Paolo Giordana, ascesa e caduta dell'uomo che ha "inventato" la sindaca

| Non è mai stato grillino, ma neanche di destra, sinistra e centro: ritratto di un personaggio che alla ribalta ha sempre preferito l'ombra del potere

+ Miei preferiti
Parola d'ordine: sminuire, far finta di niente. È l'imperativo di queste settimane nel serrate le file dei vertici del Movimento 5 Stelle, ancora alle prese con la tegola Paolo Giordana, caduta sulla testa della sindaca Appendino, costretta a dire addio al suo uomo più fidato. Si è dimesso e non ha rubato nulla, anzi, ha detto addio alla carriera per "soli" 90 euro, ripetono come un mantra tutti i pentastellati, da Grillo in giù, ben sapendo che l'esame delle urne siciliane si avvicina e certe cose nel chiuso delle cabine elettorali finiscono sempre per avere un peso specifico. Perché gli italiani hanno una lunga esperienza in materia: dal dopoguerra a oggi, il problema di questo popolo non è neanche più sapere l'esatto ammontare del denaro che manca, ma qualcosa di molto più sottile e amaro: credere o meno a chi giura che certi esercizi di potere riguardano un passato da seppellire. E serve a poco anche ricordare che Giordana ai Cinquestelle non ha mai aderito, perché dati alla mano, è stato lasciato totalmente libero di accentrare su se stesso poteri a cui un colore politico è un inutile ingombro.

Ma nel crepuscolo di Giordana pare si nascondano altri malumori che covano sotto la cenere pentastellata da un po', e che la marachella dei 90 euro sia finita per diventare un grosso favore ai grillini, ancora una volta lesti ad issare in piazza il patibolo del "chi sbaglia paga ed è fuori" per liberarsi di una presenza ormai troppo ingombrante per l'intero Movimento.

Sul tavolo, uno sull'altro, ci sarebbero tutti i "fuoripista" di Paolo Giordana: dalla devastante edizione dello scorso anno di "Natale coi Fiocchi", con un escamotage giuridico assegnata alla CAT, neonata Confederazione Artigiani di Torino e Provincia, ma gestita così male da indurre il Comune a chiedere 50 mila euro di danni per inadempienze, alla delicata questione dei 5 milioni di euro glissati dal bilancio comunale, per finire con il coinvolgimento in prima persona di Giordana nella sciagurata notte della finale di Champions League, quell'incredibile summa di un'impalpabile leggerezza organizzativa costata la vita a una donna e con migliaia di feriti che pretendono colpevoli, giustizia e risarcimenti.

L'uomo in regia

Un antipatico di successo, indigesto in modo trasversale a tutti, dalla base grillina agli assessori, ma per molti il sindaco ombra di Torino. Paolo Giordana approda in politica seguendo Ferdinando Ventriglia, capogruppo di AN in Sala Rossa, esperienza che non gli vieta di entrare nella squadra di Paolo Peveraro, assessore al bilancio della giunta Chiamparino, e subito dopo nei gangli dello staff elettorale di Piero Fassino, che diventato sindaco sceglie di privarsene. Nel 2013, Giordana trova rifugio nelle file del movimento di Oscar Giannino, che dalle urne raccoglie ben poco, ma la vera svolta arriva con la giovane e rampante Chiara Appendino. Paolo Giordana si trasforma in un talent scout che guida la candidata grillina verso la poltrona di sindaco, sbaragliando addirittura Fassino e tutta la sinistra, che dopo 23 anni ininterrotti di giunte pensavano ancora di scivolare sul velluto.

Per cominciare, il premio per Giordana è la nomina di capo di gabinetto, a cui si aggiunge una delibera (la numero 04272/004), con cui la Appendino assegna a Giordana  il controllo di più di mezzo Comune.

Classe 1976, ex seminarista, abbandona la carriera sacerdotale per la chiesa ortodossa: ama farsi chiamare "il don", anche se per qualcuno è "Rasputin" e per altri "Richelieu". Grande appassionato di storia e tradizioni piemontesi, di teologia e musica barocca, padre giornalista e madre funzionaria in Regione, lascia Palazzo Civico con la resa delle armi della sua creatura: "Nessun sostituto per Paolo Giordana".

Cronaca
Suicida il comandante di una stazione dei Carabinieri
Suicida il comandante di una stazione dei Carabinieri
Antonio Zappatore, 53, comandava la stazione di Pieve di Teco, nell’imperiese. Si sarebbe tolto vita impiccandosi nella sua abitazione: sconosciuti i motivi del gesto
Sepolti vivi per 9 anni, aspettando la fine del mondo
Sepolti vivi per 9 anni, aspettando la fine del mondo
58enne arrestato per avere costretto sei ragazzi ora tra i 16 e i 25 anni in uno scantinato di una fattoria olandese. Sono stati liberati dal figlio maggiore fuggito in un pub. La polizia cerca la madre, forse sepolta nella fattoria
"LeBron pensa solo ai soldi"
"LeBron pensa solo ai soldi"
Duro attacco dei manifestanti di Hong Kong contro la star globale LeBron James dopo un tweet in cui prendeva la distanze della NBA per aver preso le difese della protesta. Maglie e foto bruciate
Ucciso in carcere
uno dei peggiori pedofili inglesi
Ucciso in carcere<br>uno dei peggiori pedofili inglesi
Richard Huckle, 33 anni, è stato trovato senza vita nella sua cella. Aveva ammesso la violenza su 71 bambini in tenera età, quasi tutti adescati fingendosi un missionario in medioriente
Colpo di scena: l’uomo arrestato non è il mostro di Nantes
Colpo di scena: l’uomo arrestato non è il mostro di Nantes
Secondo amici e vicini, la persona fermata all’aeroporto di Glasgow non somiglierebbe neanche vagamente all’uomo che ha massacrato la sua famiglia. La conferma definitiva dall’esame del Dna
Italiano ucciso in Indonesia
Italiano ucciso in Indonesia
Luca Aldovrandi, 52 anni, trovato morto nel locale che gestiva a Sabang: la polizia sospetta un diverbio con un dipendente
16 anni agli aggressori di Manuel Bortuzzo
16 anni agli aggressori di Manuel Bortuzzo
Sentenza di primo grado contro i due aggressori del giovane nuotatore triestino colpito alla schiena e da allora costretto sulla sedia a rotelle
Passa 17 anni in galera al posto del suo sosia
Passa 17 anni in galera al posto del suo sosia
Richard Anthony Jones ha chiesto un risarcimento di un milione di dollari allo stato del Kansas per un clamoroso errore giudiziario risolto per una pura coincidenza
Chiesti 18 anni per i carabinieri che pestarono Cucchi
Chiesti 18 anni per i carabinieri che pestarono Cucchi
È la richiesta del pm, che aggiunge “Non è un processo contro l’Arma ma contro 5 carabinieri che hanno tradito valori e principi. Sul caso Cucchi picchi di depistaggi da film dell’orrore”
Assalto alla prefettura di Parigi: 5 morti
Assalto alla prefettura di Parigi: 5 morti
Un funzionario con 20 anni di esperienza avrebbe accoltellato 4 agenti di polizia, per poi essere freddato da altri. Caos nel centro di Parigi