Pamela si ribellò e fu uccisa

| Il pm chiede l'ergastolo per Innocent Oseghale, il "macellaio" che ha fatto a pezzi il corpo della giovane l'ha accoltettata ancora viva. "Abile dissezione per far sparire le tracce dello stupro". Il movente

+ Miei preferiti

“Chiedo l'ergastolo e 18 mesi di isolamento duro”. Il pm di Macerata, Stefania Ciccioli chiede in Assise la massima pena per Innocent Oseghale, il “macellaio”, con l'accusa di aver stuprato, ucciso e fatto a pezzi Pamela Mastropietro, il 30 gennaio 2018. Intanto spazza via l’equivoco della morte per overdose, come sostenne il giovane nigeriano, padre di una figlia avuto due anni fa con la compagna italiana: “Non è morta di overdose, è stata uccisa da Oseghale con due coltellate al fegato. La morte di Pamela è avvenuta per le due ferite penetranti alla sede basale emitoracica. Pamela era sì, nel momento della morte, sotto effetto di oppiacei ma i dati rilevati non sono coerenti con un'overdose".

Poi: “Le due coltellate al fegato sono state inferte quando Pamela era viva e la lesività ha svolto un ruolo nel determinismo della morte- La vittima, quando ancora era in vita, è stata attinta alla base del torace a destra da almeno due colpi di arma da punta e taglio. Ci sono evidenti caratteri macroscopici di vitalità delle lesioni che hanno osservato tutti coloro che hanno avuto modo di vedere il cadavere.l'infiltrazione emorragica è presente anche a livello microscopico, sui vetrini, per scrupolo maggiore il consulente medico legale ha svolto ulteriori accertamenti utilizzando tre marcatori. E nonostante il modo in cui il cadavere di Pamela è stato deturpato e oltraggiato, i marcatori hanno confermato la presenza di segni vitali delle lesioni. Sul fatto che le ferite al fegato sono state inferte a Pamela da viva, secondo l'accusa, ci sono dunque "univoci risultati rispetto a tutti i test eseguiti: macroscopici, microscopici e istochimici".

Più precisamente: ”L'overdose si deve escludere categoricamente. Non c'è stata overdose né nel senso di mera intossicazione né nel senso letale ossia come causa della morte,le concentrazioni di morfina erano talmente basse da essere incompatibili con l'idea di overdose, cìè unacertezza assoluta che non vi è stata overdose, non è stata l'assunzione di quel minimo quantitativo di eroina a cagionare la morte di Pamela Mastropietro”.

Il cadavere fu disseminate abilmente: “Il cadavere di Pamela non è stato tagliato come capitava, ma si è parlato da parte dei medici di una vera e propria disarticolazione cadaverica, fatta con perizia. Le due coltellate al fegato sono state inferte nel raptus omicida da Oseghale mentre tutti gli altri tagli sono funzionali alla disarticolazione fatta in un secondo momento”.

Assassino lucido e gelido:  “Alcune parti anatomiche sono state soppresse al chiaro scopo di nascondere la responsabilità di quanto commesso. il lavaggio con la candeggina sui resti è avvenuto per eliminare le tracce che avrebbero potuto portare prove a suo carico.prima di essere uccisa, è stata costretta a subire violenza sessuale e l'autore di questa violenza è stato Innocent Oseghale ha compiuto atti sessuali senza il consenso di Pamela che si trovava in quel momento sotto effetto di sostanza stupefacente e non ha mai potuto esprimere un valido consenso a intrattenersi sessualmente con la persona che aveva davanti. E’ stata uccisa perché ha voluto sottrarsi a tutto quello che stava capitando nell'abitazione di Oseghale a cui non bastava aver avuto rapporti sessuali con la vittima, lo ha chiesto anche ad altri. Oseghale conosceva le condizioni di inferiorità di Pamela e ha approfittato del desiderio irrefrenabile della ragazza di assumere eroina. Pamela voleva fuggire, doveva tornare a casa, ma non gli è stato permesso di uscire dalla casa”. Uccisa perché ha voluto ribellarsi al suo assassino.

 

Cronaca
UK: picchiata perché lesbica
UK: picchiata perché lesbica
Dopo la quinta aggressione, una ventenne inglese ha deciso di divulgare le foto delle sue ferite: “Ormai ho paura di uscire di casa, ma voglio che la gente sappia”
Dublino: ucciso e decapitato nella guerra fra gang
Dublino: ucciso e decapitato nella guerra fra gang
I resti di Keane Mulready-Woods, 17 anni, sono stati trovati a km di distanza all’interno di una borsa e di un’auto data alle fiamme. La polizia sulle tracce del probabile assassino, un 35enne considerato un potenziale serial killer
Sicilia, il mistero dei sub restituiti dal mare
Sicilia, il mistero dei sub restituiti dal mare
Un terzo corpo è riemerso ieri a Termini Imerese: sul mistero indagano cinque procure, e al momento non si esclude alcuna pista. L’incidente durante una battuta di pesca o durante la consegna di una partita di droga
L’ex parroco confessa: “Molestavo 4 o 5 bimbi ogni settimana”
L’ex parroco confessa: “Molestavo 4 o 5 bimbi ogni settimana”
Bernard Preynat, ex parroco della chiesa di Sainte-Foy-Les Lyon, ammette le sue responsabilità alle prime battute del processo: “Non mi rendevo conto di fare del male, provavo piacere”
I nuovi misteri del furto del secolo
I nuovi misteri del furto del secolo
Due episodi si aggiungono al clamoroso furto di gioielli dello scorso novembre al castello di Dresda. Qualcuno avrebbe offerto due dei preziosi ad una società, chiedendo anche di indagare sulle misure di sicurezza del museo
Modella inglese muore precipitando da una scogliera
Modella inglese muore precipitando da una scogliera
Madalyn Davis, che da poche settimane si era trasferita in Australia, è caduta da una pericolosa scogliera nella costa di Sydney
Bimbo di 10 anni trovato morto nel carrello di un aereo
Bimbo di 10 anni trovato morto nel carrello di un aereo
Il piccolo sarebbe riuscito a intrufolarsi nel vano del carrello di un aereo diretto a Parigi superando la sorveglianza di un aeroporto della Costa d’Avorio. Le basse temperature non gli hanno lasciato scampo
Ergastolo allo stupratore seriale di Manchester
Ergastolo allo stupratore seriale di Manchester
In 12 anni avrebbe abusato di centinaia di giovani eterosessuali di cui conquistava la fiducia, per poi violentarli nel suo appartamento dopo averli drogati. È stato condannato per 159 capi d’accusa, con 136 stupri
Morto suicida Franco Ciani
Morto suicida Franco Ciani
Musicista e produttore, primo marito di Anna Oxa, si è tolto la vita con un sacchetto di plastica in testa: in un biglietto i motivi del gesto
Arrestata la pasionaria dei No Tav
Arrestata la pasionaria dei No Tav
L’ex professoressa Nicoletta Dosio è stata arrestata nella sua abitazione di Bussoleno, in Val di Susa: per quasi due ore i militanti hanno bloccato l’auto dei Carabinieri