Profughi, l'emergenza c'è ma la rete tiene

| Bilancio positivo dopo migliaia di arrivi nel centro Fenoglio della Cri di Settimo Torinese

+ Miei preferiti
Emergenza ma senza affanno. Da mesi, ormai, il centro Fenoglio della Croce Rossa, senza avere un riconoscimento ufficiale a livello di sigle, almeno, è un hub perfettamente funzionante. Ospita nelle tendopoli da 500 a 600 profughi e presto ci saranno altre strutture in grado di accogliere almeno altre duecento persone. L'Emercency Manager della Cri Ignazio Schintu rileva solo che non ci sono eccessive criticità. C'è un continuo ricambio degli ospiti che, una volta arrivati a Torino, vengono dirottati nel volgere di poche ore nei comuni piemontesi che hanno accolto la richiesta del governo e della Regione di creare centri d'accoglienza. Sino all'estate 2016 c'era il problema dell'overbooking, ora no. Come mai? "Semplice. Il governo ha stanziato fondi importanti e li distribuisce ai Comuni in base al numero di abitanti ed alto parametri. Sono soldi veri, fuori bilancio. E le polemiche sono diminuite del 90 per cento". Ma, in realtà, i timori per una nuova ondata di arrivi c'è, eccome.
I numeri degli analisti sono impietosi, in Italia raddoppia il numero dei richiedenti asili sbarcati sulle nostre costte, mentre il Mediterraneo diventa una tomba a cielo aperto, come mai nella sua storia, con miglia di morti annegati, compresi donne e bambini, Che succederà? "Il rapporto tra il numero dei Comuni e quello dei profughi, anche dovesse raddoppiare, è ancora basso - spiegano in Regione  - si potrebbe arrivare  a superare la soglia attuale senza problemi, anche se i costi dell'assistenza tenderanno ad aumentare in modo sensibile". Alla fine insostenibile? "Il traguardo di un crack finale è lontano. Ci vuole più Europa, più coesiano tra i Paesi Ue. Vedremo". 


In queste ore sono previsti altri centinaia di arrivi di profughi all'hub di Settimo Torinese. La macchina organizzativa è perfetta, c'è un clima di serenità e di collaborazione tra richiedenti asilo e personale. Un piccolo miracolo, che splende nel buio delle polemiche e delle strumentalizzazioni politiche di un'emergenza destinata comunque a durare ancora anni.

Cronaca
Uccisa perché troppo bella
Uccisa perché troppo bella
La tragica fine di una 17enne russa, punita dalle sue migliori amiche perché più appariscente e desiderata: un delitto che ha sconvolto anche la polizia per la ferocia
Marocco, a morte gli assassini delle due ragazze
Marocco, a morte gli assassini delle due ragazze
Si è concluso dopo poco più di due mesi il processo per l’omicidio di Louisa e Maren, violentate a decapitate lo scorso dicembre. Durissima la decisione della corte
Fa la matta in aereo: 94mila euro di multa
Fa la matta in aereo: 94mila euro di multa
Strage di Kyoto, il killer: 'Mi hanno rubato un copione'
Strage di Kyoto, il killer:
L'autore dell'incendio doloso della Kyoto animation, famosa in tutto il mondo per i fumetti e la grafica, è ustionato gravemente e non può essere interrogato. Bilancio 33 morti e 35 feriti o ustionati. Scoperto il movente
Muore il re dei ristoratori indiani
Muore il re dei ristoratori indiani
Un attacco di cuore ha stroncato P Rajagopal, celebrità della gastronomia indiana, condannato al carcere a vita come mandante di un omicidio
Amputato si riconosce sul pacchetto di sigarette
Amputato si riconosce sul pacchetto di sigarette
La foto dell'intervento chirurgico usata da una nota marca per scoraggiare il vizio del fumo. L'uomo, un albanese, sconvolto: "Nessuno mi ha mai chiesto il permesso, sono vittima di un'aggressione, il fumo non c'entra"
Stefano è stato ucciso, caccia al killer
Stefano è stato ucciso, caccia al killer
Svolta nelle indagini sulla morte di Stefano Marinoni, 22 anni, di Baranzate, trovato morto sotto a un traliccio il 4 luglio. Mistero sul movente. Era andato a un appuntamento senza soldi e documenti. Temeva un'estorsione?
Registra le molestie sessuali del capo, condannata per la privacy
Registra le molestie sessuali del capo, condannata per la privacy
Accade in Indonesia, la donna, molestata per anni, ora deve pagare una sanzione di 35 mila dollari. Lo stalker è stato promosso, nessuna conseguenza per lui
Revenge Porn, arriva la galera
Revenge Porn, arriva la galera
Rischia grosso chi posta o diffonde video o immagini di contenuto sessuale esplicito senza il consenso. E intanto il Senato vara "Codice Rosso", più tutela per le donne
Lasciò un messaggio in una bottiglia lanciata in mare, ritrovata 50 anni dopo da un pescatore
Lasciò un messaggio in una bottiglia lanciata in mare, ritrovata 50 anni dopo da un pescatore