Recinti per gli spettatori così cambia il mondo dei rally

| Le nuove regole per il "Città di Torino" dopo la morte del bimbo investito. Campagna di sensibilizzazione. Parla Piercarlo Capolongo, navigatore esperto e commissario della Commissione Sicurezza "Aci-Sport"

+ Miei preferiti

"I rally sono gare sicure, basta solo attenersi alle regole". Secco e asciutto, com'è nel suo carattere, a parlare è Piercarlo Capolongo, per gli appassionati il mitico "Kapo", classe 1967: uno dei navigatori più preparati in circolazione, con un'esperienza sul campo fatta da centinaia di gare all'attivo che gli hanno aperto anche le porte della Commissione Sicurezza "Aci-Sport".

"Purtroppo i rally finiscono nella centrifuga delle cronache solo quando ci scappa il morto, com'è successo di recente al ‘Torino', dove a rimetterci è stato un bimbo di soli sei anni, ma le gare che si disputano ogni week end in tutt'Italia sono tantissime, e iniziano e finiscono senza alcuna conseguenza tragica".

Resta però nell'aria il dubbio che qualcosa non vada più come deve, che sia necessario riscrivere le regole per scongiurare altre tragedie.

"La buona riuscita di un rally dipende solo e soltanto dalle persone, non dai mezzi: ma se è vero che l'organizzatore ha l'obbligo di vigilare, lo stesso deve fare il ‘buon padre di famiglia', come si dice, per evitare di cacciarsi in situazioni pericolose".

Il riferimento è proprio all'incidente del Città di Torino?

"No, il riferimento è in realtà un appello diffuso alle coscienze: sostare in una zona indicata come pericolosa equivale ad attraversare a piedi un poligono di tiro. Prima o poi un proiettile lo prendi".

Esiste una soluzione?

"Abbiamo deciso di varare una campagna di sensibilizzazione, perché non è possibile andare avanti così, o prima o poi finisce che vietano queste gare per legge".

Basterà a sensibilizzare il pubblico?

"Me lo auguro. Anche perché gli strumenti che abbiamo non sono molti: le zone indicate come pericolose sono in realtà terreni privati, e i commissari di percorso - coloro che possono chiedere al pubblico di allontanarsi - di fatto non hanno nessun potere: se qualcuno risponde no, oppure li tratta in malo modo, non possono fare molto di più. A questo, si aggiunga che è impensabile presidiare tutto il percorso: neanche le Ferrovie lo fanno sulle loro tratte, e anche lì a volte l'incidente ci scappa ma non si parla di colpe".

Sembra quello che i francesi chiamano "cul-de-sac", una strada senza uscita.

"In realtà c'è un altro punto: in accordo con i prefetti è stato deciso di recente che quando un capo-prova si accorge di gente ferma in zone vietate, ha l'obbligo di avvisare immediatamente la direzione gara, che a sua volta sospenderà la manifestazione. Come a dire: se non ti sposti ci fermiamo, e sei venuto fino a qui per niente".

Come vengono classificate le strade?

"Organizzare un rally è un'operazione complessa che nelle fasi preparatorie richiede addirittura la creazione di una commissione composta da prefettura, organizzatori, motorizzazione e forze dell'ordine che ha il compito di studiare il percorso e richiedere la chiusura delle strade con specifiche ordinanze".

Si stabiliscono, insomma, zone vietate al pubblico e altre dove invece è consentito.

"Vale un po' il contrario: ci sono zone pericolose vietate e segnalate in modo evidente, e altre in cui è tollerata la presenza di pubblico. Ma da regolamento mai a livello strada, sempre in posizione rialzata".

Conosci bene, immagino, lo svincolo dell'incidente del Torino.

"Certo, quella è una speciale considerata ‘classica'. E non so esattamente cosa sia successo: lo stabilirà l'inchiesta. Conosco il pilota, anche se non benissimo, e il navigatore, con cui ho chiacchierato poco prima della partenza del Torino: un coscienzioso padre di famiglia".

Cronaca
Ceren Ozdemir, la 390esima donna uccisa in Turchia
Ceren Ozdemir, la 390esima donna uccisa in Turchia
Il triste primato dalla fine di una giovane ballerina appena 20enne uccisa sulla porta di casa. Cresce in modo preoccupante il numero dei casi, denunciano le associazioni in difesa delle donne
Suicida dopo la condanna a 30 anni per femminicidio
Suicida dopo la condanna a 30 anni per femminicidio
Francesco Mazzega ha scelto di farla finita dopo la conferma della condanna a 30 anni per l’omicidio della sua fidanzata Nadia Orlando, che aveva ucciso due anni fa
Bomba a Parigi, scatta l’allarme
Bomba a Parigi, scatta l’allarme
Era una granata inerte custodita da un militare fuori servizio: un falso allarme che ha fatto scattare la massima allerta nella capitale francese
Italiana uccisa a Capo Verde
Italiana uccisa a Capo Verde
Il corpo di Marilena Corrò trovato senza vita nel serbatoio dell’acqua del suo B&B di Boavista. Fermato un altro italiano che gestiva la struttura, sospettato dell’omicidio
Spagna: sequestrato minisommergibile dei narcos
Spagna: sequestrato minisommergibile dei narcos
Fermato al largo delle coste della Galizia, trasportava tre tonnellate di cocaina. Un metodo di consegna e spostamento sempre più utilizzato dai cartelli della droga
Italia: allarme Fentanyl
Italia: allarme Fentanyl
Il potentissimo oppioide, insieme a migliaia di altre varianti sintetiche, inizia a fare le prime vittime anche nel nostro Paese. I pericoli delle nuove droghe, che negli Stati Uniti hanno causato una vera strage
Il Regno Unito commosso per la storia di Chloe e Adam
Il Regno Unito commosso per la storia di Chloe e Adam
Erano fidanzati da meno di un anno: lei si è uccisa impiccandosi senza lasciare un biglietto che spiegasse il gesto. Sei giorni dopo lui l’ha seguita gettandosi sotto un treno
Arrestato il mandante dell’omicidio
di Daphne Caruana Galizia
Arrestato il mandante dell’omicidio<br>di Daphne Caruana Galizia
Si tratta di Yorgen Fenech, spregiudicato proprietario di casinò e a capo di una cordata che si è aggiudicata un appalto miliardario, ma soprattutto collettore di tangenti che spartiva con alcuni ministri maltesi
Francia: il più grande caso di pedofilia
Francia: il più grande caso di pedofilia
Joël Le Scouarnec, chirurgo pediatrico, avrebbe abusato di oltre 250 bambini in quasi vent’anni di attività, malgrado una denuncia per possesso di materiale pedopornografico
Arrestato il fondatore del Cirque du Soleil
Arrestato il fondatore del Cirque du Soleil
Guy Laliberté sarebbe trattenuto dalla polizia a Tahiti: nel suo atollo privato è stata rinvenuta una grande piantagione di cannabis. La vita esagerata di un eccentrico ex artista di strada diventato miliardario