Passa 17 anni in galera al posto del suo sosia

| Richard Anthony Jones ha chiesto un risarcimento di un milione di dollari allo stato del Kansas per un clamoroso errore giudiziario risolto per una pura coincidenza

+ Miei preferiti
Dal 2016, quando è uscito di galera, Richard Anthony Jones si è preso tutto il tempo per valutare, insieme ai suoi legali, la cifra di risarcimento da chiedere allo stato del Kansas. Nel 1999, sulla base delle descrizioni fornite da alcuni testimoni oculari e passate al setaccio in un database, viene arrestato per rapina a mano armata: contro di lui non ci sono prove e neanche impronte digitali o tracce Dna, Jones ha perfino un alibi confermato dalla sua fidanzata, con cui aveva trascorso quel pomeriggio in un parco pubblico, sotto gli occhi di decine di altre persone. Ma il tribunale non gli crede, e lo condanna a 19 anni di reclusione.

È un incubo in cui precipita un uomo di 25 anni che inizia una battaglia infinita per dimostrare la propria innocenza che dura anni: poi si arrende di fronte ad un sistema che non lo ascolta neanche, perché tanto non c’è detenuto che non si professi innocente e allora se il tribunale ha deciso che lui è il colpevole, non c’è altro da fare.

Nel 2015, un detenuto gli dice che è il sosia, l’esatta copia di un altro detenuto, rinchiuso in un’ala diversa del carcere. A fatica, Jones si mette in contatto con la “Midwest Innocent Project”, un’associazione che si occupa di errori giudiziari, balzata alla cronaca per essersi occupata anche dei casi di O.J. Simpson e Amanda Knox. “Non ci potevano credere – commentano alla ong – erano due gocce d’acqua: stessi lineamenti, stesso pizzetto, stessa pettinatura, identico colore della pelle e per di più abitavano perfino a pochi isolati di distanza”. Gli avvocati si mettono all’opera e alla riapertura del processo anche i testimoni di allora non sanno indicare con certezza quale dei due uomini era il rapinatore. In mancanza di certezze, il giudice della Johnson County ordina l’immediata scarcerazione di Richard Anthony Jones, ordinando l’apertura di un nuovo fascicolo a carico del suo sosia, che deve rispondere di rapina a mano armata.

Dopo aver trascorso ingiustamente 17 anni in galera, l’uomo esce: ha 42 anni, e della sua vita precedente si è perso tutto, dal lavoro alle tappe importanti dei suoi due figli. Anche se non potrà mai riavere indietro gli anni trascorsi in galera, ora per Richard Anthony Jones è arrivato il momento di citare in giudizio lo stato del Kansas: ha chiesto 65mila dollari per ogni anno trascorso ingiustamente dietro le sbarre, per un totale che supera il milione di dollari.

Galleria fotografica
Passa 17 anni in galera al posto del suo sosia - immagine 1
Cronaca
Il mistero dell’influencer trovata morta
Il mistero dell’influencer trovata morta
Alexis Leigh Sharkley, 26 anni, era scomparsa venerdì a Houston senza lasciare traccia: il corpo nudo è stato visto da un operaio. È mistero fitto sulla morte: il corpo non presenta ferite
Dal reparto psichiatrico alla carriera da modella
Dal reparto psichiatrico alla carriera da modella
L’incredibile storia di Lucy May Dawson, una giovane inglese che viene ricoverata e curata per un forte esaurimento nervoso. Sembrava che per lei non ci fosse altro da fare, fin quando è arrivata la diagnosi corretta
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Eloisa Pinto Fontes, 26 anni, era scomparsa senza lasciare traccia un anno fa a New York. È stata ritrovata in una favela di Rio mentre vagava in stato confusionale
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
Sarebbe morta nel sonno a soli 24 anni: dopo una carriera fulminea nel mondo dell’hard aveva scelto di tornare dalla famiglia in Texas e contava di sposarsi a breve
Notte di sangue a Birmingham
Notte di sangue a Birmingham
Una non meglio precisata “serie di accoltellamenti” che avrebbero coinvolto diverse persone, avvenuti nella zona della movida e del quartiere LGBT. La polizia non si sbilancia sulla matrice dell’episodio
Rock and Virus
Rock and Virus
Il concerto degli “Smash Mount” durante il motoraduno di Sturgis, si sta trasformando in un focolaio che fa il pieno di contagi e vittime. L’ira dei social verso la band, accusata di fomentare la folla urlando che il Covid non esiste
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
I cadaveri di Henriett Szcus e Mihrican Mustafa ritrovati casualmente dalla polizia un anno fa nell’appartamento di Zahid Younis, 36 anni, condannato all’ergastolo
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
L’allarme è scattato dopo i primi svenimenti per la presenza di monossido di carbonio. Nessuna vittima ma tanta paura per circa 200 giovani che avevano scelto una caverna per una notte di eccessi
La killer di una senatrice americana confessa l’omicidio
La killer di una senatrice americana confessa l’omicidio
Rebecca Lynn O’Donnell ha confessato l’omicidio e l’occultamento di cadavere della senatrice dell'Arkansas Linda Collins-Smith, che stava indagando in un giro di pedofilia
Texas, mamma in overdose si chiude in auto con le figlie: muoiono tutte e tre
Texas, mamma in overdose si chiude in auto con le figlie: muoiono tutte e tre
Natalie, Izabel ed Elise Chambers, sono state ritrovate prive di vita in un Suv: Natalie sarebbe morta per overdose, le sue bimbe soffocate dal gran caldo