione della morte della 18enne romana il 30 gennaio a Macerata. Secondo i giudici Oseghale avrebbe avuto un rapporto consenziente poi lei fu colta da overdose. Complici scarcerati?

+ Miei preferiti

Procura e gip di Macerata raccontano due storie diverse, a proposito della morte di Pamela Mastropietro, il cui cadavere è stato fatto a pezzi il 30 gennaio con una mannaia, nascosto in due trolley e infine gettato in una scarpata. Secondo il gip, il nigeriano Innocent Oseghale non avrebbe violentato Pamela Mastropietro prima della morte della 18enne romana. I giudici hanno respinto il ricorso della Procura di Macerata che chiedeva di applicare il carcere poichè non ci sono “gravi indizi per sostenere la violenza sessuale”. Dunque, Pamela sarebbe morta di overdose e lui, in preda al panico, avrebbe fatto sparire il cadavere con una tecnica tribale, evidentemente da solo. I suoi presunti complici Desmond Lucky e Awelima, entrambi detenuti ad Ancona e un terzo nigeriano solo denunciati, sarebbero estranei sia al delitto che alla diserzione del corpo. E presto saranno scarcerati. 

Il procuratore Giovanni Giorgio ha sostenuto che lo stupro è stato il movente dell’omicidio avvenuto nell’appartamento di Oseghale e che la “cura maniacale” messa nella pulizia del corpo, tagliato a pezzi e ritrovato all’interno di due trolley abbandonati a Pollenza, sarebbe stata un segnale della volontà di cancellare le tracce della violenza. Tutto sbagliato. 

Secondo i giudici del tribunale del Riesame invece il rapporto sessuale tra i due sarebbe stato consensuale.

Famiglia di Pamela perplessa. Lo zio di Pamela, l’avvocato Marco Valerio Verni, attende di leggere le carte prima di esprimersi. I familiari ritengono che la 18enne, in stato di debolezza per i farmaci che assumeva in comunità, sarebbe finita preda di persone senza scrupoli, sino alla tragedia finale

Cronaca
"Torturato in cella solo perché cattolico"
"Torturato in cella solo perché cattolico"
La terribile disavventura dell'imprenditore italiano Massimo Sacco, arrestato pnegli Emirati Arabi per traffico di droga, in carcere per oltre un anno: "Accusa falsa, in carcere mi hanno picchiato e seviziato, odiano i cristiani"
Ana Bettz, la cantante accusata di riciclaggio
Ana Bettz, la cantante accusata di riciclaggio
Vedova del petroliere Sergio Di Cesare, aveva tentato la carriera artistica senza grande successo. È stata bloccata al confine di Ventimiglia con 300mila euro in contanti, e la Finanza sospetta sia frutto di riciclaggio
Il mostro di Torrazzo vuole sposarsi
Il mostro di Torrazzo vuole sposarsi
Gianfranco Stevanin, il serial killer veronese accusato di omicidio, violenza e occultamento di cadavere, conta di uscire per sposarsi e rifarsi una vita
Nessun colpevole per la strage Erasmus
Nessun colpevole per la strage Erasmus
Per le famiglie delle 13 ragazze che nel 2016 morirono a bordo di un autobus in Spagna, l’ennesimo schiaffo della giustizia spagnola: nessun colpevole. Già annunciato un nuovo appello
Filippine, ucciso manager italiano
Filippine, ucciso manager italiano
Si allunga la lista dei connazionali assassinati o spariti all'estero. I casi di Colombia e Costarica. Gli otto desaparecidos
Il tennista Seppi truffato dal falso broker
Il tennista Seppi truffato dal falso broker
Fabio Gaiatto, definito il Madoff del Veneto, a processo per una 2catena di Sant'Antonio" finita in tragedia per centinaia di risparmiatori che gli avevano affidato i loro denari. La moglie patteggia, prime condanne
Pedofilia, in cella docente modello
Pedofilia, in cella docente modello
Scandalo all'università di Auburn, Alabama. noto professore arrestato in Virginia, era in possesso di di un intento numero di video-pedopronografici forse autoprodotte. Stupore di colleghi e studenti
Tre nomi eccellenti
in un traffico di cannabis
Tre nomi eccellenti<br>in un traffico di cannabis
Alkiviades David, erede della Coca Cola Hellenis e l’attore Jonathan Rhys Meyers, insieme a un loro socio, trasportavano 5000 piantine di cannabis su un aereo privato
Assassina il marito con il Viagra
Assassina il marito con il Viagra
Arrestata la moglie: con l'aiuto del giovane amante una 46enne egiziana ha ucciso il marito sbriciolando 12 pillole blu nel cibo. Ora rischiano la pena di morte
Apre gli occhi prima dell'espianto
Apre gli occhi prima dell
Incredibile risveglio di un 17enne in coma profondo dopo un incidente stradale. I genitori avevano dato l'autorizzazione all'espianto degli organi. Medici increduli. Lorenzo è tornato a scuola