Processo Caccia, l'ombra dell'ergastolo

| Prima parte in Assise a Milano le richieste contro l'unico imputato Rocco Schirripa. Per l'accusa faceva parte del commando

+ Miei preferiti
Una requisitoria-fiume quella del pm Marcello Tatangelo nell'udienza iin Assise a Milano. Per dimostrare che l'unico imputato, Rocco Schirripa, 64 anni, era nel commando che, la sera del 26 giugno 1983, uccise con una pioggia di proiettili esplosi da "almeno due pistole". "Non sappiamo con quale ruolo,  se ha sparato, guidato l'auto o fatto il palo". Ma Schirripa, un "soldato"di Domenico Belfiore, il boss dei calabresi condannato all'ergastolo pianificatore dell'attentato, costretto a rivolgersi a lui poiché gli altri più qualificati del gruppo di fuoco non erano a disposizione poiché in carcere o non disponibili a sostenere un ruolo nel delitto.

Prima ancoraTatangelo ha affrontato, lungamente con una minuziosa ricostruzione di quel lontano periodo storico, tra racket e terrorismo, la complessa questione delle piste alternativa a quella che portava a Belfiore. Con qualche efficace colpo di teatro. Come quando ha spiegato ai giudici popolari che il boss, alleato con il clan dei Catanesi, spiegava al suo pari grado, Francesco Milano, che Caccia "andava ucciso". Perché? "C'è l'ha con noi, i nostri amici magistrati non possono fare nulla  perché lui non è avvicinabile in alcun modo". La procura punta a stroncare gli affari del racket. E gioca "sporco". Proprio nei confronti della punta di diamante della cosca, quel Placido Barresi. cognato di Belfiore, tenuto in carcere "ingiustamente". Insomma, un circuito perverso, con un esito fatale. I catanesi, dice il pm, si tirarono indietro ma Belfiore no. E il procuratore, lungamente seguito, fu ucciso.

Tatangelo spazza via i dubbi e le ombre, sollevate a più riprese dalla parte civile, sui colleghi che indagarono allora sul delitto. "La procura di Torino - ha detto il pm alzando la voce e scandendo le parole una ad una - mov ha mai piegato la schiena, nonostante la morte del capo dell'ufficio….si continuò a indagare senza paura, nessuno si arrese nemmeno di fronte a un'Italia devastata dal terrorismo, ogni tre giorni un uomo delle istituzioni veniva ucciso, un magistrato, un giornalista, un poliziotto o un carabinieri…e da uomini anche più giovani di Domenico Belfiore". Già. Allora il boss aveva solo 29 anni. Pochi per uccidere un procuratore scomodo? "Abbastanza - precisa il pm - per portare a termine la soluzione finale. I moventi sono molteplici, posso essere di più di quelli noti ma a decidere sono i calabresi di Belfiore".

Tatangelo si è rivolto ai giudici: "Voi sarete i giudici del quarto grado, dovrete valutare di nuovo gli elementi di prova che hanno portato alla condanna di Belfiore come mandante….quella sentenza di ergastolo è corretta…Fu il solo mandante dell'omicidio,con un movente che resta ancora solido e forte: Caccia era incorruttibile e aveva messo il naso negli affari del racket, per questo lo hanno ucciso".

 

Il pm, nell'ultima parte della prima parte della sua requisitoria, ha affrontato il tema dei pentiti: "Non basta essere credibili, ma nel nostro ordinamento sono necessari i riscontri processuali". Nel mirino il pentito Vincenzo Pavia. Per l'accusa le sue dichiarazioni hanno un valore di "grande importanza probatoria". Pavia infatti racconta dei sopralluoghi preliminari al delitto, a cui partecipò direttamente. E cancella i dubbi sollevati dall'avvocato Fabio Repici , che rappresenta la parte civile, a proposito di eventuali "vuoti" nelle indagini. Prossima udienza il 24 e il 25. Infine udienze il 6, 7 e 9 giugno. Sentenza il 14 giugno.


Cronaca
Luca ed Edith sono liberi
Luca ed Edith sono liberi
I due giovani, scomparsi nel dicembre 2018 in Burkina Faso, sarebbero riusciti a evadere dal luogo dove una banda li teneva prigionieri. A breve il rientro in Italia
Chelsea Manning tenta il suicidio
Chelsea Manning tenta il suicidio
L’ex gola profonda di WikiLeaks, tornata dietro le sbarre lo scorso anno, rifiuta categoricamente di comparire davanti alla corte federale
Aperto il processo per la strage del volo MH17
Aperto il processo per la strage del volo MH17
In Olanda, in un’aula allestita nella zona dell’aeroporto Schiphol di Amsterdam, le prime battute del processo contro 4 persone sospettate di aver ucciso le 298 persone a bordo
La fuga dalla quarantena di Ekaterina
La fuga dalla quarantena di Ekaterina
Le autorità della Crimea hanno emesso un mandato di cattura per una ragazza che prima degli esisti del terzo e ultimo tampone è fuggita dall’ospedale in cui era in quarantena
Arrestati i ladri della villa di Tamara Ecclestone
Arrestati i ladri della villa di Tamara Ecclestone
Sarebbero madre e figlio di origine rumena: negano ogni accusa, ma lei è stata arrestata con addosso orecchini preziosissimi, e nell’abitazione del figlio sono stati trovati diversi accessori griffati dell’ereditiera
Strangolata a 6 anni dal vicino di casa
Strangolata a 6 anni dal vicino di casa
La piccola Faye Swetlik era scomparsa dal giardino di casa, in South Carolina: è stata ritrovata senza vita tre giorni dopo. A poche ore di distanza, un vicino su cui la polizia iniziava a sospettare si è ucciso
GB, sette uomini condannati per stupro
GB, sette uomini condannati per stupro
Dopo quattro settimane di processo, la giuria ha dichiarato colpevoli di stupro e violenze sette uomini che avevano preso di mira alcune ragazzine, costringendole ad avere rapporti con l’uso di droga e minacce
Muore il padre di Meredith Kercher
Muore il padre di Meredith Kercher
Il papà della studentessa uccisa a Perugia coinvolto forse in un tentativo di scippo o l’investimento di un pirata della strada. Ricoverato in ospedale, è morto pochi giorni dopo
Tre morti e due bambini scomparsi: il giallo che inquieta l’America
Tre morti e due bambini scomparsi: il giallo che inquieta l’America
Lori Vallow, moglie e sorella di due uomini uccisi in circostanze strane, è fuggita con il nuovo marito, la cui ex moglie è morta poco dopo. Ma dei due figli della donna non c’è più traccia da settembre
Hackerate le email di Ghislaine Maxwell
Hackerate le email di Ghislaine Maxwell
Il timore è che numerose email scambiate fra la reclutatrice di minorenni per conto di Jeffrey Epstein e personaggi in vista siano resi noti dai media, scatenando un vero cataclisma di proporzioni mondiali