Paolo Giordana, ascesa e caduta dell'uomo che ha "inventato" la sindaca

| Non è mai stato grillino, ma neanche di destra, sinistra e centro: ritratto di un personaggio che alla ribalta ha sempre preferito l'ombra del potere

+ Miei preferiti
Parola d'ordine: sminuire, far finta di niente. È l'imperativo di queste settimane nel serrate le file dei vertici del Movimento 5 Stelle, ancora alle prese con la tegola Paolo Giordana, caduta sulla testa della sindaca Appendino, costretta a dire addio al suo uomo più fidato. Si è dimesso e non ha rubato nulla, anzi, ha detto addio alla carriera per "soli" 90 euro, ripetono come un mantra tutti i pentastellati, da Grillo in giù, ben sapendo che l'esame delle urne siciliane si avvicina e certe cose nel chiuso delle cabine elettorali finiscono sempre per avere un peso specifico. Perché gli italiani hanno una lunga esperienza in materia: dal dopoguerra a oggi, il problema di questo popolo non è neanche più sapere l'esatto ammontare del denaro che manca, ma qualcosa di molto più sottile e amaro: credere o meno a chi giura che certi esercizi di potere riguardano un passato da seppellire. E serve a poco anche ricordare che Giordana ai Cinquestelle non ha mai aderito, perché dati alla mano, è stato lasciato totalmente libero di accentrare su se stesso poteri a cui un colore politico è un inutile ingombro.

Ma nel crepuscolo di Giordana pare si nascondano altri malumori che covano sotto la cenere pentastellata da un po', e che la marachella dei 90 euro sia finita per diventare un grosso favore ai grillini, ancora una volta lesti ad issare in piazza il patibolo del "chi sbaglia paga ed è fuori" per liberarsi di una presenza ormai troppo ingombrante per l'intero Movimento.

Sul tavolo, uno sull'altro, ci sarebbero tutti i "fuoripista" di Paolo Giordana: dalla devastante edizione dello scorso anno di "Natale coi Fiocchi", con un escamotage giuridico assegnata alla CAT, neonata Confederazione Artigiani di Torino e Provincia, ma gestita così male da indurre il Comune a chiedere 50 mila euro di danni per inadempienze, alla delicata questione dei 5 milioni di euro glissati dal bilancio comunale, per finire con il coinvolgimento in prima persona di Giordana nella sciagurata notte della finale di Champions League, quell'incredibile summa di un'impalpabile leggerezza organizzativa costata la vita a una donna e con migliaia di feriti che pretendono colpevoli, giustizia e risarcimenti.

L'uomo in regia

Un antipatico di successo, indigesto in modo trasversale a tutti, dalla base grillina agli assessori, ma per molti il sindaco ombra di Torino. Paolo Giordana approda in politica seguendo Ferdinando Ventriglia, capogruppo di AN in Sala Rossa, esperienza che non gli vieta di entrare nella squadra di Paolo Peveraro, assessore al bilancio della giunta Chiamparino, e subito dopo nei gangli dello staff elettorale di Piero Fassino, che diventato sindaco sceglie di privarsene. Nel 2013, Giordana trova rifugio nelle file del movimento di Oscar Giannino, che dalle urne raccoglie ben poco, ma la vera svolta arriva con la giovane e rampante Chiara Appendino. Paolo Giordana si trasforma in un talent scout che guida la candidata grillina verso la poltrona di sindaco, sbaragliando addirittura Fassino e tutta la sinistra, che dopo 23 anni ininterrotti di giunte pensavano ancora di scivolare sul velluto.

Per cominciare, il premio per Giordana è la nomina di capo di gabinetto, a cui si aggiunge una delibera (la numero 04272/004), con cui la Appendino assegna a Giordana  il controllo di più di mezzo Comune.

Classe 1976, ex seminarista, abbandona la carriera sacerdotale per la chiesa ortodossa: ama farsi chiamare "il don", anche se per qualcuno è "Rasputin" e per altri "Richelieu". Grande appassionato di storia e tradizioni piemontesi, di teologia e musica barocca, padre giornalista e madre funzionaria in Regione, lascia Palazzo Civico con la resa delle armi della sua creatura: "Nessun sostituto per Paolo Giordana".

Cronaca
Pacco bomba esplode a Lione
Pacco bomba esplode a Lione
La polizia sulle tracce del presunto attentatore, un uomo in bicicletta col volto coperto. L'esplosione in una via centralissima: numerosi i feriti, ma pare nessuno in modo grave. Sembra allontanarsi la pista terroristica
Edmund ed Eduard, ladri gemelli
Edmund ed Eduard, ladri gemelli
In un continuo scambio di identità, confondevano con la loro somiglianza anche le videocamere. Presi a Rovigo dopo una lunga catena di furti. Via al processo, ma i colpi sarebbero centinaia
Svastiche sui sopravvissuti dei lager
Svastiche sui sopravvissuti dei lager
Sfregiate le fotografie dei reduci esposte nel centro di Vienna, ennesimo episodio di antisemitismo da parte di gruppi filo-nazisti
Sesso con cani, quattro donne denunciate
Sesso con cani, quattro donne denunciate
Cercavano animali di grossa taglia per coinvolgerli in rapporti sessuali singoli o di gruppo, poi se ne liberavano. Il caso scoperto dall'associazione Aidaa. Scambi di foto su chat animal sex. Fingevano di volerli adottare dai canili
"Torturato in cella solo perché cattolico"
"Torturato in cella solo perché cattolico"
La terribile disavventura dell'imprenditore italiano Massimo Sacco, arrestato pnegli Emirati Arabi per traffico di droga, in carcere per oltre un anno: "Accusa falsa, in carcere mi hanno picchiato e seviziato, odiano i cristiani"
Ana Bettz, la cantante accusata di riciclaggio
Ana Bettz, la cantante accusata di riciclaggio
Vedova del petroliere Sergio Di Cesare, aveva tentato la carriera artistica senza grande successo. È stata bloccata al confine di Ventimiglia con 300mila euro in contanti, e la Finanza sospetta sia frutto di riciclaggio
Il mostro di Torrazzo vuole sposarsi
Il mostro di Torrazzo vuole sposarsi
Gianfranco Stevanin, il serial killer veronese accusato di omicidio, violenza e occultamento di cadavere, conta di uscire per sposarsi e rifarsi una vita
Nessun colpevole per la strage Erasmus
Nessun colpevole per la strage Erasmus
Per le famiglie delle 13 ragazze che nel 2016 morirono a bordo di un autobus in Spagna, l’ennesimo schiaffo della giustizia spagnola: nessun colpevole. Già annunciato un nuovo appello
Filippine, ucciso manager italiano
Filippine, ucciso manager italiano
Si allunga la lista dei connazionali assassinati o spariti all'estero. I casi di Colombia e Costarica. Gli otto desaparecidos
Il tennista Seppi truffato dal falso broker
Il tennista Seppi truffato dal falso broker
Fabio Gaiatto, definito il Madoff del Veneto, a processo per una 2catena di Sant'Antonio" finita in tragedia per centinaia di risparmiatori che gli avevano affidato i loro denari. La moglie patteggia, prime condanne