Pedofilia: condannato il cardinale George Pell

| Stretto collaboratore di Papa Francesco, ministro dell’economia vaticana, rappresenta il primo processo con condanna di un’alta carica ecclesiastica

+ Miei preferiti
L’11 dicembre scorso, i 12 membri della giuria della “County Court” dello stato di Victoria, in Australia, si erano pronunciati con voto unanime sulla colpevolezza del cardinale George Pell, uno dei più stretti collaboratori di Papa Francesco, consigliere finanziario e ministro dell’economia vaticana. Il cardinale, 77 anni, è accusato di aver molestato due adolescenti che nel 1996 facevano parte del coro della Cattedrale di Saint Patrick, a Melbourne. Qualche tempo dopo, uno dei due ragazzi era stato aggredito in modo “indecente” nei corridoi della Cattedrale.

L’esito del verdetto è stato svelato solo in queste ore in base alla legge australiana, che prevede il veto assoluto di divulgazione della notizia fino all’inizio dell’udienza che stabilirà la condanna definitiva, prevista a breve.

George Pell si è sempre dichiarato innocente, e il suo avvocato ha annunciato l’intenzione di ricorrere in appello, ma per il porporato sarà inevitabile all’allontanamento da Roma, dove dallo scorso dicembre si era volontariamente dimesso dal C9, il Consiglio dei Cardinali istituito da Papa Francesco per la revisione della curia romana.

Il processo, iniziato nel 2017, è qualcosa di epocale: si tratta della più alta carica ecclesiastica mai giudicata da un tribunale. Rischia fino a 50 anni di carcere. Fra i tanti testimoni anche Peter Saunders, giovane vittima di abusi che aveva però deciso polemicamente di fare un passo indietro per protestare contro le reticenze vaticane a incriminare il cardinale. Solo uno dei due chierichetti vittime di George Pell, la cui identità è stata tenuta segreta, ha potuto testimoniare al processo: l’altro è morto per overdose nel 2014.

Secondo una recente indagine, oltre 4000 australiani hanno dichiarato di aver subito abusi fra il 1980 ed il 2015 all’interno di più di 1.000 istituzioni cattoliche.

Per volontà di Papa Francesco, dal 21 al 24 febbraio, in Vaticano si è svolto un incontro con presidenti delle conferenze episcopali di tutto il mondo incentrato sugli abusi sessuali compiuti da sacerdoti su bambini e adolescenti. Il Pontefice ha avuto parole molto dure contro il fenomeno, anche se al momento non è stata annunciata ancora nessuna misura concreta.

George Pell, classe 1941, nasce a Ballarat, nello stato del Victoria. Nel 1960 inizia gli studi sacerdotali al “Corpus Christi College” e tre anni dopo è chiamato a Roma, presso la “Pontificia Università Urbaniana”. Ordinato sacerdote il 16 dicembre 1966, si laurea in teologia e prosegue gli studi all’Università di Oxford, specializzandosi in Storia della Chiesa.

Nel 1971, al ritorno in Australia, assume diversi incarichi nella propria diocesi: il 30 marzo del 1987 è eletto vescovo di Melbourne e dieci anni dopo Papa Giovanni Paolo II lo nomina arcivescovo con pallio di metropolita. Nel 2003, Papa Wojtyla lo innalza alla dignità cardinalizia.

Durante il pontificato di Joseph Ratzinger viene proposto dal segretario di Stato Tarcisio Bertone alla direzione della congregazione dei vescovi, ma sul nome di Pell iniziano ad addensarsi nuvole scure per come ha gestito in patria alcuni casi di pedofilia. Il suo nome è finito al centro di un’indagine della Commissione nazionale d’inchiesta australiana in cui è accusato di aver omesso di collaborare con le forze dell’ordine insabbiando diversi casi di pedofilia avvenuti nell’arcidiocesi di Melbourne anche attraverso somme risarcitorie esigue, per scoraggiare le cause giudiziarie.

Cronaca
La killer di una senatrice americana confessa l’omicidio
La killer di una senatrice americana confessa l’omicidio
Rebecca Lynn O’Donnell ha confessato l’omicidio e l’occultamento di cadavere della senatrice dell'Arkansas Linda Collins-Smith, che stava indagando in un giro di pedofilia
Texas, mamma in overdose si chiude in auto con le figlie: muoiono tutte e tre
Texas, mamma in overdose si chiude in auto con le figlie: muoiono tutte e tre
Natalie, Izabel ed Elise Chambers, sono state ritrovate prive di vita in un Suv: Natalie sarebbe morta per overdose, le sue bimbe soffocate dal gran caldo
Una mamma e i suoi due figli trovati in un'auto in un lago
Una mamma e i suoi due figli trovati in un
I corpi di ShaQuia Philpot e i suoi due gemelli, sono stati notati da un pescatore in un lago della Georgia. La polizia indaga per risalire ai motivi di quello che al momento appare come un inspiegabile omicidio-suicidio
Riconosce il suo stupratore nel killer di Maddie
Riconosce il suo stupratore nel killer di Maddie
Una donna vittima di stupro nel 2004 nella stessa zona del Portogallo dove è scomparsa la bimba inglese, ha trovato nel racconto di un’altra violenza commessa da Christian Brueckner molte analogie con la sua, rimasta irrisolta
«Naya è morta per salvare il figlio»
«Naya è morta per salvare il figlio»
Nell’attesa degli esiti dell’autopsia sul corpo rinvenuto nelle acque del lago Piru, lo sceriffo ipotizza quella che ritiene la versione più verosimile. Resta da capire se l'attrice sia stata colta da malore
Si uccide in diretta su Facebook
Si uccide in diretta su Facebook
Un attivista per i programmi di salute mentale inglese si è tolto la vita davanti a 400 persone che lo imploravano di non farlo. Proteste e polemiche all’indirizzo del social network
È morta Kelly Preston, moglie di John Travolta
È morta Kelly Preston, moglie di John Travolta
L’annuncio dato dall’attore sul suo profilo Facebook: da due anni lottava contro una forma molto aggressiva di cancro al seno. La coppia era sposta da quasi 30 anni
Violentata e uccisa a 8 anni da una coppia
Violentata e uccisa a 8 anni da una coppia
Vika si era allontana da casa dopo aver litigato con i genitori: è diventata la vittima di una coppia che l’ha violentata e soffocata. La donna si è presentata alla polizia per raccontare l’accaduto: “Ho tentato di fermarlo”
Naya Rivera, mistero fitto sulla scomparsa
Naya Rivera, mistero fitto sulla scomparsa
Ancora nessuna traccia del corpo della star di “Glee”, scomparsa nel lago Piru, in California. Secondo alcuni potrebbe essere un caso di suicidio
Coppia di fidanzati fatti a pezzi in un trolley
Coppia di fidanzati fatti a pezzi in un trolley
La valigia, ritrovata su una scogliera da un gruppo di ragazzini, conteneva i resti smembrati di Jessica Lewis e Austin Wenner, di cui non si sapeva nulla da giorni