Quel che resta del G7, un'amara delusione

| Scarso interesse per il vertice ospitato a Venaria: a rubare la scena ai rappresentanti dei 7 paesi più industrializzati altri eventi di richiamo maggiore. In compenso, è andato in scena il campionario completo dell'italianità

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

Qualcuno l'ha definito un G7 di serie B, declassificato e finito agli onori delle prime pagine solo dopo i petardi, che per fortuna sono arrivati, o erano guai seri per l'audience. Nel silenzio che cala sulla Reggia di Venaria, proprio in queste ore si tirano le somme, consapevoli che se i "grandi" erano qui, i "grandissimi", guidati dalla triade Gentiloni-Merkel-Macron, rubavano la scena a tutti dal vertice di Tallin, mentre a Barcellona si accendeva la protesta per il referendum sull'indipendenza. Roba tosta, a cui neanche Calenda, Fedeli e Poletti hanno potuto fare di più, per attirare le telecamere.

È un po' amaro, il retrogusto della tappa del G7 torinese, blindato da uno spiegamento di forze da stato d'assedio, come quando lì dentro ci dormivano i Savoia e la gente sognava di percuoterli amabilmente. Ma in fondo, ai vertici si parla e si discute ma non si decide mai niente, non si può. Più che altro si tracciano le linee guida dei prossimi incontri, in un calendario infinito intorno al mondo che ad ogni tappa lascia spesso una scia di devastazione. Perché dappertutto, in ogni angolo del pianeta, quelli che fingono di protestare nel nome di lavoratori e di cittadini sopraffatti da tasse e balzelli, non hanno nessuna remora a distruggere ogni cosa, costringendo gli stessi lavoratori e cittadini sopraffatti a ripulire tutto, spendendo molto di più di tasse e balzelli, se vogliono continuare a lavorare. E dice delusa una ristoratrice a pochi metri dalla Reggia: "Un danno notevole. Da una settimana il clienti si contano sulla dita di una mano, neanche le spese recuperiamo... e così i commercianti vicini a noi. Meno male che è finito...".

Però nell'aria la sensazione c'era: tutto, al G7 di Venaria, è partito un po' storto fin dall'inizio. Doveva essere al Lingotto, poi fra richieste, piani di sicurezza ed esigenze si è optato per la Reggia di Venaria, splendida dimora reale sconosciuta al di fuori della provincia di Torino. In mezzo parole, polemiche, accuse, musi lunghi e un vice sindaco autore della solita, pessima uscita che è un po' diventata la cifra dei pentastellati, quelle irresistibili frasi non richieste che alzano polvere intorno a chi le pronuncia e come effetto hanno solo un finale genuflesso: "chiedo scusa, ho esagerato".

Discutevano a Venaria, i ministri, ma dormivano a Torino, città che hanno visto dai finestrini, malgrado la sindaca Appendino li avesse invitati a farsi un giro, per non perdere le bellezze di questa città, perennemente indecisa fra essere metropoli o paesotto.

Fra l'altro, a Venaria, nei sei giorni del G7, si è parlato di Industria, Scienza e Lavoro: tre argomenti che rappresentano il nervo scoperto dell'Italia, paese dove i ricercatori scappano all'estero e all'università lo studio e lo preparazione sono solo un effetto collaterale, molto più utile è conoscere qualche barone che abbia in tasca le chiavi delle porte da aprire necessarie. Per far quasi finta di niente sulla questione lavoro, proprio noi, dove non c'è governo che eviti di esibirsi mostrando cifre da applauso, quando basterebbe abbassare i finestrini dell'auto blu per chiedersi come mai, sempre più negozi hanno le saracinesche abbassate, e intere generazioni covano rabbia, perché sono giovani, ma non così tanto da non capire che rischiano di saltare l'esperienza del lavoro, costretti a cercare una raccomandazione per consegnare pizze o rispondere da un call center.

È la vecchia, cara Italia, quella che non cambia mai, quella che sembra sempre uno studente rimandato a settembre di tutte le materie che alla fine, non si sa come, ma ce la fa ogni volta. Forse perché mamma e papà sono amici del professore, vai a capire.

Cronaca
Colpita al volto da un cavallo: grave una ragazzina
Colpita al volto da un cavallo: grave una ragazzina
È successo a Orbassano, nel torinese: l’incidente dopo che la giovane è stata disarcionata. Portata al CTO dall’elisoccorso, sarebbe in gravi condizioni
"Amanda, per favore chiudi il becco"
"Amanda, per favore chiudi il becco"
Il più famoso giornalista tv della Bbc, Piers Morgan, attacca Amanda Knox dopo il suo viaggio in Italia. "Se potessi intervistarla le chiederei, perché hai mentito?" Lei: "Fa così perché ho rifiutato il suo invito in tv"
Milf disperata: 'Ridatemi il mio toy-boy'
Milf disperata:
Una 45enne inglese conosce algerino 30enne in chat, lo sposa nel 2017 ma a lui viene rifiutato il visto d'ingresso in UK. "Non voglio trasferirmi in Algeria, sono sola e depressa". Un giudice non crede alla loro relazione
Cieco gli sfiora l'auto, scende e lo picchia
Cieco gli sfiora l
Incredibile episodio di violenza stradale a Parigi. L'autista di una Audi aggredisce il cieco e il pedone che lo aiutava perché il suo bastone gli ha sfiorato la fiancata dell'auto
Difendeva i profughi, ucciso da neo-nazista
Difendeva i profughi, ucciso da neo-nazista
Una traccia di DNA incastra un noto esponente dell'estrema destra: Walter Lubcke, 65 anni, dei cristiano-democratici, viveva da anni minacciato dai neo-nazisti. Aveva gestito i centri di accoglienza per i migranti
"Nella mia fabbrica scopo quanto mi pare"
"Nella mia fabbrica scopo quanto mi pare"
Si ribella noto artigiano inglese a cui gli ispettori vogliono proibire di usare le scope per togliere la polvere definita "pericolose per la salute". "Mi dispiace, lo faccio da 40 anni e continuo". Tra i suoi clienti May, Ronaldo e Adele
La pedofila non si pente: 'Tutti commettono errori'
La pedofila non si pente:
L'ex assistente sociale Vanessa George, in carcere da 9 anni per avere abusato e fotografato 64 minori, vuole la libertà sulla parola. Si lamenta: "Se mi scarcerano nessuno mi aiuterà"
Arrestati i truffatori di George Clooney
Arrestati i truffatori di George Clooney
La coppia di italiani bloccata dalla polizia thailandese, che insieme alle forze dell’ordine italiane era da tempo sulle tracce dei due. Anni fa avevano creato una linea di abbigliamento a nome dell’attore americano
Londra, ancora sangue sulle strade
Londra, ancora sangue sulle strade
In meno di 24 ore, due giovani sono stati uccisi in altrettanti agguati e diversi altri sono ricoverati in gravi condizioni. La città sempre più nelle mani di spietate gang giovanili
Una serra di marijuana in una sala bingo
Una serra di marijuana in una sala bingo
A Kettering, in Inghilterra, la polizia ha fatto irruzione in un edificio che fino allo scorso gennaio ospitava una sala giochi. Ogni spazio era stato destinato ad ospitare migliaia di piantine di marijuana