Sesso nelle toilette? Pronti al finimondo

| Una città gallese usa un software con sensori di peso sui pavimenti delle cabine, sensibili ai movimenti violenti. Se accade, getti d'acqua, sirene e porte spalancate di botto. Molti perplessi: "E le persone soprappeso o accompagnate?"

+ Miei preferiti

Una città marina del Galles ha escogitato un sistema sofisticato per dissuadere le persone a fare sesso nelle toilette pubbliche e hi-tech. I bagni anti-sesso di Porthcawl spruzzano acqua agli occupanti e danno l’allarme. Sensori sensibili ai movimenti più violenti apriranno automaticamente le porte e suoneranno allarmi ad alta intensità, con getti d’acqua all’interno dei piccoli locali. I pavimenti sensibili al peso dovrebbero far sì che solo un utente possa utilizzare la toilette, scongiurando "attività sessuale inappropriata e atti di vandalismo".

Dopo la sirena, il software spegne luci e riscaldamento. Tutti i servizi igienici sono dotati di una lava-pavimenti ad alta pressione. Ogni notte i servizi igienici chiudevano per 10 minuti, mentre l'unità effettuava un processo di pulizia profonda.

I visitatori di Porthcawl dovranno pagare per utilizzare i servizi igienici, ma non è ancora stato deciso quanto costerà. Tuttavia, gli utenti di Twitter si sono chiesti come i sistemi, in particolare i pavimenti sensibili al peso, avrebbero poi funzionato nella pratica: "Quale peso base stanno usando? E se entrano due adolescenti? E che dire delle persone che hanno bisogno di assistenza come i bambini, i disabili o gli anziani?”. Un altro ha aggiunto: "Ci sono ovvie e serie domande sui sensori di peso, con il rischio per una crudele umiliazione degli utenti della struttura in sovrappeso".

 
Cronaca
Strangolata a 6 anni dal vicino di casa
Strangolata a 6 anni dal vicino di casa
La piccola Faye Swetlik era scomparsa dal giardino di casa, in South Carolina: è stata ritrovata senza vita tre giorni dopo. A poche ore di distanza, un vicino su cui la polizia iniziava a sospettare si è ucciso
GB, sette uomini condannati per stupro
GB, sette uomini condannati per stupro
Dopo quattro settimane di processo, la giuria ha dichiarato colpevoli di stupro e violenze sette uomini che avevano preso di mira alcune ragazzine, costringendole ad avere rapporti con l’uso di droga e minacce
Muore il padre di Meredith Kercher
Muore il padre di Meredith Kercher
Il papà della studentessa uccisa a Perugia coinvolto forse in un tentativo di scippo o l’investimento di un pirata della strada. Ricoverato in ospedale, è morto pochi giorni dopo
Tre morti e due bambini scomparsi: il giallo che inquieta l’America
Tre morti e due bambini scomparsi: il giallo che inquieta l’America
Lori Vallow, moglie e sorella di due uomini uccisi in circostanze strane, è fuggita con il nuovo marito, la cui ex moglie è morta poco dopo. Ma dei due figli della donna non c’è più traccia da settembre
Hackerate le email di Ghislaine Maxwell
Hackerate le email di Ghislaine Maxwell
Il timore è che numerose email scambiate fra la reclutatrice di minorenni per conto di Jeffrey Epstein e personaggi in vista siano resi noti dai media, scatenando un vero cataclisma di proporzioni mondiali
L’incredibile caso dei pedofili di Rotherham
L’incredibile caso dei pedofili di Rotherham
Per decenni, gang di pakistani hanno sequestrato e violentato minorenni, ma la polizia non è mai intervenuta per evitare tensioni razziali. È l’allucinante conclusione di un’inchiesta conclusa in questi giorni
UK: picchiata perché lesbica
UK: picchiata perché lesbica
Dopo la quinta aggressione, una ventenne inglese ha deciso di divulgare le foto delle sue ferite: “Ormai ho paura di uscire di casa, ma voglio che la gente sappia”
Dublino: ucciso e decapitato nella guerra fra gang
Dublino: ucciso e decapitato nella guerra fra gang
I resti di Keane Mulready-Woods, 17 anni, sono stati trovati a km di distanza all’interno di una borsa e di un’auto data alle fiamme. La polizia sulle tracce del probabile assassino, un 35enne considerato un potenziale serial killer
Sicilia, il mistero dei sub restituiti dal mare
Sicilia, il mistero dei sub restituiti dal mare
Un terzo corpo è riemerso ieri a Termini Imerese: sul mistero indagano cinque procure, e al momento non si esclude alcuna pista. L’incidente durante una battuta di pesca o durante la consegna di una partita di droga
L’ex parroco confessa: “Molestavo 4 o 5 bimbi ogni settimana”
L’ex parroco confessa: “Molestavo 4 o 5 bimbi ogni settimana”
Bernard Preynat, ex parroco della chiesa di Sainte-Foy-Les Lyon, ammette le sue responsabilità alle prime battute del processo: “Non mi rendevo conto di fare del male, provavo piacere”