Paolo Giordana, ascesa e caduta dell'uomo che ha "inventato" la sindaca

| Non è mai stato grillino, ma neanche di destra, sinistra e centro: ritratto di un personaggio che alla ribalta ha sempre preferito l'ombra del potere

+ Miei preferiti
Parola d'ordine: sminuire, far finta di niente. È l'imperativo di queste settimane nel serrate le file dei vertici del Movimento 5 Stelle, ancora alle prese con la tegola Paolo Giordana, caduta sulla testa della sindaca Appendino, costretta a dire addio al suo uomo più fidato. Si è dimesso e non ha rubato nulla, anzi, ha detto addio alla carriera per "soli" 90 euro, ripetono come un mantra tutti i pentastellati, da Grillo in giù, ben sapendo che l'esame delle urne siciliane si avvicina e certe cose nel chiuso delle cabine elettorali finiscono sempre per avere un peso specifico. Perché gli italiani hanno una lunga esperienza in materia: dal dopoguerra a oggi, il problema di questo popolo non è neanche più sapere l'esatto ammontare del denaro che manca, ma qualcosa di molto più sottile e amaro: credere o meno a chi giura che certi esercizi di potere riguardano un passato da seppellire. E serve a poco anche ricordare che Giordana ai Cinquestelle non ha mai aderito, perché dati alla mano, è stato lasciato totalmente libero di accentrare su se stesso poteri a cui un colore politico è un inutile ingombro.

Ma nel crepuscolo di Giordana pare si nascondano altri malumori che covano sotto la cenere pentastellata da un po', e che la marachella dei 90 euro sia finita per diventare un grosso favore ai grillini, ancora una volta lesti ad issare in piazza il patibolo del "chi sbaglia paga ed è fuori" per liberarsi di una presenza ormai troppo ingombrante per l'intero Movimento.

Sul tavolo, uno sull'altro, ci sarebbero tutti i "fuoripista" di Paolo Giordana: dalla devastante edizione dello scorso anno di "Natale coi Fiocchi", con un escamotage giuridico assegnata alla CAT, neonata Confederazione Artigiani di Torino e Provincia, ma gestita così male da indurre il Comune a chiedere 50 mila euro di danni per inadempienze, alla delicata questione dei 5 milioni di euro glissati dal bilancio comunale, per finire con il coinvolgimento in prima persona di Giordana nella sciagurata notte della finale di Champions League, quell'incredibile summa di un'impalpabile leggerezza organizzativa costata la vita a una donna e con migliaia di feriti che pretendono colpevoli, giustizia e risarcimenti.

L'uomo in regia

Un antipatico di successo, indigesto in modo trasversale a tutti, dalla base grillina agli assessori, ma per molti il sindaco ombra di Torino. Paolo Giordana approda in politica seguendo Ferdinando Ventriglia, capogruppo di AN in Sala Rossa, esperienza che non gli vieta di entrare nella squadra di Paolo Peveraro, assessore al bilancio della giunta Chiamparino, e subito dopo nei gangli dello staff elettorale di Piero Fassino, che diventato sindaco sceglie di privarsene. Nel 2013, Giordana trova rifugio nelle file del movimento di Oscar Giannino, che dalle urne raccoglie ben poco, ma la vera svolta arriva con la giovane e rampante Chiara Appendino. Paolo Giordana si trasforma in un talent scout che guida la candidata grillina verso la poltrona di sindaco, sbaragliando addirittura Fassino e tutta la sinistra, che dopo 23 anni ininterrotti di giunte pensavano ancora di scivolare sul velluto.

Per cominciare, il premio per Giordana è la nomina di capo di gabinetto, a cui si aggiunge una delibera (la numero 04272/004), con cui la Appendino assegna a Giordana  il controllo di più di mezzo Comune.

Classe 1976, ex seminarista, abbandona la carriera sacerdotale per la chiesa ortodossa: ama farsi chiamare "il don", anche se per qualcuno è "Rasputin" e per altri "Richelieu". Grande appassionato di storia e tradizioni piemontesi, di teologia e musica barocca, padre giornalista e madre funzionaria in Regione, lascia Palazzo Civico con la resa delle armi della sua creatura: "Nessun sostituto per Paolo Giordana".

Cronaca
L'orribile morte di Stefania, bruciata viva
L
Gli ultimi risultati delle perizie non lasciano dubbi. Stefania Crotti era solo stordita dalle martellate inferte da Chiara Alessandri quando l'assassina le diede fuoco dopo averla irrorata di benzina. Ergastolo alla porte
Hooligans arrestati a Torino
Hooligans arrestati a Torino
In occasione della partita fra Juventus e Ajax, una sessantina di persone sono state denunciate dalla Polizia, e 54 tifosi olandesi allontanati dall’Italia
Pitbull attacca due bambini
Pitbull attacca due bambini
A Limbiate, nel milanese, un pitbull di un anno e mezzo si è avventato contro due cuginetti che giocavano in cortile. A salvarli alcuni condomini che hanno assistito alla scena
Sparatoria nel foggiano
muore un carabiniere
Sparatoria nel foggiano<br>muore un carabiniere
Un uomo avrebbe aperto il fuoco contro la pattuglia durante un normale controllo nella piazza principale di Cagnano Varano. Il vice comandante della stazione è morto in ospedale, la reazione dei vertici dello Stato
Sfruttamento della prostituzione, arrestata Kyra Kole
Sfruttamento della prostituzione, arrestata Kyra Kole
La soubrette, nota per aver partecipato al programma “Ciao Darwin”, sarebbe stata la capofila di un finto centro massaggi in Brianza
Azouz Marzouk: Rosa e Olindo sono innocenti
Azouz Marzouk: Rosa e Olindo sono innocenti
Il padre e marito di due delle vittime della strage di Erba firma un sollecito per la riapertura del processo e assicura di conoscere il nome del vero assassino della sua famiglia
Tenta il suicidio in un centro commerciale
Tenta il suicidio in un centro commerciale
È accaduto alle Gru di Grugliasco, alle porte di Torino: gli agenti di un istituto di vigilanza sono riusciti a bloccarla prima che si lanciasse nel vuoto
Giovane inglese muore in un gioco erotico
Giovane inglese muore in un gioco erotico
È quanto dichiara il fidanzato di Anna Florence Reed, una 22enne trovata morta in una vasca da bagno di un hotel sul Lago Maggiore. La polizia però non esclude alcuna ipotesi
Le buste che inquietano Torino
Le buste che inquietano Torino
Dopo quella esplosiva alla sindaca Appendino, un esponente della Lega ne riceva una uguale, ma nelle stesse ore arriva una minaccia alla Lavazza, la Vergnano e la Ferrero: pagate o avveleniamo i vostri prodotti
"Ho gettato la testa di Christina nel fiume"
"Ho gettato la testa di Christina nel fiume"
Nel '93, Jason Massey aveva ucciso e smembrato i corpi di due adolescenti. Nel 2001, già nella camera della morte, aveva rivelato ai familiari dove aveva nascosto i resti