Astori, mistero sulle cause della morte

| L'autopsia non chiarisce le cause della morte, ci vorranno altri esami. Giovedì funerali in Santa Croce a Firenze, camera ardente nel centro tecnico di Coverciano. Società conferma il contratto, in aiuto alla sua famiglia

+ Miei preferiti

L a Fiorentina ha prolungato il contratto per due anni al "suo" capitano Dario Astori . Un bel gesto da parte della società che ha voluto in questo modo concreto aiutare la campagna e la figlia di 2 anni. intanto, come il Cagliari, ritirato la maglia numero 13. Eseguita nella giornata odierna l'autopsia sul corpo del capitano della Fiorentina Davide Astori, scomparso tragicamente lo scorso 4 marzo mentre si trovava con la sua squadra (che alla ripresa degli allenamenti gli ha reso un doveroso e silenzioso omaggio allo stadio Franchi) ad Udine in vista del match di campionato contro la squadra di Oddo. L'esame autoptico ha confermato che si è trattato di una morte improvvisa ed inaspettata dovuta ad un arresto cardiaco senza particolari e macroscopiche motivazioni. I battiti del cuore dell'ex Cagliari si sono via via rallentati fino a fermarsi purtroppo definitivamente.Un ulteriore esame istologico verrà effettuato entro i prossimi 60 giorni. Adesso però la salma potrà essere restituita alla famiglia. La camera ardente verrà allestita mercoledì mattina presso il centro tecnico di Coverciano. I funerali di Astori sono in programma giovedì mattina presso la Basilica Santa Croce di Firenze. All'interno della chiesa non sarà consentito l'utilizzo di macchine fotografiche o smartphone per riprendere la funzione. Il tutto nel rispetto delle volontà della famiglia. Sarà invece possibile effettuare riprese al di fuori dell'edificio.

MORTE BIANCA DEGLI SPORTIVI

La morte durante lo sport è un fatto che colpisce molto l’opinione pubblica, ma è una chiara dimostrazione di come sia povero l’intuito statistico nella popolazione. Se si considerano, per esempio, il numero di partecipanti alle maratone italiane e il tempo di percorrenza, non è difficile mostrare che il numero di morti durante le maratone è inferiore rispetto a quello di un’analoga popolazione casuale monitorata per un tempo equivalente: in altri termini, ritenere immediatamente la corsa la causa della morte è forzato, come forzato sarebbe il giudicare “cause” le attività che il soggetto stava compiendo (lavoro, guardare la televisione, sistemare il giardino, fare l’amore ecc.).

 

Alcuni numeri

1 La morte improvvisa da sport (MIS) ha un’incidenza da 9 a 23 casi per milione a seconda dello sport praticato e della tipologia dell’atleta.

2 Gli sportivi più colpiti sono quelli di basso livello agonistico (80%).

3 Un dato curioso riguarda il fatto che la MIS è più frequente nelle competizioni ufficiali (79%) che negli allenamenti (21%), anche se, realisticamente, i secondi occupano molto più tempo delle prime.

4 Uno studio pubblicato su Jama (2006) mostra una mortalità di 8 casi/milione per non atleti contro 36 in atleti non controllati e 4 in atleti controllati.

5 Per effetto dei controlli viene escluso dalle competizioni il 2% degli atleti.

6 L’Italia è all’avanguardia nella prevenzione, prevenzione che negli altri Paesi è spesso minimale.

Partendo dall’ultimo punto, molti medici sportivi sostengono che “gli altri Paesi sono rimasti indietro”. Personalmente ritengo che sia l’Italia a non aver capito nulla e questo articolo ha proprio lo scopo di dimostrare come il business della prevenzione a ogni costo sia assurdo dal lato pratico.

Le cause della morte da sport

La morte improvvisa è in genere dovuta a un blocco della funzionalità cardiaca dovuto a una causa meccanica o, più frequentemente, elettrica. Perché ciò avvenga, occorrono due fattori (ripeto: DUE): un evento scatenante e un cuore malato. L’evento scatenante può essere legato alla corsa (mancanza di ossigeno, acidosi lattica, aumento della temperatura corporea ecc.) mentre il problema cardiaco può essere

• rilevabile con una visita opportuna

• non rilevabile.

Le patologie rilevabili – Molte patologie cardiache sono rilevabili con semplici esami come elettrocardiogramma o ecografia cardiaca.

Quest’ultima è spesso consigliata dopo una visita sportiva, allarmando l’atleta più del dovuto: si tratta comunque di un esame di routine che viene richiesto a una percentuale molto alta di soggetti che si sottopongono alla visita sportiva. Le patologie come la cardiomiopatia ipertrofica, la displasia aritmogena del ventricolo destro*, la sindrome di Marfan, la miocardite, le anomalie congenite delle arterie coronarie, la stenosi aortica in valvola bicuspide, il QT lungo idiopatico**, il Wolff-Parkinson-White sono per fortuna patologie poco comuni e sicuramente non la causa principale di morti da sport.

 

Le patologie non rilevabili – Attualmente con la visita d’idoneità non è possibile conoscere lo stato dei vasi del soggetto, in altri termini, non si è in grado di avere nemmeno una probabilità della causa più comune di morte. Sopratutto nell’amatore over 40, la causa principale di gran lunga più probabile della morte da sport è infatti l’aterosclerosi coronarica, cioè in parole povere l’infarto.

Ciò spiega come l’atleta allenato sia in genere protetto più del sedentario che affronta una prova sportiva: in realtà, molti casi di morte da sport sono relativi ad atleti occasionali (la classica partitella a calcio fra amici o la partita di tennis alle due del pomeriggio), gli “sportivi della domenica”, tanto per intenderci. Sono soggetti predisposti perché il loro cuore è già intaccato dall’aterosclerosi coronarica.

Anche atleti di un certo livello possono presentare il problema: un atleta, la cui autopsia rivelò la completa occlusione di un vaso coronarico, tre settimane prima aveva corso la maratona in 3h06′ (fonte Macchi e Franklin). La stessa fonte cita che il 77% degli atleti deceduti presentava aterosclerosi coronarica e il 32% ipertensione arteriosa.

Il concetto di coincidenza temporale deve essere chiaro: la corsa non causa l’infarto. Perché, se una persona è colpita da infarto mentre lavora o guarda la televisione, non si associa l’infarto al programma televisivo (ipotesi sensata, visti certi programmi…) o al lavoro mentre quando ciò avviene durante una maratona si pensa subito allo sforzo come causa?

Per fortuna, accade spesso che un soggetto con aterosclerosi coronarica che pratica sport abbia dei segnali premonitori prima del vero e proprio infarto (affaticamenti eccessivi, malori ecc.) che permettono un intervento prima che la situazione si aggravi.

Paradossalmente, se questo soggetto fosse stato sedentario e non avesse fatto sport, i segnali premonitori non ci sarebbero probabilmente stati e si sarebbe arrivati direttamente all’evento fatale.

La visita d’idoneità

Una delle conseguenze della morte improvvisa di sportivi professionisti è la richiesta di controlli sempre più accurati. Questa posizione rischia di essere un boomerang pazzesco.

Da un punto di vista medico, l’Italia è rimasta (con Israele) il Paese dove si controlla di più; sì, negli altri Paesi si controlla di meno. Questo non per insensibilità verso la vita degli atleti (soprattutto amatori), ma per una scelta razionale.

Spieghiamoci con qualche numero.

Oggi con una visita che comporta fra l’altro un elettrocardiogramma dopo sforzo (che dovrebbe essere fatto bene!) si scoprono molte patologie, soprattutto in giovani atleti e ragazzi. Nei casi dubbi si ricorre a esami più accurati (ecografia cardiaca, esame del sangue, Holter ecc.). Risultato: si salvano 32 vite per milione (secondo lo studio di Jama, ma tale dato appare ottimistico, visto che in Italia si ha notizia di un numero superiore a 4 morti l’anno fra sportivi controllati e sicuramente non si supera il milione unità di chi ha fatto una visita agonistica). Il costo medio di una visita (compreso quello di eventuali approfondimenti che sono abbastanza frequenti) è di circa 100 euro.

Le domande che si sono fatti negli altri Stati sono:

• quanti, per il costo della visita, rinuncerebbero alla stessa, praticando sport non agonistico (il classico esempio di chi muore per una partita di calcetto fra amici)? La risposta è: decine di migliaia di persone che non farebbero nemmeno la visita di primo livello; il numero dei decessi in questo insieme sarebbe per lo meno equivalente a quello dei decessi evitati con i maxicontrolli.

• In base al punto 5, il numero dei falsi positivi è enorme: su un milione, a fronte di 20.000 persone fermate per sempre, se ne salvano 32 all’anno. Per eccesso di zelo, sono cioè fermati anche molti soggetti completamente sani (la medicina non è onnisciente e oggi restano dei confini imprecisati fra soggetti sani e soggetti patologici) che, ritornati fra i sedentari, con un peggior stile di vita, si esporranno a rischi salutistici maggiori e speranza di vita diminuita. Fra dieci anni, quanti dei 20.000 fermati moriranno per un peggior stile di vita dovuto a una vita forzatamente sedentaria?

• Premesso che non è da trascurare il fattore commerciale per cui molti centri medici propongono esami del tutto inutili con la poco scientifica giustificazione del “mah, non si sa mai, è meglio stare tranquilli”, un costo di 100 milioni di euro per 32 vite è troppo elevato: quante vite si possono salvare destinando tale somma ad altri interventi nella sanità?

Una visita più moderna – Dalle considerazioni precedenti risulta evidente che la visita medica deve diventare più efficiente. Può farlo solo evitando ipocrisie (se, per esempio, si vietasse lo sport a chi fuma, molte stelle del calcio sarebbero out; ma almeno vietiamolo ai fumatori over 40, visto che il fumo è il primo fattore di rischio per l’infarto) e diventando più professionale. Occorre integrarla con altri esami (come quello del sangue e delle principali droghe, fumo incluso) e con una valutazione dello stile di vita del soggetto, escludendo per esempio tutti coloro che sono in sovrappeso sportivo, visto che attualmente tale parametro non è considerato per gli sportivi amatori. Certo, i costi lieviteranno, ma basterebbe renderla quinquennale (come si fa con la patente o il porto d’armi), visto che molte gravi patologie cardiache scoperte sono congenite e che lo stato del soggetto difficilmente cambia radicalmente in 12 mesi.

Per fare proposte del genere ci vuole coraggio e si va contro molti interessi, ma è l’ipocrisia il male peggiore…

Correre piano perché il cuore scoppia?

Una delle sciocchezze più grandi che si sentono normalmente dire nel mondo del fitness è che è consigliabile (soprattutto se si ha una certa età) correre piano per evitare problemi cardiaci. Alla luce di quanto detto sopra, dovrebbe essere evidente che questo consiglio è inutile e fisiologicamente assurdo; l’unico scopo che ottiene è di limitare grandemente le possibilità sportive (e quindi salutistiche) del soggetto.

Purtroppo il diffondersi dell’uso del cardiofrequenzimetro ha fatto sì che vi fosse un facile alibi per medici e trainer (che non si preoccupano di verificare attentamente la salute dell’atleta) e per soggetti ipocondriaci (sempre preoccupati per la propria salute) o svogliati (non è necessario fare fatica!). A questi personaggi sfugge completamente il fatto che un cuore sano (se non lo è, è meglio non correre) ha meccanismi di controllo tali che impediscono il suo danneggiamento, a qualunque intensità si corra.

Sembrerà strano, ma non esiste una massima frequenza cardiaca consentita. Nella corsa si raggiunge (per esempio alla fine di una gara tiratissima sugli 800 m) una frequenza cardiaca praticamente uguale a quella massima. Contrariamente alla credenza comune, nessuno può suicidarsi correndo all’impazzata e facendo aumentare la frequenza cardiaca oltre certi valori. Se la persona è sana, il cuore ha meccanismi di controllo (basati sui livelli di lattato, il cuore non sa funzionare anaerobicamente) che impediscono che si faccia male (ved. Capitolo 8 de Il manuale completo della corsa).

Conclusioni

Questo articolo è rivolto a medici sportivi, atleti in attività, sedentari. Lo scopo è diverso per ogni categoria.

Ai medici sportivi vuole evidenziare come la morte da sport sia un fatto tutto sommato molto improbabile. Troppi medici sportivi adottano nella loro attività un atteggiamento iperconservativo che alla fine penalizza l’atleta. Tipicamente vengono disincentivati alla pratica sportiva atleti perfettamente sani sulla base di sospetti, accertamenti da eseguire ecc. La risposta classica (e non scientifica) è: “non hai niente, ma è meglio se non fai sport”. Questa scarsa professionalità porta l’atleta, soprattutto se amatore e avanti con l’età, a passare dalla parte opposta della barricata, diventando un sedentario convinto, e probabilmente a morire prematuramente d’infarto dieci anni più tardi, dopo essere ingrassato di quindici chili. Il medico sportivo deve cioè assumersi la responsabilità di dichiarare non idoneo un atleta solo se è malato:

non esistono soggetti sani e non idonei!

All’atleta in attività questo articolo vuole insegnare da un lato come difendersi da tutti coloro che attaccano lo sport come fonte di potenziali danni fisici e dall’altro come integrare la pratica sportiva con altre scelte di vita: non ha senso fare sport se non si segue un’alimentazione corretta o non si cerca di limitare lo stress del proprio lavoro. L’atleta deve anche sapere che lo sport può fare male (si veda anche l’articolo La corsa fa male?), se praticato male.

L’esempio più eclatante è quello di Jim Fixx, l’inventore del jogging, che soleva vantarsi della sua alimentazione contro ogni regola e infatti è morto d’infarto correndo. Morale: la corsa senza un buon stile di vita non può preservare dall’infarto, né chi corre può presuntuosamente asserire di avere un cuore sano solo perché ha superato la visita sportiva, ma magari non conosce nemmeno i suoi valori di colesterolo, di trigliceridi e si vanta della sua ciccia o del fatto che “fuma e beve e si sente benissimo”. Chi muore durante la maratona è spesso nelle condizioni di Fixx: fa sport, magari tanto, ma ha un cattivo stile di vita e si becca l’infarto.

Al sedentario che ha paura di fare sport perché basta una corsettina di cento metri a fargli sentire il cuore in gola, l’articolo insegnerà che chi muore di sport è già un individuo malato. I sedentari che si ritengono sani possono tranquillamente fare sport.

* Displasia aritmogena del ventricolo destro – È una malattia cardiaca responsabile di morte improvvisa in giovani sottoposti a stress fisici. Nel 2000 un’equipe di ricercatori padovani guidati da N. Tiso ha scoperto l’origine genetica della malattia: il responsabile è il gene (Ardv2) di un recettore delle cellule cardiache che controlla la concentrazione del calcio durante il lavoro cardiaco. Il test (il cui costo si aggira sul milione e mezzo) potrà essere applicato con successo ai membri di famiglie in cui si sia già verificata (o sia stata semplicemente sospettata) la patologia.

** Sindrome del QT lungo – È una rara aritmia cardiaca che può essere fatale in soggetti giovani. La causa della sindrome del QT lungo sembra essere di natura genetica. P. J. Schwartz ha scoperto (2000) che il 35% delle morti in culla (una sindrome che colpisce un neonato su 1.000 ed è la prima causa di mortalità nei Paesi occidentali) è correlabile con la sindrome del QT lungo.

 
Cronaca
Il giallo dei cani di Lady Gaga
Il giallo dei cani di Lady Gaga
Impegnata a Roma sul set di “Gucci”, in cui interpreta Patrizia Reggiani, l’artista è stata raggiunta dalla notizia del sequestro di due dei suoi tre amatissimi french bulldog. Il dog-sitter di fiducia ferito con 4 colpi di pistola
Influencer uccide la madre e le strappa il cuore
Influencer uccide la madre e le strappa il cuore
Anna Leikovic, 21 anni, ha assassinato la donna con un coltello da cucina strappandole diversi organi. La donna aveva scoperto che in sua assenza la figlia era diventata tossicodipendente
Il mistero dei Pirenei: travel blogger scompare nel nulla
Il mistero dei Pirenei: travel blogger scompare nel nulla
Esther Dingley manca all’appello ormai da più di 10 giorni: la polizia valuta l’ipotesi dell’incontro con un malintenzionato, ma anche la foto dell’impronta di un grosso orso inviata dalla donna poco prima di scomparire
Il mistero dell’influencer trovata morta
Il mistero dell’influencer trovata morta
Alexis Leigh Sharkley, 26 anni, era scomparsa venerdì a Houston senza lasciare traccia: il corpo nudo è stato visto da un operaio. È mistero fitto sulla morte: il corpo non presenta ferite
Dal reparto psichiatrico alla carriera da modella
Dal reparto psichiatrico alla carriera da modella
L’incredibile storia di Lucy May Dawson, una giovane inglese che viene ricoverata e curata per un forte esaurimento nervoso. Sembrava che per lei non ci fosse altro da fare, fin quando è arrivata la diagnosi corretta
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Eloisa Pinto Fontes, 26 anni, era scomparsa senza lasciare traccia un anno fa a New York. È stata ritrovata in una favela di Rio mentre vagava in stato confusionale
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
Sarebbe morta nel sonno a soli 24 anni: dopo una carriera fulminea nel mondo dell’hard aveva scelto di tornare dalla famiglia in Texas e contava di sposarsi a breve
Notte di sangue a Birmingham
Notte di sangue a Birmingham
Una non meglio precisata “serie di accoltellamenti” che avrebbero coinvolto diverse persone, avvenuti nella zona della movida e del quartiere LGBT. La polizia non si sbilancia sulla matrice dell’episodio
Rock and Virus
Rock and Virus
Il concerto degli “Smash Mount” durante il motoraduno di Sturgis, si sta trasformando in un focolaio che fa il pieno di contagi e vittime. L’ira dei social verso la band, accusata di fomentare la folla urlando che il Covid non esiste
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
I cadaveri di Henriett Szcus e Mihrican Mustafa ritrovati casualmente dalla polizia un anno fa nell’appartamento di Zahid Younis, 36 anni, condannato all’ergastolo