Pamela si ribellò e fu uccisa

| Il pm chiede l'ergastolo per Innocent Oseghale, il "macellaio" che ha fatto a pezzi il corpo della giovane l'ha accoltettata ancora viva. "Abile dissezione per far sparire le tracce dello stupro". Il movente

+ Miei preferiti

“Chiedo l'ergastolo e 18 mesi di isolamento duro”. Il pm di Macerata, Stefania Ciccioli chiede in Assise la massima pena per Innocent Oseghale, il “macellaio”, con l'accusa di aver stuprato, ucciso e fatto a pezzi Pamela Mastropietro, il 30 gennaio 2018. Intanto spazza via l’equivoco della morte per overdose, come sostenne il giovane nigeriano, padre di una figlia avuto due anni fa con la compagna italiana: “Non è morta di overdose, è stata uccisa da Oseghale con due coltellate al fegato. La morte di Pamela è avvenuta per le due ferite penetranti alla sede basale emitoracica. Pamela era sì, nel momento della morte, sotto effetto di oppiacei ma i dati rilevati non sono coerenti con un'overdose".

Poi: “Le due coltellate al fegato sono state inferte quando Pamela era viva e la lesività ha svolto un ruolo nel determinismo della morte- La vittima, quando ancora era in vita, è stata attinta alla base del torace a destra da almeno due colpi di arma da punta e taglio. Ci sono evidenti caratteri macroscopici di vitalità delle lesioni che hanno osservato tutti coloro che hanno avuto modo di vedere il cadavere.l'infiltrazione emorragica è presente anche a livello microscopico, sui vetrini, per scrupolo maggiore il consulente medico legale ha svolto ulteriori accertamenti utilizzando tre marcatori. E nonostante il modo in cui il cadavere di Pamela è stato deturpato e oltraggiato, i marcatori hanno confermato la presenza di segni vitali delle lesioni. Sul fatto che le ferite al fegato sono state inferte a Pamela da viva, secondo l'accusa, ci sono dunque "univoci risultati rispetto a tutti i test eseguiti: macroscopici, microscopici e istochimici".

Più precisamente: ”L'overdose si deve escludere categoricamente. Non c'è stata overdose né nel senso di mera intossicazione né nel senso letale ossia come causa della morte,le concentrazioni di morfina erano talmente basse da essere incompatibili con l'idea di overdose, cìè unacertezza assoluta che non vi è stata overdose, non è stata l'assunzione di quel minimo quantitativo di eroina a cagionare la morte di Pamela Mastropietro”.

Il cadavere fu disseminate abilmente: “Il cadavere di Pamela non è stato tagliato come capitava, ma si è parlato da parte dei medici di una vera e propria disarticolazione cadaverica, fatta con perizia. Le due coltellate al fegato sono state inferte nel raptus omicida da Oseghale mentre tutti gli altri tagli sono funzionali alla disarticolazione fatta in un secondo momento”.

Assassino lucido e gelido:  “Alcune parti anatomiche sono state soppresse al chiaro scopo di nascondere la responsabilità di quanto commesso. il lavaggio con la candeggina sui resti è avvenuto per eliminare le tracce che avrebbero potuto portare prove a suo carico.prima di essere uccisa, è stata costretta a subire violenza sessuale e l'autore di questa violenza è stato Innocent Oseghale ha compiuto atti sessuali senza il consenso di Pamela che si trovava in quel momento sotto effetto di sostanza stupefacente e non ha mai potuto esprimere un valido consenso a intrattenersi sessualmente con la persona che aveva davanti. E’ stata uccisa perché ha voluto sottrarsi a tutto quello che stava capitando nell'abitazione di Oseghale a cui non bastava aver avuto rapporti sessuali con la vittima, lo ha chiesto anche ad altri. Oseghale conosceva le condizioni di inferiorità di Pamela e ha approfittato del desiderio irrefrenabile della ragazza di assumere eroina. Pamela voleva fuggire, doveva tornare a casa, ma non gli è stato permesso di uscire dalla casa”. Uccisa perché ha voluto ribellarsi al suo assassino.

 

Cronaca
Influencer uccide la madre e le strappa il cuore
Influencer uccide la madre e le strappa il cuore
Anna Leikovic, 21 anni, ha assassinato la donna con un coltello da cucina strappandole diversi organi. La donna aveva scoperto che in sua assenza la figlia era diventata tossicodipendente
Il mistero dei Pirenei: travel blogger scompare nel nulla
Il mistero dei Pirenei: travel blogger scompare nel nulla
Esther Dingley manca all’appello ormai da più di 10 giorni: la polizia valuta l’ipotesi dell’incontro con un malintenzionato, ma anche la foto dell’impronta di un grosso orso inviata dalla donna poco prima di scomparire
Il mistero dell’influencer trovata morta
Il mistero dell’influencer trovata morta
Alexis Leigh Sharkley, 26 anni, era scomparsa venerdì a Houston senza lasciare traccia: il corpo nudo è stato visto da un operaio. È mistero fitto sulla morte: il corpo non presenta ferite
Dal reparto psichiatrico alla carriera da modella
Dal reparto psichiatrico alla carriera da modella
L’incredibile storia di Lucy May Dawson, una giovane inglese che viene ricoverata e curata per un forte esaurimento nervoso. Sembrava che per lei non ci fosse altro da fare, fin quando è arrivata la diagnosi corretta
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Eloisa Pinto Fontes, 26 anni, era scomparsa senza lasciare traccia un anno fa a New York. È stata ritrovata in una favela di Rio mentre vagava in stato confusionale
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
Sarebbe morta nel sonno a soli 24 anni: dopo una carriera fulminea nel mondo dell’hard aveva scelto di tornare dalla famiglia in Texas e contava di sposarsi a breve
Notte di sangue a Birmingham
Notte di sangue a Birmingham
Una non meglio precisata “serie di accoltellamenti” che avrebbero coinvolto diverse persone, avvenuti nella zona della movida e del quartiere LGBT. La polizia non si sbilancia sulla matrice dell’episodio
Rock and Virus
Rock and Virus
Il concerto degli “Smash Mount” durante il motoraduno di Sturgis, si sta trasformando in un focolaio che fa il pieno di contagi e vittime. L’ira dei social verso la band, accusata di fomentare la folla urlando che il Covid non esiste
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
I cadaveri di Henriett Szcus e Mihrican Mustafa ritrovati casualmente dalla polizia un anno fa nell’appartamento di Zahid Younis, 36 anni, condannato all’ergastolo
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
L’allarme è scattato dopo i primi svenimenti per la presenza di monossido di carbonio. Nessuna vittima ma tanta paura per circa 200 giovani che avevano scelto una caverna per una notte di eccessi