Roberta Ragusa, omicidio premeditato

| E' la tesi di un giornalista che segue da anni l'inchiesta sulla scomparsa di Roberta, il 13 gennaio 2012. Pochi giorni prima il marito era caduto da una scala travolgendo la moglie, e rischiando di ucciderla. Sentenza il 14 maggio

+ Miei preferiti

Due settimane ancora, poi la sentenza del processo d’appello nei confronti di Antonio Logli, condannato in primo grado col rito abbreviato per l’omicidio volontario e l’occultamento del cadavere della moglie Roberta Ragusa, condannato in primo grado a 20 anni di carcere. Con un fatto in apparenza nuovo. Lo rivela il gruppo Facebook “Giornalismo investigativo”, attraverso il giornalista Fabrizio Peronaci, che s'è a lungo occupato della donna scomparsa a Pisa il 13 gennaio del 2013. “Filtra un’anticipazione di un certo rilievo – scrive Peronaci sul social network - sulla sentenza di secondo grado del caso Ragusa”, che punterebbe alla premeditazione. Il 10 gennaio del 2012, tre giorni prima della scomparsa di Roberta, Antonio Logli, mentre stava sistemando alcuni oggetti nella soffitta, perse l’equilibrio e cadde dalla scala retrattile andando a finire addosso alla moglie che cadde per terra facendosi male. La donna rischiò di essere uccisa quel giorno, come raccontò poi a un’amica anche se poi si corresse.“Ora, sarebbe proprio quel ruzzolone dalla scala retrattile ad assumere una valenza decisiva ai fini del verdetto del 14 maggio”. In sostanza il sospetto è che Antonio Logli, precipitando addosso alla moglie, stava tentando di ucciderla. 

Un’ipotesi ancora tutta da provare. Una circostanza che proverebbe in qualche modo la premeditazione del delitto avvenuto dopo una lite tra marito e moglie, secondo la ricostruzione dell’accusa. La sentenza d’appello è attesa per il 14 maggio, seguiremo l’evolversi della vicenda per capire quale sarà la nuova storia giudiziaria scritta dai giudici sul caso Ragusa. Di certo c'è che Antonio Logli ancora non si è fatto nemmeno un giorno di carcere è stato assunto al comune di San Giuliano Terme  in qualità di vigile urbano, dopo una lunga contesa giudiziaria.

Cronaca
L'orribile morte di Stefania, bruciata viva
L
Gli ultimi risultati delle perizie non lasciano dubbi. Stefania Crotti era solo stordita dalle martellate inferte da Chiara Alessandri quando l'assassina le diede fuoco dopo averla irrorata di benzina. Ergastolo alla porte
Hooligans arrestati a Torino
Hooligans arrestati a Torino
In occasione della partita fra Juventus e Ajax, una sessantina di persone sono state denunciate dalla Polizia, e 54 tifosi olandesi allontanati dall’Italia
Pitbull attacca due bambini
Pitbull attacca due bambini
A Limbiate, nel milanese, un pitbull di un anno e mezzo si è avventato contro due cuginetti che giocavano in cortile. A salvarli alcuni condomini che hanno assistito alla scena
Sparatoria nel foggiano
muore un carabiniere
Sparatoria nel foggiano<br>muore un carabiniere
Un uomo avrebbe aperto il fuoco contro la pattuglia durante un normale controllo nella piazza principale di Cagnano Varano. Il vice comandante della stazione è morto in ospedale, la reazione dei vertici dello Stato
Sfruttamento della prostituzione, arrestata Kyra Kole
Sfruttamento della prostituzione, arrestata Kyra Kole
La soubrette, nota per aver partecipato al programma “Ciao Darwin”, sarebbe stata la capofila di un finto centro massaggi in Brianza
Azouz Marzouk: Rosa e Olindo sono innocenti
Azouz Marzouk: Rosa e Olindo sono innocenti
Il padre e marito di due delle vittime della strage di Erba firma un sollecito per la riapertura del processo e assicura di conoscere il nome del vero assassino della sua famiglia
Tenta il suicidio in un centro commerciale
Tenta il suicidio in un centro commerciale
È accaduto alle Gru di Grugliasco, alle porte di Torino: gli agenti di un istituto di vigilanza sono riusciti a bloccarla prima che si lanciasse nel vuoto
Giovane inglese muore in un gioco erotico
Giovane inglese muore in un gioco erotico
È quanto dichiara il fidanzato di Anna Florence Reed, una 22enne trovata morta in una vasca da bagno di un hotel sul Lago Maggiore. La polizia però non esclude alcuna ipotesi
Le buste che inquietano Torino
Le buste che inquietano Torino
Dopo quella esplosiva alla sindaca Appendino, un esponente della Lega ne riceva una uguale, ma nelle stesse ore arriva una minaccia alla Lavazza, la Vergnano e la Ferrero: pagate o avveleniamo i vostri prodotti
"Ho gettato la testa di Christina nel fiume"
"Ho gettato la testa di Christina nel fiume"
Nel '93, Jason Massey aveva ucciso e smembrato i corpi di due adolescenti. Nel 2001, già nella camera della morte, aveva rivelato ai familiari dove aveva nascosto i resti